Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58clamidoselacioormonelladglsimon751trap62ub11estinetteerobertoiw1ginkayakmaniamsalvo2016arw3n63paiabaotticasergiopipolochannelfy
 

Ultimi commenti

Haug!
Inviato da: sagredo58
il 21/09/2017 alle 21:10
 
Ciao One!
Inviato da: channelfy
il 21/09/2017 alle 18:38
 
Onestamente ne dubito, almeno non ci spero nei prossimi 50...
Inviato da: sagredo58
il 21/09/2017 alle 15:19
 
Bella questa serie di Post sul tempo; So che in molti ci...
Inviato da: Web_London
il 21/09/2017 alle 14:51
 
...erano prrrrrr :@ :@ :@
Inviato da: magnumgm
il 21/09/2017 alle 01:28
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi del 07/07/2017

 

Mediatore culturale museale – Formazione

Post n°7934 pubblicato il 07 Luglio 2017 da sagredo58
 

 

Nella teoria l'Educatore museale si avvicina al Mediatore culturale museale, ma nella pratica?

 

Come preparare un Mediatore culturale museale prima del suo ingresso nel mondo del lavoro?

L'autoformazione di certo non basta.

 

I percorsi formativi sono diversificati, si suddividono in corsi di laurea triennali e biennali, master di I e di II livello (annuali), corsi di perfezionamento.

I differenti piani formativi sono strutturati in maniera più o meno omogenea sia nelle università statali che nelle accademie di belle arti, istituti di formazione quest'ultimi che garantiscono in numero maggiore corsi di studio per mediatori culturali e didattica per il museo rispetto alle università.

I corsi accademici e universitari (master), prevedono lo studio di diverse discipline:

  • Storia dell'Arte,
  • Pedagogia e didattica dell'arte,
  • Pedagogia del patrimonio culturale,
  • Didattica per il museo,
  • Antropologia culturale,
  • Museologia e Storia del collezionismo,
  • Museografia,
  • Estetica,
  • Fenomenologia delle Arti Contemporanee,
  • Metodologie didattiche dei linguaggi audiovisivi,
  • Docimologia.

 

Gli obiettivi formativi dei percorsi di studio sono volti ad assicurare, nella figura professionale del Mediatore culturale museale, la padronanza e le capacità relative:

  • all'organizzazione di attività nel settore della didattica dei beni culturali, in conformità a quanto previsto dalle norme sull'autonomia organizzativa e didattica;
  • all'uso del museo come strumento educativo nelle proposte di formazione professionale promossa dalle regioni o dalle aziende;
  • nella progettazione di interventi didattici in ambito museale con proposte calibrate sulle differenti tipologie di pubblico distinti sulla base a variabili sociali, culturali, anagrafiche, giovani in età scolare e pubblici con specifiche disabilità;
  • nell'ideazione, progettazione e conduzione di percorsi educativi e laboratori artistici all'interno dei dipartimenti educativi dei musei o in altre istituzioni che promuovono arte e educazione;
  • nella conoscenza dei pubblici dei musei, dei loro bisogni, tempistiche di fruizione, età e disabilità;
  • nella realizzazione di materiali didattici da usare in ambito museale;
  • all'uso del museo da parte della cittadinanza a vari livelli territoriali;
  • nella gestione di spazi e strumenti per la divulgazione del patrimonio culturale;
  • in specifiche competenze artistiche e professionali al fine di fornire conoscenze e metodologie didattiche e di comunicazione;
  • tecnico-operativa di metodi e contenuti relativamente ai settori della didattica dell'arte, della comunicazione e della museologia e museografia.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mediatore culturale museale – Educatore Museale

Post n°7933 pubblicato il 07 Luglio 2017 da sagredo58
 

 

Nel paragrafo 4.4.2 Educatore Museale, della Carta delle Professioni Museali si legge quanto segue.

 

Responsabilità, ambiti e compiti

L'educatore museale realizza gli interventi educativi programmati dal museo adeguandoli alle caratteristiche e alle esigenze dei diversi destinatari.

In particolare

  • conduce attività e percorsi e predispone laboratori in relazione alle collezioni permanenti e alle esposizioni temporanee,
  • partecipa a gruppi di ricerca per la realizzazione di attività educative,
  • collabora alla progettazione delle iniziative educative e di progetti innovativi,
  • collabora alla realizzazione di testi e materiali specifici per l'ambito di competenza,
  • concorre allo sviluppo dei servizi educativi, segnalando esigenze e problematiche, e proponendo nuove iniziative,
  • predispone gli spazi e la strumentazione assegnata, nell'ambito di sua competenza, di cui è responsabile,
  • collabora alla definizione di modalità e alla predisposizione di strumenti per la documentazione, l'accertamento del gradimento, la verifica e la valutazione delle attività educative realizzate.

 

Requisiti per l'accesso all'incarico

  • Laurea triennale secondo l'ordinamento attuale o diploma di laurea secondo il vecchio ordinamento in discipline attinenti il museo,
  • corsi di formazione e/o master relativi alla pedagogia del patrimonio culturale,
  • conoscenza almeno della lingua inglese.

 

Modalità di incarico

L'incarico deve essere formalizzato con atto che specifichi funzioni e responsabilità.

Si raccomanda che l'incarico preveda una continuità tale da permettere il completamento dei progetti inseriti nella programmazione del museo.

È figura che può essere condivisa da più musei in gestione associata.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mediatore culturale museale – Carta delle Professioni Museali

Post n°7932 pubblicato il 07 Luglio 2017 da sagredo58
 

 

La Carta delle Professioni Museali cita la figura professionale dell'educatore museale che:

Realizza gli interventi educativi programmati dal museo adeguandoli alle caratteristiche e alle esigenze dei diversi destinatari.

 

Per questa figura professionale la Carta delle Professioni Museali indica:

  • Responsabilità, ambiti e compiti, da svolgere nei dipartimenti educativi dei musei, siti archeologici e spazi espositivi.
  • Requisiti per l'accesso all'incarico, per cui di norma, le competenze richieste alle diverse figure professionali corrispondono al possesso di titoli di studio certificati (diplomi, lauree, master, ecc.); anche tenendo conto delle deroghe previste, infatti esistono musei che, per tipo e/o missione, richiedono competenze acquisibili solo attraverso esperienze di vita e di lavoro; in questi casi, le amministrazioni responsabili possono prevedere deroghe motivate per quanto riguarda la richiesta di titoli di studio specifici.
  • Modalità di incarico.

 

 

Da questi punti, di seguito sviluppati, si comprende l'importanza dell'educatore museale, responsabile delle attività educative e dell'apprendimento informale all'interno delle istituzioni museali, presenza volta a garantire la nascita di relazioni e legami sociali con i differenti pubblici dei beni culturali.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso