Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58clamidoselacioormonelladglsimon751trap62ub11estinetteerobertoiw1ginkayakmaniamsalvo2016arw3n63paiabaotticasergiopipolochannelfy
 

Ultimi commenti

Haug!
Inviato da: sagredo58
il 21/09/2017 alle 21:10
 
Ciao One!
Inviato da: channelfy
il 21/09/2017 alle 18:38
 
Onestamente ne dubito, almeno non ci spero nei prossimi 50...
Inviato da: sagredo58
il 21/09/2017 alle 15:19
 
Bella questa serie di Post sul tempo; So che in molti ci...
Inviato da: Web_London
il 21/09/2017 alle 14:51
 
...erano prrrrrr :@ :@ :@
Inviato da: magnumgm
il 21/09/2017 alle 01:28
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi del 15/07/2017

 

IDV - Incredibile Dispositivo Voyeuristico

Post n°7952 pubblicato il 15 Luglio 2017 da sagredo58
 

 

Descrivere l'incredibile dispositivo voyeuristico,

messo a punto da questo nuovo prototipo di artista,

nell'arco di vent'anni non è facile ma necessario.

 

Immaginate un antico portone di legno massiccio di origine spagnola.

Esaminandolo più da vicino, è possibile scorgervi due buchi, come fossero spioncini.

Inevitabile essere attratti a spiare cosa c'è nascosto.

 

Al di là, si vede un corpo di donna, nudo, lunare, statuario, senza testa,

disteso su uno strato di ramoscelli secchi e foglie cadute,

con le braccia aperte, i seni immobili, le gambe divaricate in modo voluttuoso.

 

Allusione esplicita al quadro perturbatore delle coscienze per eccellenza,

L'origine du monde, di Gustave Courbet, dipinto nel 1866.

Il volto della donna non è visibile, la sua mano sinistra solleva una piccola lampada a gas, accesa.

 

Dietro la donna si sviluppa un paesaggio lussureggiante, forestale, montano,

che sale verso l'orizzonte, che ricorda vagamente gli sfondi leonardeschi,

in lontananza s'intravede una cascata d'acqua zampillante.

 

Adesso è forse più facile capire di quale opera d'arte parli, di chi ne sia l'autore,

un intellettuale sempre pronto a proporsi in maniera inaspettata,

anche solo per il piacere di essere diverso dal normale.

 

Sappiate resistere, godetevi la suspense, l'informativa somministrata al rallenty,

evitate l'uso di google, non si vince nulla,

chi vuole comunque provare a indovinare me lo comunichi con un messaggio privato.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso