Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Ultime visite al Blog

fran6319gesuberusconifiore.tiddySono44gattinfilax6.2tiziano.medinaapaolucci2005Lutero_Paganosagredo58noblesse.oblige0arw3n63Web_Londonbizio33fabiossoButturfly66panfel
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi del 02/08/2017

 

La Fleur - Gioco di Ruolo

Post n°7991 pubblicato il 02 Agosto 2017 da sagredo58
 

 

A rimarcare l'accostamento tra Teatro Immersivo e Gioco di Ruolo, l'origine di quest'ultimo termine utilizzato per la prima volta dallo psicologo Jacob Levi Moreno, nel 1934:

  • senza alcuna relazione con l'attività ludica;

  • dopo aver egli sperimentato dal 1921 il "Teatro della Spontaneità", da cui, nel 1930, nasce la "Tecnica dello Psicodramma", ancora oggi utilizzata in psicoterapia.

Nella "Tecnica dello Psicodramma":

  • il paziente, con l'aiuto di alcuni assistenti, recita un avvenimento del suo passato per lui conflittuale nei confronti di un identificato antagonista;

  • dopodiché i ruoli si invertono, il paziente recita la parte del proprio antagonista, per capire cosa possa aver provato nel conflitto instauratosi.

 

Il Gioco di Ruolo nell'accezione ludica è termine molto più recente, che risale agli anni '70:

  • discende dai Wargame, giochi da tavolo che simulano azioni di guerra su plastici tramite l'utilizzo di miniature (soldatini), o su mappe cartacee utilizzando icone più astratte;

  • si realizza quando i Wargame vengono trasferiti all'aperto, giocati nei campi, promossi di battaglia, da giocatori promossi soldati sul campo.

 

Sono Giochi di Ruolo, quelli in cui:

  • i giocatori interpretano un personaggio (Recitano? Per chi? Per gli altri giocatori? Che cosi sono attori a loro volta ed anche spettatori?);

  • interagiscono con gli altri personaggi/giocatori (attori/spettatori?) in un luogo immaginario dove avvengono fatti fittizi;

  •  così da creare un'ambientazione narrativa, costruire una storia.

 

Nel tempo si sono diversificati i modi d'interazione, cosa che che crea le diverse tipologie di giochi di ruolo oggi esistenti:

  • sola interazione dialettica, se seduti attorno ad un tavolo (giochi da tavolo);

  • completa interazione dal vivo, magari in costume, in spazi coreografici prescelti (giochi dal vivo);

  • interazione in spazi virtuali, pilotando propri avatar (videogiochi su PC in rete).

 

Il Gioco di Ruolo abbatte la "quarta parete".

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La Fleur - Teatro Immersivo

Post n°7990 pubblicato il 02 Agosto 2017 da sagredo58
 

 

Non apprezzo la definizione "Site Specific Theatre", letteralmente "teatro specifico del sito", perché:

  • pur nel denunciare esattamente la specificità di questa forma emergente di teatro, non realizzato nei teatri;
  • gli sfugge la vera essenziale caratteristica che differenzia le nuove performance teatrali dagli spettacoli classici, confinati nei teatri.

 

Anche rispetto alle altre definizioni di forme teatrali analoghe (Promenade, Teatro Sensoriale, Teatro Partecipativo, Teatro One on One ), trovo più precisa, calzante, stimolante, la definizione di "Immersive Theatre", "Teatro Immersivo", che offre una più efficace sintesi descrittiva della vera essenziale novità di questa forma teatrale:

  • andare oltre l'abbattimento della "quarta parete",
  • addirittura farla scavalcare allo spettatore,
  • così da immergerlo completamente nella storia narrata dagli attori.

 

Questo spettatore "annegato":

  • può sentirsi protagonista della storia raccontata dagli attori,
  • può interferire (parzialmente) nella storia
  • a seconda del proprio modo d'essere, delle proprie intuizioni, del proprio istinto.

 

Nel Teatro Immersivo lo spazio è unico e attori e spettatori si muovono insieme, legati dall'inevitabile interazione che c'è tra corpi che coabitano un ambiente, consapevole o inconsapevole che sia.

Cosa che rende il pubblico attivo, gli offre la libertà di seguire le proprie intuizioni nella costruzione della storia che gli è raccontata, senza far ricorso a palcoscenico e platea.

Se il teatro ha ancora il ruolo di risvegliare gli animi, far riflettere sui problemi della società, permettere di conoscersi meglio allora che sia "immersivo", oggi più efficace di quello tradizionale in un mondo che isola, paralizza, demotiva e allontana da se e dagli altri.

 

Questa tecnica teatrale originale ed interessante del Teatro Immersivo:

  • è nata all'inizio del terzo millennio, tra USA ed UK, uno dei pionieri del genere è stato nel 2000 in UK, Felix Barrett con il gruppo Punchdrunk;
  • sta riscuotendo un grande successo in tutto il mondo, molti gli spettacoli a Londra, New York, Parigi, nel 2017 uno perfino, incredibilmente, a Roma.

 

Teatro Immersivo che realizza l' "annegamento" dello spettatore:

  • indubbiamente, riutilizzando ispirazioni provenienti dalla tradizione teatrale moderna, come anche letteraria e cinematografica;
  • al tempo stesso recuperando anche la più contemporanea esperienza ludica,
  • in particolare quella dei giochi di ruolo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso