Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58floramacaiodentatoarw3n63glorioso.weblascrivanaamm.valemrovian2009stefi7.dfernandorenzullilaprimaverafiorita78emiliano.poccettiroscar2010massimo.sbandernoalanflato
 

Ultimi commenti

Ahahah può essere, ricordo mio padre ne aveva uno di...
Inviato da: arw3n63
il 23/08/2017 alle 18:26
 
Lo so che non l'hai inventato tu ma mi fa strano...
Inviato da: arw3n63
il 23/08/2017 alle 18:22
 
anche io
Inviato da: sagredo58
il 23/08/2017 alle 18:07
 
D'inverno mi piace indossarlo, ma d'estate...
Inviato da: caiodentato
il 23/08/2017 alle 17:57
 
Qui si parla di uso del pigiama da parte degli adulti, il...
Inviato da: sagredo58
il 23/08/2017 alle 17:42
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi del 12/08/2017

 

La Fleur – Sagredo, Non mi sono disteso sul letto del Boudoir

Post n°8016 pubblicato il 12 Agosto 2017 da sagredo58
 

 

All'improvviso, mentre esco dalla discoteca, una mano invisibile mette nella mia un bigliettino di carta, mi guardo intorno, non vedo traccia dei due ispettori di polizia. Sarà stato uno di loro a farmi arrivare quel biglietto?

Rientro in discoteca, mi siedo ad un tavolino del bar e lentamente dispiego quel biglietto, mi dice d'andare nel boudoir, il luogo più proibito del Club, devo cercare indizi, vedere se c'è una valigetta, fotografarla.

 

Mi avvio lentamente, come fossi reticente. Perché?

  • Temo d'essere coinvolto in qualcosa che non so nemmeno immaginare?
  • Vagheggio un'improbabile aspettativa d'eros veicolata dal biglietto ricevuto di nascosto, per questo più seducente?

Onestamente non so dire.

 

Arrivo, la stanza è completamente vuota, sia l'antisala, che l'alcova con il grande letto.

Ne rimango deluso. Starà per arrivare una delle puttane del Club? Guardo in giro, faccio foto, della valigetta nessuna traccia. Non arriva nessuno.

La voglia di farmi trovare steso sul letto, come in attesa, s'accende prepotente. Come reagirebbero gli attori nel trovare il letto occupato? Eppure mi castro da solo, mi siedo sul bordo del letto pensando di distendermi ma non lo faccio.

Allora improvvisamente mi alzo ed esco dal boudoir. Faccio un giro, ci rientro, è ancora vuoto.

Che devo fare per dare seguito a quelle istruzioni scritte a mano sul biglietto?

 

Riesco, poi ancora rientro indeciso, ora c'è folla, spettatori come me si sono seduti sulle poltrone nell'antisala, gli attori recitano una scena che include Augustine, la tenutaria del bordello, non so nemmeno dove mettermi per non intralciare l'azione, o per non oscurare la vista agli altri spettatori tutt'intorno.

Frustrato riesco, sento d'aver perso la mia occasione ...

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La Fleur – Sagredo, Trasgressore nel Pensato e Bravo Spettatore nell’Agito!

Post n°8015 pubblicato il 12 Agosto 2017 da sagredo58
 

 

Di sicuro con me l'istigazione alla trasgressione, che lego all'ambiguità delle regole ed all'iniziale esperienza immersiva del blackjack, ha funzionato:

  • è stata potente a livello di pensato,
  • poi però mi sono castrato per quanto riguarda l'agito.

 

L'errore è stato uscire dalla storia, emergere per una boccata d'aria, ricordarmi spettatore, prima di immergermi nuovamente:

  • mi sono riconosciuto altro rispetto alla narrazione immersiva, altro rispetto a chi la racconta, di conseguenza ho sentito la responsabilità di non infastidire gli altri da me spettatore, gli attori;
  • ho pensato: io, spettatore, mi sto divertendo; loro, attori, stanno lavorando; non devo rovinare la loro opera.

Sono inevitabilmente rientrato nei panni del "bravo spettatore".

 

Quindi Sagredo è stato trasgressore nel pensato e "bravo spettatore" nell'agito!

 

In cosa si è castrato Sagredo rispettando le regole?

  • Innanzitutto non ho fregato il re bianco dalla scacchiera nella stanza di Vito, il capofamiglia, nemmeno ho cercato di misurarmi a scacchi con lui. Sono stato una III Nazionale, categoria scacchistica antecedente a quella di candidato maestro, cosa che mi avrebbe dato più di qualche possibilità di vincere a scacchi. Visto come era andata con il blackjack, ho immaginato l'impossibilità di un'umiliazione addirittura del capo Clan, che avevo visto precedentemente fregare un ignaro (scacchisticamente parlando) spettatore, con il mitico quanto banale scacco del barbiere.
  • Non mi sono disteso sul letto del boudoir, come presagendo un'aspettativa d'eros.
  • Non ho depistato le indagini.

Queste due ultime castrazioni vado a raccontarle dettagliatamente, una a una.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso