Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Ultime visite al Blog

lorenzobortonedadodedesolemelospetername73kao0sagredo58estinetteevmondooliviadgl16t.brigantiniggalliussi66ImmLaureanaTropeaotorerofrantal0
 

Ultimi commenti

Questa Ŕ una ipotesi che qualche teoria fisica avanza,...
Inviato da: sagredo58
il 22/09/2017 alle 19:42
 
La prima volta che ho sentito parlare di "affettare lo...
Inviato da: WIDE.RED
il 22/09/2017 alle 19:24
 
Haug!
Inviato da: sagredo58
il 21/09/2017 alle 21:10
 
Ciao One!
Inviato da: channelfy
il 21/09/2017 alle 18:38
 
Onestamente ne dubito, almeno non ci spero nei prossimi 50...
Inviato da: sagredo58
il 21/09/2017 alle 15:19
 
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi del 13/09/2017

 

Interazioni - Superpartner

Post n°8097 pubblicato il 13 Settembre 2017 da sagredo58
 

 

Quando parlo della dinamica di coppia penso a quella negativa:

  • in cui uno dei due partner ripete fissamente un copione che hai in testa solo lui,
  • di cui l'altro non è che una piccola comparsa.

 

Significa che manca proprio l'educazione al due:

  • quella che inizia con il riconoscimento di sé, delle proprie risorse, aspettative, gusti, fragilità e forze;
  • senza giudizio di merito.

 

Cioè non cercando di somigliare al personaggio strafigo di Superpartner che ci si è creati (la bellezza non è necessariamente un aspetto prioritario), semplicemente vivendo ciò che si è. 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Interazioni - Dinamiche di Coppia

Post n°8096 pubblicato il 13 Settembre 2017 da sagredo58
 

 

Descrivere la propria coppia, parlando sempre di quello che ipoteticamente penserà il partner:

  • forse si comporta così perché ...
  • forse ha ancora paura dell'effetto che ho su di lui ...
  • forse l'ho spaventato ...
  • mi dicesse: ho questi dubbi ... non mi piaci perché ...
  • mi dicesse: non sono interessato per questo motivo... non voglio una storia ...

 

Evidenzia che la propria attenzione:

  • sia sempre fissa a come si comporta il partner,
  • molto poco attenta a cosa si prova o comunica.

 

Significa che:

  • non esiste coppia;
  • non c'è apertura al pensiero del partner che si ha di fronte, a quello che davvero comunica;
  • non si riesce mai a creare quel canale di sereno ascolto, anche delle cose per se stessi sgradevoli, assolutamente necessario a due persone che si confrontino su un argomento così delicato come il modo di vivere assieme.

 

Sereno ascolto significa avere la certezza:

  • che si verrà ascoltati;
  • se non condivisi, almeno rispettati.

 

E' la dinamica di coppia quella che conta.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Interazioni - Amore di Coppia

Post n°8095 pubblicato il 13 Settembre 2017 da sagredo58
 

 

Una citazione, non certo scelta a caso, di un bel libro che ho letto tanti anni fa, parla del rapporto d'amore, di come uomo e donna si relazionano in esso:

 

Mi ama?

Ha mai amato qualcuna più di me?

Mi ama più di quanto lo ami io?

Forse tutte queste domande rivolte all'amore,

che lo misurano, lo indagano, lo esaminano, lo sottopongono a interrogatorio,

riescono anche a distruggerlo sul nascere.

Forse non siamo capaci di amare proprio perché desideriamo essere amati,

vale a dire vogliamo qualcosa dell'altro (l'amore),

 invece di avvicinarci a lui senza pretese e volere solo la sua semplice presenza.

 

Non credo esista un modo giusto di comportarsi in dinamiche di coppia.

E' una chimera ricercarlo a priori:

  • prescindendo dall'altro, che si deve ancora incontrare;
  • soprattutto da se stessi che, superata l'età dell'incertezza, si dovrebbe conoscere.

 

Hai superato l'età dell'incertezza?

Ti conosci?

Rispondi onestamente a te stesso.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso