Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Ultime visite al Blog

fin_che_ci_sonoestinetteeabenayakabarbadavsagredo58centroarredocassettaarw3n63Sono44gattinfilax6.2fran6319my2ndLifeonieginaanastomosidisabbialialalailagaboo3
 

Ultimi commenti

 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi del 01/10/2017

 

Tempo – Sagredo critica l’improprio richiamo a Kant

Post n°8142 pubblicato il 01 Ottobre 2017 da sagredo58
 

 

Mi piace il pensiero di Kant, per quello è stato divertente (e nostalgico) richiamarne la parte inerente il tempo (e lo spazio).

Ho voluto evidenziare in dettaglio le caratteristiche del tempo e dello spazio di Kant, invece che limitarmi ad affermazioni sintetiche come:

  • Kant interpreta l'Universo alla stregua di un meccanismo sottomesso alle leggi dell'io penso,
  • per Kant spazio e tempo sono forme a priori della sensibilità dell'Uomo,

per rendere evidente come le leggi dell'io penso, la sensibilità dell'Uomo,

  • siano strettamente correlate a quel livello macroscopico dell'Uomo, descritto dalla Fisica Classica, da Galileo e Newton, con spazio e tempo assoluti, invariabili, separati, piatto e di 3 dimensioni l'uno, di 1 dimensione l'altro.
  • Logicamente correlate, aggiungo, considerato il periodo storico in cui Kant si colloca (1724-1804).

 

Chissà cosa avrebbe pensato Kant della fisica dell'OGGI?

  • Del tempo non unico, non assoluto, della Relatività Ristretta, che con il senso interno dell'Uomo e l'intuizione pure mi pare abbia poco a che fare.
  • Dello Spaziotempo curvo, non euclideo, della Relatività Generale, distorto in funzione della presenza di massa, dilatato e contratto in funzione e della velocità dell'osservatore.
  • Dello Spaziotempo pluridimensionale con troppe dimensioni, da 11 a 26 dimensioni, della Teoria delle stringhe.

Sicuramente l'avrebbe pensata diversamente!

 

Ecco perché le affermazioni di un pensiero piccolo come quello evidenziato da Benini, che trovo risibili e facilmente criticabili:

  • Il senso del tempo, come il senso dello spazio tridimensionale e della causalità, sono, per usare un concetto di Immanuel Kant, a priori rispetto all'esperienza della realtà, che è fuori di noi.
  • Il mondo si percepisce, il tempo si sente.

non possono essere avvalorate da un pensiero grande come quello di Kant, grande ma inevitabilmente datato dall'essere stato elaborato precedentemente allo sviluppo della fisica moderna, così dirompente ed immaginifica rispetto:

  • ai limitati sensi interno ed estero dell'Uomo;
  • alle rappresentazioni a priori dell'Uomo;
  • alla ristretta intuizione empirica dell'Uomo;
  • alla diretta esperienza dell'Uomo.

OGGI l'Uomo non conosce più solo perché è modificato dagli oggetti che agiscono sulla sua capacità di rappresentazione producendo una sensazione.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Tempo – Che pensa Sagredo di Kant

Post n°8141 pubblicato il 01 Ottobre 2017 da sagredo58
 

 

Ho amato molto il pensiero di Kant quando l'ho studiato per la prima volta al Liceo, parallelamente a quando ho iniziato a muovere i primi passi nella Fisica Classica di Galileo e Newton.

 

Poi ho riletto Kant più volte, mentre m'addentravo nei complessi meandri della Fisica Moderna, studiando duramente per progressivamente impadronirmi di quello che m'avvinceva:

  • Elettromagnetismo (1865-1900),
  • Relatività Ristretta e Generale (1905-1915),
  • Meccanica Quantistica (1913-1970),
  • Elettrodinamica Quantistica (1920-1948)
  • Cromodinamica Quantistica (1950-70),
  • Modello Standard (1967-1970),

 

Ho riletto Kant perché interessato oltre che alla fisica, alla storia della fisica, alla filosofia della scienza, all'epistemologia, discipline che mi hanno permesso di costruirmi un quadro onnicomprensivo della fisica e della riflessione filosofiche che essa ha sempre indotto, in una sorta di ripresa di quella Filosofia della Natura, pragmaticamente rigettata da Galileo per imporre il suo metodo scientifico.

 

Ebbene si ... lo confesso: da grande avrei voluto fare il Filosofo Naturale ma il mondo attuale non lo permette più!

 

Ancora consulto Kant quando, pur avendo smesso di studiare fisica, ancora, come sempre, continuo a leggere (non posso più dire studiare) la divulgazione delle evoluzioni della fisica dell'OGGI (magari senza tempo! Ne nascerebbe un ossimoro):

  • Teoria delle stringhe (1968-OGGI),
  • Gravità Quantistica a loop (1986-OGGI),

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso