Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Ultime visite al Blog

sagredo58estinetteeturucheladislao3rodiamrjimi761gallo.anfrancesco.fassinopa.ro.lebilumenale.bodyandsoulroberto.zappell2008mariadilorenzoivano.pasqualetti
 
 

Contatori e Contati

 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Mobile

Seguimi su Libero Mobile

 

Riconoscimenti

sito internet

 

Motori di ricerca

motori di ricerca

 

Messaggi del 11/10/2017

 

Idolatria – I grado di conoscenza: Percezione sensibile

Post n°8170 pubblicato il 11 Ottobre 2017 da sagredo58
 

 

La percezione sensibile, o immaginazione, è il primo grado di conoscenza, quello che:

  • è legato alle opinioni, al "sentito dire",
  • è frutto all'esperienza vaga e superficiale.

 

Si tratta della conoscenza pre-scientifica che coglie la realtà in maniera parziale:

  • che non connette causalmente le realtà ma le percepisce isolatamente, è quindi una conoscenza offuscata, perché inadeguata e confusa nel rappresentare le cose:
  • che non permette di ricollegare la molteplicità della vita all'unita di Dio/Natura.

 

A questa conoscenza sensibile e parziale corrisponde, dal punto di vista etico, la schiavitù delle passioni, da cui l'Uomo:

  • non avendo ancora compreso le leggi che lo governano,
  • si lascia tiranneggiare.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Idolatria – Teoria della conoscenza

Post n°8169 pubblicato il 11 Ottobre 2017 da sagredo58
 

 

Per Spinoza la filosofia è una teoria della conoscenza finalizzata a condurre l'Uomo alla "somma beatitudine", ovvero all'identificazione della propria volontà con la necessità universale di Dio/Natura, una sorta di percorso dall'Uomo a Dio/Natura.

 

L'Uomo rientra pienamente nella catena di cause della Natura deterministica, ma, nel singolo istante della propria vita, non può vedere questo suo essere soggetto al principio di causalità della Natura, per questa sua cecità rimane schiavo di se stesso e delle proprie passioni.

 

Per questo l'Etica di Spinoza esprime l'arte di vivere dell'Uomo, la via per ottenere la serenità dell'esistenza, mediante quella che viene definita "conoscenza adeguata".

Questa "conoscenza adeguata", implicando l'idea di Dio, supera la sensibilità e l'immaginazione (forme di conoscenza fallaci e parziali), per giungere alle proprietà oggettive dei corpi, superando il modo e le maniere in cui noi li percepiamo.

 

La via per arrivare alla "somma beatitudine" si articola in gradi di conoscenza successivi che culminano con la contemplazione filosofica di Dio/Natura:

  • la percezione sensibile, o immaginazione;
  • la ragione dimostrativa;
  • la scienza intuitiva delle cose e l'amore di Dio.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso