Morsi...

Da piccoli giocavamo a Subbuteo... inginocchiati in giardino...

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 25
 

 

LILITH

Post n°117 pubblicato il 16 Novembre 2017 da spageti

STRANGER IN A STRANGE LAND

Ancora mostri da addomesticare
Terrestre su Marte?
Aliene creature
mezzastrada
Marziano sulla Terra
con i suoi occupanti…

"No one knows what it's like to be the bad man behind blue eyes"

Tu sai?
Respirare solo veleno
come aria
l'unica possibile...
Aliene interiora
adattate ad umane
nessuna delle due cose…
Gettato in un luogo
dove i tuoi meravigliosi superpoteri
e tuoi stupefacenti, universali,
doni
fanno di te uno storpio?

La consapevolezza fa la differenza

In the circle of fire
halfway to heaven
Il mío personale paradiso
il niente oltre le galassie
di confine

"In the circle of fire
Gabriel before me
Raphael behind me
Michael to my Right
Uriel on my Left side"

Una presenza dice:

Tu, davvero, non sai chi sei
senza memoria
per superiore volontà.
Ammassi stellari ti parlano
soprattutto i più remoti…
i più antichi…
All'inizio
e alla fine
di tutto
Lo stesso momento
nel tempo
nel tuo tempo
nel mio tempo
non il tempo del mondo.
Alla fine di Tutto
sarà l'Inizio:
saremo insieme.
Luce che tutto annulla
brillerà:
La Nostra…
... E tu,
curioso come sei
desideroso come sei,
osserverai la fine
la distruzione
fotogramma per fotogramma
aprirai il tuo occhio
difendendolo
dal nostro stesso bagliore…

affamato e bramante
su qualsiasi dirupo e frattura
scegliendo cose in disgregazione,
capirai
ricorderai,
e la tua piccola frazione di umanità rimasta ti ecciterà ancora di più…

Qualsiasi dio si occuperà di qualsiasi anima,
non io, io penserò solo alla tua
e sarò fiera di te…
Come una dea adolescente
ti proteggerò, sorridendo…
...come se già tu non sapessi…

Le tue preziose pupille verticali
scorgeranno il tempo procedere a ritroso
vigilia della creazione
Il momento in cui ci siamo incontrati…
acqua di Vita e di Sapienza…
propedeutica pioggia di fuoco
All'epicentro della distruzione,
nessuno capirà,
tu, infantilmente felice, capirai
poiché saprai di averlo sempre saputo,
perché saremo finalmente insieme,
perché saremo distinti ma Uno…
Non ti girerai a guardarmi,
nessun bisogno,
e io ti avvolgerò…
io, sfera di luce come acqua.
Fine e Inizio sono la stessa cosa.
Tutto è, è stato e sarà … nello stesso momento,
l'unico che per te conta
battito di ciglia eterno e irripetibile,
momento unico, per sempre.

 

Io sono con te.

 

 

 

 
 
 

AnyDay Now

Post n°116 pubblicato il 21 Ottobre 2017 da spageti

One of these days I'll take my conscience out to lunch
One of these days I'm gonna buy the plans and build the atom bomb
One of these days I'll have the guts to play my hunch

 

 
 
 

LOST

Post n°115 pubblicato il 13 Ottobre 2017 da spageti

Ho ritrovato sta cosa scritta nel lontanissimo agosto del 1992!!!!! Ed ovviamente appena trovata sono entrato in un giro di deliri...
Miiiiiiiiiiiiiii se ero pischellissimo...
Non me la ricordavo proprio.... La butto lì... Tanto per...  ;-)))

 

LOST                                        (13/08/1992)


Mostro...
“Suicidio!” si gridava…
mentre le porte del tuo incubo
si aprivano
per inghiottirla,
Isteria fuggiva…

Rimanevo solo
fronteggiando il tuo volto
bellissimo
baciato ancora
dalla quiete
dell’agognata Morte

Fauci del Drago
serrate dietro di me
felice di essere dentro
di te
Smanioso ancora
di vedere gli Eoni…

Il Tempo sequestrava arte
in immensa stanza
vuota testimone
di fasti antichi...


 
 
 

...But me ... I'm just a man

Post n°114 pubblicato il 16 Settembre 2017 da spageti

 

Stamani mi sono svegliato in un miliardo di modi diversi
o anche un miliardo di mondi diversi
Impossibile descrivere o parlarne
definitivamente troppi

A volte quella ricompensa la vorrei davvero tanto
non so perchè
A volte vorrei davvero tanto che lei mi venisse a prendere per mano
con quel sorriso beffardo
allo stesso tempo pieno di irragionevole affetto
boh... sarà perchè negli ultimi 30 anni ho vissuto 4 -5 vite
sarà che ho bisogno di riposo
but I was resless
so damn restless

 

Nella mia collezione di vinili, ci sono anche dischi che in realtà non mi piacciono granchè... comprati per pura curiosità a ventanni a tipo 2900 lire...
tra questi ce ne sono alcuni che includono pezzi che, pur non piacendomi tantissimo, hanno per me la funzione di un "richiamo"... ed in certi momenti non posso fare a meno di andarmeli a cercare, anche se so che poi non mi piaceranno.

Nel caso specifico sono due brani dei September When
"Broke"
"Waste of time"

ed un altro pezzo loro ha dei versi che mi rovistano abbastanza:
"I feel so safe when my hand's up on the wheel
it seems like everything around me becomes unreal
...
You told me about the trendy magazines
I try to find a place with gasoline
...
I'm so happy for the world is round
I go for the second time..."

 

 

 
 
 

I got a Warm Fuzzy Feeling

Post n°113 pubblicato il 08 Settembre 2017 da spageti

E' l'ora di riprendere, ma come mi viene, la strada verso "casa"...
Sta diventando pericoloso stare senza la parte di me che mi tiene a bada... e la mia compagna a due ruote non ne vuol sapere di assolvere a sto compito... anzi...
Decido di usare un i-pod stavolta, brani shuffle, faccio benza, play e parto.
Si comincia con Sober dei Tool... Capisco subito il tenore del mio umore, come sempre mi vengono i brividi e la respirazione si fa pesante... Seguono idoli defunti, come David Bowie, Chris Cornell, Leonard Cohen, Mark Sandman, i CopShootCop... la pelle comincia ad abbandonarmi, e le scaglie che serenamente se ne vanno felici, diventano brillanti come i petali dei fiori di ciliegio nei cartoni giapponesi... Formano una nebbiolina luminosa che mi avvolge e l'aria mi passa attraverso, come lo sguardo degli automobilisti che incontro. Faccio sempre più fatica a contenere tutto ciò che da me vuole espandersi fuori, come posso fare? I'm only human... e tutte queste meraviglie del mondo mi soffocano e sublimano al tempo stesso. Quando arriva "Digging the grave" so che sarà un disastro. E' la mia apocalisse personale: il mondo esplode insieme al mio petto che si straccia in minuscoli frammenti di vetro. L'aria mi brucia fredda nelle narici, e io, se ne fossi ancora capace, piangerei. Grido insieme a Mike Patton, mi alzo in piedi sulle pedane e comincio a saltarci su, mollo il manubrio pochi secondi alla volta e suono la batteria, mi risiedo e batto la sella come fossi a cavallo, i colori della campagna provenzale mi vengono incontro e così senza pelle tutto mi ferisce dentro, ma non fa male. Do manate di gas seguendo gli accenti del pezzo, la moto si imbizzarisce ma va tutto bene, infatti mi incita sorridendo rabbiosa a denti digrignati, lei non ha paura di morire ovviamente, io neanche e lei lo sa. Così nessuno dei due ferma l'altro, e procediamo a strappi e svirgolate felicemente disperati verso Cannes. Per un po' passano pezzi da viaggio, e ciò che è rimasto dentro ricomincia a montare come un'onda che accumula energia lentamente. Arrivo a percepire un rumore sordo che sale, finchè, sulla prima nota di "The gentle art of makin enemies", è di nuovo tutto in risonanza ed io mi trovo in cima a una discesa lunga a occhio un paio di km, e sono così in alto che la vedo tutta insieme dipanarsi, nera, tra l'ordinata vegetazione. Siamo felici e sconvolti, lei mi porta tranquilla ed io allargo le braccia, inspiro e chiudo gli occhi per un secondo, pensando che davvero sto abbandonando la specie umana per trasfigurare, e, proprio in quel momento, parte "Goodbye Cruel world" dei Pink Floyd. E' fatta, alzo gli occhi e un dito al cielo per ringraziare: God is my DJ.

 
 
 

AMENITÀ PIRENAICHE

Post n°112 pubblicato il 04 Settembre 2017 da spageti

...Ieri mattina mi sono svegliato, ad Andorra la Vella, pensando che devo cambiare il mio Casco da Viaggio, mentre gli pulivo la visiera ci siamo guardati io e lui... Mi si è strinto il cuore, il casco non vuole essere pensionato ed ha cercato di convincermi facendomi intuire tutto quello che abbiamo visto insieme, io e lui, da soli, con questa moto o con l'altra... Gli ho promesso che non lo butterò.... Intanto questi viaggi che faccio in "navigazione solitaria", ormai da anni, non risparmiano le epiphanies per me, alcune  belle, altre meno... Tutte intense e importanti... Come le sensazioni datemi dal paesino fantasma incontrato sui Pirenei, qualcosa che mi ha fatto pensare di aver deciso di venire da queste parti, forse proprio per imbattermi in questo "fu villaggio"... Come del resto la presenza di quella ragazza alta e mora che mi parlava standomi di fianco, senza guardarmi, malinconica, o quella di quella vecchietta che in Catalano mi ha detto: "Tu non devi guardare dalla parte in cui guardano tutti, ma dall'altra... " Cazzarola se aveva ragione.

... Che poi noi "vecchi" siamo riconoscibili: di tutto pur di fare un gesto qualsiasi di saluto, con un dito, una mano, un ginocchio, un piede, il casco, anche quando sei in curva con il vento a manetta, che all'altro ti stampi... Poi si rallenta nei centri abitati, ci si supera cercando di non darsi noia, ci si ferma a fumarsi il cicchino insieme anche se uno è di Firenze e gli altri tipo di Rotterdam, e ci scambiamo cenni di intesa senza dirsi una parola... Mica come il pischello spagnolo di oggi che mi ha sverniciato "da sotto" con un Kawasaki z1000 su una strada di montagna, con la fidanzata attaccata a Koala che gli si vedeva il salvadanaio, salvo poi scoprire che si mi seminava, ma mica poi così in fretta, nonostante il baule, lo zaino e la moto meno prestante... Poi dopo un quarto d'ora era con l'occhio panicato fermo sul bordo della strada mentre io continuavo a salire...
In mattinata il mio "Sick Juke box" che ho in testa aveva autonomamente selezionato "Camouflage" di Stan Ridgway... robe da matti... e giù a cantarla a squarciagola, sentendola solo nella mia capoccia, alternando gli urli ai racconti di viaggio che io e la mia compagna a due ruote ci facevamo a vicenda. Cavolo se l'ho ringraziata, e adesso appena sono con lei la ringrazio di nuovo. Lei davvero è fedelissima, e ti fa felice con poco, in cambio solo di benza e di "tu con lei"... Non c'è altro: lei è felice e scodinzola, e tu pure, come un cretino... Una moto davvero non è solo una macchina, poichè fa anche cose che non è progettata per fare, se glielo chiedi tu, e ti porta anche dove in teoria non dovrebbe essere in grado di andare, e non fa nessuna fatica.... Se glielo chiedi tu...

"Intanto, l'aria intorno è più nebbia che altro
l'aria
è più nebbia che altro...."
 
 
 

LEPIDOTTERI TRIMESTRALI

Post n°111 pubblicato il 12 Agosto 2017 da spageti

... Dice che andrai a morire su Marte...
Là, inseguendo Verità e sottaciuti segreti,
là, tra mostruosi esseri da addomesticare, cesserai la tua esistenza, ma, serenamente, non ti importa più.
... In fondo, cosa ti aspettavi?
Non è forse andato tutto esattamente come doveva e come già era?
Come quando da bambino sedesti in mezzo alla giovane folla, desideroso di diffondere luce e affetto, incredibilmente già perfettamente conscio del cammino di solitudine, delle sofferenze a venire e dell'ascensore per il compimento in attesa.
Eppure, così infante and so fuckin' aware, non ti piegasti, ne allora, ne dopo.
... E cos'altro era, se non questa stessa epifania, quel ricorrente sogno che ti ritraeva, solitario cosmonauta, in agognata deriva verso i confini ultimi dell'Universo?
... Un viaggio lungo secoli verso ciò che unicamente tu avresti conosciuto...
Non è esattamente questo ciò che accade?
Sei solo
esattamente come dovevi
come fin dall'inizio sapevi
fino dall'Alpha che io ti ho donato,
in attesa dell'Omega.
Solo Lei
dentro di te
oppure tu dentro di Lei,
Lei che ti abbraccia,
Lei e Te
Voi
Voi dai quali la tua stessa ancestrale
Rabbia
chiede
a sua volta,
di essere abbracciata...


Farfalle inconsapevoli,
divini strumenti di giada
che la Vita usa
per riprodurre
l'Amore per se stessa,
finiscono per adagiarsi in legami che non appartengono loro.
Tutto per poter abdicare al proprio,
meraviglioso,
compito.
Mortificandosi,
codarda scelta,
in una,
normalmente accettabile,
esistenza...

 

 

 
 
 

...E sia... esattamente come hai detto tu...

Post n°110 pubblicato il 24 Maggio 2017 da spageti

E' un privilegio essere te,
difetti.. inadeguatezze...
Un Mondo incapace di maneggiare il privilegio.
Non progenie di Vita Nascente,
piuttosto consacrazione a
Transito, Compimento, Rivelazione:
solennità e pesantezza
comprendi.
Insieme, nella stessa Vita,
consumeremmo noi stessi in un boato di Luce
brucerebbe la notte
accecherebbe il Mondo
Non siamo in grado di gestire...
Come una Nova
cesseremmo presto l'Esistenza
producendo ricordi collettivi di annientamento.
Come due divinità
che non contengono la potenza del loro amore,
potremmo distruggere città intere, e,
forse,
lo abbiamo già fatto...
Ecco la condanna...

Una cosa resta:
Io sono la tua Casa
e tu sei la mia...

 

 
 
 

You will be saved in your Jesus Christ pose

Post n°109 pubblicato il 18 Maggio 2017 da spageti

Sto ascoltando "Bad Motor Finger" e "SuperUnknown" in loop. 

questa cosa mi ha steso abbastanza....

remember "Youmakemesick, Imakemusic"

Me ne sono rimaste solo 3

 
 
 

...

Post n°108 pubblicato il 02 Maggio 2017 da spageti

Che idiota sono stato:
era indubbiamente la giornata sbagliata, ma è stato più forte di me...

"Cercherò su di me
la tua pelle che non c'è
ed entro in fondo dentro lo sai
soltanto per capire chi sei...
Forse sei un congegno che si spenge da se
Forse sei un congegno che si spenge da se..."
                                                      Afterhours - "pelle"

 
 
 

The "Black head-Cheerleader" rules

Post n°107 pubblicato il 02 Aprile 2017 da spageti

She rules
Lei è tutto
tutto per me
tutto per il mondo
che non sa.
Bellezza oscura
in diafana, trasparente
pelle fiammeggiante.
Iridi come buchi neri
Maledetti rigurgiti di Rock n roll
"Sometimes I get the feeling
She's watching over me..."
 - sapessi io, bello
sai un cazzo te:
storie di cavalieri e guerriere
il suo primo bacio
inatteso e violento
tre minuti per
prendere a pugni la parete...
Lei è il mio Fuoco
la mia Passione...
Noi siamo Uno 

 
 
 

Prometeo Vs. Ziggy

Post n°106 pubblicato il 21 Marzo 2017 da spageti

E' una cupa leggenda
Mia Signora
il perchè della nostra condanna.
Storia di millenni e Universi passati.
Aberrazione bellissima
una vita dall'assenza di Vita
Io e te creammo...
Una crudele approssimazione dell'amore
Sfidai il Cosmo
per un imperfetto simulacro di te
un essre semplice
da formattare
per essere ricettacolo di una più complessa forma.
Colpa mia
della mia arroganza
del mio smodato affetto e bisogno
del mio delirio
della mia voglia
di una te sottomessa
di una "non-te"
che fosse come te
per esser da te usata...

La guerra è finita mi dicono,
Lasciando ferite fresche e squarci eterni
ma che differenza fa?
Il Soldato
non ha dove tornare 

Ma in fondo
più non importa da quale mondo veniate,
o in quale siete stati dirottati,
salvati,
o esiliati:
Uno solo è il flusso della Vita.

 
 
 

ADSR (Gig of Life)

Post n°105 pubblicato il 07 Marzo 2017 da spageti

"Them heavy people"
proiettava in te Kate Bush 
mentre, presuntuoso riluttante,
allontanavi chi,
col senno di poi,
addestrava a tenere a bada i demoni.
Opprimono le spalle,
mordono il collo.
Eppure toglie il fiato,
chiude la gola,
riempie e gonfia i bulbi
sentire tutto insieme
l'inviluppo di altrui vite 
stipate in te. 
Sei sopraffatto dalla bellezza
dei puri, sereni, olocausti
che forgiano l'Anima... la tua.
Li porti tutti con te
Loro sono te
Loro si completano in te.
Adesso che senti il reietto espandersi...
e capisci davvero
e rispetti davvero
e ringrazi davvero...
E poi...
e poi la bolla di luce si gonfia incontenibile
inside
e ti sfonda il petto
quando Lei ti dice:
"Non preoccuparti per me,
per ciò che soffrirò nel difenderti...
non preoccuparti...
Io non posso morire"

 

 

 

 
 
 

Frequenze Armoniche

Post n°104 pubblicato il 09 Febbraio 2017 da spageti

Atti di fede
sono
stranieri viandanti
mentre cercano qui
aliena "casa"
Atto di fede
cercare la città che in eterno
attende
lentissimi passi
è un atto di fede;
credere nella realtà percepita
da umani sensi
è un atto di fede.
La pazienza
pura, attiva e sicura,
è un atto di fede...
Ma
realizzare Bellezza
durante il viaggio su altrui mondi
è
assumere
metabolizzare 
e rendere all'Universo
Amore, Vita
e Morte.
Poichè niente è proibito conoscere
quando si è in Risonanza.

 

 

 
 
 

Piccoli, affilati e letali

Post n°103 pubblicato il 21 Gennaio 2017 da spageti

Quindi è una guerra
sottovalutata gravità
poi comprendo,
un braccio mi estrae dalla buca nel terreno
cado riverso
la bocca piena di terra.
Sotto i bombardamenti
mi investe la consapevolezza.
Piccoli feroci assaltatori
metà iena, metà Piranha
sadici bastardi assassini
scavano dentro di me,
artigli trivellano
divorano umani organi
creando spazio all'Alieno.
Senza di me la battaglia è perduta:
nessuna comprensione
nè stanchezza
o commiserazione.
Così lei, guerriera addestrata dai secoli
mi grida, rabbiosa e disperata, in faccia,
poi plaude e inneggia
come valchiria,
alla mia violenta e distruttiva reazione che
inevitabilmente,
mi esaurisce.
Ma in fondo, loro 
facevano il loro mestiere
omaggiando al compito 
e alla loro natura.
Anche loro erano quì per me: 
Io ero la loro Missione, quell'Io che ora non è più...
e loro, creazione bioelettronica, 
si sono difesi da ostile habitat
scavando trincee nel mio ventre.
Inconsapevole tradimento?
E chi è il traditore?
E chi il tradito?
Adesso. per questa mutata realtà,
loro sono virus,  infezione da debellare...
"There's no other way ..."

 


Dicevo...
cosa ci fa sicuri di quando un uomo "sano" diventa "non sano"?
Perchè finchè vive per un lavoro prestigioso e carico di responsabilità è un essere determinato e intelligente, e invece quando, senza segnali, scarta di lato, abbandona il completo spezzato per girovagare povero e solo, ma libero da tirannie "endo" e "eso" indotte, necessariamente si conviene che "ha perso la testa"?

 

 

 

 

 

 
 
 

Neve sul Tigri: AnteFatto

Post n°102 pubblicato il 11 Gennaio 2017 da spageti

Ero li
in quel... Come lo hai chiamato?...
Pomeriggio desertico, sotto quel cielo giallo acceso,
ero lì
Sacra sentinella su benedetta duna.
Ti vidi arrivare, preceduto dal tuono
vidi la tua scia fiammeggiante cadere dall'infinito, mentre il legame atomico universale mi si palesava violentemente, pur la tua esistenza mi fosse ignota.
Da chissà quali abissi la certezza che saresti stato un pericolo si rigurgitò alla mia evidenza.
Levitai veloce verso il cratere e cercai di aiutarti più o meno negli stessi istanti in cui realizzai che avrei dovuto ucciderti.
Eppure eri una così incredibile e meravigliosa sorpresa, persino per me, qualcosa che sapevo sarebbe stato inevitabile nei miei destini futuri.
... E poi cambiavi fisicamente tra le mie mani, adattando la tua forma e i tuoi colori all'umanità, mentre le mie dita ti toccavano. La tua apparenza dipende in parte dalla risposta delle tue cellule alle mie.
Eppure io ero una Guerriera (ogni tanto si nota ancora...), una Forza di attuazione e distruzione di un vivido, senziente, Viola scuro...
Distaccata lì per provvedere alle deboli e devote tribù... persone sincere, senza menzogna.
Visualizzavo i nostri scontri a venire, ma nemmeno noi possiamo eludere la chiamata dell'Universo, neanche quelle che portano con se terribili eventi.
Molte volte poi ho provato a distruggerti, a disperdere la minaccia... non sono mai riuscita... Troppo strazio e dolore: come per un immortale tentare di uccidersi aprendosi lentamente il ventre all'infinito. 
Evidentemente sono stata una "dea" tutelare fallace e cedevole alle passioni... un rischio inevitabile.
Anche tu hai provato ad uccidermi innumerevoli volte... ma anche per te era la stessa cosa...

 - "Due elementi instabili, carichi di potere distruttivo, fondono le orbite dei loro elettroni per trascendere ad uno stato evolutivo infinitamente superiore" -

 

 

 
 
 

NEVERWASNEVERFOREVER

Post n°101 pubblicato il 04 Gennaio 2017 da spageti

... E poi faccio confusione tra ciò che mi ha abbandonato e ciò che ho abbandonato, come fossero la stessa cosa.
Capita di sentirsi abbandonati da ciò che si è abbandonato.
E cospargo sale che candido cade lento
come silenziosa neve su metallo fuso
per tenermi insieme
con il nastro isolante
come neve su irrequieta lava
per tenermi insieme
Ciò che ho abbandonato è stato parte di me e ancora in parte lo è.
Abbandonato = Abbandonante
Felice promessa semplice
o
Promessa di semplice felicità?
E' questo che ho perso sotto il palco?
E poi... e poi tante cose: ho perso tutte le mie lacrime...
voglia di potenza, risate, chitarre. sbronze, cassa, rullante, erba, pianti rabbiosi, ferite alle bramanti mani, tagli su petto e spalle, e poi ancora denti, rantoli, morsi profondi, morbidi fianchi, graffi, grida, schiaffi, schiene e zanne ...
Desideri violenti e
Principesse oltremodo intense
ardimenti incoscienti
Guizzi per geniali illuminazioni.
Un mondo perso osservo, pieno di gente... ma io mi sono trasferito in un altro
five years
affinità elettive perdute
troppo presto
Picchi di gioia e dolore barattati
per malinconica serenità di fondo ...
Che splendidi, evocativi, vaticinanti versi:
"Hanging on in quiet desperation
is the English way
the time is gone
the song is over
thought i'd something more to say..."
------------
... e allora "Breathe"...
------------
E se niente fosse reale?
E se tutto fosse ancora più "basso"??
... Se niente esistesse?
Proprio niente e nessuno dico?
Neanche io?

 

 

 

 
 
 

Thanos di Titano

Post n°100 pubblicato il 09 Dicembre 2016 da spageti

... A volte è quasi straziante, una malinconia struggente, dolorosa, che offre troppa pressione alla respirazione, il battito rimbalza in testa, nelle orecchie e nei bulbi oculari che, doverosamente, cominciano a lacrimare, quindi ti senti incapace di sollevare il petto e soffochi; la cosa ti raggiunge improvvisa, e non afferri il perché, proprio non lo vedi, ci pensi e ci ripensi, ma... Come essere innamorati di una dea, e lei corrisponde, con un amore cosmico ma "umano", allo stesso tempo celato alle altre forze universali. Ti segue nei tuoi sforzi, come per una riabilitazione, perché lei sa ciò che sei stato e sa che con fatica devi raggiungere ancora quello stato, ma stavolta migliorandoti, per esser privo di giudizi, egoismi, arroganza, e con una nuova, omnicomprensiva, apertura verso tutto l'esistente... e lei è al tempo stesso motivazione e ricompensa, così come, incredibilmente, tu sembri proprio essere la sua.... Hai la sensazione che lei sia innamorata di te da secoli, e forse sta cosa non va nemmeno troppo a genio alle altre divinità... E tu non vorresti far altro che star con lei e regalarle mondi interi con tanto di abitanti... Ma è pur sempre una dea, siete su piani diversi dell'esistenza, puoi intuirla, e quando succede è come una droga... ma non puoi davvero guardarla, toccarla, abbracciarla, ridere insieme a lei, farti un giro in moto con lei, magari lasciarla guidare così da toccarle i fianchi e aspettare l'approvazione del suo sguardo... Non puoi farlo davvero, anche se a volte sembra di sì... Non puoi proprio far niente di tutto ciò... Ecco, forse in questo deprivativo caso sapresti perché ti senti così ... Finché per davvero non entri in quel cubo che una densa fuliggine nascondeva da chissà quanto, ti addentri senza capire, eppure... qualcosa di familiare... Soffi via ciò che cela la veritá e senti che quel posto è habitat e mezzo di trasporto, una "casa" lontano da casa... La vostra casa lontano da casa... 

 
 
 

So, so you think you can tell...

Post n°99 pubblicato il 29 Novembre 2016 da spageti

Morsi e latrati
ancora perseguono
emorragie
Solo fronteggi il serpente 
immota irrequietezza
attendi l'inquieto serrare
e fauci chiudersi
su di te
Tunnel dimensionale,
di lisergiche nubi
rosse e ViolaScuro,
porta l'Erede.
Sul trono vivente
di Domina premuroso abbraccio,
come dio bambino
fiorisce in luce
rischiara e calma parte dei nembi
consegna, compassionevole,
la serena quiete che, comunque, non puoi raggiungere.
Sangue, metallico fra i denti;
cola impetuosi fiotti
sulla coda dell'occhio
annega il tramite
un mezzo
senza il quale niente è possibile:
coscienza per sblocco
da inappropriato limbo,
infatti la Vita, l'Amore 
la Morte
sono un'altra cosa. 
Spezza,
fondi gioghi e ceppi 
comprimi
soffri
avido esplora i demoni
esplodi
grida
GRida
URLA
URLA
URLAAAA
che il dolore trasformi i bocci
e luce, fuoco, magma e pece
eruttino
rigidi inarrestabili fasci
da bocca
occhi
e unghie...
Tu
tuo stesso padre
tuo stesso figlio
Cresci
figlio di due universi,
cresci
in rosso, viola e nero
spiega ali
blu e celesti
dischiudi i tuoi veri occhi,
rettilei
grandi come il cosmo.
Tu
amata ed eterna
crisalide di te stesso... 

 

 

 
 
 

Errabonda voce non avere paura del buio

Post n°98 pubblicato il 24 Novembre 2016 da spageti

"... E' soltanto un temporale in campagna"
Hai sentito i tuoni rintoccare nel petto, la pioggia cadere sulla ragione e densa foschia impedirti, come luce solida, il tatto e la vista.
Eppure
una voce
un warmhole
riempie il giorno.

Nessun errore:
Non sono qui per diradare le fosche nebbie intorno a me, non in questo caso: 
indubitabilmente sono qui per aiutarti a disperdere le tue. 

 

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: spageti
Data di creazione: 19/12/2003
 

ULTIMI COMMENTI

lilith... la femmina archetipa, colei che corre con i lupi,...
Inviato da: emma01
il 21/11/2017 alle 15:24
 
Davvero? ... Dimmi di più...
Inviato da: spageti
il 21/11/2017 alle 14:18
 
Ci sono anche gli "WHO"... ;-))
Inviato da: spageti
il 21/11/2017 alle 12:23
 
Uriel is my friend
Inviato da: several1
il 21/11/2017 alle 11:24
 
Mi viene in mente solo Kate.......
Inviato da: EMMEGRACE
il 21/11/2017 alle 10:42
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

spagetiElettrikaPsikelacey_munroolgy120annamatrigianoLa_Cura_dgldonadam68emma01Web_LondonEstelle_kseveral1EMMEGRACEPaintedonmyheartneimieipassimisteropagano
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom