Creato da luvif il 12/06/2008

sogni nel cassetto

I MIEI SOGNI NEL VENTO

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

 

IL CLEBBE CAP 7

La stanza è piena de sbrilluccichii colorati e me gira tutto. Ho l’occhi sfocati come na notte de nebbia in varpadana. E sto tanfo che dè?

Ammazzate oh! Quanto  ho bevuto co l’amici mia ieri sera dopo la bella notizia che ho ricevuto dar   telegiornale. I giorni der crociato so finiti in una scarica de skorpio e na stella a cinque punte disegnata sur cofano della macchina brindata.

E mamma mia che mar de capoccia ma ritrovo.  che c’era in quer boccione dinamite?

E mo che ce fa quel gabinetto all’angolo della mi camera sur sopparco? Boh! Sarà stato stecca che ha fatto delle modifiche a mia insaputa.

Eppure nu quadra. Questa nu me pare proprio casa mia…ma andò so finito?

 

Aspetta famme grattà dietro l’orecchio che sembra mo stanno a rosicà n’esercito de topi.

E mò perché nun riesco a move er braccio? E neanche l’artro mannaggia a me mannaggia ma c’ho combinato ieri sera?

Sembra che ciò e mani legate dietro a schiena. No sembra. Mortacci sua so legato davero!! E chi è stato sto fijio de na mignotta a famme sto scherzo macrabo? Me strizza er culo.

- steccaaa!- urlo a piu nu posso – a secco se sei stato tu a famme sto scherzo giuro che t’ammazzo! -

Macché, sembra che nu ncè nisuno. Cercanno de nu scavà er pavimento lercio co le froge der naso cerco de tiramme sulle ginocchia. Na faticaccia nfame ma alla fine sto ritto sulle gambe e barcollo leggermente di lato così finisce che m’appoggio alla parete unta e fredda, tutta ricoperta de piastrelle luride. Annamo bene! M’anno rinchiuso in una cucina spoglia e  zozza come er pelo de Vanda quanno tornava da batte sulla prenestina.

Sbamm! Ho sentito sbatte na porta. E mo n’artra. E quella de dove so rinchiuso che s’apre de botto.

- il bastardo si è svegliato. – dice uno tutto incappucciato e vestito co na mimetica. Ammazza quant’è grosso.

- E che dè? Uno nun fa a tempo de raggranellà un po de grana che subito te rapiscono! - 

A regà er culo se me ce nfili no spillo se piega. Quello neanche me guarda, m’acchiappa pe la collottola e me trascina fori.

- haio! piano che me fai male – urlo ma quello me scaraventa in un’artra stanza a sbatte cor grugno su certa moquette polverosa. Uno piu gentile mi prende per un braccio.

- siediti che sta per entrare la corte. – alla meno peggio me siedo incrociando le gambe. E mo che è sta corte? Ma nu dico na parola. I tipi gentili mi hanno sempre messo paura, come il maestro alle elementari quando mi faceva sanguinare le mani con il righello e un gran sorriso sulle labbra.

 

Me guardo ntorno spaurito come er gattino de nonna Giulia quando s’arrampicò sull’albero de cerase visciole. E domanno all’aria fetida:

- ma che volete, e che è sta corte? -

Certo che so stato sempre un tipo svejio io.

- stai bravo che adesso ti diciamo tutto.  -

Fa quello che m’à sbattuto sur tappeto. Manco a fallo apposta la porta se spalanca de botto e entrano tre tipi in mimetica e passamontagna seguiti da due altri incappucciati armati de mitra. Me sento er core che se ferma. Uno de quelli armati me vien vicino e m’appunta un cartello sur petto. Lo leggo sottovoce senza n’acino de fiato:

“traditore del popolo”

Sotto c’è na stella a cinque punte disegnata a pennarello rosso. Sento che stò pe svenì.

Se siedono su tre sedie sgangherate, gli armati ai fianchi all’impiedi.  Uno apre na cartellina de quelle co l’elastico.

- Amedeo Nanducci, questa corte ti condanna a morte come traditore del popolo per aver prestato il fianco alla borghesia che tiranneggia il paese e la classe operaia.  Avendo tu e i tuoi ripetutamente sabotato le manifestazioni proletarie. -

me sento avvampà de rabbia:

- ma che cazzo stai a blaterà? Io traditore der popolo? E tutta la povera gente che state a trucidà voi allora? Sete voi i traditori der popolo ma se ve credete de metteme paura ve sbagliate de grosso!! -

Me guardato muti e allora continuo, tanto ormai che cio da perde? Armeno me resta a dignità de morì a testa arta.

- stalinisti de merda, ammazzateme pure ma sì che li giorni vostri so contati. -

Uno dei due boia fa un passo avanti e me corpisce col calcio del  kalashnikov alla spalla con misurata violenza. Barcollo ma riesco a star seduto. La capoccia me gira come na trottola.

- porta rispetto alla corte  porco di un nazista o ti spacco la testa prima di spararti in bocca. -

Che posso dì? Resto muto a sentire quel cumulo de stronzate. E li guardo; sembreno usciti da un firme de Dario Argento, li buchi dei passamontagna sembreno sguardi de teschio, le bocche cucite cor fiato che disegna sulla lana er buco fetido delle loro labbra già morte. Strane cose se osservano sul momento de morì. Ne avevo sentito parlare al mi padre quanno raccontava le storie della guerra. Che uno quando sta pe morì diventa piu intelligente. Aho! A me, me sembra solo che ma sto a fa sotto. Ma neanche tanto, me viè pure da ride ma me trattengo, senno la corte se incazza de brutto, chissà come sudano sti puzzoni drento a qui preservativi de lana er mese d’agosto.

I tre finita la filippica se arzano e se ne vanno seguiti da quelli armati.  Resto solo co quello che mi ha trattato con rispetto. Pio coraggio e gli domando:

- perché so andati via? Nun dovevano ammazzamme? –

A quello stronzo se rompe la voce mentre me risponne:

- quella è la corte, per eseguire la sentenza verrà un altro che si è offerto volontario apposta per questo compito. -  

Ammutolisco co la scucchia che me sbatte sul petto. Arriva un altro incappucciato d’ombra con un vassoio, un piatto de bucatini alla matriciana belli  fumanti, na coscia de pollo, mezzo litro de vino. C’è pure dell’uva regina.

- quando hai finito ti porto il caffè e le sigarette. -

Dice liberandomi le mani e ammanettandomi le caviglie.

Restano li a guardare mentre mangio. Non che avessi una gran fame ma capii che si sarebbero offesi se avessi rifiutato e piu che altro avevo paura de prende altre botte. Brutta gente gli idealisti, credono davvero nelle loro cazzate. Noi der clebbe semo un’antra cosa. Ci battiamo per denaro e per sopravvivere, a noi nu nce frega un cazzo de ste stronzate politiche. Ho divorato tutto e accendo due muratti scolando il caffè di un fiato. All’improvviso mi è venuta fretta.

N’antro stronzo entra nella stanza. Pure lui veste la mimetica e il passamontagna nero. In mano stringe na pistola, io me ne intendo, quella è una calibro nove semiautomatica. Molto precisa e poco rinculo. Solo che spesso se nceppa. Di nuovo mi hanno ammanettato le mani dietro la schiena e sto in ginocchio cor culo sui tacchi degli scarponi chiodati.

Er tizio me viene vicino de lato, ar contrario degli altri nun porta l’anfibi ma delle ridicole scarpette da ginnastica. Me prende la testa e me la china in avanti, e la tiene ferma. Trema tutto lo stronzo. Sento er freddo dell’acciaio penetramme nella nuca, cerco de divincolamme e forse so piu forte perché cado a terra de lato sfuggendo per un pelo ar macellaio. Il bono corre a raddrizzamme ma

nun fossi mai caduto. Quello che ho visto mi ha spezzato er core. Bastardo di un infame.

Me ripunta la berta alla nuca molto piu deciso, all’urtimo secondo me sussurra:

- voi dire qualcosa Amedeo? -

- Si!  Mortacci  mia e de quanno ho permesso a tu sorella de compratte   i carzini co li sordi mia! –

Sto stronzo porta i calzini co le paperelle gialle che avevo visto Valeria comprare per suo fratello. Me guarda spaurito e ritira l’arma balbettando:

- ma che cazzo dici? Io non ho sorelle.  – ma ormai si è tradito ed è ancor piu infuriato.

- proprio a li calzini dovevi guardarmi stronzo di un nazista? Ora te lo dico, ti uccido volentieri, per tutte le botte che mi hai dato, tutti l’amici mia che hai mandato all’ospedale. -

Un boato fa tremare l’edificio, quei tre finocchi incappucciati se guardano in faccia spauriti e corono a mbraccià le armi ma la sbirraglia è ben armata e li stende secchi a corpi de parabellum compreso er boia che doveva da ammazzamme. Un boia che conosco bene, er fratello nfame da mi ragazza.

Io so diventato un difensore della patria, godo pure di un’immunità particolare come potenziale vittima dei stalinisti  e in Italia nu lo sa nessuno ma a me e Valeria ci hanno nascosto alle Hawaii.  Si  perché dovete sapè che è stata lei a sarvamme er culo avvertendo la madama della mia scomparsa e denunciando suo fratello Andrea. E ’ proprio vero, dietro ai grandi omini (modestamente) se nascondono sempre delle donne ancor piu grandi!  Un giorno de questi però risentirete parlare di me e der clebbe. Parola de Amedeo Nanducci detto Spadino!

L’amici mia dici ndo stanno? Sempre co me. L’amici mia so li sordi bello! E fatte furbo, a sto monno bisogna sapecce stà. Chi spara finisce sempre ammazzato e chi mena da sempre piu botte, nto scordà sennò finisci a magnà ruelle merdose come er mi padre. Te saluto. Se vedemo. Che dichi, te serve un prestito? Me dispiace nu ntè conosco.

(chi non comprende la morale della storia se mi commenta glie la spiego)

 
 
 

IL CLEBBE CAP 6

Post n°53 pubblicato il 24 Marzo 2012 da luvif
 

– me guarda in faccia, quasi sorridente co quer pizzetto de capra che me viene vojia de strappaije a catenate.

– va bene,  dimme che non sei stato tu oggi a rompere la ruota a mio zio.-

lo so che mi sto giocando il tutto pe tutto, ma devo da tentà  e capì se la sincerità per lui conta qualcosa. Tempo ne avrò pe la vendetta! bolscevico de merda, è anche corpa sua se er crociato è venuto a rempermi le scatole. 

– vorrei dirtelo, ma sono stato io. –

inaspettatamente scoppia a ridere:

- lo avevo immaginato, anche se mio zio se l’è cercata,  a te non ci ha pensato.-

lascio cadere l’urtima carta:

- senti a coso, te spiace se domani vengo a casa tua? Devo  parlatte de na cosa importante.-

la parte del lecchino quando serve da boni risurtati, cor nemico nessuna pietà.

– non portarti tutto il clebbe.-

lo assicuro come na vecchia battona con lo scolo

, - me conosci no? Vai tranquillo.-  

“Il dado è tratto” disse uno na vorta, nun ricordo bene chi. Che  sia stato Cesare passando il Rubicone? Mannaggia a me mannaggia, se fossi andato a scuola, invece no! Da piccolo me piaceva d’annà a pesca de Ruelle pe le marane. Ammazza che forza che semo sti romani!     

La casa de Valeria è na topaia pari a quella de mi padre, solo che è più lontana dal corso fetido che scorre tagliando in due la campagna. Tre misere stanze in tufo coperte da un tetto di lamiera arruzzinita. L’interno è pulito, leggermente profumato di lavanda. Andrea è in compagnia di una donna vestita come lui, vale a dire tuta in jeans, polacchette e camicia rossa a righine bianche. Mi sembra più brutta di Valeria.

– vieni avanti, Andrea è in bagno. io sono Mara, la sua ragazza e sto per uscire.- 

le rispondo sorridendo:

- ciao, io sono Amedeo.-

non allungo la mano, e neanche lei.  Mi guarda con sospetto, impaurita e anche arrabbiata.

– tranquilla, non  ho cattive intenzioni, gli devo solo parlare.-

le sfugge un sospiro di sollievo;

- meno male, beh, allora io vado. Ci si vede, salutami Valeria. -  

- ti saluto Valeria, -

dico alla porta che mi chiude dentro. Sento lo sciacquone rumoreggiare e subito dopo Andrea mi raggiunge sorridente come sempre. Sta fumando una specie di pipa. Intuisco dall’odore che si tratta di marijuana. Mi sbrigo ad accendere una Muratti.  Lo immagino assuefatto a quella schifezza e non mi preoccupo, per la sua lucidità. Mi siedo sulla poltrona sgangherata e lui va ad occupare l’altra di fronte, vicine al camino spento.

– allora di cosa devi parlarmi?-

domanda sereno. Mi gratto la testa, ci ho pensato e ripensato tutta la notte, e la butto così alla lontana:

- ma tu ci credi davvero in tutte queste fesserie politiche? Voglio dire, cosa te ne viene che vai a rischiare la pelle nelle manifestazioni e le risse di piazza?-

sbuffa una densa nuvola di fumo giallo: -

combatto per la libertà, l’eguaglianza e la classe operaia. Tu invece perché lo fai, se non credi nella svastica che porti cucita addosso.-

da quella domanda dipende tutto er mi  futuro. Decido de giocà cor qualunquista.

– se te dico che lo faccio pè sordi che me risponni?- 

poggia sul camino la pipa ormai spenta;

- che dallo spaccone che sei stai esagerando, oppure che tu sai qualche cosa che io non so.

– ormai sono deciso,

- mi fai tenerezza, tu i tuoi ideali, in realtà sai perché noi ci sbraniamo a vicenda? Perché qualcuno paga i partiti per istruirci a combatterci, come soldati, solo che i miei politici mi pagano, i tuoi da buoni stalinisti te la mettono nel culo, facendo leva sui tuoi belli ideali.-

con grande sorpresa vedo che nun ride pe niente. Poi dice:

- ecco perché alcuni compagni vogliono far fuori tutta la classe dirigente della politica italiana.-

semo giunti ar dunque;

- quanto questi tuoi amici sono disposti a mettere in pratica i loro propositi? – si morde le unghie pensieroso, e finalmente si decide a dire:

- più di quanto immagini, sono pronti a sacrificare tutto per la causa.-

me metto a ridere, -

se io ipoteticamente dessi loro un deputato crociato cosa gli farebbero?-

lui si alza, gli occhi fiammeggiano di atavico odio di cui mi sfugge l'intimo significato:

- se ha commesso crimini contro il popolo sarà giustiziato. –

mi sento rabbrividire;

- tua sorella sa nulla di queste cose? –

fa una smorfia;

- scherzi? Lei è all’oscuro di tutto. Ora se vuoi qualcosa da me, deciditi a dirmi tutto. –

cerco d'esse chiaro:

- so stato incastrato da un fottuto politico crociato,  che ci paga per rompere più teste che possiamo alle vostre manifestazioni,  solo che a me non va giù, e neanche ai miei amici.   non possiamo liberarci de sto maiale da soli, ce vole quarcuno fori dar nostro giro, prima che ci ordina de tajià la gola a quarcuno de voi, allora si che sarebbero cazzi acidi pe tutti. –

si fa ironico:

- insomma voi sarvato er culo. -

devo fare buon viso e cattivo gioco;

- pe forza, non ho voglia de  diventà n'assassino e tu non hai idea con chi abbiamo a che fà. Deve da morì in modo da indurre i suoi a distruggere tutti i suoi e loro traffici, solo così abbiamo la speranza di salvarci, altrimenti un giorno o l’altro il nostro e tuo sangue scorrerà a fiume per le strade de Roma.-

torna a grattarsi la testa;

- cosa proponi di fare?-

- dobbiamo consegnà er maiale ai tuoi amici senza essere coinvolti o sospettati della cosa, altrimenti nun ce sarvamo nessuno. –

mi guarda serio in faccia e dice:

- cosa c’entro io? Neanche lo conosco.-

ammazzete, sarvanno mi madre che fio de mignotta che sò!

- guarda caso, sei proprio tu col tuo gruppo il nostro prossimo bersaglio e non ci paga neanche bene per farlo.  Hai visto quanti energumeni in palestra? Non vedono l’ora di rompervi le ossa per qualche centone extra.- l’ho convinto, Andrea ha capitolato.

– va bene fratè, studiamo sto piano. Ma sia chiaro che lo faccio pe mi sorella, tu me fai sempre schifo-   

Era fatta, due a zero palla al centro.

- Nuntè preoccupà, anche io lo faccio pe Valeria. A cognà ma ndò lo trovi nantro bono come me?


 
 
 

AMICI PER SEMPRE

Post n°52 pubblicato il 20 Marzo 2012 da luvif
 

- Anna ed io Camminavamo sottobraccio nella sera, da un'ombra all'altra dei lampioni scherzavamo e ci raccontavamo storie. Quanto era bella, sedici anni appena.

 La stavo accompagnando nella sua briosa ricerca di un paio di calze a rete. Eravamo all'antivigilia di capodanno dell'ottantuno. Diceva che voleva far colpo su un tale quella notte; ma ben sapevo io per chi erano quelle calze. Da anni   rompeva l'anima col suo torace piatto come un'asse, senza il minimo abbozzo di quei piccoli seni che invece da qualche tempo si notavano sotto  l’onnipresente poncho multicolore. Finalmente poteva celebrare la sua femminilità senza più sentirsi una bambina.

Io come un qualunque bulletto di borgata, idealista e anche un pò qualunquista, facevo di tutto per declamare le mie idee riguardo al ballo e alla disco di quegli anni, preferendo musiche più impegnative come i Pink Floid o qualche canzone di Venditti, però accidenti quando lei entrava in pista i miei convincimenti sparivano tutti  e rimaneva solo il rammarico di essere negato nella danza, persino quella del mattone... e a me come incantato non rimaneva altro che guardarla danzare,leggera come una farfalla, sempre ben attento a che qualcuno non allungasse troppo le mani, a turbare la sua gioia, per esser li, a divertirsi, sentendosi al sicuro perchè tutti quei ragazzi sconosciuti, a me mi conoscevano bene, e sapevano cosa stringeva la mia mano sempre infilata nella tasca del giubbotto di similpelle nera.

 Dio come profumavano i suoi capelli lunghi, e la sua voce ancora oggi nel rievocarla, calda e sensuale, un brivido mi sale lungo la schiena.  Quella nota di allegria quando mi chiamava per una sigaretta o un sorso del mio whisky and Coca. Oppure se mettevano un lento, lei subito correva a tirarmi in pista, tenendoci teneramente stretti uno all'altro e il ciclopico sforzo che dovevo fare per ignorare i suoi seni che mi pungevano il petto. Si, perchè il nostro era un rapporto speciale, eravamo amici.

  La nostra differenza di sesso era solo un piccolo inconveniente, niente di più, che ben presto imparammo a tenere a bada, come una bella e selvaggia tigre a suon di frustate. Capirai, c'erano in giro tempeste ormonali tali da far impallidire un Tornado...   

Quanto tempo è trascorso da quella notte? Ventisette anni suonati. Sono quattordici anni che non ho sue notizie.

Senza averla mai dimenticata. Non si può dimenticare una donna come lei. Non dopo averla tenuta fra le braccia, l’ultima volta che ci incontrammo andammo a cena fuori, in un localino tutto chiasso e musica rock, mangiammo da schifo e pagammo molto per una pizza grumosa nella città eterna ma che vuoi eravamo finiti in un locale di periferia.

 Parlammo per tutta la sera delle nostre disavventure, soprattutto del suo ex marito e del nuovo amico venuto fuori non so come da uno sperduto paesino fuori Roma, vicino di casa di sua sorella. Era molto eccitata nel raccontarmi come la faceva sentire viva e ancora bella nonostante tutte le sofferenze passate.

 Ne sapevo molto io, infatti, l’avevo anche accompagnata con la mia auto a sposarsi appena sei anni prima. Debbo dire che quella serata finì prima di essere iniziata.

Al momento e anche nei giorni a venire non ci feci molto caso, perchè distratto da tutto ciò che mi stava capitando, ma la mia amica, e io in quell’occasione, non ci riconoscemmo, vestivamo infatti panni non nostri. Volevamo fare i vissuti e un po’ lo eravamo pure, ma invece eravamo solo degli illusi che recitavano una parte, proprio come in un film di terz’ordine e per giunta dal tema pure squallido. I cocci d’una vita frantumata dal divorzio.

 Ci sarebbero voluti infatti gli anni a venire per capire appieno l’entità del danno subito e quella volta fummo proprio vicini a rovinare tutto.

Per un attimo corremmo il rischio di finire a letto insieme, non più attratti dal nostro sentirci belli e puri, ma da una mera necessità di non provare seppur per qualche attimo quel gelo pungente che avevamo nel cuore. Lo capii nell’istante in cui scese dall’auto e andò via piena di stizza trascinandosi  per un braccio il figlioletto semiaddormentato.

 Se avrei fatto il gesto di richiamarla, sarebbe corsa, smarrita e in cerca di comprensione; solo riuscii a mantener fede alla nostra promessa di quella notte di tanti anni prima:

 - Promettiamo che mai ci approfitteremo della nostra debolezza, che sempre rispetteremo la nostra amicizia .-

 E’ quello che feci. Perciò se dovremmo rincontrarci ancora,  potremmo specchiarci  nel candore dei nostri sguardi, Senza arrossire per il ricordo di qualche momento indecente.

Noi però potremmo ancora narrarci le nostre storie d’amore, della vita che male che và,  ha ripreso a scorrere. Perché siamo amici per sempre, fin dal lontano 1979. 

 

 
 
 

IL CLEBBE CAP.5

Post n°51 pubblicato il 20 Marzo 2012 da luvif
 

Questo per sicurezza non lo dico, ma lo penso ormai da tanto tempo. A me il deputato non va giù per niente. Di questo son sicuro. I ragazzi non sono riusciti a invalidà i sindacalisti, se la sono cavata co le gambe rotte a sprangate;

trenta giorni d’ospedale

dice er Paese Sera. Così risparmio boni ottanta milioni. So pensieroso mentre aspetto Valeria fuori dalla stanza. Giunge anche suo fratello assieme a un tipo che non mi piace per niente. Sembra un armadio tant’è grosso, monta la tuta de jeans tutta sporca de grasso. Andrea me viene vicino sorridendo:

 - ciao Amedeo, te presento zio Rico lo sfasciacarrozze. – allungo la mano per niente soddisfatto.

 - piacere de conoscete Rico.-

me guarda truce:

- io te conosco, tu sei quello del clebbe. Comunque grazie per aver salvato a nipote mia. -

 – figurate, è stato un piacere.- 

ribatto senza sorridere, registrando la brutta aria che inizia a tirare. Rico continua a dire:

- forse è mejio se Valeria viene via con me e suo fratello.-

- chiedete a lei. –

ribatto facendo le spallucce. In quel mentre la bella nipote esce prendendomi sottobraccio.

– ciao zio Rico, non dovevi disturbarti, io vado con lui.-

felice di quelle parole mi avvio lungo il corridoio tenendomela stretta. Quel gigante mi urla dietro:

- attento a quello che fai pariolì, che so cazzi tua.- 

   A volte rimpiango di esse un bravo ragazzo sensibile e bene educato. Naturalmente fori che te trovo? Er camion de Rico lo sfasciacarrozze. Mentre passo me slitta l’anfibio e finisce sur valvolino della ruota anteriore. Che peccato, er trippa avrà un bel po da faticare a cambià la gomma.


Er clebbe ha gia aperto. La guido dentro, tenendola sottobraccio lungo il locale mezzo vuoto, ci sono solo un paio di giocatori d’azzardo che si giocano le bevute a briscola. Stecca è dietro il bancone che legge er corriere dello sport. Appena ci vede se precipita:

- Piacere di conoscerti Valeria, io so Pino.-

- stecca per gli amici.-

concludo io dandogli una manata sulla spalla.

– senti stè, oggi il clebbe e chiuso. Caccia fori sti alcolizzati e vattene a spasso, e nun te fa vede prima de stasera.

– porto Valeria  sul soppalco che nel frattempo ho ampliato, ricavandoci quasi un appartamento. Si lo so, tutta colpa dei soldi. Ho finito per comprare anche il garage. Il proprietario non era tanto d’accordo ma si sa, con le buone maniere si ottiene tutto. So bastate du sberle alla moglie, na vera cornacchia sapete. Comunque ora mi vogliono vendere pure il resto della casa, quattro bei appartamenti più l’attico dove abitano.  A madama dite voi? E chi li conosce, noi semo bravi regazzi, molto attenti a quello che facciamo.

 

Na notte a macchina der figlio loro ha fatto er botto, nantra vorta alla figlia le hanno strappato la gonna, certi tipacci in motorino, due capelloni dicono… artro che quei quattro stoccafissi de Roma violenta o quer mezza sega der commissario Girardi. Ce vojiono le palle pe fa certe cose, e tanto cervello.

Certo che Valeria è davvero bella, veste ancora la minigonna e la camicetta a fiori bianchi e verdi. Ha i capelli lunghi e lisci, fin sotto le spalle di un bel biondo cenere, tutto naturale. Ci à pure du belle bocce e a giudicà dalle curve sotto la minigonna a quadri, ha pure un bel mandolino. Per un attimo er core me se strigne a pensà agli stivaletti invernali che porta ai piedi,

pure con la sola bucata”

me ricordo scurendomi ancora de più. Non ci vole molto pe  ricordamme il motivo per cui sono quello che sono. Ancora me sveglio de notte co l’incubo delle ruelle merdose der  mi padre. Vorrei tanto somiglià ar Gobbo der Quarticciolo, nonostante la brutta fine che jie fecero fà.

M’è passata pure la vojia de scopà. Lo so ce vole poco e nu mè va che la mi ragazza susciti pena a chi la guarda.

– viè co me.-

dico tirandola per un braccio. Dieci minuti e parcheggio sulla tuscolana a far compere.

– te vojio fa un regalo –

specifico guidandola nel primo negozio che incontriamo. Tempo tre quarti d’ora e l’ho rimessa a novo, peccato pe le fasciature. Comunque le mani riesce ad usalle quasi bene e così la porto a magnà in un localino chic.  Valeria non fa che sorridere, annuisce se qualcosa le piace, storce il nasino se non le garba. Alla fine le ho speso un milione fra vestiti giacche e via dicendo.

Lei cerca di non fasse vedè, ma si compra pure calze, biancheria intima, prende addirittura delle calze da uomo, in filo di scozia. - Andrea - penso distratto dar suo sorriso felice. Abbiamo riempito il sedile posteriore della macchina. Me bacia all’orecchio mentre mi sussurra:

- ora possiamo tornare a casa tua.-

non ha voluto gioielli, e la capisco bene. A un certo punto esclama:

 

- fermati qui per favore.-

ubbidiente me fermo scodinzolante come un cocher. Lei indica na profumeria. Sorrido e le allungo un biglietto da centomila. Vicino casa c’è un negozio de mobili, e capisco anche d'avè bisogno de n'armadio novo. Insomma quel giorno vado in bianco, però ho reso davvero felice la mia donna. Sur tardi Arriva Andrea, stecca mi fa l’occhiolino indicando fori e fa un gesto con la mano. Fori ci sono una decina di compagni. Bella cosa il coraggio. Devo ammette che ha del fegato però. È entrato da solo. Gli vado incontro sulle scale:

- vieni, tua sorella è dentro.-

titubante mi segue, e vede Valeria seduta sul divano, che guarda la televisione, le mani fasciate in grembo, coi palmi in aria. L’avvicina e la bacia sulla guancia.

– come stai? –

le chiede. Lei lo sorride:

- mai stata meglio in vita mia. –

lui assume un’aria preoccupata:

- allora non torni a casa? –

le sfugge un sospiro e torce le labbra:

- no. Ora casa mia è questa.- 

finarmente il rosso sbotta:

- ma lo sai chi è sta gente? Avanti Amedeo, digli cosa fai per vivere.-

faccio le spallucce sorridendo,

- gestisco questo locale, -

dico con aria innocente. Lui non ci casca;

- diglielo a mi sorella che razza di gente sete tutti quanti.-

guardo Valeria dritto egli occhi, che noto sono verdi.

- tuo fratello è convinto che siamo dei sporchi fascisti, ma non è vero. Tu che sei comunista, non vai con la falce e martello sulla giacca, e i democratici non portano lo scudo crociato sulle spalle, come io ci porto la svastica.-

fa una smorfia schifata.

– allora perché la porti? E perché andate sempre in giro a spaccare teste? –

ora sta esagerando;

- io non vado in giro a spaccare niente, siete sempre voi che venite ad attaccarci, e la svastica la porto perché è un simbolo di potenza, incute paura e rispetto, ma non sono politicamente impegnato con nessuno. Guardati intorno, vedi forse qualche insegna del nuovo partito fascista? –

 sono furbo, molto furbo. Ma lui non molla.

– tu ti voi fa bello co mia sorella, ma sotto, sotto sei solo uno sporco fascista.-

- a ridajie! – sbotto, - ma sei de coccio! Io non sono fascista, e neanche nazista!-

si mette a urlare:

- allora porco mondo che cazzo sei? –

interviene Valeria,

- smettila Andrea, se ti dice che non è fascista perché non gli credi?-

si alza la maglietta, sullo stomaco, c’è ancora il tatuaggio della catena der Suzuki.

 

Questo me frega!

Penso allarmato. Di scatto alzo la gamba del pantalone a campana  fino ar ginocchio segnato da na lunga ferita e dico:

- tu allora che sei, n'infirtrato fascista nelle file dei bolscevichi? Perché questo se nun sbaglio me lo hai fatto tu, mentre un tuo amico mi teneva per le spalle. –

Valeria corre ad abbracciarmi inorridita e si scaglia contro il fratello:

- sei davvero una bestia sei. Guarda che ferita gli hai fatto al povero amore mio. Vattene via, che non ti voglio più vedere.- non gli resta che capitolare. Io però non intendo farmelo nemico e gli vado dietro dicendo a Valeria:

- lo accompagno alla porta che sennò qui stasera finisce tutto a puttane.-

appena fuori lo prendo sottobraccio e gli dico:

- senti. Smettila di comportarti così,  è vero ce le siamo date di santa ragione, ma con tua sorella è una cosa seria. Facciamo una tregua, ti va? –

 
 
 

IL CLEBBE CAP 4

Post n°50 pubblicato il 17 Marzo 2012 da luvif
 

Dormo tutto il giorno, e verso sera mi avvio per l’ospedale. Ho con me la catena e i due amici che lascio de guardia alla macchina. Infatti nu me sbaglio, ar cancello vedo il gruppetto de qualunquisti, facilmente riconoscibili dalle barbe a pizzetto caprino e i capelli lunghi, le camice fiorate, le tute da metalmeccanico. Saranno na decina. Quatto me la filo tornando indietro. Salto sul duetto  nero come na seppia sbudellata:

- sti bastardi hanno circondato l’entrata, saranno più de dieci.-

er secco pia d’aceto:

- a spadì, annamosene, che te frega de sti morti de fame.-

lo afferro per il bavero del giaccone:

- manco per cazzo, secco! Li dentro c’è la mi regazza va bene? E noi mo entramo capito?! –

metto in moto rombando e mi dirigo alla porta carraia suonando come un matto. Stecca finge un malore, subito alzano la sbarra e mi dirigo a tutta velocità ai parcheggi. Nessuno ha capito la mossa. Saltiamo giu di corsa e via su per le scale. Alla porta trovo Andrea, molto stupito di vedermi. Lo afferro e lo sollevo da terra, spalle contro il muro con una mano, nell’altra stringo il fedele siculo con la punta che gli solletica il collo. Sono davvero infuriato:

- se quando esco vedo ancora i tuoi capelloni di merda, torno indietro e ti assicuro che per ricucirti dovranno usare un ago da materassaio. –

gli sussurro all’orecchio con voce gelida. Di slancio lo getto lungo il corridoio facendolo ruzzolare per parecchi metri.   Me passata pure la vojia de vedè Valeria. Ammazza che stronzi! Quello scemo me guarda dar pavimento, tutto confuso:

- ma che dici Amedeo, quali amici mia? Quelli la fuori sono operai che stanno a fa sciopero, chi li conosce? –

ammazza che figura da chiodi. Corro a raccattarlo, e balbetto delle scuse.

- cerca de capì, ma quando vedo ste facce barbute perdo a ragione. Me poi scusà pe stavorta?–

l’amici mia me guardano allucinati, er secco sbotta disgustato, 

- mo jie domandi pure scusa, a spadì ma che te sei rincoglionito?-

l’altro rincara la dose

-ma si ch’è innamorato, annamosene che è mejio!-

- nu nve movete da qui che v’ammazzo.-

sibilo velenoso. Ar stecca gli allungo un deca

- vai a comprà un  mazzo de fiori. E sbrighete! –

si allontana brontolando 

- mo pure er reggimoccolo me tocca fa.-  

trovo Valeria più bella di come l’avevo lasciata la mattina. Porta ancora le fasciature, e la bacio volentieri, con trasporto e voglia. Lei sembra voler ricambiare ma è impedita dal corpo ancora dolorante.

– sei davvero bella –

le dico, mentre entra stecca coi fiori. Prendo il mazzo e glie lo porgo forse arrossendo un pochino; non sono abituato a ste smancerie.

- Tiè - le sparo lì - ti aiuteranno a guarire più in fretta. – grazie Amedeo, sono bellissimi -   mi dice baciandomi sulle labbra.  

Le chiedo - allora, cosa ti hanno detto i medici?

– domani torno a casa-

dice continuando a tenere in mano il mazzo di fiori

– allora ti vengo a prendere. –

dico contento come un bambino. Anche lei è felice, e mentre sto per andarmene mi chiede

-puoi accompagnare mio fratello a casa, è stanco morto poverino. –

i miei amici da fuori fanno evidenti segni di silenziosa protesta e questo mi fa sorridere quando rispondo

- certo amore mio.-

e poi rivolto al fratello

- annamo proletario, che stasera viaggi de lusso. - 

Ar secco gli tocca dietro, se ne stanno entrambi ognuno attaccato alla maniglia e si guardano in cagnesco. Io invece sono davvero contento, mi sento leggero e spensierato e viaggio con lo stereo otto a tutto volume  ascoltando canzoni degli Squallor.

Stecca se la ride, immaginando chissà cosa. Cerco di prevenirlo 

- è parecchio che me frulla nda capoccia n’idea nuova.

– e  de che se tratta? –

prendo la sigaretta che mi allunga incuriosito. Accendo all’accendisigari e fermo la macchina per far scendere Andrea. Anche lui si sente a disagio con noi fasci de merda e se la svigna in fretta e furia. Gli urlo dietro

- domani vado io a prenne tu sorella!- va bene- urla a sua volta salutando con la mano, ormai lontano. Riprendo il discorso 

- cio sapete chi è quello? –

racconto tutto ma nu fanno na piega. 

- a spadì, tu nun te senti bene. Non puoi fraternizzare col nemico. –

dice quasi scandalizzato er secco.

– e se ce stessero a fregà?-

domando e me guardano tutti e due attoniti

- mo che te sei messo in testa?-

domandano assieme,

-a di la verità non lo so neanche io.-

Provo a spiegarmi 

- sta storia dei nemici della democrazia me puzza, noi ce  ammazzamo de botte pe strada e questi fanno quello che gli pare. E’ ora de falla finita. Io me ritiro.-

sembra che glie casca er monno addosso. Stecca se ne esce con una bestemmia. Er secco sembra che ci à le traveggole

- non parli sul serio, il deputato te la farà pagare. E anche a noi.-

- ecco appunto, il deputato. Ci dobbiamo liberare di lui o nessuno di noi vivrà a lungo. –

la cosa comincia a cambiare aspetto.

–ci sto pensando da un mesetto, dobbiamo trovare il modo di incastrarlo. Meglio ancora se riusciamo a farlo fuori.-

- tu sei pazzo! Uccidere la fonte dei nostri guadagni.-

mi urla in faccia er secco, l’altro è in silenzio, sento quasi il rumore delle sue meningi.

– stai zitto cretino! Spadino ha ragione, se qualcuno parla, finiamo tutti dentro, l’ergastolo ci danno mica si scherza. Hai un piano? –

mi chiede serio. Sono sincero; - non ancora, non sarà facile farlo fesso. – finalmente er secco s’è acquietato, non si aspettava di essere aggredito dall’inseparabile amico.

- sentite dobbiamo iniziare a seguirlo, conoscere i suoi spostamenti e abitudini. –

mi precede nel dire stecca.

-Sono d’accordo, e dobbiamo trovare anche qualcuno di cui fidarci.-

È ancora presto ma sento l’abbozzo di un piano prendere forma nella mente.  I miei amici mi conoscono bene,  stecca mi stuzzica, per farmi sbottonare; 

- tu ce nascondi qualcosa  spadì. –

sbuffo soddisfatto.

- n’idea ce l’avrei. Lo famo fa fuori dai rossi. Lo vendiamo alla cricca di Andrea. So che sono in combutta con quelli di autop. Saranno felici di sapere chi ordina i boicottaggi alle loro belle manifestazioni proletarie.

– mi guardano sottecchi, er secco fa pure er gesto cor dito alla tempia. – parola mia sei ammattito sur serio.

- Riprende  pure a gridare,

- ma te senti che dici? Autop è uguale B.R. ci faranno tutti secchi altro che liberacce del deputato!- 

come dargli torto? La politica non è mai stata il mio forte, forse dovrei annà a pesca de ruelle merdose assieme a mi padre 

- era solo n’idea. –  ribatto mellifluo  - a secco, so stanco morto, è da ieri sera che non dormo. –

lui commenta acido:

- ecco bravo, vai a dormì che è meglio.-

Comunque non rinuncio al mio piano, devo solo studiarlo nei particolari. Meglio rischià d’esse fatto fori dagli estremisti rossi che continuà a servì il deputato.

 
 
 
Successivi »
 

DISTRAZIONE, IL RACCONTO A QUATTRO MANI

NASCE "DISTRAZIONE" IL RACCONTO A QUATTRO MANI, DALLA GENIALE INVENTIVA DI LOSCRIGNO10 E LUVIF.

SEGUITE GLI SVILUPPI E CERCATE DI CAPIRE QUALE DEI DUE ARTISTI DI VOLTA IN VOLTA INTERVIENE A DARE VITA AGLI INTRECCI DELLA TRAMA.

QUANDO VEDRETE RISTAGNARE L'OPERA, PUO' ESSERE CHE GLI AUTORI ACCETTINO SUGGERIMENTI, MA NON E' DETTO...

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lascrivanawoodenshipmax_6_66psicologiaforenseVolo_di_porporaViviana_Airiluvifbal_zactu.trimmerpoeta.72ninokenya1luciacastellastrong_passionsermagino
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

PRIMA RECENZIONE A PICCOLE PERLE

 
ScarpetteRosse.60 il 14/03/09 alle 17:24 via WEB
Bel libro, molto scorrevole. Quando lo inizi hai voglia di leggere tutte le storie, in ognuna ti pare di trovarti dentro e di viverla. Davvero bravo al mio amicone Nicoletta

 

IL BLOG SI RINNOVA

I° chiedo scusa per la moderazione; tranne le frasi offensive, pubblicherò tutte le risposte.

II° Via via sto eliminando quei post che mi sembrano superflui o non in tema con tutto il resto.

III° Non nascondo a nessuno che lo scopo di questo blog è di far conoscere a più gente possibile il mio libro "PICCOLE PERLE". Quale padre non è orgoglioso di mostrare al mondo intero il proprio figliolo?

IV° I post pubblicati su questo blog sono  l'aperitivo offerto dalla casa.

buona permanenza a tutti.