Creato da crustu il 13/07/2006

con le stelle

mi andava di rimanere qui..con alcune di loro..n'attimo de riposo..anche per me, nsomma.

 

glielo hai detto tu?

Post n°94 pubblicato il 07 Luglio 2016 da crustu

quando ha detto quella cosa, tipo che sono di granito, per aver resistito a tutte le cose che mi sono successe, insomma è tipo un complimento, mi ha visto in quel modo in cui mi vedevi te.

per un attimo ho voluto credere che gli avessi messo una mano sulla spalla e sussurato quelle parole nell'orecchio.

ho scelto una persona che ha fatto più o meno il tuo stesso percorso di formazione, ovviamente non è un caso.

insomma il fatto è che non c'è più nessuno che sa chi ero, tu dicevi che spaccavo il culo ai passeretti, poveri!!

però io un po' lo penso che un'altra al posto mio già se non si era già tolta la vita, si sarebbe alcolizzata,minimo.

credi l'alcool mi farebbe sentire meno dolore al volto? mi creerebbe solo più problemi, lo so.

per queste sono per le soluzioni definitive, per questo nell'attesa devo trovare i modi di resistere.

 

 

 
 
 

ciao cucciola

Post n°93 pubblicato il 03 Luglio 2016 da crustu

oggi è un giorno importante perché mio fratello pare aver detto che non ha più una madre e una sorella. e allora tu avresti detto:"perché avevi un fratello?!"

e infatti...

ma piuttosto volevo dirti che circa tre settimane fa mi sono fatta fregare il telefonino e ho rosicato perché avevo una foto di te e della tonta, l'amavo. vi guardavate sorridendo.

ho pianto tanto. e sai che novità. poi, mezzo miracolo.. gli iphone conservano le chat e ho recuperato tante foto, non quella, ma la seconda che amavo di te. solo che ho scoperto che non sorridevi come invece ricordavo.

ho una prigione nella testa, confini che non varco. e il dolore non mi dà tregua da più di venti giorni. se penso che non sentirò più il freddo dell'acqua del mare sui piedi..avevo anche un legnetto di spiaggia e non potrò recuperarlo. come gli esiliati sono gelosa di un sasso e di una brutta conchiglia.

ho come le sbarre e i chiavistelli, mi muovo in un perimetro, contenta se riesco a fare una cosa "qui e ora", dopo non lo so. prendo impegni se non comportano spesa o promesse con altre persone perché non so se posso mantenerle, ho pagato e non sono potuta andare.

vorrei bagnare i piedi nonostante il bruciore al viso, gli spilli nelle guance, l'aria di fuoco nelle narici, la lama nell'occhio, strappare i denti dal palato. vorrei entrare nel mare e

vorrei non tornare più 

 

 
 
 

niente titolo

Post n°92 pubblicato il 08 Giugno 2016 da crustu

non ho un titolo, non è mica una cosa positiva, non è un proclamo, il mio anzi è un reclamo, se potessi e tu mi sentissi, qualcuno mi sentisse lo urlerei.

sono peggiorata, e tu faresti la faccia e dire "ecerto, era ovvio."

però prima volevo dire che l'immagine sopra il sorriso di cri non c'è più come cri non c'è più, era il pupazzo di monster e co, l'avevamo uguale lei e io. il mio l'ho ancora, il suo lo stronzo l'avrà buttato, regalato, venduto, non lo so.

tanto cri non c'è più.

sono peggiorata perchè tu non ci sei più e io allora ho riprovato e così me la sono presa nel didietro per l'ennesima volta e mi sono vergognata tanto e ci sto male tanto e mi sono venuti di nuovo gli attacchi di panico.

perchè è così uno sta bene e l'altra sta male.una la lasciamo a zoppicare.

tu lo sapevi e hai deciso di prenderti tu cura di me, di darmi un posto al mondo, mi dicevi che avevo una casa, un posto, il mio posto, la mia stanza.

morendo tu, ho perso la famiglia, il posto, la cura.

mi vergogno di raccontare che mia madre e mio fratello (o cazzo li ho nominati) non hanno interesse per me.

mi vergogno tanto come se fosse colpa mia, un demerito, perchè se lo racconto per forza la gente deve pensare che abbia fatto qualcosa per non meritarmi il loro affetto, le loro attenzioni. invece no, soprattutto mia madre, più l'ho curata, coccolata, più non ha intenzione di muovere un dito per me.

fa un male boia, essere sempre stata seconda, così ha detto ieri la terapeuta, mi ha definita seconda e marginale fin dall'infanzia e caspita, ora capisco perchè sono stanca..

ed è come un fidanzato traditore, se lo perdoni sai che lo rifarà..

cri, sono stanca.

 

 
 
 

Ciao Cucciola

Post n°91 pubblicato il 26 Maggio 2016 da crustu

questa dottoressa non è male, certo non è la Coccolona, ma la situazione l'ha ben inquadrata anche lei.

Solo che ora... e ora ora solo che ora stiamo ora sto come sempre ora sto sola ora sola

senza di te io me la piglio in saccoccia.

perchè tu eri l'unica che avevi capito, tu eri l'unica comunque che ricambiavi la cura.

 

e io sbatto la testa come aldo millelire, te lo ricordi? ieri mentre guidavo ho pensato di chiudere gli occhi e lasciarmi andare ma sono due i motivi per cui li ho riaperti: il pensiero di fare del male a qualcun'altro e la canetta che è l'unica oggi che probabilmente ne morirebbe. Se invece ci fossi stata tu so l'avrei potuta lasciare a te, se ci fossi stata tu avresti "racattato" anche me.

ma sono come una calamita, ho la scritta "care giver" al neon in testa e non so di averla! Ho fatto la mediazione tra una signora sconosciuta e la donna che mi ha dato la tonta, per tutta la sera, stasera, che se te lo racconto commenteresti con un tuo "AH,CCHIA'!" sbuffato.

cioè dopo un'ora di terapia dove mi si ribadiscono concetti per cui mi sono (e mi hanno) rovinato la vita.. 

continuerò a pigliare le botte perché tu eri l'unica che mi cazziava e mi spronava a ribellarmi. Eri l'unica a sapere che mi piacciono i pop corn e la coppa del nonno, mi aspettavi per le coccole e per le chiacchiere, una volta qualche giorno fa, ho fatto finta che era un giorno che dovevo venire da te e ho riso con gli occhi, di nuovo, per un attimo.

 

 

 
 
 

in sogno

Post n°90 pubblicato il 21 Aprile 2016 da crustu

non è il primo sogno che ci sei.

stavolta eravamo su un muretto, in mezzo a una campagna,al verde e con il cielo azzurro e il sole e io ero contenta. proprio come ora che è primavera e penso che vorrei chiudere gli occhi e riposare la gesta ma che non posso, non posso più senza di te, che non potrò più perché i problemi sono troppi a tirarmi per le orecchie, i piedi e giocano a ping-pong dentro le tempie.

invece nel sogno chiudevo gli occhi e sorridevo perché ero con te. poi però cadeva una goccia e io non volevo andare via, così l'ho ignorata e così ho finito con il farti inzuppare tutta. infatti poi a casa tua, tuo marito si è arrabbiato, mentre tu hai minimizzato, ma io sapevo di aver sbagliato perché sei malata e non dovevo farti bagnare. in casa c'erano anche altri tuoi amici e il sogno finiva con te che stavi con loro.

Sai che ho chiamato la coccolona? è il mio filo con te, è pazzesco ma anche lei ha un dolore neuropatico e non mi può incontrare ma le ho parlato al telefono, è l'unica cisa che mi rimane di te ma è una cosa preziosa e non me la faccio togliere stavolta,cazzo.lui non può di certo perché lei sa bene che tipo è.

e sai...la "sorpresa" al compleanno" è arrivata, Cri, se tu fossi ancora viva...stigrandissimi..loro potrebbero fare come stracavolo gli pare, come hanno sempre fatto, che tanto io potevo fare a meno.

vienimi a prendere,Cri.

 

 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

         il sorriso di Chicca

 

    ciao sono il tuo mostro!

dedicato a Cri.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

psicologiaforensesim8simvirgola_dfPerturbabiIeElemento.Scostanteamorino11Sussurro.Lontanoio_brinail_pablolubopoPICCOLAVIOLETTA6DIVINO_INCANTOchristie_malrycrustumaresogno67