Stu Daily Sport News

Blog per l'approfondimento sportivo

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: stu21
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 33
Prov: EE
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

ULTIME VISITE AL BLOG

anna_cogeSbiruSbiruSbirujuliett.juliettneko26stu21DreamAndLove08magicaromasempreJuJuLeSsHopeAndDesiremilu09gano_di_maganza_88stefy86mnpanpanpiisotta_89mary87sa
 
 

 

Il Bronzo della discordia

Post n°236 pubblicato il 14 Agosto 2008 da stu21
Foto di stu21

Ebbene sì, l'8/8/08 alle 8 di sera sono iniziate le Olimpiadi, e dopo alcuni giorni di gara ecco arrivare la notizia giusta da inserire nel blog

Andrea Minguzzi vince la medaglia d'oro nella lotta greco-romana con uno splendido finale d'incontro, nel quale ha avuto la meglio dell'ungherese Zoltan Fodor, argento. Come consuetudine di questo sport, i due semifinalisti sconfitti vengono considerati entrambe terzi e quindi medaglia di bronzo (in sintesi non si disputa la "finalina" per il terzo posto). Ed è durante il cerimoniale di premiazione che avviene la cosa curiosa, l'atleta Svedese di origine Armena, Ara Abrahamian, una volta ricevuta la sua medaglia, si allontana dal podio, posa il bronzo al centro del campo di gara e se ne va, non sono chiari i motivi di tale gesto, probabilmente una protesta estrema contro l'arbitraggio, giudici rei di averlo "sfavorito" contro l'italiano in semifinale. Lamentele che paiono dettate più dall'amarezza dell'oro sfuggito che da un reale "torto" subito. A prescindere da questo rimane abbastanza grave il gesto, diametralmente opposto al tanto decantato spirito olimpico. C'è modo e modo per protestare (anche gli italiani della scherma avrebbero molto da dire), e questo appare il più sbagliato in assoluto, specie considerando quanta gente, nella fattispecie quanti lottatori, avrebbero voluto guadagnarsi quella medaglia dopo tanti sacrifici. Ai posteri (o meglio al Cio) l'ardua sentenza, si potrebbe sdramattizzare la cosa chiedendosi come si comporteranno i Cinesi di fronte a questo affronto ai loro rigidi protocolli di premiazione? che lo facciano sparire per punirlo?

in ogni caso sempre e comunque Forza AZZURRI

 
 
 

Arbitro ubriaco allontanato dal campo

Post n°235 pubblicato il 10 Luglio 2008 da stu21
Foto di stu21

Sergei Shmolik era completamente sbronzo durante la gara valida per il campionato locale tra Vitebsk e Naftan

Bielorussia - La storia del calcio si arricchisce di un aneddoto in più: Sergei Shmolik, l'arbitro bielorusso, sabato scorso è sceso in campo completamente sbronzo durante la partita valida per il campionato locale tra FC Vitebsk e FC Naftan, finita poi 1 a 1. All'inizio si pensava che Shmolik avesse un dolore alla schiena; il fischietto della Fifa è stato allontanato a fine gioco fuori dal campo dal quarto uomo, tra gli applausi e qualche fischio del pubblico.

SQUALIFICATO - Nel secondo tempo il 43enne direttore di gara ha cominciato a fischiare senza motivo e a dimenarsi nel centrocampo (da dove non si è praticamente quasi mai mosso) come se soffrisse di forti dolori alla schiena. I test in ospedale hanno invece rivelato che il suo strano comportamento era dato dall'alto tasso alcolemico. Ora sarà squalificato. Nella sua lunga, e fino a qui impeccabile carriera, Shmolik ha diretto, tra l'altro, anche Italia-Lituania (qualificazione ai Mondiali del 2002). Secondo quanto riportano i media russi l'arbitro aveva in corpo 2,6 milligrammi per litro di sangue. L'arbitro ha ammesso di aver voluto narcotizzare il mal di schiena, appunto, con una dose massiccia di alcolici.

 
 
 

GEMELLI

Post n°234 pubblicato il 17 Maggio 2008 da stu21
Foto di stu21

Da noi gemelli è un marchio granata. Sinonimo di Pulici e Graziani. In Germania i gemelli più famosi del calcio, forse, sono stati Karlheinz e Bernd Foerster: il primo, negli anni Ottanta, era lo stopper del Colonia e della nazionale, mentre il secondo era una mezza pippa che finiva quasi sempre in panchina. Ma erano (quasi) una goccia d’acqua tanto che, in una partita dei quarti di finale di coppa Uefa contro lo Stoccarda, uno prese il posto dell’altro. Ma, per non sprecare una sostituzione, ecco il trucco: Bernd, reduce da un infortunio, scambiò la maglia con il fratello e andò in panchina al posto del riposatissimo fratellino. Scambio di persona smascherato solo dopo la semifinale con l’Ipswich Town, con una squalifica dei fratelli Bernd.

tratto da: Gazzetta.it

 
 
 

Si presenta per un provinoe beffa tutti: spogliatoi ripuliti

Post n°233 pubblicato il 24 Aprile 2008 da stu21
Foto di stu21

GENOVA, 24 aprile 2008

Ha detto di chiamarsi Ismael, di essere francese e avere 18 anni. E ha chiesto di fare un provino per il Ventimiglia, città nella quale, sempre secondo l’aspirante calciatore, si sarebbe dovuto trasferire. Ha fatto quindi un allenamento con la giovanile, ed ha ben impressionato, tanto che all’allenatore della prima squadra, Fabrizio Gatti, è stato consigliato di vederlo. Detto, fatto, per il giovane appuntamento a martedì sera 22 aprile: allenamento con i grandi. Esercizi, e poi partitella. Durante la quale, però, Ismael, o come si chiama, cade a terra e lamenta dolore alla caviglia. Va quindi a fare la doccia. C’è chi dice che i calciatori del Ventimiglia, non fidandosi del nuovo arrivato, abbiano mandato un dirigente negli spogliatoi per sorvegliare tutto, ma fatto sta che Ismael, o come si chiama, è stato veloce, più veloce addirittura che sul campo da gioco: ha rubato, infatti, cellulari, portafogli e quello che ha trovato nelle tasche di coloro che avrebbero potuto diventare i suoi compagni. Ma soprattutto ha preso le chiavi di una Golf Gti, su cui è prontamente salito, dileguandosi.

Il tecnico del Ventimiglia ha dichiarato alle pagine web de Il Secolo XIX: «E’ stata una nostra disattenzione con un errore di gestione delle stanze adibite a spogliatoio, condite da un po’ di superficialità. Abbiamo denunciato il tutto alle forze dell’ordine ed ora ci auguriamo di scoprire qualcosa con le telecamere dell’autostrada, visto che pensiamo che il giovane abbia subito imboccato la A10, dopo il furto». Un peccato, anche perché alla penultima di campionato il Ventimiglia è sempre primo in classifica nel suo girone di Promozione ligure, a un punto di distanza dall’Argentina, la diretta inseguitrice. E domenica prossima l’ultima giornata. Con una Golf, qualche cellulare e un po’ di soldi in meno, ma tanta rabbia in più. La prossima volta, prima di fare un provino a qualche giovane promettente, francese o no, staranno molto più attenti, c’è da giurarlo.

tratto da "gazzetta.it"

beh che dire, per molti è una cosa scandalosa, ma non manca chi l'ha giudicata una vera e proria genialata, io per quanto possa disapprovare l'accaduto do il massimo rispetto a questo genio del male :p

- Stu -

 
 
 

Tifoso Red Sox maledice stadio Yankees

Post n°232 pubblicato il 15 Aprile 2008 da stu21
Foto di stu21

New York,

Una maglietta per maledire il nuovo stadio dei New York Yankees. Il New York Post svela un dettaglio relativo alla costruzione del nuovo impianto che, dal prossimo anno, ospitera' le gare casalinghe della piu' celebre squadra del baseball a stelle e strisce. Un operaio, tifoso dei Boston Red Sox, durante i lavori ha sepolto nel sito una maglia di David Ortiz, stella della formazione campione della MLB e acerrima rivale degli Yankees.
Il fan dei Red Sox, Gino Castignoli, ha confessato al 'Post' il 'sabotaggio' eseguito nell'unica giornata in cui ha lavorato al cantiere. I vertici degli Yankees hanno considerato l'ipotesi di non intervenire e di lasciare la maglia incriminata nella sua nicchia. Due operai, pero', non hanno avuto esitazioni. Hanno lavorato 5 ore per scavare un buco di 60 x 90 cm e, in un corridoio alle spalle di un locale che ospitera' un ristorante, hanno trovato la casacca. Maledizione scongiurata e guai in arrivo per Castignoli: secondo il quotidiano di New York, il tifoso dei Red Sox rischia di essere citato in giudizio.

tratto da: corriere dello sport.it

 
 
 

Ronnie Re dei ciccioni

Post n°231 pubblicato il 07 Aprile 2008 da stu21
Foto di stu21

I calciatori ciccioni? Una delle immagini più divertenti del football, almeno a dar retta a quelli del Sun che, con sottile perfidia, hanno stilato la Top ten dei campioni di ieri e di oggi, con problemi di girovita allargato e rotolini di ciccia sparsi qua e là. Doverosa premessa: nella classifica mancano stelle non esattamente filiformi come Paul Gascoigne (che ha già tanti guai di suo), Matt Le Tissier (leggenda del Southampton) e Mido (l’egiziano del Middlesbrough), ma i dieci che vengono citati hanno spesso litigato con la bilancia e non solo con quella.Un nome su tutti, che è poi anche il primo della lista, quello di Ronaldo, la cui pancia è lievitata di pari passo con i successi che ha raccolto nel mondo, anche se sono le ginocchia di cristallo ad averlo fatto (momentaneamente) fuori dai giochi. Secondo posto per William Foulke, stella di Sheffield United e Chelsea, che, pesando qualcosa come 150 chili a fine carriera, si meritò il soprannome di "fatty" ("grasso"), mentre un gradino sotto troviamo Micky Quinn, l’attaccante del Coventry le cui dimensioni "allargate" ispirarono il coro dei tifosi "E’ grasso, è rotondo e vale milioni di sterline – Micky Quinn, Micky Quinn", nonché il nickname di "Sumo", che non ha davvero bisogno di ulteriori spiegazioni.Altro campione internazionale in guerra da sempre con la sua massa grassa fu Ferenc Puskas, al quinto posto della classifica: l’ungherese venne preso dal Real Madrid malgrado fosse 18 chili sovrappeso, come lui stesso fece notare al club spagnolo, ma in campo non se ne accorse mai nessuno. Chi, invece, ebbe problemi a nascondere le sue straripanti grazie fu il numero 7 Neil Ruddock, ex difensore di Liverpool e Tottenham, altrimenti conosciuto come "Razor" ("rasoio"), che una volta non riuscì a trovare i pantaloncini della sua taglia perché chi lo aveva preceduto con quella stessa maglia aveva un vitino alla Kylie Minogue. Altra vecchia conoscenza del calcio (anche italiano) a comparire in elenco è Tomas Brolin, che si piazza in nona posizione: magro e tonico ai tempi di Parma, oltre che autentica macchina da gol della nazionale svedese, quando arrivò al Leeds era già la fotocopia grassa del giocatore di una volta e da allora è andato sempre più peggiorando. Chiude il conto John Hartson del West Ham, le cui oscillazioni di peso lo fecero assomigliare spesso a uno yo-yo.   

tratto da: gazzetta dello sport

 
 
 

Post N° 230

Post n°230 pubblicato il 28 Novembre 2007 da stu21
Foto di stu21

 
 
 

Post N° 229

Post n°229 pubblicato il 19 Settembre 2007 da stu21
Foto di stu21

...Mtt...

 
 
 

Post N° 228

Post n°228 pubblicato il 05 Luglio 2007 da sunny91
Foto di stu21

...Üñâ Ðô£çê Fâtîñâ Çhê ¶®ôtêggâ Qµê$tô ß£ôg...

*Marika*

 
 
 

Post N° 227

Post n°227 pubblicato il 17 Maggio 2007 da stu21
Foto di stu21

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: stu21
Data di creazione: 06/08/2005
 

COLLABORATORE

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

Ciao! Ti invito a visitare il Blog:...
Inviato da: scrivisulmioblog
il 05/05/2008 alle 23:59
 
^_^ come va? baciotti ^_^
Inviato da: sunny91
il 04/10/2007 alle 19:09
 
wow, che piacevole sorpresa, grazie marika ^_^
Inviato da: stu21
il 08/07/2007 alle 12:34
 
wellà mol ^_^ tante buone sacker
Inviato da: stu21
il 18/06/2007 alle 19:40
 
Angurie!
Inviato da: Moltke
il 17/06/2007 alle 21:16