Creato da: tempodirugby il 08/10/2008
__________ “Let’s have that damned rugby daily dose!” __________ Diario per appassionati a cura di Massimo Coppa Zenari

PER CONTATTARE
"TEMPO DI RUGBY"
Per messaggi, richieste
e collaborazioni:
tempodirugby@libero.it

 

JONNY WILKINSON

LIVING LEGEND
RECORDMAN DI PUNTI
REALIZZATI NELLA
STORIA DEL RUGBY
(e gioca ancora...)

 
 
 

ALL BLACKS

BENVENUTI ALL'INFERNO



 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ALESSANDRO TRONCON

NELLA STORIA

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

 

 
« Messaggio #444Messaggio #446 »

Post N° 445

Post n°445 pubblicato il 24 Novembre 2008 da tempodirugby

English Guinness Premiership
IL BATH RESTA AL COMANDO, SEGUE IL LONDON IRISH; TONFO DEGLI HARLEQUINS


Venerdì, sabato e domenica si è giocata la English Guinness Premiership. Anche qui, ed esattamente come per la settimana scorsa, valgono le considerazioni per il turno di Top 14 francese: assenti quasi tutti i giocatori impegnati nelle varie nazionali, la giornata di campionato viene ad essere totalmente falsata rispetto alle sue reali potenzialità, per cui i risultati e le performance devono essere assolutamente presi col beneficio dell’inventario…

Il succo del turno è che il Bath resta al comando, ma al secondo posto arriva il London Irish. Gli Harlequins, da che erano secondi, crollano in sesta posizione.


RIEPILOGO RISULTATI

Gloucester-Bristol 39-10

Worcester-Newcastle 26-11

Northampton-Bath 28-28

Leicester-Harlequins 27-14

London Irish-Saracens 27-14

London Wasps-Sale 12-13


CLASSIFICA

Bath 25

London Irish 23

Gloucester 22

Leicester 21

Sale e Harlequins 20

Saracens 16

Worcester 14

Northampton 11

Newcastle 9

London Wasps 8
Bristol 6


Clamoroso risultato di parità tra Northampton e Bath, che concludono 28 a 28. Chi se l’è vista peggio è stato il Bath, che solo alla fine del secondo tempo è riuscito a rimontare e ad agguantare per il rotto della cuffia un disperato pareggio, dopo essere stato in vantaggio per gran parte del match. Se il Northampton ha avuto in Myler un tiratore scelto infallibile, il sudafricano del Bath, Butch James, ha di nuovo ritrovato il suo talento per i calci piazzati, forse definitivamente archiviando qualche parentesi negativa di inizio stagione (in Heineken Cup, il Bath perse a Tolosa anche a causa di cinque punizioni sbagliate dal nazionale Springboks); e, la settimana scorsa, ancora Butch James realizzò in extremis una meta che valse al Bath la vittoria sul Leicester e la conservazione del primo posto…

Insomma, san James! Ma il resto della squadra? Ha lasciato alquanto a desiderare, ancora una volta, specie per una sorta di crollo avutosi nel secondo tempo. Sempre in attacco e sempre pericoloso, il Bath aveva chiuso il primo tempo in vantaggio per 21 a 13. Nella ripresa, i padroni di casa pareggiavano e poi passavano in vantaggio; ma il Bath salvava match e classifica con la meta di Faamatuainu.

Per il Northampton: mete di Diggin, Easter e Tonga’uiha; due trasformazioni, due punizioni ed un drop di Myler.

Per il Bath: mete di Cuthbert, Browne e Faamatuainu; due trasformazioni e tre punizioni di James.

Il London Irish ha battuto i Saracens per 27 a 14, conquistando il secondo posto. Alterna prestazione degli “esiliati irlandesi” di Londra, caratterizzata dai calci piazzati di Hewat e dalle due mete (delle quali la seconda risolutiva) di Tom Homer, un ragazzo di 18 anni che era al suo fulminante esordio. L’unica meta dei Saracens, che si sono difesi egregiamente fino alla fine del match (conducevano 11 a 8 alla fine del primo tempo, e di nuovo erano in vantaggio prima della decisiva rimonta dei padroni di casa), è stata firmata da Van Heerden, nazionale sudafricano campione del mondo 2007, alla sua prima partita in squadra dopo il recente acquisto.

Per il London Irish: due mete di Homer, una di Thorpe; quattro punizioni di Hewat.

Per i Saracens: meta di Van Heerden, tre punizioni di Jackson.

Il Gloucester liquida il Bristol per 39 a 10 ed agguanta il terzo posto in classifica, anche grazie al punto bonus agevolmente guadagnato. Missione facile, per i padroni di casa, impegnati con l’ultima in classifica: cinque mete la dicono lunga sullo svolgimento del match. Il primo tempo si chiudeva già sul 25 a 3, con quattro mete e punto bonus già assicurato.

Per il Gloucester: mete di Morgan, due di Baxton, una per Brown e Lamb; quattro trasformazioni, una punizione ed un drop di Lamb.

Per il Bristol: meta di Lemi, trasformazione di Barnes, punizione di Jarvis.

Il Leicester ha battuto gli Harlequins per 27 a 14. Primo tempo finito 20 a 9, i Tigers hanno dato vita ad una gagliarda prestazione nonostante le assenze dei propri nazionali e qualche infortunio. Di contro, partita veramente deludente per gli Harlequins, che sembravano l’ombra della settimana scorsa.

Per il Leicester: mete di Johne Murphy, Hougaard e Smith; tre trasformazioni e due punizioni di Smith.

Per gli Harlequins: meta di Brooker, tre punizioni di Evans.

Il Sale ha espugnato la Londra dei Wasps per 13 a 12. Partita letteralmente gettata via dai campioni in carica londinesi, penultimi in classifica. Il primo tempo era finito 12 a 6 per i padroni di casa, grazie a quattro punizioni di Walder. Secondo tempo noiosissimo, senza che nessuno marcasse punteggio; ma, a cinque minuti dalla fine, una meta di Cueto, con la trasformazione di Hodgson, regalava la vittoria agli Sharks.

Per i London Wasps: quattro punizioni di Walder.

Per i Sale Sharks: meta di Cueto, una trasformazione e due punizioni di Hodgson.

Il Worcester ha abbattuto il Newcastle per 26 a 11. Partita sostanzialmente noiosa e lenta, ricca di errori da entrambe le parti. Primo tempo finito 9 a 3 per i padroni di casa, nella ripresa il match si movimentava un poco, ma solo gli ultimi dieci minuti registravano il decollo del Worcester.

Per il Worcester: mete di Latham e Tuitupou; due trasformazioni e due punizioni di Crichton; una punizione di Matthew Jones, una punizione di Pennell.

Per il Newcastle: meta di Williams, due punizioni di Clegg.


(Fonti iconografiche:
1)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog