Community
 
teologo76
   
 
Creato da teologo76 il 19/12/2008
 

L'amore di Dio

Ricorda che per quanto tu possa avere commesso i più gravi peccati, Gesù è sempre pronto a perdonarti. Non esiste peccato che Dio non perdoni. Coraggio! Gli occhi di Dio, sono sempre fissi su di te, perchè ti ama. Vivi nella gioia, poichè Dio veglia su di te.

 

 

« EDUCATORE ED INSEGNANTENON LO SAPEVO... »

Celentano e san Remo

Post n°90 pubblicato il 19 Febbraio 2012 da teologo76

          

 

Ho letto le impressioni che molte persone  hanno scritto a proposito dello show di Celentano e devo ammettere che mi hanno un po' indispettito. Mi sembra che molte persone, non abbiano colto il senso del discordo del cantante e che molto di quello che ha detto, sia stato equivocato. Oggi seguivo, il commento del direttore dell'Avvenire su rai 1, intervistato da Giletti e da alcuni noti giornalisti e cantanti che difendevano il moleggiato, dalle accuse mosse dal direttore. Quest'ultimo, in più riprese, si è mostrato contrariato per le parole dette da Celentano sulla sua testata giornalistica, ma non ha colto lo spirito con cui erano state dette. Giletti e gli altri, hanno più volte ribadito quale fosse l'intenzione del famoso cantante, che non era quella di voler far chiudere il giornale, ma di rivedere i suoi contenuti. Mi sembra, che l'opnione pubblica, non abbia accettato la versione del Celentano predicatore. Certo, parlare di Gesù, sua una mittente pubblica come la Rai, può non essere gradito al pubblico italiano, tuttavia l'ignoranza di molti non ha limiti. Di Gesù, se ne parla anche in altre trasmissioni televisive, sulla Rai come per esempio " A sua immagine ", oppure " La via di Damasco " di sue eccellenza Mons. Giovanni Ercole, la messa domenicale con Angelus del Papa e così via ed ora ci si scandalizza perchè Celentano si è messo a predicare la verità di Gesù? E' vero che non ha peli sulla lingua e che dice quello che pensa, ma fa parte della sua indole. E' sempre stato così. Nessuno, ha inteso, che le sue erano solo delle provocazioni per mettere in discussione il contenuto di alcune testate giornalistiche italiane cattoliche, che purtroppo in alcune occasioni, hanno perso di vista le loro origini "esistenziali". Si sa che queste provocazioni, suscitano clamori e sospetti, ma nel contempo generano la possibilità di mettersi in discussione, di rivedere le proprie posizioni su certe idee, una possibilità per migliorarsi per migliorare e così via. Purtroppo l'orgoglio, impedisce di cogliere l'oltre delle parole, ci si ancora su se stessi, si è legati esageratamente all'amor proprio. La comunicazione non avviene. Ci si dimentica che la prima forma del linguaggio è l'ascolto, ossia liberare il proprio cuore dei pre-giudizi ed essere pronti all'accoglienza di ciò che ci viene presentato, poi in un secondo momento vagliare se la proposta è accettabile e considerata giusta al punto da farla propria. E' sbagliato rimanere fissi sulla proprie idee, ritenendole sempre e comunque in ogni circostanza indiscutibili. La crescita umana, avviene nello scambio e nel riconoscere che tutti possiamo sbagliare e che l'altro ci può arricchire, nella consapevolezza che l'altro è una ricchezza per me. La diversità conduce all'unità, ossia ciò che io non ho, lo possiede l'altro e viceversa. Un'ultima cosa, per confessare il proprio credo, non è necessario essere un sacerdote, un religioso consacrato o un teologo, ma essere un fervente cristiano. Ogni  cristiano, in virtù del battesimo è re, sacerdote e profeta, per cui investito di questa triplice missione, può annunciare  e proclmare Cristo a tutti. 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/teologo/trackback.php?msg=11082778

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 

       

 

              

Una candela per le anime del purgatorio. Le anime del purgatorio, traggono molto sollievo dall'ardere di una candela benedetta, in quanto costituisce per loro una sorte di luce in mezzo alle tenebre in cui si trovano, prima di andare in cielo ove vi è luce che è Dio stesso.

 

FACEBOOK

 
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20