Tramonti di Biassa

Parliamo di Tramonti, Biassa, La Spezia di Mario Cidale

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

 

Sensazioni di un nuovo amico

Post n°4 pubblicato il 30 Maggio 2013 da cidalone
 
Foto di cidalone

Quest'amico mi ha scritto una cosa bellissima, e non vuole che metta il suo nome.

Però credo sia giusto condividerla!

 

Ciao Mario,

sono XXXXX da Chiavari.

...seguo da molto tempo il tuo sito e il tuo blog,invidiando spesso chi come te è nato dalle tue parti...noi Liguri di cittàsiamo lontani anni luce dalla vostra realtà.

Sono riuscito a strappare un pezzo di terra ai suoceriper fare l'orto, qualche ulivo per l'olio...appena posso mi butto in mare acaccia di pesci con un preistorico fucilino...tutto bellissimo...ma qui siamopur sempre a Chiavari...non proprio l'emblema della ruralità da me tantoagognata!

Qualche volta mi sono fatto portare in barca da amicipescatori di Spezia nelle acque magiche tra il Ferale e il Grimaldo...ad ogniapnea riemergevo guardando in alto...sognando le fasce a picco sul mare sopradi me...immaginando il mio piccolo orto e uliveto chiavarese traslocato suquelle aspre scogliere...come un impossibile sogno nel cassetto. 

E' passato del tempo...insieme con amici del posto homesso su una bella azienda che funziona...ho avuto 3 bimbi...ho messo da partequalcosina per realizzare il mio sogno...

...ed eccoci al punto...

Te lo chiedo nella maniera più spontaneapossibile...tralasciando ogni possibile difficoltà economica e/o pratica:

vale ancora la pena, oggi, essere ospiti di Tramonti?entrare a far parte di questa terra (in punta di piedi ed umiltà...beninteso!)?

leggendo la tua rassegna stampa dalla Nazione la rispostapiù logica sembrerebbe "NO!"

frane, abbandono e degrado da parte delle istituzioni,divieti di ogni tipo per la vicinanza con il parco delle 5 terre, etc...

però ho ancora voglia di sognare un piccolo rustico inquel di Schiara o di Fossola...i loro muretti a secco da tenere in ordine, laloro terra da lavorare, il loro silenzio da imparare....

forse tra un paio d'anni avrò messo da parte la sommanecessaria...ma nel frattempo ti chiedo in tutta franchezza: è un sognorealizzabile? Oppure mi sono soltanto fatto ammaliare dai tuoi bellissimiracconti? C'è ancora speranza per Tramonti di ospitare nuovi "figli"?

Gli ho risposto che ci devo pensare bene, perché non si fregano gli amici.

Ciao

Mario

 

 
 
 

Pino Petruzzelli

Foto di cidalone

So benissimo che mi sono fatto vivo ben sei mesi dopo.
Perchè forse non c'era niente di importante, salvo che i cinghiali mi hanno rimangiato l'uva per il terzo anno consecutivo, abbattendo le barriere che avevo messo.
E anche perchè il vicino ha scordato il proprio cancello aperto.
Tutta fatica risparmiata: ho fatto un viaggio di meno con la corba in spalla.

Di buono c'è che circa un mese fa, in quel di Arcola, ho visto uno spettacolo di Pino Petruzzelli, nel quale parlava di vino. O meglio, di ciò che significa produrre vino. Il titolo dell'opera è "Io sono il mio lavoro - Storie di uomini e di vini" ed ha un testo spettacolare. Personalmente conoscevo Pino Petruzzelli solo di nome, essendo appassionato di teatro alla "Marco Paolini", ma non avevo mai avuto l'occasione di vederlo dal vivo.
Bene: l'ho visto e sentito, e mi è piaciuto. Nè tantissimo, nè ... niente. Mi è piaciuto in assoluto. Mi ha fatto stare con la bocca aperta un'ora e quando è sceso in mezzo a noi, gli ho chiesto come aveva fatto a raccontare così bene di quella cosa lì, senza essere mai stato a Tramonti.

Mi ha spiegato che si è fatto tutta la Liguria per due anni, studiando il lavoro dei vignaioli, più che quello dei produttori di vini, e allora gli detto che doveva vedere anche Tramonti perchè era una mancanza da colmare. E lui c'è venuto.

E' stato mio ospite domenica scorsa, il 14 ottobre. L'ho portato alla Fossola e al mare di Monesteroli. E non è più stato un ospite, ma è diventato un amico, perchè è entrato in un baleno a far parte del concetto "Tramonti".
Del resto è un artista, bravo e impegnato, e non poteva che essere così.

Mi piacerebbe che recitasse un suo pezzo sul palcoscenico offerto da Tramonti, per esempio, l'Angelo Custode, ma va bene anche in mezzo alla palestra nel verde dove due anni fa avevano fatto il concerto le fisarmoniche. Giuro che farò tutto il possibile per realizzare l'evento.

Magari gli faccio da apripista con i miei Sassi di Tramonti!

Cosa dite?! Mi sto allargando?!?

 
 
 

E' passato troppo tempo

Post n°2 pubblicato il 08 Aprile 2012 da cidalone
 
Foto di cidalone

Da che cosa?

Dal primo, unico e ultimo post.
Non è stata mancanza di volontà. Piuttosto una serie di contrattempi che ti fanno disamorare di quello che che stai costruendo. Per esempio: sei anni per avere il permesso di ristrutturazione, per scoprire che è scaduto e va rinnovato, e che occorre altra burocrazia perchè siamo in zona sismica.
Ragazzi, non stupiamoci: è ben nota la sismicità di Tramonti nella storia. Terremoti violenti che hanno fatto crollare ... ma forse mi sbaglio ... in realtà sono frane.
E allora cosa c'entra il terremoto? Nulla, ma è un bel sistema per rallentare l'attività di ristrutturazione e farne lievitare i costi.
Ben si sa che una casa costruita con tutti i crismi antisismici, resiste anche alle frane.
E solo chi dispone di molto denaro può accostarsi ad una ristrutturazione a Tramonti.

Perdonate questa vena polemica, ma per fortuna i lavori vanno avanti. Piano, ma avanzano.
Ci sarebbe piacituo illustrarveli su questo blog, ma non è stato possibile per altri spiacevoli motivi ch sono in fase di risoluzione.

Quindi la foto. E' un sasso che si trova alla Fossoa Sottana, sopra la frana, proprio sul muretto della vecchia casa di mia nonna materna.
Un sasso scolpito da mio zio. Ritrae un uccello immobile ma, come tutti gli uccelli, prontissimo a spiccare il volo per sfuggire alla sfiga.

Tramonti non può più spiccare il volo: è diventato terra di conquista delle amministrazioni che, invece di aiutare, mettono paletti quasi insormontabili.
Ma noi si. Il nostro volo può essere la riconquista del nostro territorio, che sempre più viene abbandonato.
Sono rimasto l'ultimo a coltivare alla Boccoa, laggiù in fondo, mentre il mio amico Andrea resta l'ultimo a coltivare nei Pezi Veci.  Guerreggiamo contro i cinghiali, ma sono giustamente fatti nostri. Nessuno ci obbliga.
Pensare che basterebbe pochissimo, un piccolo contributo da parte delle amministrazioni, consistente nel rifacimento dei sentieri e dei muretti senza che dobbiamo pensarci noi, a fare la domanda e per intanto spendere per il progetto (non ci credete? Per rifare il muretto a secco occorre tanto di progetto con firma del geometra!).
Dopodichè si ha un rimborso sui lavori del mitico 100%. Ma non sulle spese reali, ovviamente documentate. Si ha il 100% dell'importo calcolato dall'ente accertatore, ossia il Parco. E con tempi biblici.
Era meglio il CIDAF!

Ma basta polemiche, che tra l'altro lasciano il tempo che trovano, non essendo possibile nessun tipo di manovra contro certi poteri.
Va così, non c'è altro da fare.

Mario

 

 

 
 
 

La Nostra cantina della Fossola

Post n°1 pubblicato il 27 Marzo 2011 da cidalone
 
Foto di cidalone

La nostra cantina alla Fossola ha la terrazza in mezzo ai tetti. Una specie di trincea, tra la vita della campagna e quella della città, con tutto il mondo attorno. Sotto, lontano, il blu del mare, che sembra stare da tutt'altra parte, sganciato dalla  realtà che circonda. Tutt'attorno, altre cantine, campi lavorati e, purtroppo, altri abbanodnati a sè stessi. E poi i muretti a secco, mosaici di pietre che disegnano immagini: a volte facce, o mappe: basta saperli  decifrare.

Le scalee: alla Fossola che è rimasta, quella colonizzata, non vi sono gradinate verticali. La scalinata che dal piazzale conduce fino alla Chiesetta dell'Angelo Custode, pare una mulattiera, con gradini bassi a mosaico di sasso, la cui prima pietra, il capostipite, è un'opera d'arte stretta e lunga, che protegge ogni singolo pezzo del proprio mosaico.

Per riconciliarsi con la verticalità e la vertigine, è necessario spostarsi nella zona che non c'è più, sulla frana. Però ci resta dentro solo il senso della vertigine, mescolato con il dolore della sconfitta. La macchia mediterranea, non più guidata dalla mano buona dell'uomo, ha riprogettato il significato delle porzioni di scalinata che qua è la si intravedono ancora.L'elicottero dal terrazzino

Allora si deve cercare conforto più su, salire sul monte verso la Chiesetta di Sant'Antonio, recentemente conosciuta come Chiesa degli alpini. Su per quelle scale, la natura è stata a buona con noi, concedendoci il lusso del cuore in gola per la fatica e  per l'emozione del bello.

Nient'altro, e ci pare che basti.

Che strano e delizioso punto di osservazione e partenza, un terrazzino protetto dai tetti rossi. Che sono belli, perché osservati dal di dentro, che è ben di più che essere guardati dall'alto, durante la discesa per campi e cantine.

Dal di dentro si prende atto del gesto reale che i tetti compiono: essere guardati, studiati, ammirati. Bellissimi, tutti opere d'arte.

Protetti, dunque,all'interno di un mondo che, sotto i fili della luce e sferzato dal vento artificiale dell'elicottero, sta paurosamente cambiando destinazione e licenza d'uso.

Nient'altro. E ci pare che basti.

           Mario Cidale e Ava Casavecchia

 

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: cidalone
Data di creazione: 17/03/2011
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

augusta.bartolialexdovialginovaleria761gallisilviemacu75ITALIANOinATTESAGlOlAMIAsolemar_72Orgoglio.Fatalecidalonesspotorno1950venexianMarquisDeLaPhoenixferrarioretta
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom