Creato da trastevere1956 il 24/10/2008

T R A S T E V E R E

Musica e Poesia di Trastevere1956

 

 

buona domenica

Post n°305 pubblicato il 15 Novembre 2014 da trastevere1956

 

LETTERA PE' NA STELLA


C' ho messo cinquantanni pe trovà

chi co' dorcezza me da felicità,

Tu pure non sei stata fortunata

vivenno cò chi nun t'ha mai capita ...

Avemo appreso assieme sto viaggio,

tu piu frizzante e io facenno er saggio,

l'amore s'e' mostrato cosi presto

che pe sta 'nzieme bastava ogni pretesto,

certi momenti so stati cosi belli

che da sto core e' impossibbile levalli !!

Ma ce so cose ner passaggio su sto monno

che c'e' solo andata senza piu' ritorno...

E su quer treno purtroppo sei salita,

lasciannome da solo su sta vita ...

Ma stanne certa stella mia cometa

che quanno te raggiungo sulla meta,

staremo stretti stretti core a core

e nun ce separera' piu gnente....

Nemmeno Nostro Signore !!


TRASTEVERE 1956

 

 
 
 

La Vita

Post n°300 pubblicato il 30 Maggio 2010 da trastevere1956

 

 

 

 

LA VITA

* * * * *

La vita e’ qua cosa che e’ creata,

da na coppia felice e ‘nammorata...

Comincia tutto pe’ amore o pe’ diletto,

abbracci e baci e se conclude a letto!

In breve tempo er nostro facioleto,

se trova a naviga’ drento a un laghetto...

Er tempo passa, lo spazio s’e’ ristretto,

e nun c'entra piu’, mannaggia, er poveretto!

Ma pe’ fortuna ce sta na via d’uscita,

quattro strilletti e tutto il resto e’..

Vita!!

* * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 

FIJO DE TRESTEVERE

Post n°280 pubblicato il 16 Aprile 2010 da trastevere1956

 

FIJO DE TRESTEVERE 

* * * * *

Quanno so’ venuto ar monno me fu chiesto:

“ Che voi fa’ ? ”

 “ Voi scenne sulla tera o te trovi mejo qua ? ”.

 “ Lì ce trovi cose belle, ma puro tanta farzità…

nun so’ tutte rose e fiori e te tocca lavora’ ! ”.

Je risposi ar Padreterno:

“ ma si… fateme prova’ ! ”

 “ La fatica nun me sfianca, me ce posso abitua’…

L’amicizie me le scergo e…

 Prometto lealtà ! ”.

 “ Chiedo solo un gran piacere,

a voi Signore nostro re delle tere…

Come Nonno e Papà mio…

De Trestevere esse’ Fijo ! ”.

 * * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 

N' AMICO

Post n°270 pubblicato il 19 Marzo 2010 da trastevere1956

 

 

N’ AMICO

* * * * *  

 N’amico e’ quell’essere speciale

 che te cammina a fianco sia ner bene che ner male…

Te carezza er core no’ sconforto,

ridenno assieme a te si sei contento…

Nun guarda quanto e’ gonfio er portafojo,

te chiede solo amore senza ‘mbrojo ! 

Ma essenno cosa rara da trova’…

Tiettelo stretto..

Nun t’o’ fa scappa’!!

* * * * *

Trastevere 1956

 
 
 

L' AMORE ALL' IMPROVISO

Post n°260 pubblicato il 23 Febbraio 2010 da trastevere1956

 

 

L' AMORE ALL' IMPROVISO

* * * * *

 Basta 'ncrocià lo sguardo de na donna soridente,

 pè fa impazzì a n'Omo sia er core che la mente

 Te furmina er cervello co n'occhiata..

In dù secondi penzi..

 L' ho trovata !!

 Faresti carte farze pè quer viso..

 Nun ce so Santi..

E' amore all'improviso !!

* * * * * 

TRASTEVERE 1956

 
 
 

Er Primo Appuntamento

Post n°250 pubblicato il 31 Gennaio 2010 da trastevere1956

 

ER PRIMO APPUNTAMENTO

* * * * *

De matina me svejo presto presto,

un ber caffè, la barba e poi me vesto ..

ma la mia mente sta pronta gia a penzare,

a quell'incontro lì, sul litorale ..

Sarà nà bionda alta e un po arrogante,

oppure na gnappetta soridente?

Nun resta che parti pè annà a vedello,

prima che me fuma sto cervello!

Arivo finarmente sur piazzale,

che meravija! oggi è bello pure er mare ..

Me viene incontro na riccetta piccolina,

tutta tirata, un po agitata ma carina..

Me dai la mano, me chiedi come va?

Ma io già lo so... sarai l'Eternità!

* * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 

ER GIOCO DELL' AMORE

Post n°230 pubblicato il 27 Novembre 2009 da trastevere1956

 

 

ER GIOCO DELL'AMORE

 

Nascemo tutti quanti pe' l'amore,

che sia lungo, eterno o de 'n par d'ore...

Crescenno ce se beccheno inciamponi,

che te cambieno connotati e situazioni...

Ma si resisti e dai retta solo ar core,

poi sta sicuro che a trionfa' sara' l' Amore !!

TRASTEVERE 1956

 

 

 

 
 
 

L' INCONTRO CO' N' AMICO

Post n°220 pubblicato il 03 Novembre 2009 da trastevere1956

 

 

 

L' INCONTRO CO' N'AMICO

 

 

* * *

L’incontro co’ n’amico che nun vedi

dar tempo che in trestevere se girava a piedi,

me fa senti sto core smucinato

cercanno mille cose der passato.

Li ragazzini che giocaveno li n’ piazza

senza paure de certa gente pazza,

le porte delle case spalancate

indove amore e affetto ereno scontate,

certo la ricchezza nun era ner denaro

ma l’artruismo ce stava per davero.

Adesso e’ divenuta la casa do’ straniero

che nun ciò gnente contro so sincero

ma che ner tempo m’ha cambiato

er monno dove so’ orgojoso d’esse nato!

* * *

TRASTEVERE 1956

 

 

 

 
 
 

PE' TE AMORE

Post n°200 pubblicato il 18 Settembre 2009 da trastevere1956

 

 

PE' TE AMORE

* * * * *

Pe’ te che sei comparza all’improvviso

co’ tanta tenerezza e ‘m ber soriso…

E io sinceramente nun penzavo

che così presto de te me ‘namoravo!

Sei stata la sorpresa più gradita…

Hai dato un senzo novo a sta mi vita!

Allora dico, parlannote cor core…

Te amo tanto….meravijoso amore!

* * * * *

TRASTEVERE 1956

 

 
 
 

LETTERA PE' BABBO NATALE

Post n°190 pubblicato il 13 Luglio 2009 da trastevere1956

 

 

 

LETTERA PE’ BABBO NATALE

* * * * *

Da quanno che viaggio in questo monno..

Nun t’ho mai chiesto gnente d’eclatante,

forze perche’ vissuto in mezzo a pora gente..

Crescendo poi la vita e’ mijorata,

invece tu a fa’ sempre a solita sfacchinata..

‘E renne poveracce so vecchiette..

Ma so veloci ancora come le saette!

St’anno te chiedo solo na piccola cortesia..

Porta ste’ du righe a tutti l’amici mia,

con tanti Auguri,Affetto,e Simpatia!

* * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

Grazie Gianpiero

 

Il Tempo di Trastevere


 

Il Mitico Albertone

 
 

GRAZIE ANONIMA AMICA

* * * * *

La Mamma di Roma

 

* * * * *

Romeo er Gatto der Colosseo

 

* * * * *

Il Mio Ponte.. Fabricio

* * * * *

GRAZIE GIULY

 
Citazioni nei Blog Amici: 73
 

MATRICIANA

Il mio Piatto Preferito

 

PERCHE MATRICIANA E NON AMATRICIANA

* * *

Grandi discussioni sono sorte sul termine "Matriciana". C'è chi sostiene che la ricetta sia di Amatrice (da cui Amatriciana), e chi, invece, ritiene che si tratti di un piatto romano. In effetti, se si scava alla radice, si può notare come le differenze tra le due ricette siano notevoli: in bianco e senza cipolla ad Amatrice, con il sugo e la cipolla a Roma. La ricetta in realtà nasce a Roma, e sono gli abitanti di Amatrice a crearne una "copia" riveduta e corretta. Dice la tradizione che gli abitanti di Amatrice venivano a "svernare" a Roma, poichè il loro clima era molto rigido d'inverno. Non c'erano grandi simpatie tra i Romani e gli Amatriciani, tanto è vero che a Roma girava una battuta, un po' pesante, con la quale si sosteneva che "gli abitanti di amatrice non potevano essere concittadini di Ponzio Pilato, poichè lui si era lavato le mani, mentre loro non si lavavano neanche quelle!". L'origine del termine Matriciana è stato imputato a differenti motivazioni, che riportiamo di seguito:

1) (fondamentale) I pomodori usati per il sugo venivano conservati fin dai tempi dei Romani in speciali otri, o vasi, che in latino son detti "matara". D'altronde il "matraccio" e' a tutt'oggi un recipiente in vetro dal collo lungo che trova uso in chimica.

2) L'origine degli spaghetti alla "matriciana" si perde pero' nella notte dei tempi, quando ancora le sorti dell'umanita' erano rette dall' istituto del "matriarcato". Ed erano un piatto usato solo in riti molto particolari ch e si svolgevano durante il solstizio d'inverno tra i monti dell' alto Lazio; da cui i maschi erano non solo esclusi, ma del tutto all'oscuro.

3) Nel sugo, infine, aveva grande parte la "matricale", una pianta erbacea aromatica delle composite con infiorescenze a capolino, simili a piccole margherite, raccolte in corimbo. Il suo uso purtroppo e' ormai fuorimoda in questa brutta societa fastfood, ma la sua impronta e' rimasta incisa nel nome.

Stà di fatto che la "Matriciana" è una variante della cosiddetta "Gricia", ricetta degli antichi pastori romani (e non Amatriciani, visto che Amatrice ancora non esisteva...), fatta con guanciale e salsiccie a pezzi.

 

ALDONE NOSTRO

LA SUA MATRICIANA

* * *

Soffriggete in padella staggionata, cipolla, ojo, zenzero infocato, mezz'etto de guanciale affumicato e mezzo de pancetta arotolata. Ar punto che 'sta robba è rosolata, schizzatela d'aceto profumato e a fiamma viva, quanno è svaporato, mettete la conserva concentrata. Appresso er dado che jè dà sapore, li pommidori freschi San Marzano, co' un ciuffo de basilico pe' odore. E ammalappena er sugo fa l'occhietti, assieme a pecorino e parmigiano, conditece de prescia li spaghetti.