Creato da trastevere1956 il 24/10/2008

T R A S T E V E R E

Musica e Poesia di Trastevere1956

 

 

Saluti

Post n°301 pubblicato il 21 Settembre 2014 da trastevere1956

Un Caro saluto a tutti gli Amici Vecchi e Nuovi che Passano di qua :-)

 
 
 

CAPOLINEA! Buona Vita a Tutti :-)

Post n°300 pubblicato il 30 Maggio 2010 da trastevere1956

 

 

 

LA VITA

* * * * *

La vita e’ qua cosa che e’ creata,

da na coppia felice e ‘nammorata...

Comincia tutto pe’ amore o pe’ diletto,

abbracci e baci e se conclude a letto!

In breve tempo er nostro facioleto,

se trova a naviga’ drento a un laghetto...

Er tempo passa, lo spazio s’e’ ristretto,

e nun c'entra piu’, mannaggia, er poveretto!

Ma pe’ fortuna ce sta na via d’uscita,

quattro strilletti e tutto il resto e’..

Vita!!

* * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 

FIJO DE TRESTEVERE * * * Fiori Tresteverini

Post n°280 pubblicato il 16 Aprile 2010 da trastevere1956

FIJO DE TRESTEVERE 

* * * * *

Quanno so’ venuto ar monno me fu chiesto:

“ Che voi fa’ ? ”

 “ Voi scenne sulla tera o te trovi mejo qua ? ”.

 “ Lì ce trovi cose belle, ma puro tanta farzità…

nun so’ tutte rose e fiori e te tocca lavora’ ! ”.

Je risposi ar Padreterno:

“ ma si… fateme prova’ ! ”

 “ La fatica nun me sfianca, me ce posso abitua’…

L’amicizie me le scergo e…

 Prometto lealtà ! ”.

 “ Chiedo solo un gran piacere,

a voi Signore nostro re delle tere…

Come Nonno e Papà mio…

De Trestevere esse’ Fijo ! ”.

 * * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 

N' AMICO * * * Barcarolo Romano

Post n°270 pubblicato il 19 Marzo 2010 da trastevere1956

 

N’ AMICO

* * * * *  

 N’amico e’ quell’essere speciale

 che te cammina a fianco sia ner bene che ner male…

Te carezza er core no’ sconforto,

ridenno assieme a te si sei contento…

Nun guarda quanto e’ gonfio er portafojo,

te chiede solo amore senza ‘mbrojo ! 

Ma essenno cosa rara da trova’…

Tiettelo stretto..

Nun t’o’ fa scappa’!!

* * * * *

Trastevere 1956

 
 
 

L' AMORE ALL' IMPROVISO * * * Cento Campane

Post n°260 pubblicato il 23 Febbraio 2010 da trastevere1956

 

L' AMORE ALL' IMPROVISO

* * * * *

 Basta 'ncrocià lo sguardo de na donna soridente,

 pè fa impazzì a n'Omo sia er core che la mente

 Te furmina er cervello co n'occhiata..

In dù secondi penzi..

 L' ho trovata !!

 Faresti carte farze pè quer viso..

 Nun ce so Santi..

E' amore all'improviso !!

* * * * * 

TRASTEVERE 1956

 
 
 

ER PRIMO APPUNTAMENTO * * * La Romanina

Post n°250 pubblicato il 31 Gennaio 2010 da trastevere1956

 

ER PRIMO APPUNTAMENTO

* * * * *

De matina me svejo presto presto,

un ber caffè, la barba e poi me vesto ..

ma la mia mente sta pronta gia a penzare,

a quell'incontro lì, sul litorale ..

Sarà nà bionda alta e un po arrogante,

oppure na gnappetta soridente?

Nun resta che parti pè annà a vedello,

prima che me fuma sto cervello!

Arivo finarmente sur piazzale,

che meravija! oggi è bello pure er mare ..

Me viene incontro na riccetta piccolina,

tutta tirata, un po agitata ma carina..

Me dai la mano, me chiedi come va?

Ma io già lo so... sarai l'Eternità!

* * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 

ER GIOCO DELL' AMORE * * * Arivederci Roma

Post n°230 pubblicato il 27 Novembre 2009 da trastevere1956

 

ER GIOCO DELL'AMORE

Nascemo tutti quanti pe' l'amore,

che sia lungo, eterno o de 'n par d'ore...

Crescenno ce se beccheno inciamponi,

che te cambieno connotati e situazioni...

Ma si resisti e dai retta solo ar core,

poi sta sicuro che a trionfa' sara' l' Amore !!

TRASTEVERE 1956

 

 

 
 
 

L' INCONTRO CO' N' AMICO * * * Ciumachella de Trestevere

Post n°220 pubblicato il 03 Novembre 2009 da trastevere1956

 

 

L' INCONTRO CO' N'AMICO

 

 

* * *

L’incontro co’ n’amico che nun vedi

dar tempo che in trestevere se girava a piedi,

me fa senti sto core smucinato

cercanno mille cose der passato.

Li ragazzini che giocaveno li n’ piazza

senza paure de certa gente pazza,

le porte delle case spalancate

indove amore e affetto ereno scontate,

certo la ricchezza nun era ner denaro

ma l’artruismo ce stava per davero.

Adesso e’ divenuta la casa do’ straniero

che nun ciò gnente contro so sincero

ma che ner tempo m’ha cambiato

er monno dove so’ orgojoso d’esse nato!

* * *

TRASTEVERE 1956

 

 

 

 
 
 

LA SOCIETA DEI MAGNACCIONI

Post n°210 pubblicato il 12 Ottobre 2009 da trastevere1956

 

 
 
 

PE' TE AMORE * * * Roma nun fa la stupida stasera

Post n°200 pubblicato il 18 Settembre 2009 da trastevere1956

 

 

PE' TE AMORE

* * * * *

Pe’ te che sei comparza all’improvviso

co’ tanta tenerezza e ‘m ber soriso…

E io sinceramente nun penzavo

che così presto de te me ‘namoravo!

Sei stata la sorpresa più gradita…

Hai dato un senzo novo a sta mi vita!

Allora dico, parlannote cor core…

Te amo tanto….meravijoso amore!

* * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 

LETTERA PE' BABBO NATALE * * * Gira Gira

Post n°190 pubblicato il 13 Luglio 2009 da trastevere1956

 

 

LETTERA PE’ BABBO NATALE

* * * * *

Da quanno che viaggio in questo monno..

Nun t’ho mai chiesto gnente d’eclatante,

forze perche’ vissuto in mezzo a pora gente..

Crescendo poi la vita e’ mijorata,

invece tu a fa’ sempre a solita sfacchinata..

‘E renne poveracce so vecchiette..

Ma so veloci ancora come le saette!

St’anno te chiedo solo na piccola cortesia..

Porta ste’ du righe a tutti l’amici mia,

con tanti Auguri,Affetto,e Simpatia!

* * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 

Carozzella Romana

Post n°180 pubblicato il 19 Giugno 2009 da trastevere1956

 

 

 
 
 

VERRECCHIE ( Er Paesello Nostro) * * La gita a li Castelli ( Nanný )

Post n°170 pubblicato il 27 Maggio 2009 da trastevere1956

 

VERRECCHIE (Er Paesello Nostro)

 * * * * * 

C'avemo na' Cometa tra li monti, 

'ndo se 'ncontamo a Agosto tutti quanti

e quanno stamo inzieme in armonia,

sembramo veramente n'unica Famija...

St' aria frizzantina de Verecchie,

trasforma in Miss Italia le ranocchie !

Chi viene a ossiggenasse o a fasse 'n sonno,

capisce che sta a vive a n'arto Monno !

L'allegria sincera della gente,

te fa scorda i penzieri in un istante.

E pe' sta bene inzieme basta poco !

Damose na mano a spegne er foco...

Sto mucchio de Romani e un Milanese,

je vonno propio bene a sto Paese !

E co' l'aiuto de tutti quanti,

passamo tante sere divertenti...

La Piazza der Paese da ch'è nata

da tutte l'artre parti c'è invidiata !

C'ha na scaletta che je fa da palco,

qualunque Artista vie je pia n'ammanco...

La Chiesa sopra ar Monte è pitturata e

sembra la Regina da' vallata,

controlla co' li sguardi soridenti

li Regazzini che giocheno contenti...

Se voi riempi la panza in modo impertinente,

o vai dar Verecchiano o giù alla Fonte...

Ma pè smarti sta maggica magnata,

vai giu alla Gaia e te fa na bella passeggiata !

La vecchia scola sta a cambià mestiere,

vò diventà padrona delle sere,

invita a fa bardoria i villeggianti

co' sagre,giochi,cene, balli e canti...

Si poi te voi godè er fresco fino in fonno,

te vieni a mette a sede da Rolando,

se famo na bevuta in compagnia,

chiudenno la nottata in allegria...

C'è pure un probblemino si lo volemo dì,

ma lassamo perde penzamose a divertì !

 * * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 

ER NASONE DE ROMA

Post n°160 pubblicato il 04 Maggio 2009 da trastevere1956

 

 

ER NASONE

* * * * *

Nun credo che in tutto monno intero

ce sia un Romano oppure nò straniero

voi pè sete, voi pè devozione

che nun s’è inchinato na vorta...

Ar mitico Nasone!

* * * * *

TRASTEVERE 1956

 
 
 

CHITARRA ROMANA

Post n°150 pubblicato il 31 Marzo 2009 da trastevere1956

 
 
 

ARISORGE ER CRISTO RE * * * Pupo Bionno

Post n°140 pubblicato il 09 Marzo 2009 da trastevere1956
 

 

 

ARISORGE ER CRISTO RE

* * * * * 

 Quanno Pasqua sta a momenti

 famo largo ai sentimenti,

 che la vita ha rigalato

 a ogni omo quanno è nato…

Ma se famo spazio ar core

 pe’ donasse un po’ d’amore,

solo quanno chissà perché...

 Arisorge er Cristo Re !

* * * * *  

TRASTEVERE1956

 
 
 

L' ANNO NOVO * * * Lauretta

Post n°130 pubblicato il 16 Febbraio 2009 da trastevere1956
 

L’ANNO NOVO

* * * * * 

Ariva  l’anno novo, eccolo alle porte...

Chissa’ perche’ me sento gia’ piu’ forte !! 

Piu’ forte de sta vita disgraziata,

che ogni tanto me molla na mazzata !!

Ma co’ coraggio e tanta volonta’... 

So’ fiducioso pe’ l’anno che vera’!!

* * * * *

TRASTEVERE1956

 
 
 

SOR NATALE * * * Sora Menica

Post n°120 pubblicato il 22 Gennaio 2009 da trastevere1956

 

SOR NATALE

* * * * * 

Venite sor Natale, entrate pure..

Voi che portate ogn' anno tanto amore

e sete sempre stato de gran core,

pè questo che ve chiedo sto favore :

nun vojo brillanti,oro o un machinone!

Dovreste fa capì all'umanità,

le parole altruismo e lealtà...

Perchè solo cò l'affetto e l'amicizia,

se passa na gran festa Natalizia !

* * * * *

TRASTEVERE1956

 
 
 

Lella

Post n°110 pubblicato il 14 Gennaio 2009 da trastevere1956

 
 
 

VECCHIA ROMA

Post n°100 pubblicato il 14 Gennaio 2009 da trastevere1956
 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

Grazie Gianpiero

 

Il Tempo di Trastevere


 

Il Mitico Albertone

 
 

GRAZIE ANONIMA AMICA

* * * * *

La Mamma di Roma

 

* * * * *

Romeo er Gatto der Colosseo

 

* * * * *

Il Mio Ponte.. Fabricio

* * * * *

GRAZIE GIULY

 
Citazioni nei Blog Amici: 72
 

VACANZE VERECCHIANE

PURE PE' QUEST' ANNO SAI VENIMO SU IN VACANZA UN TRENO DE VALIGGE CHE ME STA A GIRA' LA TESTA

VERECCHIE SE STA A PREPARA' CE ST' ABBELLI' LA PIAZZA ARIVENO I ROMANI CHE CE FARANNO FESTA

CE STANNO TANTE MENTI MALSANE IN QUANTITA' CHE FANNO DE VERECCHIE NA VERA RARITA' !

QUALUNQUE FORESTIERO CHE SCOPRE STO PAESE CE PENZA DU' MINUTI E POI SE FERMA TUTTO UN MESE

SARANNO L'AMICIZIE CHE TE FAI VENENNO QUI CHE SI TE FERMI 'N ATTIMO NUN VOI PIU' RIPARTI'

I VILLEGGIANTI ABBITUE' SO RASSEGNATI TUTTI A SOPPORTA' PE 'N MESE ORMAI STA MANICA DE MATTI

IL NOSTRO PRESIDENTE POI CE VIE' DA SAN PELINO MANCAVA SOLO LUI QUASSU' PE' FA UN PO DE CASINO

CE STANNO TANTE MENTI MALSANE IN QUANTITA' CHE FANNO DE VERECCHIE NA VERA RARITA' !!

 

AL MIO AMICO ARMANDO

ARMANDO REMIX

* * *

CERCHI VERECCHIE TUTTO L' ANNO E ALL' IMPROVISO ECCOLO QUA SCENDI AL BIJARDO DA ROLANDO E NA SPACCATA VORESTI FA C'E' DONATELLA CHE S' ARABBIA PERCHE' VOREBBE SEMPRE BALLA’ ARMANDO … ER POMERIGGIO E' TROPPO LUNGO E TRISTE PE TE T’ ACCORGI CHE NU RIESCI A VINCE GNENTE SENZA DE ME E ALLORA IO GUASI GUASI TE DOMANNO ARMANDO ? CHE VIENI A FA ? ER TEMPO DELLE SPACCATE E' ORMAI PASSATO E NU RITORNERA' CERCHI ‘N POLLETTO DA SPENNARE MA SEI DA SOLO SEMPRE A PAGA’ L'UNO E' PARTITA PER LE SPONDE E SEI DA SOLO SEMPRE A GIOCA SENTI FISCHIARE LE PALLETTE MA SOLO A BIANCA SE VA' A ‘MBUCA’ ARMANDO … ER POMERIGGIO E' TROPPO LUNGO E TRISTE PE TE T’ ACCORGI CHE NU RIESCI A VINCE GNENTE SENZA DE ME E ALLORA IO GUASI GUASI TE DOMANNO ARMANDO ? CHE VIENI A FA ? ER TEMPO DELLE SPACCATE E' ORMAI PASSATO E NU RITORNERA' SENTI ER CONSIJO DE N’ AMICO CHE NUN SOPPORTA VEDETTE LA COME UN GUERIERO AFFATICATO CO’ STO BIIJARDO A LITIGA’ PRENDI PE’ MANO LA TUA DONNA E VERSO ER FIUME VA A PASSEGGIA’ ARMANDO… ER POMERIGGIO E' TROPPO LUNGO E TRISTE PE TE T’ ACCORGI CHE NU RIESCI A VINCE GNENTE SENZA DE ME E ALLORA IO GUASI GUASI STO PENSANNO ARMANDO ! NUN DISPERA’! IN FONDO MO’ C’HAI LA SALSA E DONATELLA CHE POTRA BALLA’…

 

LA SALSA...

 

Una sera che stavamo da Rolando ce n’ereno sett’ otto c’annaveno a a ballà Io li guardo co’ un po d’insofferenza già sento mar de panza, e Armando che me fa… Guarda che bella la salsa Guarda che forte sta mossa tutti quanti izieme inturcinati a sartellà daje che poi se ’mparamo intanto er tormento comincia manco un minuto pe potesse riposà guarda st’inverno c’ annamo vedo Milena ballà Ma chi cazzo mò fa fa??? Piano piano arivamo verzo Ottobre stasera se comincia, annamoce a provà C’è Roberto che me sembra n’ orzo stanco Andrea basta guardallo, che ne parlamo a fa C’è Donatella che sbuffa Ce st’Annarita che strilla mentre Maurizio s’è riuscito a incastrà Poro Michele che ce prova Qui nun annamo lontano manco quattro passi tutti insieme stamo a fa Fossimo un poco ‘mbranati Qui la domanda ce sta… Ma chi cazzo mo fa fa ? Ma chi cazzo mo fa fa ? Ogni sera che ritorna sto gran ballo Riecco sto tormento, me possino ammazzà C’è Annarella che s’abbraccia Mauretto Ma ar primo mezzo giro cominceno a ‘nciampa Guardate alba che sgomma Ecco Stefania che casca Ha fatto bene Pino che se annato a operà E de Rossella che dimo ? Ne indovinasse mai uno ! Pure Angeletta piano piano sta a sbroccà Mentre Michele c’accoppia Io me metto a penzà Ma chi cazzo mo fa fa ? Ma chi cazzo mo fa fa ? Guarda che bella la salsa Guarda che forte sta mossa tutti quanti insieme cominciamo a ballicchià anche se famo matina mica ce mena nessuno tanto pe sta insieme un po de tutto se po fa anche se semo ingessati E na risata ce sta Cominciamo a salseggià…

 

MATRICIANA

Il mio Piatto Preferito

 

PERCHE MATRICIANA E NON AMATRICIANA

* * *

Grandi discussioni sono sorte sul termine "Matriciana". C'è chi sostiene che la ricetta sia di Amatrice (da cui Amatriciana), e chi, invece, ritiene che si tratti di un piatto romano. In effetti, se si scava alla radice, si può notare come le differenze tra le due ricette siano notevoli: in bianco e senza cipolla ad Amatrice, con il sugo e la cipolla a Roma. La ricetta in realtà nasce a Roma, e sono gli abitanti di Amatrice a crearne una "copia" riveduta e corretta. Dice la tradizione che gli abitanti di Amatrice venivano a "svernare" a Roma, poichè il loro clima era molto rigido d'inverno. Non c'erano grandi simpatie tra i Romani e gli Amatriciani, tanto è vero che a Roma girava una battuta, un po' pesante, con la quale si sosteneva che "gli abitanti di amatrice non potevano essere concittadini di Ponzio Pilato, poichè lui si era lavato le mani, mentre loro non si lavavano neanche quelle!". L'origine del termine Matriciana è stato imputato a differenti motivazioni, che riportiamo di seguito:

1) (fondamentale) I pomodori usati per il sugo venivano conservati fin dai tempi dei Romani in speciali otri, o vasi, che in latino son detti "matara". D'altronde il "matraccio" e' a tutt'oggi un recipiente in vetro dal collo lungo che trova uso in chimica.

2) L'origine degli spaghetti alla "matriciana" si perde pero' nella notte dei tempi, quando ancora le sorti dell'umanita' erano rette dall' istituto del "matriarcato". Ed erano un piatto usato solo in riti molto particolari ch e si svolgevano durante il solstizio d'inverno tra i monti dell' alto Lazio; da cui i maschi erano non solo esclusi, ma del tutto all'oscuro.

3) Nel sugo, infine, aveva grande parte la "matricale", una pianta erbacea aromatica delle composite con infiorescenze a capolino, simili a piccole margherite, raccolte in corimbo. Il suo uso purtroppo e' ormai fuorimoda in questa brutta societa fastfood, ma la sua impronta e' rimasta incisa nel nome.

Stà di fatto che la "Matriciana" è una variante della cosiddetta "Gricia", ricetta degli antichi pastori romani (e non Amatriciani, visto che Amatrice ancora non esisteva...), fatta con guanciale e salsiccie a pezzi.

 

ALDONE NOSTRO

LA SUA MATRICIANA

* * *

Soffriggete in padella staggionata, cipolla, ojo, zenzero infocato, mezz'etto de guanciale affumicato e mezzo de pancetta arotolata. Ar punto che 'sta robba è rosolata, schizzatela d'aceto profumato e a fiamma viva, quanno è svaporato, mettete la conserva concentrata. Appresso er dado che jè dà sapore, li pommidori freschi San Marzano, co' un ciuffo de basilico pe' odore. E ammalappena er sugo fa l'occhietti, assieme a pecorino e parmigiano, conditece de prescia li spaghetti.

 

ALL' AMICO DANTE


MASCHERINA

* * *

L'UNICO GRANDE SCACCIATOR E'MASCHERINA..

E' MASCHERINA..

TIRA LA PALLA CON FUROR..

E MASCHERINA SCACCIA ANCOR

MASCHERINA, MASCHERINA MASCHERINA

SPACCIATOR

MASCHERINA MASCHERINA,

PIAZZA LA PALLA POR FAVOR...

SE VEDI LA CANOTTA COMPARIR

E' MASCHERINA ,E' MASCHERINA..

LA PALLA CON FEROCIA SA COLPIR

E PER LE TERRE LA FA FINIR MASCHERINA, MASCHERINA, MASCHERINA

SA FERIR

MASCHERINA,MASCHERINA, MASCHERINA

SCACCIATOR

LA PANZA SULLA SPONDA SA POGGIAR

SOFFRE LA SPONDA, SOFFRE LA SPONDA  LA PANZA SULLA SPONDA SA POGGIAR

ED IL BIGLIARDO FA TREMAR  MASCHERINA, MASCHERINA

TORNA ALLE CARTE POR FAVOR MASCHERINA,

MASCHERINA TORNA ALLE CARTE POR FAVOR

MASCHERINA!!!!!!!!!

 

Amichevolmente da...

Roberto, Enrico, Lino e Fabrizio