Blog
Un blog creato da Oreste_contadino il 02/10/2007

Viva la campagna!

Isso è lo blog de Oreste, lo contadino onestissimo de la campagna sua.

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 

Foto de Uggiosamai
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/uggiosamai/

 

Foto de Lorenzo T.
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/lorenzo_t/

 

Foto di fataetoile /Cinzia
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/cinziarizzo/

 

Foto de Paride63
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/paride63/

 

 

Puzzotto l'eroe de lo maro

Post n°19 pubblicato il 09 Agosto 2008 da Oreste_contadino
 

Lo maro alla famiglia mia gliè sempre piaciuto no sacco. Me ricordo che a lo poro nonnetto mio quanno arivava l’estate me svegliava all’alba pe portamme lemme lemme alla spiaggia de Ostia perché me diceva che era tutta n’artra cosa vedè er paesaggio senza tanti strunzi in carzoncini corti che se davano l’arie da principi in mezzo a certe femmine co’li costumi tarmente stretti da faje uscì de fori na zinna e mezza.
Certo era raro che c’annavo co’lui. Nonnetta se infervorava tutta se nun pijavo lo pulman co’lei e mamma, pe’conquistà no posto ar sole caldo. Così me toccava, pe nun fa dispiacè a nissuno, annà prima co’nonnino e poi co le femmine de casa. Na faticata tristissima. Arivavo a la sera che nun je la facevo manco a magnà pe quanto ero assonnolito.
Mo no poco de giorni addietro so venuti da Frosinone certi parenti nostri pe passà le vacanze co’noi. Zio Pierone, grosso come no melone. Zia Pierina, piccolina piccolina. E poi lo cuginetto Pieretto, così sicco che appena sceso da la macchina na botta de vento se l’è portato via pe armeno du’chilometri boni. Pe fortuna ci stava Puzzotto mio, sempre no sacco coraggioso e sempre pronto alle iniziative. È corso tutto sudaticcio pe lo callo, s’è arrampicato sull’olivo e l’ha ripijato pronto. Gli zietti se so commossi tantissimo e puro lo bimbo nun sapeva come ringrazià. Lo mattino semo andati tutti alla spiaggia. Ci stava ancora na brezzarella fortina e siccome Pieretto se la rischiava je semo messo dentro a le tasche de lo costume no paio de sassoni pe tennello a tera. Ci stavano onde enormissime. Certi cavalloni da rimanecce secco a guardalli. Però siccome il sole bacia i belli e nonnina me dice inorgoglita “quanto si bello Oreste mio”, è uscito fori e l’aria s’è data na carmata. Semo subito approfittato de la questione e avemo fatto lo bagno notando lontani da la riva.  An certo punto il cuginetto zompettava sul bagna sciuga perché voleva venì inzieme a me e al papetto. Io stavo pe tuffanne ma Pierone ha iniziato a urlaje de galleggià ne la direzione per dove stavamo noi. Forza forza, movi le braccia, movi le gambe e lo piccino je dava retta tutto infervorato, però nun è che avanzava de molto anzi, pe’colpa de li sassoni che nun s’era levati, ha iniziato ad annà giù giù. Lo padre suo nun se voleva arrenne e je continuava a gridà de movese fino a quando semo visto solo lo braccino sicco sicco che s’agitava. Inzomma se stava affondà. Fortuna che so insegnato a Puzzottino mio a sta a galla. S’è lanciato come no missile supersonico dall’asciugamanetto suo e ha portato in salvo lo bambinello no poco spaventatello a vedesse tutta quell’acquona sopra. Nun ve potete immaginà quanta gente s’è avvicinata presa da lo maialino mio. C’era chi diveva de avè visto no miracolo de la natura, chi se lo baciava alla bocca perché diceva si na cosa da sacralizzà e chi glià pure regalato la maglietta de lo bagnino. Puzzottino s’è sentito molto soddisfatto dell’operazione e mo vole annà al mare in continuazione pe’aiutà a le persone in difficoltà. Cià proprio no core grande!

Foto di Ehvvivi!
http://www.flickr.com/photos/ehvvivi/

 

 
 
 

L'abetello de Natale

Post n°18 pubblicato il 11 Dicembre 2007 da Oreste_contadino
 
Tag: Natale

Mo che s'avvicinano le feste de Natale semo tutti no sacco impegnatissimi pe annà a mette li nastroni sbriluccicanti no poco qua e no poco de là. Dovete da sapè che no sacco de anni fa, quanno era ancora vivo lo poro nonnetto mio e io ero no piccoletto de quarche anno, a lo otto de dicembre annavamo a coglie lo albero pe mettecelo dentro casa e decorallo co le palline e artre cosette che mammina e nonna Peppina preparavano co le mani loro. Nun volevamo mai usà no abete fintissimo puro, perchè nonnina voleva solo vedè dentro casa piante vere e quanno na vorta papetto portò na stella rossa de stoffetta, sè ritrovato co quella cosa messa ne la capa e pe riuscì a levagliela semo dovuto chiede aiuto a li pompieri che proprio nun ne voleva sapè de sfilasse. Papetto cià sempre avuto na testa no sacco grossolana e quindi lo vasetto co la terra je s'era incastronito propeta bene. Da quer giorno tristissimo avemo deciso che era meglio mette a coltivà puro no pezzo de tereno co li abetelli e nonnina felice de sta decisione me disse: "Oreste mio mo che c'avemo le cosette veritiere te imparo comme se imbellisce!". E infatti me imparò a mette li biscottini co lo gancetto dietro pe fallo regge a li rami, le pallette colorate, lo puntale. Era tutto molto caloroso. Poi no anno difficoltoso pe le piogge la coltivazione annò a fasse benedì e puro se c'avevamo riprovato a piantalli li abetelli nun so voluti più spuntà. Nun ve dico li pianti de nonnina mia che nun se riusciva a da pace. Era tarmente disperata che pe lutto ce ordinò de nun fa più l'albero pe armeno cinque anni, ma poi pe fortuna mammina je ha fatto cambià idea che manco pe nonnino, quanno lo Tevere se lo ingoiò, se tenne lo nero in faccia pe no tempo così longo! Alora semo annati a pijà le piante da lo vivaio ma poi quello, porello, na mattina penzò bene de rimordernà tutta la serra. Se mise a spostà li alberi de fronte a l'entrata e poi a salì sopra la scaletta pe fissà lo puntale a la pianta sua che era la più grande e la più bella. Mo sto vivaio era, poro lui, sicco sicco comme na carruba rinsicchita e su madre je diceva sempre "Marietto Marietto magnà no poco de più chi si nun te ingrassi poi va a finì che co no soffio de vento me te voli via!". Li genitori c'hanno sempre ragione e uno li deve da ascoltà co attenzione se nun vole fa na fine bruttissima. Marietto però, che se chiamava a così perchè appunto era no fuscellino, teneva no carattere ribellioso e de ingozzasse nun j'annava mai. Alora quer giorno tristissimo mentre stava a fissà lo puntale ultimo, sentì soffià prima na leggera brezzarella e doppo no ventone fortissimo che purtroppo se lo trascinò via, lontano lontano. Quanno la mamma sua lo vide volà sopra la testa je gridò tutta infervorata: "Marietto andò vai? Torna qua!", ma lo fijo nun poteva da sentì in mezzo a la tempesta. Nissuno lo vide più, anche se quarche duno ci ha riferito de avello notato passà sopra lo tetto de casa sua, come supermenne. Quindi lo vivaio pe sto fatto dolorosissimo chiuse e noi nun ce semo potuti più annà. Penzavamo de avè perso le speranze de fa lo abetello quest'anno, ma nonnetta Peppina che è na donna impraticata, ha trovato subito la soluzione. Cioè ha cucito pe me, papetto e Puzzotto, tre sacchettini niri niri e ce li ha fatti mette su la capa pe fa li ladroni. Infatti Diego Lo Zinnone, tiene no giardinello pieno pieno de alberoni. Ier notte se semo infilati sotto lo recinto piano piano e avemo sdradicato lo abete più bellissimo in assoluto. Solo che era no sacco pesante. Nun ve dico la fatica che semo fatta pe trascinasselo via, puro lo maialino mio ci ha dovuto da na zampina, mettendose no pezzo de aghi su la groppetta sua. Così lo avemo portato a casetta co Puzzottino che piagneva perchè li aghetti je s'erano infilati dentro a lo sederino e  so dovuto intervenì co le pinze pe levaglieli che sennò nun poteva manco più annà a fa le cosette sue che je facevano da tappetto.
Nonnetta e mammina hanno decorato l'albero tutte orgogliosissime, so pure riuscite a taglià na parte de tetto pe fallo uscì de fori che sennò era troppo enorme pe restà dentro a la cucina nostra! Mo se passate co le machine da le parti do stamo noi, se vede in lontananza la stella de la punta de isso! No spettacolo che nun ve potete da perde, parola de Oreste vostro!

Foto di TangOblivion
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/tangoblivion/

 
 
 

Li tizzoni ardimentosi

Post n°13 pubblicato il 13 Novembre 2007 da Oreste_contadino
 

Quanno ariva lo autunno mi padre se infervora tutto quanto perchè je piace no sacco stassene davanti a lo camino a magnà le castagnette che mi nonna se mette a cucinà su lo foco. E' na tradizione de la famija nostra e puro co nonnetto mio, quando io ero na creaturella piccola de pochi anni, se portava lo legname dentro a la cucina e se buttava dentro a lo camino pe preparà la robba. Nonnino era proprio bravo a fa le cose e nissuno se poteva permette de dije "levate che ce penzo io" perchè lui se imbruniva tutto su la facia, che se faceva quasi de blu, e na vorta che lo poro Puzzotto mio je se mise in mezzo a le gambe pe cercà no posto de calore che sentiva no sacco friddu, se ritrovò co no tizzone ancora fuminoso su la capoccia che je bruciava tarmente tanto che puro oggi se uno ce fa caso cià no cerchietto senza li peli su no pezzetto de schiena. Lo maialino mio è rimasto no sacco tramutizzato da sta cosa e quindi mo ogni vorta che vede lo foco je vè da piagne tanto. Comunque mo lo compito de da foco se l'è pijato mi padre, ma nun è mai troppo praticizzato e infatti mi madre nun voleva che ci si metteva a fare la braciona, ma nun è stata sentita manco pe gnente. Nonna Peppina sè messa a tajà le castagnette co no coltelletto fino fino e tarmente grosso che me pareva la pala che usamo pe levà lo letame da le stalle e papetto sè messo a trafficà pe no sacco de tempo co lo camino che diceva che la canna fumarola nun annava pe niente bbene perchè nun usciva de fori lo fumone che se stava a formà dentro a la cucina. Peppinella nostra je urlava de soffià e de soffià ma padrumo nun capiva mica tanto che doveva da fa e alora ha sventolato lo foco co lo giornale de carta, solo che lo giornale dopo no minuto s'è 'ncediato e è finito inzieme a la legna ardentosa e lo fummo cresceva cresceva che dentro casa pareva che ci era nata la nebbiona de la alba. Nonnetta che nun cià pe gnente pazienza ha iniziato a move da na parte e da nartra lo cortello e a dì a papetto che era no rammolito e nun sapeva fa na cosa fatta bbene e papetto che piagneva tutto infervorato a rispondeje che si lei se imparava a fa li cavoli sua lui se sarebbe imparato a fa mezza cosa comme se doveva. Inzomma momenti veramente tristissimi. Io nun sapevo che fa e manco mammina che alla fine pe dà no tajo a la litigata buttò dentro a lo foco lo cortellone de nonna, le castagnette, li giornali e puro na sedia che era no poco vecchia e visto che ce se trovava penzò de levalla de mezzo visto che papà nun je la faceva mai toccà che je era na cifra affezionatissimo. Nun ce potete crede che casinone sè scatenato dopo sta azione. Lo camino ha fatto no rumore stranissimo come quelo de no tossone catarroso e poi lo foco è diventato no focone tarmente ma tarmente grosso che è uscito tutto quanto fori e alora papetto che piagneva ancora de più a dì a mammina "Assuntina che ti si messa ne la capa? Mo ce incendiamo comme li tizzoni!", pijò la pompa de la acqua e da vero eroino la buttò sopra le fiammone e mentre la fiammona bruciacchiava no poco de mobili, bruciacchiò puro no brandello de culo de papetto mio che porello nun se poteva da scanzà perchè si no se incendiava tutto se smetteva de fa lo dovere de capo famija. E alora co i lacrimoni lo sentivo gridà "Aio! Aio me se stanno a brucià le chiappone! Fate caccosa scelerati!", io che ero veramente preoccupatissimo che je veniva lo sedere rossone ho seguito lo consiglio de nonnina mia che è na donna praticizzata e gli ho tirato sopra lo punto incriminato la pala pe spegne la fiamma. Daje na botta dajene nartra lo foco sè spensciuto puro dentro a lo camino e meno male perchè la pompa nun fungeva più. Papetto era tutto niro niro co li capelli abbrustolitti e le chiappette dolorose ma la casetta era salva. Nonnina era tutta orgogliosa de me e m'ha detto: "Oreste mio bravo! Tu devi sempre da ascoltà la nonna tua che de la vita se n'intende!". 

Foto de Roxelo's
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/roxelo/

 
 
 

Lo giorno de li morti

Post n°12 pubblicato il 02 Novembre 2007 da Oreste_contadino
 

Lo giorno de la festa de li morti a casa mia mi nonna se mette a preparà lo pranzo ricco de robba perchè dice che magnà tanto ce ricorda lo poro nonnetto mio che s'era affondato dentro a lo Tevere e puro lo cagnetto suo, Schizzetto, che je piaceva no sacco riempisse la panza da la mattina a la sera. Così ieri nonna Peppina s'è arzata a le tre de notte pe fa tutte le cose e nun voleva da esse disturbata pe nessun motivo, ma siccome nun c'aveva avvertiti de sta volontà, quanno semo sentito lo casino dentro a la cucina, avemo tutti penzato che fosse entrato no ladro. Alora papetto mio ha pijato na mazza dentro a lo armadio e infervorato, rosso comme no pommodoro maturo, sè lanciato contro a lo intruso e ha detto tutto de no fiato: "Fermete! Fermete!". Nonnina s'è pijata no spavento tarmente forte che la pala pe girà lo sugo dentro a lo pentolone gliè volata de mano pe finì dritta dritta sopra la capa de papetto caro, che essendo no sacco pelatone, ha iniziato a urlà e a piagne disperatissimo perchè se sentiva brucià comme no foco ardente perchè lo cucchiaione era rimasto bloccato sulla pelata sua e s'era incastrato proprio tanto bbene che pe levajelo semo dovuti intervenì io, mammina e nonnetta che mentre tirava se lamentava imbrunita che quasi ce rimaneva secca.
Dopo no sacco de tentativi semo riusciti a risolve la situazione veramente tristissima ma papetto Brunello, se chiama accusì perchè li genitori suoi quanno se lo trovarono davanti appena uscito dalla panza, lo videro niro niro peggio de Callimmero e alora je diedero nome Brunello,  jè rimasta na macchiolona rossa al centro de lo capoccione. Sta macchiolona lo fa sembrà no grosso pommodoro e lo poro Puzzotto mio che è no sacco intellettivo, quanno ha visto mi padre sdraiato su lo divano pe ripijasse da lo grandissimo dolore ha penzato che ce fosse no frutto che spuntava da lo bracciolo e siccome c'aveva no poco fame sè dato na spintarella co le zampette de dietro e ci ha azzannato la capa pe magnassela. Appena li denti so finiti su la carne, papetto ha ricominciato a piagne e lo maialino mio è scappato tutto pauroso e tanto dispiaciuto pe lo sbaglio confusionario. Nonna Peppina che stava de novo a cucinà nun sè avvicinata manco a controllà comme stava lo gennero suo, gliò solo sentito dì infervorata: "Brunè, te devi na carmata co sto piagne, perchè ti so ditto no sacco de vorte che chi ce prova a famme male a la fine ce rimette sempre, che a Peppina nissuno je mette li piedi sopra!".

Foto de svanes
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/christiansvaneskolding/

 
 
 

Lo giorno de la pagnotta rubbata

Post n°11 pubblicato il 25 Ottobre 2007 da Oreste_contadino
 

Ieri nun so manco da quanto tempo nun la vedevamo più ma è tornata a trovacce la cara zia Assuntina. Na vorta quanno ancora ero na creaturella de soli diec'anni, zia Assuntina ce venivà a visità armeno na vorta al mese e ogni vorta se innammorava de quarche duno o de lo vicino mio vecchissimo che ci aveva na novantina danni e mo ce ne ha centoquindici e nun ce penza mai a morisse puro se lo fijo suo appena se distrae cerca de faje magnà la erba avelenata perchè dice sempre che nun je la fa più a sopportalo o de artra gente che vedeva camminà pe la strada de la campagna. Diceva tutta intimidita "anvedi comme me sta a mirà lo ommo!". E si che era na ciumachella fascinosa, ma mica tutti queli che passavano da noi se mettevano a fissaje la faccia! No giorno che tutti ricordamo comme lo giorno de la pagnotta rubbata, la zia carissima ci era andata a prenne no pezzo de pane a lo alimentari perchè nonna Peppina nun se poteva da move perchè era infervorata a preparà lo pranzo e quanno se infervora nissuno la disturba pe evità de pija le mazzate. Nonno mio na vorta, porello, pe dije "Amò quannè pronto che ciò no sacco de fame?" se pijò na bastonata su la capa tarmente forte che se sentì lo rimbombo dentro casa pe na settimana circa! Inzomma zietta annò a fa ste compere ed entrò dentro a lo negozio de Genna la Bruttona. La Bruttona nun è no soprannome ma è lo secondo nome che su madre gliè volle mette perchè quanno la vide pe la prima vorta dopo nata se spaventò veramente troppo. Genna stava sotto lo bancone a pulì tutto quanto pe evità che quarche scoiattolo annasse a magnà lo cibo messo là, visto che già quarche anno fa ce fecero la casa loro e siccome era lunga lunga pe tera Assuntina mia nun la vide manco pe niente e penzò che nun ce stava nissuno. Alora, siccome nun voleva fa arabià nonna Peppina che se imbruniva puro se uno saltava l'ora, pijò lo pane ma nun sapeva da scrive lo biglietto pe avvertì che l'aveva pijato e li sordi nun se fidava a lascialli senza lo padrone. Così se n'andò a la porta tranquillissima de esse na persona onestissima, quanno all'improvviso sentì la voce de la Bruttona che je diceva "fermete, fermete ladrona de lo pano mio!", zietta Assuntina se voleva da fermà e voleva puro pagà ma se spaventò no sacco quanno vide quela venije contro co no zoccolone de legno grosso e tarmente pesante che lo doveva tenè co du mani pe trasportallo. Bianca bianca comme na farina de cemento pe lo spavento corse via e quela je annò dietro ancora più infervorata. Da quello giorno nessuno le vide più, ma quarcuno che le vide ce disse che corevano pe tutta Roma, nun so se so fermate a un certo punto. Ieri però zietta mia è tornata e tutti semo stati moltissimo felici, mamma cara penzava che fosse finita dentro a no fosso oppure che Genna se la fosse magnata, puro papà che è sempre no ottimista s'era rassegnato a la scomparsa tristissima de zietta e nonnina era arzilla perchè c'aveva de novo no parente. Zia Assuntina ci ha detto che a no tratto se ritrovò inseguita da no sacco de gente poliziotta che gliè urlava de mollà la pagnotta ma lei nun la poteva mollà perchè a forza de core gliè era venuta fame e se l'era ingozzata dentro a lo stomaco, quindi nun sapeva comme doveva fa pe fajelo capì. Alla fine se riuscì a nasconne a la campagna de no ommo peloso tarmente tanto che la faccia nun se vedeva manco e è rimasta là fino a quarche tempo fa. Mo nun so se vole da pagà la pagnotta ma nonnetta dice che è mejo lassa perde perchè quanno passano vent'anni le cose pijate diventano de proprietario de chi l'ha prese!

Foto de bignoseduglyguy's
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/59999295@N00/

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

annamaria.delorenzisfantacerviawalter.marchese_1958arianna.dzElys1977alex.boy.87salvatore_folleragiopeverofotodigambinopietruccimarsiliodonnavittorianaeart0dauniadu.v.a.bMASACA
 

ULTIMI COMMENTI

Ode a Puzzotto, maialino coraggioso ed intrepido! Io la...
Inviato da: Anonimo
il 20/08/2008 alle 19:31
 
beh? maremmaciua! che ti se fermato a dicembre?
Inviato da: Anonimo
il 04/05/2008 alle 20:56
 
Ahò, Oreste! 'Ndo sei finito? :-)
Inviato da: Anonimo
il 04/05/2008 alle 20:24
 
Ciao Ore', sperp tu non sia stato rapito da Diego Lo...
Inviato da: Anonimo
il 19/04/2008 alle 19:50
 
Perché maga maghella? Dì, ripetizioni di che?
Inviato da: Anonimo
il 17/04/2008 alle 22:53
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Foto de Uggiosamai
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/uggiosamai/

 

Foto de RonJe
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/alexmelillo/

 

Foto de fabioz®
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/fabioz/

 

Foto de Paride63
Licenza Creative Commons
http://www.flickr.com/photos/paride63/

 

WWW.BLOGITALIA.IT