Community
 
jolyn
Sito
Foto
   
 
Blog
Un blog creato da jolyn il 06/02/2006

dietro le nuvole

Lasciate la vostra impronta...

 
 

IL MIO CANTO LIBERO....

 

DAL BLOG DI UN AMICO...

(nella vita...)

Non vi è vincitore

Non esistono premi

Ognuno ha il suo tempo

Che ci piaccia o no"

grazie Alex

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

solocuriosa73alex_sailseyathecatbellissima49annapieroni1966amaxrandana_edcjolynalda.vinciniunamamma1thegrouchyjokersorboledglmarce.bbal_zacstellina.69ff
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

Post N° 33

Post n°33 pubblicato il 25 Novembre 2008 da jolyn
 

mi guardi cercando di non esser visto,mi vedi piangere

e in parte non capisci,non sai esattamente cosa è successo oggi,

mi conosci,sai che devo metabolizzare per poterne

parlare,e forse scrivere,come stò facendo,

oggi è stata

una giornata difficile,molto difficile,e da ore non

riesco a frenare questo pianto,che è di

rabbia,malinconia e frustrazione,e chissà ancora

quanti sentimenti che non riesco a decifrare...


tutto è cominciato male oggi,alzarsi con la febbre,

il bimbo da portare all'asilo

e poi questo cambio di programma,

dover chiudere un capito della vita che

speravo di non viverlo in prima persona,invece no,

mi è toccato,

e in questa melma dolorosa ci sono finita con

tutti i due i piedi...


doveva essere indolore e veloce,no,così non è stato.


mi ha chiesto un passaggio,nessun problema,ti

porto,fai ciò che devi e ritorno a casa,sto male ho

l'influenza e guidare non è il massimo...
invece arrivo e scopro che più di 10 persone ti

aspettavano molto seccati,perchè eri in ritardo...


c'erano tre piani di scale decisamente affollate...

chi con corde in mano..

chi un trapano...

chi altri ferri...


tutti in imbarazzo,l'atmosfera era densa quasi al

tatto...
 non trovi le chiavi,capisco che cominci a non

essere più presente,ma è il minimo,ti comprendo,

gli operai muti si girano mi

guardano e aprono un varco per farmi passare,afferro

la sua borsa e le cerco ,le trovo ed apro,e dentro

c'era tutto un mondo passato...i corridoi senza

mobili,ancora tanti sacchi da buttare come anni

dolorosi e densi di vissuto...ancora cose da

salvare,ma non c'è più tempo,non ti danno tempo,gli

operai che sussurrono che non si possono liquidare in questo modo più di 40 anni...

e lui,arrivato con la sua Porche Carrera

con i cerchioni arancioni e lo sguardo di chi tutto può non gli

intaressa nulla,lui oggi ha deciso così...

avresti voluto

lottare,ma gli avvocati costano e poi tu non ne hai più

voglia,vorresti scivolare in un oblio,dove nulla accade...invece quì
parole,grida,scuse,discorsi al vento,gli operai cercavano di

stemperare l'aria con battute per farci capire chiaramente

che la nostra situazione il nostro disagio,dolore come un lutto

o un fallimento,era compreso con rammarico,gli elettricisti

smontano i lampadari,chiedo di metterli nella mia

macchina,così tu sei più serena che non vanno in

pezzi,lampadari che per 40 anni hanno illuminato 5 figli,figli

che correvano in quei corridoi ora vuoti,che dalle finestre si 

richiamavano da parte a parte in questa grande

casa,momenti di gioia e momenti di grandi,grandissimi

dolori,rivedevo la bambina che ero stata,i giochi a

nascondino,risentivo la voce di mio fratello,delle mie sorelle,

le domeniche con la colazione golosa,la focaccia bella unta e

con tanti occhi,aspettavano a mia sorella i migliori,era la più

grande,risate e piacere di condividere,i Natali le feste e i

compleanni...i vicini che ci chiamano che salgono per il

caffè,era un porto di mare,bambini che correvano,io che

 facevo l'altalena con la tenda in quella grande

finestra,dentro casa fuori casa........e mia madre che mi

afferrà con il terrore nel cuore,eppure mi sentivo una dura

per esserci riuscita così bene...


poi come un lampo mi rivedo sempre piccola che getto gli

occhiali nel terrazzo di sotto per poter scendere e vedere la

scimmia che i miei vicini tenevano in gabbia,

ricordo l'odore e lo risento...


ecco,ricordi che avevo assopito,ma scopro ora non dimenticati,più vivi che mai


ricaccio indietro le lacrime e telefono a mio fratello,chiamo con il telefono di casa,non risponde,voleva fare finta che nulla stava accadendo,provo con il mio cellulare,risponde,

sono arrabbiata,gli dico di mollare tutto,di venire quì,ma nulla,

nessuno con cui condividere il tutto,

io e mamma non riusciamo a condividere il dolore,troppo intimo,

 poi scopro che nel pomeriggio sei venuto,ti sei nascosto e hai guardato quegli uomini fare su è giù con la nostra storia,un po' sgangherata,ma ormai l'abbiamo capito che la famiglia del mulino bianco non è nulla di più di uno spot in tv...

uno spot.che ci ha fatto crescere con immagini utopistiche che ci hanno solo daneggiato...


in una stanza,vedo il giradischi a terra,ho rivisto papà

,ricordo un pomeriggio che si gustò la Callas,era in veranda,guardava il mare sorseggiando un digestivo,chissà quanti anni...i ricordi riemergono spesso senza didascalie e date...

chiusa la casa,calato il sipario...

papà non c'è più,e neppure mio fratello...

forse in una terra che noi definiamo paradiso loro assistono,e piangono per noi...


ecco marito mio cosa oggi mi ha sconvolto,chiedere un capitolo che già non mi apparteneva,erano 15 anni che non dormivo li,dalla notte in cui accompagnata alla porta ne uscii,in modo per nulla indolore...


io non volevo più risentire sulla mia pelle questi dolori...


E poi scendo le scale e mi scontro con un operaio...

"W"ciaoooo,sei tu?sono passati 20 anni,un tempo lunghissimo,RICORDI?ci vedevamo io te e lui,e tutta la compagnia...

ma ora lui è morto,il nostro caro amico comune...altro dolore,altre parole...altri ricordi...ricordi...ricordi...

impossibile dare un fine a questa giornata,che è un'assurda innarestabile valle di lacrime,forse non capirete nulla,ma solo condividere mi è di aiuto...

 
 
 
Successivi »
 
 
Prima di tutto l'Uomo

Non vivere su questa terra
come un estraneo
o come un turista della natura:
Vivi in questo mondo come nella casa di tuo padre;
Credi al grano, alla terra, all'uomo.
Ama le nuvole, le macchine, i libri
ma prima di tutto ama l'uomo.
Senti la tristezza
del ramo che secca,
dell'astro che si spegne,
dell'animale ferito che rantola
ma prima di tutto senti la tristezza
e il dolore dell'uomo.
Ti dian gioia
tutti i beni della terra.
L'ombra e la luce ti dian gioia,
le quattro stagioni ti dian gioia
ma soprattutto, a piene mani
ti dia gioia l'uomo.