Community
 
giannavolpi1
   
Creato da giannavolpi1 il 15/10/2013
Si va bene, diamo pure il tempo al tempo…ma che si fa nel frattempo? Si diventa Cre- attivi!

Indicazioni stradali (clicca!)

 

 

 

Andrà tutto...

Post n°261 pubblicato il 20 Agosto 2014 da giannavolpi1


Scrisse: Andrà tutto bene.
Gli dissi che bene non bastava.
Andrà tutto bene benissimo.
Gli dissi che non c’era bisogno che mentisse per proteggermi.
Andrà tutto bene benissimo...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Un amore di ragazzo...

Post n°260 pubblicato il 18 Agosto 2014 da giannavolpi1

Padri, madri, vicini in coro: "Era una famiglia perfetta", " Non abbiamo mai notato nulla di strano", "Una coppia tranquilla"...

Raptus di follia. Con questa frase si liquida ogni abuso, omicidio e strage. Non c'è giorno che non si verifichi un raptus, un gesto disperato motivato da gelosia, mancanza di lavoro, fastidio per un bimbo che piange.

Un giovane padre ha accoltellato la sua bimba di pochi mesi, un uomo ha cercato di far fuori la moglie, un nipote se l'è presa con il nonno e nessuno aveva notato che in realtà ciascuno di loro aveva evidente la sua oscura patologia. 

Io non credo che quello, solo perchè ti ha aiutato ad aprire l'ascensore, fosse proprio  "un amore di ragazzo"...

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ma questi bimbi di chi sono?

Post n°259 pubblicato il 14 Agosto 2014 da giannavolpi1

e

Che cosa avrebbe deciso Re Salomone di fronte al caso dei due gemellini nati dagli embrioni scambiati al Pertini di Roma? Per sua fortuna il problema , a quanto ci è dato di sapere, non esisteva alla sua epoca, perché non esisteva la fecondazione eterologa, ma immaginando una situazione di contesa di due gemelli, avrebbe proposto che una coppia ne prendesse uno e la seconda un altro.

Ora, se i genitori biologici non rinunceranno definitivamente ai loro figli, il futuro di questi piccoli è tutto sulle carte e seguirà l'iter freddo (e cinico) dei tribunali. Per i giudici che hanno esaminato il caso i bambini sono della donna che li ha portati in grembo, ma il loro dna è quello dell'altra coppia che li ha generati. Tra l'altro, il caso senza precedenti, subisce alcuni divieti categorici. La prima coppia, che ne reclama l'appartenenza genetica, non può vederli e conoscere il loro stato di salute, non potrà avvicinarli e tantomeno “portarli” il tribunale, né pretendere altro, almeno fino a quando non si svolgerà un eventuale processo civile. Gli avvocati dei genitori biologici si rivolgeranno alla corte dei diritti dell'uomo di Strasburgo, ma sembra che sia anche impossibile stabilire se gli stessi embrioni avrebbero avuto successo con i genitori biologici, né pare possibile un dialogo civile tra le coppie e suona male anche l'ipotesi di un risarcimento economico che probabilmente sarà a carico dell'ospedale. Ma non sarà questo a porre fine a questa  storia se i gemelli un giorno saranno informati della loro strana nascita.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Avere cuore fa bene al cuore

Post n°258 pubblicato il 13 Agosto 2014 da giannavolpi1

Uno studio dell'Università del Michigan (USA) condotto su 6.814 persone tra i 45 e gli 84 anni ha dimostrato che atteggiamenti di cinico disprezzo e mancanza di fiducia nei confronti degli altri sono spesso associati a stati infiammatori, a loro volta causa di patologie cardiache e di arteriosclerosi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Parlano le suocere

Post n°257 pubblicato il 11 Agosto 2014 da giannavolpi1
 

La lettera pubblicata sul Giornale dall'avvocatessa Annamaria Bernardini de Pace rivolta a un genero (chiaramente Raul Bova) che segue anche una sua vivace risposta al Papa che invita al perdono delle corna,  sta facendo il giro del web.

In altri tempi quella di Veronica Lario contro il suo altrettanto famoso consorte venne appoggiata ed acclamata dalle femministe delle redazioni che non aspettavano altro. Si aprì un'epoca, quella del “dagli addosso al puzzone” e a torto o a ragione, il fedifrago ne venne fuori con l'immagine ridicola del più grande scopatore del secolo. Neppure Mussolini, con le sue amanti a Palazzo Venezia, era riuscito ad attirarsi tanto sdegno, in fondo il suo traffico venne accettato ed invidiato come segnale di virile ardore. Con il tempo, l'ammirazione per la signora del Cavaliere, si affievolì man mano che cresceva  la sua richiesta di risarcimento, mentre la moglie tradita del duce aveva fatto della sua riservatezza un punto di forza e di considerazione. In questo caso come nell'altro, le mogli si sono riflesse dividendosi in vendicative e in pazienti angeli del focolare.

Fin qui tutto regolare.

Ma ora che sia la madre della tradita e per giunta anche avvocato divorzista a prendere spazio sui giornali per riversarvi tutta la sua rabbia contro il marito di sua figlia, fa specie, come si dice dalle mie parti.

Rimando a tutto l'articolo per il tono e i contenuti, limitandomi a riportare l'intestazione “Caro genero degenere”, non male come incipit letterario. L’avvocato matrimonialista prosegue pesantemente: “... mi sai indicare il momento in cui da genero devoto sei diventato degenero? Forse quando hai giurato sulla tua bambina che non avevi mai tradito mia figlia (…). O ancora prima, quando hai deciso di sposarti senza conoscerne le responsabilità?” e ancora “...Prima di slacciarti i pantaloni fuori dalla tua casa, hai pensato a che impatto avrebbe avuto questa patetica scena nella vita della tua famiglia?” e poi la sentenza: “Non hai né fegato né cuore (…). La tua forza, anche sessuale, dura per il tempo di uno spot. Sei un uomo a breve termine di conservazione. Scaduto”.

Ad essere indignata dovrebbe essere la donna tradita e il fatto che non abbia protestato in prima persona lasciando fare al suo legale (nonché sua madre) lascia il pubblico perplesso. Trattandosi della più importante esperta del suo settore, calcolando che i suoi divorzi sono di quelli milionari, forse l'escamotage , fa parte della sua strategia professionale?  Perché non ci credo che sia arrivato il momento del potere alle  suocere...

In conclusione, viste tutte le domande rivolte da suocera a genero, quest'ultimo bastava che se ne facesse una sola...mi conviene sposare la figlia di un avvocato divorzista?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »