Interiorità – Idiozia

“Il mondo è pieno di idioti distribuiti strategicamente, affinché tu possa incontrarne almeno uno al giorno!”… Questo ho letto stamattina in un semplice ma sentito post dell’amica Mistero…
Perché rispondere con un post? Perché poche cose sono condivise più dell’idiozia…
Chi non ha avuto tra voi! L’insana esperienza di avvertire… questa condizione… sentirti all’improvviso sprofondare nella logica incapacità di capire… il perché è toccato a noi incontrare questo strategico pensatore…

Ma andiamo con ordine…
Chi è l’idiota?
In linea di massima, è un individuo incapace di andare oltre i suoi limiti… Non un semplice scemo… Termine dispregiativo utilizzato per identificare a volte una persona con handicap mentali… Ma un individuo totalmente incapace di materializzare pensieri conformi alle esigenze comuni… e morali…
Questa porta ad una seconda affermazione…
L’idiota è agli occhi della morale, osceno.
Questa seconda affermazione, porta ad un’altra considerazione… Un idiota potrebbe scegliere o meglio assecondare questo comportamento, se le regole del vivere comune, non fossero di suo gradimento… Comportarsi da perfetti idioti per violare le norme restrittive della società… e quei valori deviati che generano pregiudizio…
A questo punto sorge una domanda…. quindi è meglio esser idioti?…A rigor di logica di sì…

Un modo forse non così deviato per giungere alla salvezza… Dal male peggiore, l’omologazione dell’individualità e la globalizzazione generatrice di inadattabilità…
In un certo modo gli artisti sono la follia… e l’idiozia della realtà… Perché distruggono la morale e le leggi dell’uomo… Attraverso un alito di fantasia… Mettendo a nudo il volto nascosto della morale…

Quindi l’idiota non è un individuo incapace… di andare oltre i propri limiti… ma una creatura innocente che mostra all’uomo normale la grettezza dei suoi valori… e la sua incapacità di apprendere i limiti universali della vita, un drogato di ignoranza e ottusità… Una scelta cerebrale che porta cecità… e all’illimitatezza dell’assenza graduate dell’intero… Che non può filtrare apertura…
Quindi muto la frase iniziale in questa:
Il mondo è pieno di ottusi distribuiti strategicamente, affinché tu possa incontrarne almeno uno al giorno.

Francisco Goya - Saturno che divora i suoi figli - 1819-1823 - Olio su tela - Museo del Prado, Madrid
Francisco Goya – Saturno che divora i suoi figli – 1819-1823 – Olio su tela – Museo del Prado, Madrid
Interiorità – Idioziaultima modifica: 2017-03-20T10:50:15+00:00da natodallatempesta0

4 pensieri riguardo “Interiorità – Idiozia”

  1. il rischio tra l’artista e l’ottuso è che siano idioti entrambi, dunque, quando tentano di comunicare tra loro______*..così in parte torniamo al un precedente ‘carteggio’ sulla bellezza dell’arte raccontata affinchè le menti si aprano alla creatività, che metta a nudo a nudo il volto nascosto della morale e si astragga nel pensiero universale. Secondo te perchè parlo di morale mercelogica? Perchè esiste un controllo della morale come merce (e con certa idiozia) che tenta di ottenere la remissione di ogni ribellione, anche privata, e in tutta sincerità, ci si può spezzare ma non piegare a ricatti moraleggianti, nei limiti ovviamente in cui li riconosciamo agli angoli del mondo …soave sera Nat=

    1. Che possono essere entrambi idioti… É realtà poco contestabile….
      Ma è il punto da cui partiamo, che già ci identificare come una idiozia parallela…. Che esiste il rischio oramai non più prefetizzato… Ma realizzato… Di avere un incatenamento delle diversità è realtà…. La erosione dell’individuo è il risultato del controllo e dello scaffalamento dell’etica artista… Ma l’arte non è così semplice da incatenare…. E nessuno può omologarti… O piegarti…. Nell’opere della tuo mente… Il vivere un contesto… Non ti rende necessariamente parte del contesto…. Un realtà che l’oriente consacra e che deve essere di ispirazione… Che una vita non è irrisoria rispetto all’intero… Anche e soprattutto la sua singola azione…. Può esser luce nell’uniformità…. Seppur può sembrare invisibile agli occhi del cuore….

  2. PS: Goya è perfetto Saturno – Kronos – che divora i suoi figli; un regalo:
    “Quando immagino, preciso.

    Quando inveisco ”

    (invento)

    Ero : confrontiamoci con Goya

    Giraffa: preparo la pastura

    Verme: Abbonda

    Aspettiamoci dure repliche

    non sense? non troppo_*

    1. Goya è sempre perfetto quando si vuol evocare i mostri dell’umanità…
      Nella sua oscurità ha saputo vedere i demoni dell’essere umano… Nei suoi mostri vive la moderna ottusità….
      ……………..
      Grazie del l’omaggio
      Come sempre evocazione dal grande impatto visivo…
      Accostamento significativo… Tra nobiltà e orribilità…
      Un abbraccio cara…

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.