Arte moderna – Rosso

Tre colori – Film Rosso di Krzysztof Kieślowski.

Il terzo film della trilogia che Kieślowski dedico ai colori della bandiera francese.
Con questo ultimo capitolo, Kieślowski evoca l’ultimo valore delle rivoluzione francese, la Fraternité.
Il capitolo che li collega tutti e che da risoluzione alla trilogia svelando il secreto che lega le tre protagoniste.
La trama si sviluppa attorno alla modella Valentine e ad un incidente che porta, nella vita della modella, l’incontro con Joseph, ex giudice, oramai logorato dal disprezzo per i suoi simili. La storia si incentra su questi due personaggi il cui intreccio rivela ancora una volta la volontà di Kieślowski di puntare il dito sulla capricciosa fatalità dell’esistenza.
Ed è proprio da questo rapporto che si coglie il senso del film, la sua filosofia, nel porre nelle nostre menti l’interrogativo, se sia giusto far del bene al di là degli ostacoli del destino. Che nonostante la durezza della vita l’essere umano non è cattivo.
E nell’atmosfera che evoca il rosso, la luce si trasforma in speranza. Questa consapevolezza acquisisce la protagonista, la speranza di salvare chi ha accanto.
Questo senso impone il film, come risponde il giudice in una scene, esserci, esserci per aiutare gli altri. E da questa verità, Kieślowski da il suo significato di fratellanza e amore per il prossimo.
Una scesa ne è da esempio, la vecchina che cerca di gettare la bottiglia di vetro, presente in tutte e tre i film, nel primo la protagonista non si accorge di lei, nel secondo Dominique si accorge e ride di lei, solo nell’ultimo, Valentine la vede, e sceglie di aiutarla, dimostrando che si può cambiare e trasformare l’amore in un atto di altruismo verso il prossimo.
Concludo questo mio post con una citazione dello sceneggiatore che accompagnò Kieślowski nella stesura dei copioni, Piesiewicz:
“La fraternità è quel terzo elemento a cui ci avviciniamo in fondo con ottimismo, che diamo come possibilità, forse un po’ idealisticamente, ma che cosa si può fare oggi, se non farsi carico di un sentimento come questo e portarlo avanti?”