Omo mentale, una mutazione a metà (1)

Il “bacio di una donna” può soggettivizzare una trasformazione  (leggi intervista a Beatriz-Paul Preciado, filosofo allievo di Derrida vs Virginie Despentes), uomini e donne scoprono sé stessi, oltre sé stessi. Come il padre che riconosce il suo aspetto materno e viceversa una madre, un ruolo di conduzione anzichè di mediazione e infinite altre rivelazioni che il mondo intellettuale offre, basta davvero una ricerca on line a volte, o l’appunto di un internauta, o un bacio, per rendere la coscienza di genere da definibile a definita…

Leggi tutto “Omo mentale, una mutazione a metà (1)”

Riflessione

Forse l’ultimo post che pubblico in questa comunità…

Troppi i disagi del sistema, e oggi il tempo è tutto. E poi non condivido l’inutilità presente in chi pubblica i Post in questa comunità, seppure la libertà è sacra… il diritto alle idee non è negoziabile.

Un paio di giorni fa ho letto una notizia che mi ha reso il cuore triste e allo stesso tempo furente…

Dal FATTO QUOTIDIANO:

Giovanni Falcone
Giovanni Falcone

“Prima hanno distrutto la statua di Giovanni Falcone. Poi hanno bruciato un cartellone che raffigurava lo stesso giudice assassinato a Capaci il 23 maggio del 1992. E in entrambi i casi  hanno colpito immagini posizionate all’entrata di due diversi istituti scolastici. A pochi giorni del venticinquesimo anniversario della strage di via d’Amelio Palermo vanno in scena segnali inquietanti. Se siano messaggi mandati direttamente da Cosa nostra o meno, saranno le indagini a stabilirlo. Di sicuro c’è solo che due atti vandalici distinti – entrambi diretti contro il giudice simbolo della lotta alla mafia – rischiano di non essere frutto della casualità. […].

“Un atto da parte di chi tenta selvaggiamente di opporsi all’irreversibile cambiamento culturale e alla sempre più efficace opera di repressione ai quali non si rassegna Palermo dove il cambiamento è stato forte ed irreversibile. Questi comportamenti confermano che c’è ancora molto fare ma che siamo davanti a un fenomeno che dimostra il nervosismo di ambienti arroganti e mafiosi che non si rassegnano all’inevitabile sconfitta”, è il commento del sindaco Leoluca Orlando, che ha dato notizia del secondo atto vandalico della giornata. Il primo risale al mattino quando sono stati trovati i resti della statua di Falcone che si trovava davanti alla scuola intitolata allo stesso magistrato in via Pensabene nel quartiere Zen.  […].

Ha subito parlato di matrice mafiosa dell’atto vandalico, invece, Rosy Bindi. “A 25 anni della strage di Capaci questo scempio ci ricorda che a Palermo la mafia c’è e si sente ancora forte. A questa esibizione di mafiosità occorre reagire e non permettere che l’indifferenza calpesti la memoria del sacrificio del giudice Falcone. La città faccia sentire la sua ribellione e la sua vicinanza ai martiri della lotta alla mafia”, dice la presidente della Commissione Antimafia. E infatti, anche per la preside dell’istituto, Daniela Lo Verde, la distruzione del busto di Falcone non è un atto di vandalismo come tutti gli altri.  “Non è una ragazzata. Non so fino a che punto possano essere stati ragazzi. Dopo avere rotto il portone e fracassato il vetro se avessero voluto sarebbero potuti entrare“, dice la dirigente dell’istituto colpito più volte da danneggiamenti. […].

Questa volta, però, il doppio raid vandalico arriva tra l’altro nell’anno in cui si celebrano i 25 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio  Ed è forse anche per questo se già in giornata  i fatti della scuola dello Zen avevano scatenato molteplici commenti. “Non ci arrenderemo mai e la statua risorgerà più bella di prima ma chiedo alla autorità di pubblica sicurezza di garantire per il futuro un presidio adeguato a un monumento simbolo della nostra città”, dice Maria Falcone, sorella del giudice ucciso nella strage di Capaci. “Di notte, contro la statua di Giovanni, dentro una scuola. È difficile immaginare qualcosa di più vile e squallido. Se è un’avvertimento mafioso sarebbe una prova di debolezza, non di forza; se invece si trattasse del gesto di una banda di vandali sarebbe l’ulteriore conferma che dobbiamo ripartire dalla scuola, grazie all’impegno dei docenti che ogni giorno educano i cittadini di domani, e da un maggior controllo del territorio, per prevenire questo tipo di comportamenti”, è il messaggio del presidente del Senato, Piero Grasso.

La preside della scuola, però, chiede interventi precisi. “Noi cerchiamo – spiega Lo Verde –  di fare qualsiasi cosa per gli alunni, ma manca la costanza progettuale che ci consenta di rimanere aperti anche di pomeriggio, quando sarebbe necessario anche questo. A fare questo noi ci proviamo, ma servono finanziamenti non indifferenti. Quello che ci viene consentito lo portiamo avanti, ma ancora non sono sufficienti i mezzi a disposizione per un’ampia attività progettuale come la vorremmo”.  “La mafia sarà sconfitta da un esercito di maestre elementari”, diceva anni fa lo scrittore Gesualdo Bufalino. Il fatto che oggi vengano colpite proprio i simboli antimafia posti nelle scuole non è forse una coincidenza.”

GESTO

VIGLIACCO

e

SENZA ONORE.

Se di onore si più parlare, ma dubito che chi ha commesso questo gesto, sa cosa vuol dire onore:

Rispettabilità, rettitudine; senso della propria dignità che impone di comportarsi con onestà e coerenza morale. Merito che procura stima.

Queste persone non hanno la mia stima, ma il mio DISPREZZO.


Nelle mura di casa, nella privacy dei nostri pensieri, la libertà è sacra, e non si può intervenire, sacro è il diritto a preservare il proprio comportamento e le proprie ideologie. Ma tutto cambia quando condividiamo lo spazio vitale, intellettuale e spirituale, confezioniamo un idea, la digitalizziamo e vendiamo come fonte di energia. Ma diamo noi la polarità a questa fonte, che diventa di dominio pubblico. Ciò significa che è disponibile al libero impossessamento ed uso da parte di chiunque.

Questa impossessamento ci da un potere, il potere di non essere solo una voce che sta in silenzio.

Posizioni, alla fine la vita è un’idea e una posizione.

Letteratura – Inquietudini

Oggi ho letto un’altra triste storia di dignità perduta.

Nel quartiere popolare di Barriera Milano a Torino: una donna di 46 anni, si è data fuoco davanti agli sportelli dell’ufficio Inps. “Mi hanno licenziata, sono esasperata, non ce la faccio più” ha urlato la donna prima di cospargersi il corpo di alcol e darsi fuoco.

Oggi un licenziamento non è più una notizia, ne una rarità, è una eredità dell’inquietudine sociale. ARTE, SCIENZA, ECONOMIA, COMUNICAZIONE, sono diventate maschere di una traslazione, un trasferimento ovidiano da uno stato emotivo ad uno stato di turbe razionali. Teorizziamo le nostre paure, inquietudine di una coscienza che costruisce cattedrali di carta.

Si vive e gioca all’ombra del fuoco emotivo. E giocando con il fuoco, mi son giunte in mente le parole scritte del Pessoa di nuovo.

Alcuni stralci per tornare a riflettere… da Il libro dell’inquietudine.

“Il mondo in cui nasciamo soffre da un secolo e mezzo di rinuncia e di violenza – soffre della rinuncia dei superiori e della violenza degli inferiori, che è la loro vittoria.

Nessuna qualità superiore si può affermare modernamente, tanto nell’azione come nel pensiero; nella sfera politica, come in quella speculativa.

La fine dell’influenza aristocratica ha creato un’atmosfera di brutalità e di indifferenza per le arti, dove la sensibilità acuta non ha un rifugio. Fa più male, fa sempre più male, il contatto dell’anima con la vita. Lo sforzo è sempre più doloroso, perché sono sempre più odiose le condizioni esterne dello sforzo.

La fine degli ideali classici ha reso tutti dei possibili artisti e, dunque, cattivi artisti. Quando il criterio dell’arte era la solida costruzione, l’attenta osservanza delle regole – pochi potevano tentare di essere artisti, e la maggior parte di costoro sono molto buoni. Ma quando si è iniziato a considerare l’arte da espressione di creazione a espressione di sentimenti, ognuno poteva essere artista, perché tutti hanno dei sentimenti.

L’unica vera arte è quella della costruzione. Ma l’ambiente moderno rende impossibile la comparsa di qualità di costruzione nello spirito.

Per questo si è sviluppata la scienza. L’unica cosa in cui oggi c’è costruzione, è una macchina; l’unico argomento in cui esiste una concatenazione è quello di una dimostrazione matematica.

La capacità di creare necessita di un punto di appoggio, della stampella della realtà.

L’arte è una scienza…
Soffre ritmicamente.
Non posso leggere, perché la mia critica iperaccesa vede solo difetti,

imperfezioni, possibilità di cose migliori. Non posso sognare, perché sento così vivamente il sogno da compararlo con la realtà, cosicché sento subito che non è reale; e in tal modo il suo valore viene meno. Non posso intrattenermi nella contemplazione innocente delle cose e degli uomini, perché l’ansia di approfondire è inevitabile e, dal momento che il mio interesse non può esistere senza di essa, o morirà per mano di essa, o si prosciugherà […].

Non posso impegnarmi nella speculazione metafisica perché so molto bene e attraverso me stesso, che tutti i sistemi sono difendibili e intellettualmente possibili; e, per assaporare l’arte intellettuale di costruire sistemi, mi manca la possibilità di dimenticare che il fine della speculazione metafisica è la ricerca della verità.

Un passato felice nel cui ricordo torni ad essere felice; senza nulla nel presente che mi rallegri o mi interessi, in sogno o ipotesi di futuro che sia diverso da questo presente o possa avere un altro passato diverso da quel passato – giaccio la mia vita, spettro cosciente di un paradiso dove non sono mai stato, cadavere-nato per le mie speranze da realizzare.

Felici coloro che soffrono nell’unità! Coloro che l’angustia altera ma non divide, coloro che credono, sebbene nella miscredenza, e possono sedersi al sole senza un pensiero nascosto.

Anche se volessi creare, […].

Anche così, pensare è agire. Solo nel vaneggiamento assoluto, dove non interviene niente di attivo, dove alla fine persino la coscienza di noi stessi si impantana nel fango – solo allora, in quel caldo e umido non essere, si raggiunge sapientemente l’abdicazione dall’azione.

Non voler comprendere, non analizzare… Vedersi come la natura; guardare le sue impressioni come si guarda un campo – questa è la sapienza

…il sacro istinto di non avere teorie…”

Ferdinando Pessoa

Nato dalla tempesta - Inquietudini
Nato dalla tempesta – Inquietudini

ENERGIA

Se si vuole trovare i segreti dell’universo, bisogna pensare in termini di ENERGIA, frequenza e vibrazioni.

Nikola Tesla


Energia, grandezza fisica, capacità di un corpo o di un sistema fisico di compiere lavoro. Ma anche mezzo, per comprendere, per evocare e attraverso l’individuazione della coscienza, dotare le azioni psichiche di una carica ispiratrice di lavoro, di percezione costruttiva.

Nato dalla Tempesta - ENERGIA
Nato dalla Tempesta – ENERGIA


Metamorfosi – parte quarta

La Metamorfosi di Franz Kafka.

L’angosciante e ermetica esperienza del commesso viaggiatore Gregor Samsa, che senza una motivazione divina o scientifica, subisce la trasformazione in un insetto mostruoso. Kafka descrive con precisione sublime la metamorfosi creando un angosciante e lenta lettura che porta alla comprensione della metafora che nelle parole rigorose dell’opera fanno concretizzare la diversità e l’alienazione prodotta del degradano di una società borghese.

Ed è questo che Kafka rappresenta sulla sua grandiosa opere. Egli descrive una lunga e complessa metafora che da una parte vuole denunciare l’oppressione a cui l’individuo e sottoposto, schiacciato a volte spersonalizzato dalle regole sociali imposte. Dall’altra vuole mettere in risalto l’incapacità di comunicare, soprattutto tra famigliari, e questo aspetto viene evocato nell’opera dei luoghi chiusi e stretti in cui si articola la vicenda a simboleggiare il soffocamento che rende impossibile la convivenza e la comunicazione. La metamorfosi in insetto dunque rappresenta il modo con cui Gregor da forma all’alienazione, che lo priva della sua identità e dei mezzi che lo riconoscono come individuo sociale. Portando alla conseguenza e tragica fine legata all’altro aspetto che Kafka mette sotto i riflettori, le latenti tensione che divorano una famiglia, nel momento che si perde l’equilibrio che fin a quel momento era pilastro del benessere.

La mutazione porta Gregor ad esser un peso insostenibile per la sua famiglia e questo fa emergere tutte le tensione che mai si erano palesate. La fine del protagonista è conseguenza di questa insostenibilità. La magica esperienza che si viene a creare diventa cosi un’occasione di lettura che porta a valutazione psicologiche introspettive, la metamorfosi che subisce Gregor resta volutamente senza significato com’è tipico della narrativa kafkiana. Per Kafka probabilmente la metamorfosi diventa una chiave per aprire una porta verso la lettura dei mali dell’uomo moderno.

Estratto da La Metamorfosi di Franz Kafka – Capitolo secondo.

Un mattino, al risveglio da sogni inquieti, Gregor Samsa si trovò trasformato in un enorme insetto. Sdraiato nel letto sulla schiena dura come una corazza, bastava che alzasse un po’ la testa per vedersi il ventre convesso, bruniccio, spartito da solchi arcuati; in cima al ventre la coperta, sul punto di scivolare per terra, si reggeva a malapena. Davanti agli occhi gli si agitavano le gambe, molto più numerose di prima, ma di una sottigliezza desolante.
«Che cosa mi è capitato?» pensò. Non stava sognando. La sua camera, una normale camera d’abitazione, anche se un po’ piccola, gli appariva in luce quieta, fra le quattro ben note pareti. Sopra al tavolo, sul quale era sparpagliato un campionario di telerie svolto da un pacco (Samsa faceva il commesso viaggiatore), stava appesa un’illustrazione che aveva ritagliata qualche giorno prima da un giornale, montandola poi in una graziosa cornice dorata. Rappresentava una signora con un cappello e un boa di pelliccia, che, seduta ben ritta, sollevava verso gli astanti un grosso manicotto, nascondendovi dentro l’intero avambraccio.


Con l’opera di Kafka non si chiude pero il viaggio nella metamorfosi, l’epoca moderna esprime con altrettante sublima virtù altri memorabili esempi di narrativa e arte che vivono nel tema magico della trasfigurazione.

Nella narrazione sudamericana ad esempio il tema ricorre spesso all’interno del cosiddetto realismo magico, Gabriel Garcia Màrquez ne porta un eccellente prova nel suo capolavoro Cent’anni di solitudine.

A completare l’immaginario contemporaneo sono le nuove tecnologia, che aprono le frontiere a nuovi modi di narrare e creare, introducendo nel contesto alieno del digitale e della robotica in un modo o un altro lo stesso senso di dissolutezza e angoscia che per secoli hanno animato le trasformazioni che si sono susseguite nelle opere dei grandi maestri della storia.

Stelarc - Performance - 2013 - Biennale in Eindhoven - Netherlands.
Stelarc – Performance – 2013 – Biennale in Eindhoven – Netherlands.

Contributo Several1

Metamorfosi – parte terza

Con il passare dei secoli la Metamorfosi si allontana sempre di più dal modello classico, seppur mantenendo una sorta d’ispirazione latente. La sua semantica, muta radicalmente, distaccandosi dalla valenza descrittiva di eventi e fenomeni, declinando sempre più la sua origine divina per diventare una rappresentazione di illusioni e fantasie, in contrapposizione con i misteri del reale. Dal rinascimento fino alle soglie dell’ottocento l’arte, la letteratura, la musica, vivono questa transizione. La letteratura in particolare rimodella la metamorfosi creando un nuovo genere che farà la fortuna di novelli scritturi di talento. Nasce la letteratura per ragazzi.

LETTERATURA PER RAGAZZI

Dalla Fiabe di Hans Cristian Andersen a quelle dei fratelli Grimm la metamorfosi diventa, contemplazione di maledizione, di transizioni, di ascensioni e punizioni, come nel caso del nostro Pinocchio:

Dalle Avventure di Pinocchio di Carlo Collodi

Estratto dal capitolo XXXII – Trasformazione in Somaro.

E allora avvenne una scena, che parrebbe incredibile, se non fosse vera. Avvenne, cioè, che Pinocchio e Lucignolo, quando si videro colpiti tutt’e due dalla medesima disgrazia, invece di restar mortificati e dolenti, cominciarono ad ammiccarsi i loro orecchi smisuratamente cresciuti, e dopo mille sguaiataggini finirono col dare una bella risata. 

E risero, risero, risero da doversi reggere il corpo: se non che, sul più bello del ridere, Lucignolo tutt’a un tratto si chetò, e barcollando e cambiando di colore, disse all’amico:

— Aiuto, aiuto, Pinocchio!

— Che cos’hai?

— Ohimè! non mi riesce più di star ritto sulle gambe. 

— Non mi riesce più neanche a me — gridò Pinocchio, piangendo e traballando.

E mentre dicevano così, si piegarono tutt’e due carponi a terra e, camminando colle mani e coi piedi, cominciarono a girare e a correre per la stanza. E intanto che correvano, i loro bracci diventarono zampe, i loro visi si allungarono e diventarono musi, e le loro schiene si coprirono di un pelame grigiolino chiaro, brizzolato di nero. 

Ma il momento più brutto per que’due sciagurati sapete quando fu? Il momento più brutto e più umiliante fu quello quando sentirono spuntarsi di dietro la coda. Vinti allora dalla vergogna e dal dolore, si provarono a piangere e a lamentarsi del loro destino.

Non l’avessero mai fatto! Invece di gemiti e di lamenti, mandavano fuori dei ragli asinini: e ragliando sonoramente, facevano tutt’e due in coro: j-a, j-a, j-a.

In quel frattempo fu bussato alla porta, e una voce di fuori disse:

— Aprite! Sono l’omino, sono il conduttore del carro che vi portò in questo paese. Aprite subito, guai a voi! 

Illustrations from "Le avventure di Pinocchio, storia di un burattino", Carlo Collodi, Bemporad & figlio, Firenze 1902 (Drawings and engravings by Carlo Chiostri, and A. Bongini)
Illustrations from “Le avventure di Pinocchio, storia di un burattino”, Carlo Collodi, Bemporad & figlio, Firenze 1902 (Drawings and engravings by Carlo Chiostri, and A. Bongini)

Cosi come la letteratura, anche l’arte in virtù delle rivoluzioni visive e la caduta degli accademismi, vede infrangere il muro della fantasia, nella opera appiano le prima mutazioni di forma, fra tutti ricordo i surrealisti e le opere di Max Ernst e Rene Magritte.

René Magritte - Les merveilles de la nature - 1953 - Oil on canvas - Collection Museum of Contemporary Art Chicago.
René Magritte – Les merveilles de la nature – 1953 – Oil on canvas – Collection Museum of Contemporary Art Chicago.

L’era moderna porta con se le scoperte scientifiche. Le rivoluzioni trasformano le società segnando l’inizio di un nuovo modo di comunicare.

La metamorfosi segue queste rivoluzione e abbandona definitivamente la sua vestigia classica, per rinascere nel segno di un nuovo enigma, che avvolge il sovrannaturale, di un nuovo significato.

La sperimentazione scientifica diventa la nuova frontiera della metamorfosi.

L’esempio più celebre è: Lo strano caso del Dr. Jeckyll e Mr Hyde di Stevenson.

Un medico nel tentativo di trovare un modo per separare la parte maligna dell’animo umano, crea un siero che provoca una metamorfosi di personalità, trasformandolo in un essere deforme e ripugnante, incarnazione del male assoluto, che egli chiama Hyde.

Jeckyll riesce a mettere a punto un antidoto, che gli consente di tornare alla sua consueta identità. Ma gli effetti del siero piano piano seducono Jeckyll, gli effetti psicologici del nuovo stato sfuggono al suo controllo, nelle vesti di Hyde non più capace di controllo, commette il più terribile dei crimini, scoperto muore ucciso durante una sparatoria.


Le elaborazione pero non si concludono e alle scoperte scientifica si accompagnano le evoluzioni sociali e le innovazioni psicologiche, il novecento vede la metamorfosi di nuovo rielaborarsi in un inedita analisi dell’umanità, l’erotismo e la diversità creano nuove frontiere.

Frank Kafka scrivi la sua Metamorfosi.

Considerando l’importanza dell’opera la tratterò in un successivo Post.

Arte e terapia

Oggi inizio un viaggio all’interno dell’arte come mezzo di crescita.

L’arteterapia

“L’Arte – terapia può essere intesa come l’insieme dei trattamenti terapeutici che utilizzano come principale strumento il ricorso all’espressione artistica allo scopo di promuovere la salute e favorire la guarigione, e si propone come una tecnica dai molteplici contesti applicativi, che vanno dalla terapia, alla riabilitazione e al miglioramento della qualità della vita”.
Frof. Luciani

L’arte è anche questo, non solo forma provocatrice di risvegli.
Ma espressione delle nostre più istintive capacità, un mezzo immediato per estrarre le potenzialità insite alla nostra azione.
L’Arteterapia svolge questa funzione e permette attraverso lo sviluppo dell’interazioni tra mente e corpo di costruire la fiducia verso le nostre capacità e risorse. La psicologia nei secoli di processo clinico a privilegiato l’intelletto e la ragione, mettendo da parte la creatività e la fantasia percettiva, puntando alla risorse cognitive per lo sviluppo terapeutico della crescita e della cura.
L’Arteterapia si è posta come obiettivo il recupero del patrimonio creativo in quanto può essere un valido sostegno nelle situazioni di avversità che la vita ci pone.
Un disegno, una scultura cosi come una melodia sono strumenti unici per giungere al profondo linguaggio della coscienza, permettendo un contatto diretto con espressioni emotive incontrollabile come l’aggressività e devianti come la tristezza, favorendo la conoscenza di se stessi e delle proprie potenzialità incentivando l’integrazione di tutte le risorse di cui disponiamo per poter vivere meglio.

L’Arteterapia e quindi l’arte può svolgere un processo unico di crescita e trasformazione che va ben oltre il suo sviluppo clinico di trattamento di malattia.
È indispensabile coltivare l’amore per l’arte fin da piccoli, (non solo la scuola ma i genitori devono aver coscienza e conoscenza), permettendo il naturale processo di simbolizzazione che è alla base dell’adattabilità cognitiva ai valori della società.

“Ogni forma d’arte, di letteratura, di musica deve nascere nel sangue del nostro cuore . L’arte è il sangue del nostro cuore; io non credo in un’arte che non nasce dal desiderio dell’individuo di rivelarsi all’altro. Io non credo in un’arte che non nasce da una forza , spinta dal desiderio di un essere di aprire il suo cuore.”
Edward Munch.

bambini