Il caldo, i buoni vicini e le ferie – cronaca semiseria Il multiforme silenzio Quando è troppo è troppo La spaventosa idea dell’orrore L’addio in lacrime del capitano e un po’ di retorica Per rabbia e per amor di polemica La lotta contro l’omofobia tra pregiudizi e leggi dimenticate Se la diffamazione corre sul web Finalmente giustizia per Sara Ospitalità e intolleranze quotidiane Presunti flop e numeri a caso per le unioni civili Dio salvi la democrazia Freddure post pasquali Aforismi – Pasqua, festa di luce Le torture in Cecenia e la Storia che si ripete Un mondo sotto scacco La corrida: tradizioni secolari e fanatismi Divenire consapevoli tutto l’anno Lavoro, follie e calcetto Trasmissioni inopportune e messaggi fuori luogo Una ricorrenza per fare il punto della situazione La vergogna dei silenzi mancati Alla disperata ricerca di un eroe Le inutili catene di Sanremo Salvini: “Prima gli italiani” … ma quali? Music box – La canzone del bambino nel vento (Auschwitz) Le verità relative di Beppe Aforismi – Oroscopo e segni sbagliati L’anno nuovo e i vecchi propositi Aforismi – Buon Natale Lavoro, giovani in fuga e frasi fuori luogo Aforismi – I sogni di Walter Curiosità sulla Netiquette Anche il Vaticano dice basta Music box – Una città per cantare Aforismi – Generosità disinteressata Il Paese delle bufale e del cattivo gusto La terra trema di nuovo Music box – Notturno Quando i fan diventano fanatici Aforismi – L’allegria è una cosa seria Il panino della discordia Ordinarie disavventure ferroviarie Un autunno senza castagne? Music box – Il concerto dei Coldplay Aforismi – L’invasione dei social media Le abitudini che ci portano all’infelicità La triste parabola dell’eroe decaduto Music box – Sospesa Profezie millenarie di sventura Aforismi – Cuore di cane Referendum, che passione! Music box – Qualcosa che non c’è Aforismi – Vivere in eterno In “ricordo” del Presidente Ciampi Music box- Il pescatore di asterischi Vita di metropolitana La vergogna di chi dice “se l’è cercata” Aforismi – Ricchezza e salute Il discorso del Re Music box – Il negozio di antiquariato Il diritto a riappropriarsi della propria vita I dolori della giovane Virginia La vignetta di Charlie Hebdo: è giusto indignarsi? Introduzione

Aforismi – Ricchezza e salute

“La ricchezza non è tutto, ma è molto meglio della salute. Dopo tutto, non è che si possa andare dal macellaio e dire: “Guardi che bell’abbronzatura che ho, e non solo, ma non prendo mai un raffreddore”,  e aspettarsi che vi incarti un filetto (a meno che il macellaio non sia completamente idiota)”

                                                                                                               Woody Allen

L’ironia di Woody Allen è sempre superlativa, oltre che fonte di interessanti riflessioni. In particolare, questa sua battuta si adatta agevolmente a vicende italiane, anche recenti.

Che la ricchezza non sia tutto è un luogo comune, ma di sicuro sta diventando sempre più una condizione necessaria per la salute. Come dice Allen, la ricchezza è molto meglio della salute, ma proprio perché la seconda sembra non poter più prescindere dalla prima.

Il sistema sanitario pubblico italiano, in molte Regioni, nel corso degli anni ha visto contrarre notevolmente la tutela dei livelli essenziali di assistenza. Se lasciamo da parte alcune Regioni del Nord (Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Province di Trento e Bolzano) che garantiscono cure decisamente maggiori, nelle altre realtà regionali le prestazioni mediche garantite dal sistema sanitario sono molto ridotte. Con ospedali affollati e fatiscenti, lunghe liste di attesa per esami e visite di controllo, coloro che hanno buone disponibilità economiche decidono di rivolgersi a strutture private, gli altri non possono che affidarsi alla buona sorte.

E fin qui, parliamo di vicende tristemente note. Poi, però, le notizie diffuse in questi giorni sulla condanna per frode della casa farmaceutica italiana, la Menarini di Firenze, ci fanno capire che la realtà è di gran lunga peggiore.

La Menarini per quasi trent’anni avrebbe perpetrato una colossale frode ai danni del sistema sanitario nazionale, usando società estere fittizie per l’acquisto dei principi attivi dei farmaci, per poi aumentarne il prezzo finale grazie a una serie di false fatturazioni. Lo Stato avrebbe, quindi, rimborsato in questi anni medicinali con prezzi gonfiati con un danno di 860 milioni di euro. In poche parole, i vertici della Menarini hanno sottratto risorse al Sistema sanitario pubblico, che sarebbero state utilizzate altrimenti per assistere pazienti gravemente malati, condurre ricerche scientifiche per la scoperta di nuove cure o ristrutturare ospedali.

Quindi, parafrasando Woody Allen, questi soggetti hanno certamente ritenuto che la loro ricchezza fosse molto meglio della nostra salute. Pagheranno davvero per tutto ciò?

STAINO-SANITA

Aforismi – Ricchezza e saluteultima modifica: 2016-09-11T21:09:16+00:00da LorenzAdd1979

6 comments:

  1. Non mi è mai piaciuto Woody…nè come uomo nè come attore nè come altro, ma forse dipende dal fatto che non so cogliere l’ironia nei suoi tratti. La ricchezza, o meglio il benessere, lo trovo altamente utile, in questi tempi assai difficili in cui tutti i “grandi” sembrano ottemperare al bene del cittadino, guardando primariamente ai propri interessi.
    Arriveremo allo stato di “se vuoi vivere curati da solo” ma, appunto, ci vogliono i denari e molti. Attendere per scoprire il vaso di Pandora. Buon inizio di settimana, caro Vittorio, un sorriso…licia

    1. Ciao Licia, non sei l’unica cui non piaccia Woody Allen, ma è una questione di gusti, non dipende certo da una tua mancanza 🙂
      A me piacciono alcune sue massime. Per il resto, arriveremo allo stato di cui parli, soprattutto se persone come i vertici della Menarini continuano ad imbrogliare

  2. Sai il paradosso della nostra sanità qual’è? Che prima ce la smenano con tanto di spot pubblicitari sull’importanza della prevenzione per contrastare in tempo certe malattie, poi però se chiedi di fare un qualsiasi esame preventivo, anche in sospetto di malattia…passano mesi e per certe malattie oncologiche tardare anche di un mese fa la differenza tra guarire o morire! Ma ecco che se metti mano al portafoglio, miracolosamente non devi aspettare tutto questo tempo…il posto te lo trovano subito!
    In questo i soldi aiutano, per altri aspetti, abbiamo casi noti di personaggi pubblici che di fronte ad una malattia oncologica, non hanno vinto nemmeno con tutti i loro soldi e di certo non si potrà dire che non abbiamo cercato, potendole pagare, le migliore cure…

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.

2016 Name of Company