Quando è troppo è troppo La spaventosa idea dell’orrore L’addio in lacrime del capitano e un po’ di retorica Per rabbia e per amor di polemica La lotta contro l’omofobia tra pregiudizi e leggi dimenticate Se la diffamazione corre sul web Finalmente giustizia per Sara Ospitalità e intolleranze quotidiane Presunti flop e numeri a caso per le unioni civili Dio salvi la democrazia Freddure post pasquali Aforismi – Pasqua, festa di luce Le torture in Cecenia e la Storia che si ripete Un mondo sotto scacco La corrida: tradizioni secolari e fanatismi Divenire consapevoli tutto l’anno Lavoro, follie e calcetto Trasmissioni inopportune e messaggi fuori luogo Una ricorrenza per fare il punto della situazione La vergogna dei silenzi mancati Alla disperata ricerca di un eroe Le inutili catene di Sanremo Salvini: “Prima gli italiani” … ma quali? Music box – La canzone del bambino nel vento (Auschwitz) Le verità relative di Beppe Aforismi – Oroscopo e segni sbagliati L’anno nuovo e i vecchi propositi Aforismi – Buon Natale Lavoro, giovani in fuga e frasi fuori luogo Aforismi – I sogni di Walter Curiosità sulla Netiquette Anche il Vaticano dice basta Music box – Una città per cantare Aforismi – Generosità disinteressata Il Paese delle bufale e del cattivo gusto La terra trema di nuovo Music box – Notturno Quando i fan diventano fanatici Aforismi – L’allegria è una cosa seria Il panino della discordia Ordinarie disavventure ferroviarie Un autunno senza castagne? Music box – Il concerto dei Coldplay Aforismi – L’invasione dei social media Le abitudini che ci portano all’infelicità La triste parabola dell’eroe decaduto Music box – Sospesa Profezie millenarie di sventura Aforismi – Cuore di cane Referendum, che passione! Music box – Qualcosa che non c’è Aforismi – Vivere in eterno In “ricordo” del Presidente Ciampi Music box- Il pescatore di asterischi Vita di metropolitana La vergogna di chi dice “se l’è cercata” Aforismi – Ricchezza e salute Il discorso del Re Music box – Il negozio di antiquariato Il diritto a riappropriarsi della propria vita I dolori della giovane Virginia La vignetta di Charlie Hebdo: è giusto indignarsi? Introduzione

Aforismi – Vivere in eterno

Cani abbaiano alla luna, galli cantano, ranocchie gracidano, le stelle in cielo guardano dall’alto e ammiccano, e Dio stesso si appisola tra le nubi. L’Onnipotente è vecchio, non è una cosa da nulla vivere in eterno“.

La citazione è tratta dal racconto “La distruzione di Kreshev” di Isaac Bashevis Singer, premio Nobel per la letteratura nel 1978. È la storia, raccontata in prima persona dal maligno che arriva in una piccola frazione polacca, dove insinua lussuria, falsità, adulterio e sacrilegio portando la comunità alla distruzione.

Mi colpisce l’espressione “non è una cosa da nulla vivere in eterno”. Quando ero piccolo e frequentavo le lezioni di religione, mi immaginavo spesso Dio che stava da qualche parte e viveva lì da sempre, tutto solo. Poi, ad un certo punto, stanco di stare da solo, aveva deciso di creare l’Universo, con il Mare, il Cielo, le Stelle e, infine, quell’essere così piccolo che si crede tanto grande e che si chiama Uomo. Cosa avesse fatto Dio fino ad allora per secoli e millenni era un mistero che mi incuriosiva tanto.

dio-sulle-nuvole-71737665

Attualmente, la mia fede va e viene, forse, più che altro, per l’atteggiamento ostico, contraddittorio e spesso paradossale di gran parte della Chiesa. Tuttavia, mi capita spesso di pensare alla possibilità di una vita eterna dopo la morte, anche se mi riesce molto difficile immaginarla concretamente, soprattutto adottando canoni tipicamente umani. Anzi, a dire il vero, l’eternità, qualunque forma essa abbia, mi spaventa un poco.

Quando si parla di vita eterna e immortalità, mi vengono in mente anche i santoni dell’Himalaya, che vivono ad alta quota, in perfetta solitudine, dediti alla meditazione e alla preghiera. A questi santoni viene attribuita un’età molto più avanzata di qualsiasi essere umano, anzi pare che siano stati visti ad intervalli di secoli sempre con il medesimo aspetto.

Si tratta, ovviamente, di una leggenda, così come è una leggenda quella dei vampiri, che nella letteratura fantasy sono dipinti come giovani stupendi e immortali, alla continua ricerca di sangue.

Ebbene, dopo aver mischiato il sacro con il profano, non posso fare a meno di pensare che immortalità è anche lasciare qualcosa di sé agli altri, qualcosa in grado di sopravvivere in maniera duratura, oltrepassando i secoli e rimanendo sempre vivo e attuale. I grandi autori come Manzoni, Shakespeare, Goldoni (per citarne solo alcuni) in fondo ci sono riusciti.

Immortalità

Aforismi – Vivere in eternoultima modifica: 2016-09-23T21:11:08+00:00da LorenzAdd1979

6 comments:

  1. L’eternità…esiste davvero, io ne sono convinta. Di noi rimarranno sole le ossa ma l’anima se ne volerà lontana dove, per come abbiamo vissuto, sarà la sua giusta collocazione. E’ stata confermata dalle numerose apparizioni della Vergine Maria nei secoli, non inventate dalla Chiesa, ma riportate con parole chiaramente ripetute dai veggenti. Non riesco a pensare, con la mia mente umana, a come potrà essere questa eternità, di certo senza le traversie della terra e questo è un gran sollievo. Penso che tutti abbiamo pensato, da bambini, ad un Dio solo in un “nulla” e che solo dopo, ci abbia creati. Il tempo, per l’Onnipotente, non è come il nostro e molto probabilmente Egli ci creò da subito e non per non essere solo….è certo che non è stato ripagato bene dall’umanità. A me, fantasticando, piacerebbe diventare una Matusalemme…non alla Casa di Riposo, però! Un po’ difficile, vero? L’ammetto. Vampiri e santoni sempre uguali, fanno parte dell’immaginario e, forse, anche no. Condivido invece e come hai giustamente detto, l’immortalità di opere meravigliose e in campi i più disparati, firmati da nomidivenuti illustri, che rimarranno testimonianza dell’umanità fino al suo finire. Lieto fine settimana, caro Lorenzo! Un sorriso grande…licia

  2. Mi piacerebbe vivere in eterno, ma non ora, in un altra vita. Questa non è stata una gran cosa, anche se ho fatto di tutto per farla andare bene. Evidentemente ho sbagliato qualcosa…

    1. Mi spiace molto, sicuramente vivere in eterno una vita che non ci soddisfa non è una gran cosa, anzi è paragonabile ad un Inferno.
      Magari, dopo questa, ci aspetta qualcosa di meglio. Ti ringrazio per la visita, torna quando vuoi. Lorenzo

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.

2016 Name of Company