Quando è troppo è troppo La spaventosa idea dell’orrore L’addio in lacrime del capitano e un po’ di retorica Per rabbia e per amor di polemica La lotta contro l’omofobia tra pregiudizi e leggi dimenticate Se la diffamazione corre sul web Finalmente giustizia per Sara Ospitalità e intolleranze quotidiane Presunti flop e numeri a caso per le unioni civili Dio salvi la democrazia Freddure post pasquali Aforismi – Pasqua, festa di luce Le torture in Cecenia e la Storia che si ripete Un mondo sotto scacco La corrida: tradizioni secolari e fanatismi Divenire consapevoli tutto l’anno Lavoro, follie e calcetto Trasmissioni inopportune e messaggi fuori luogo Una ricorrenza per fare il punto della situazione La vergogna dei silenzi mancati Alla disperata ricerca di un eroe Le inutili catene di Sanremo Salvini: “Prima gli italiani” … ma quali? Music box – La canzone del bambino nel vento (Auschwitz) Le verità relative di Beppe Aforismi – Oroscopo e segni sbagliati L’anno nuovo e i vecchi propositi Aforismi – Buon Natale Lavoro, giovani in fuga e frasi fuori luogo Aforismi – I sogni di Walter Curiosità sulla Netiquette Anche il Vaticano dice basta Music box – Una città per cantare Aforismi – Generosità disinteressata Il Paese delle bufale e del cattivo gusto La terra trema di nuovo Music box – Notturno Quando i fan diventano fanatici Aforismi – L’allegria è una cosa seria Il panino della discordia Ordinarie disavventure ferroviarie Un autunno senza castagne? Music box – Il concerto dei Coldplay Aforismi – L’invasione dei social media Le abitudini che ci portano all’infelicità La triste parabola dell’eroe decaduto Music box – Sospesa Profezie millenarie di sventura Aforismi – Cuore di cane Referendum, che passione! Music box – Qualcosa che non c’è Aforismi – Vivere in eterno In “ricordo” del Presidente Ciampi Music box- Il pescatore di asterischi Vita di metropolitana La vergogna di chi dice “se l’è cercata” Aforismi – Ricchezza e salute Il discorso del Re Music box – Il negozio di antiquariato Il diritto a riappropriarsi della propria vita I dolori della giovane Virginia La vignetta di Charlie Hebdo: è giusto indignarsi? Introduzione

Referendum, che passione!

Il referendum è uno dei principali strumenti di partecipazione democratica della collettività alle pubbliche decisioni. D’altronde, la nostra storia repubblicana è iniziata proprio con un referendum, quando il 2 giugno 1946 il popolo italiano venne chiamato a scegliere tra monarchia e repubblica.

Da allora, il referendum ci ha accompagnato in tante scelte su temi importanti (divorzio, aborto, finanziamento pubblico dei partiti, e tanti altri), grazie anche alle iniziative di Marco Pannella nella sua continua lotta per il riconoscimento dei diritti civili.

Negli ultimi anni, vi è stata, purtroppo, una certa disaffezione nei confronti di tale strumento, considerato il mancato raggiungimento del quorum in molti referendum abrogativi, sintomo di un malessere generale nei confronti della politica.

Umberto_II_alle_urne

Eppure, nonostante tale disaffezione, negli ultimi tempi proprio un referendum si è posto in maniera decisa al centro dell’attenzione generale. Il Consiglio dei Ministri, infatti, ha ormai stabilito: il 4 dicembre prossimo si svolgerà la consultazione referendaria per decidere se confermare o meno la riforma costituzionale di abolizione del bicameralismo perfetto (e tanto altro). E, ovviamente, già da parecchio tempo si sono delineati i due fronti, del SI e del NO.

Sinceramente, in questo momento non me la sento di esprimere in maniera decisa il mio orientamento verso uno dei due fronti. Ho bisogno di qualche ulteriore approfondimento, anche se posso dire con sicurezza che esiste un punto di questa riforma che desta in me molta avversione (punto poco sottolineato nei vari dibattiti): il palese rafforzamento dei privilegi delle Regioni con autonomia speciale, con un pensiero particolare a quelle del Nord. Ma mi riprometto di parlarne dopo i dovuti approfondimenti.

Di sicuro, la campagna referendaria ha dato il via al “mercato delle vacche”, con il cosiddetto “patto della lavagna”, ovvero l’illustrazione da parte del nostro Premier su una simpatica lavagna dei principali benefici che il Governo intende garantire in questi mesi. Staremo a vedere.

Comunque, non siamo i soli alle prese con i referendum. La Svizzera, il Canton Ticino in particolare, ha deciso di inserire nella propria Costituzione un principio che privilegia i lavoratori svizzeri ai trasfontalieri. Si parla di discriminazione, di rottura dei rapporti tra Svizzera e Unione Europea, con il solito Salvini che festeggia ogni volta che un Paese decide di chiudere le frontiere e di isolarsi, chiedendo a gran voce di prendere esempio.

Io credo che non ci sia nulla da festeggiare. Quando i Paesi si chiudono in se stessi, alimentando lo spirito nazionalista, c’è da aspettarsi solo il peggio, non soltanto sul fronte economico. Ma, come mi capita di ripetere spesso negli ultimi tempi, la Storia non insegna nulla.

svizzera-01

Referendum, che passione!ultima modifica: 2016-09-27T22:00:19+00:00da LorenzAdd1979

6 comments:

  1. Hai trattato di un argomento che mi mette imbarazzo…non so che rispondere ad un tale enigma e perciò me ne astengo. Non sono, cmq, ottimista sul risultato…ci sono sempre le persone informate e quelle no ma che, chiamiamola “pubblicità” non chiara, confonde e fa dire No al posto di SI, tanto per intenderci. Dovrebbe esserci onestà e chiarezza, cose che nella nostra politica mancano, purtroppo. Lieto mercoledì, caro Lorenzo, un salutissimo..licia

    1. Cara Licia, si crea volutamente confusione, per ottenere il risultato. Il prossimo è un referendum confermativo, trattandosi di una legge non ancora in vigore.
      Il SI è a favore della legge, il NO è per impedire che entri in vigore.
      Al contrario, in altri casi, abbiamo votato il referendum abrogativo di leggi esistenti. Il SI è contro la legge, per abrogarla, il NO per mantenerla.
      La confusione sta in questo
      Un abbraccio a te

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.

2016 Name of Company