Quando è troppo è troppo La spaventosa idea dell’orrore L’addio in lacrime del capitano e un po’ di retorica Per rabbia e per amor di polemica La lotta contro l’omofobia tra pregiudizi e leggi dimenticate Se la diffamazione corre sul web Finalmente giustizia per Sara Ospitalità e intolleranze quotidiane Presunti flop e numeri a caso per le unioni civili Dio salvi la democrazia Freddure post pasquali Aforismi – Pasqua, festa di luce Le torture in Cecenia e la Storia che si ripete Un mondo sotto scacco La corrida: tradizioni secolari e fanatismi Divenire consapevoli tutto l’anno Lavoro, follie e calcetto Trasmissioni inopportune e messaggi fuori luogo Una ricorrenza per fare il punto della situazione La vergogna dei silenzi mancati Alla disperata ricerca di un eroe Le inutili catene di Sanremo Salvini: “Prima gli italiani” … ma quali? Music box – La canzone del bambino nel vento (Auschwitz) Le verità relative di Beppe Aforismi – Oroscopo e segni sbagliati L’anno nuovo e i vecchi propositi Aforismi – Buon Natale Lavoro, giovani in fuga e frasi fuori luogo Aforismi – I sogni di Walter Curiosità sulla Netiquette Anche il Vaticano dice basta Music box – Una città per cantare Aforismi – Generosità disinteressata Il Paese delle bufale e del cattivo gusto La terra trema di nuovo Music box – Notturno Quando i fan diventano fanatici Aforismi – L’allegria è una cosa seria Il panino della discordia Ordinarie disavventure ferroviarie Un autunno senza castagne? Music box – Il concerto dei Coldplay Aforismi – L’invasione dei social media Le abitudini che ci portano all’infelicità La triste parabola dell’eroe decaduto Music box – Sospesa Profezie millenarie di sventura Aforismi – Cuore di cane Referendum, che passione! Music box – Qualcosa che non c’è Aforismi – Vivere in eterno In “ricordo” del Presidente Ciampi Music box- Il pescatore di asterischi Vita di metropolitana La vergogna di chi dice “se l’è cercata” Aforismi – Ricchezza e salute Il discorso del Re Music box – Il negozio di antiquariato Il diritto a riappropriarsi della propria vita I dolori della giovane Virginia La vignetta di Charlie Hebdo: è giusto indignarsi? Introduzione

Profezie millenarie di sventura

Oggi, primo giorno di ottobre, il sole è sorto, ci siamo alzati dal letto come tutti gli altri giorni e abbiamo affrontato le nostre incombenze quotidiane. Ciò, nonostante qualcuno avesse formulato profezie, dicendo che oggi ci sarebbe stata la fine del mondo.

Già, perché ieri era il giorno della Luna Nera. Secondo gli esperti (quelli veri), si tratta di un normalissimo fenomeno astronomico, che si verifica quando l’orbita lunare porta il satellite tra la Terra e il Sole, per cui la faccia non illuminata della Luna è rivolta verso di noi. É il ciclo di luci e ombre del nostro satellite che va avanti da millenni.

Tuttavia, i teorici della cospirazione si sono ostinati a vedere in questo fenomeno un segnale della fine del mondo. Ma chi sono i teorici della cospirazione? Sono coloro che, generalmente, elaborano teorie alternative e più complesse rispetto a quelle ufficiali per la spiegazione di vari avvenimenti (politici, sociali, naturali), teorie che si pongono in contrasto con l’opinione comune e le verità generalmente accettate, ad esempio in occasione di eventi tragici, come assassini di personaggi famosi, disastri ambientali, atti terroristici.

In questa occasione della Luna Nera, quindi, tali soggetti non hanno perso tempo ad elaborare una loro teoria sulla fine del mondo.

Luna Nera

Riflettevo sul fatto che di profezie sul drammatico epilogo della nostra amata Terra ce ne sono state a iosa nel corso dei secoli. Chi non ricorda la Profezia di Nostradamus che aveva vaticinato un infausto evento all’avvicinarsi del nuovo Millennio? Si parlava di un “Re dell’Orrore” che sarebbe arrivato e avrebbe seminato morte e distruzione. E poi? A parte qualche problema informatico con il famigerato “Millenium Bug”, tutto è andato bene e il Capodanno del 2000 è trascorso serenamente.

Nostradamus era famoso per le sue centurie e quartine profetiche, formulate in modo incomprensibile e prive di precisi elementi identificativi, per cui tali testi potevano essere tranquillamente interpretati in modo da applicarsi a qualunque evento.

Poche le quartine con indicazioni precise, poi ovviamente disattese. A parte il disastro previsto per il passaggio tra il 1999 e il 2000, avrebbe vaticinato il culminare di una lunga e selvaggia persecuzione religiosa per il 1792 (che non c’è mai stata) e la distruzione totale della specie umana per il 1732. Ma a quanto pare siamo ancora qui.

Ovviamente, nessuno può conoscere la data in cui avverrà la fine del mondo, ma di sicuro noi umani, con il nostro comportamento, possiamo cercare di evitare che questo termine si avvicini troppo in fretta.

nostradamus

Profezie millenarie di sventuraultima modifica: 2016-10-01T21:10:20+00:00da LorenzAdd1979

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.

2016 Name of Company