Quando è troppo è troppo La spaventosa idea dell’orrore L’addio in lacrime del capitano e un po’ di retorica Per rabbia e per amor di polemica La lotta contro l’omofobia tra pregiudizi e leggi dimenticate Se la diffamazione corre sul web Finalmente giustizia per Sara Ospitalità e intolleranze quotidiane Presunti flop e numeri a caso per le unioni civili Dio salvi la democrazia Freddure post pasquali Aforismi – Pasqua, festa di luce Le torture in Cecenia e la Storia che si ripete Un mondo sotto scacco La corrida: tradizioni secolari e fanatismi Divenire consapevoli tutto l’anno Lavoro, follie e calcetto Trasmissioni inopportune e messaggi fuori luogo Una ricorrenza per fare il punto della situazione La vergogna dei silenzi mancati Alla disperata ricerca di un eroe Le inutili catene di Sanremo Salvini: “Prima gli italiani” … ma quali? Music box – La canzone del bambino nel vento (Auschwitz) Le verità relative di Beppe Aforismi – Oroscopo e segni sbagliati L’anno nuovo e i vecchi propositi Aforismi – Buon Natale Lavoro, giovani in fuga e frasi fuori luogo Aforismi – I sogni di Walter Curiosità sulla Netiquette Anche il Vaticano dice basta Music box – Una città per cantare Aforismi – Generosità disinteressata Il Paese delle bufale e del cattivo gusto La terra trema di nuovo Music box – Notturno Quando i fan diventano fanatici Aforismi – L’allegria è una cosa seria Il panino della discordia Ordinarie disavventure ferroviarie Un autunno senza castagne? Music box – Il concerto dei Coldplay Aforismi – L’invasione dei social media Le abitudini che ci portano all’infelicità La triste parabola dell’eroe decaduto Music box – Sospesa Profezie millenarie di sventura Aforismi – Cuore di cane Referendum, che passione! Music box – Qualcosa che non c’è Aforismi – Vivere in eterno In “ricordo” del Presidente Ciampi Music box- Il pescatore di asterischi Vita di metropolitana La vergogna di chi dice “se l’è cercata” Aforismi – Ricchezza e salute Il discorso del Re Music box – Il negozio di antiquariato Il diritto a riappropriarsi della propria vita I dolori della giovane Virginia La vignetta di Charlie Hebdo: è giusto indignarsi? Introduzione

Music box – Il concerto dei Coldplay

“Quando cerchi di fare del tuo meglio ma non ci riesci

Quando ottieni ciò che vuoi ma non ciò di cui hai bisogno

Quando sei così stanco ma non riesci a dormire

Bloccato in retromarcia

E le lacrime scorrono sul tuo viso

Quando perdi qualcosa che non puoi sostituire

Quando ami qualcuno ,ma tutto va sprecato

Potrebbe andare peggio?

Le luci ti guideranno a casa, e infiammeranno le tue ossa

E io proverò a consolarti”.

Coldplay – Fix you

Ammetto che i Coldplay si collocano tranquillamente tra i miei gruppi musicali preferiti. I loro brani sono molto intensi, spesso struggenti, ma a volte anche pieni di energia e ritmo. Poi, cantati dal carismatico leader Chris Martin, con il suo timbro molto particolare, acquistano un’atmosfera suggestiva, al punto che non riesco a non farmi coinvolgere ad ogni ascolto.

Negli ultimi giorni il gruppo è stato coinvolto da alcune polemiche su di un loro concerto che si terrà a Milano il prossimo luglio. La band, nell’arco di una carriera ventennale, è venuta molto poco in Italia, per cui questo concerto era particolarmente atteso dai fan più appassionati. Talmente atteso che, una volta messi in vendita i biglietti sul sito TicketOne, il tutto esaurito è arrivato dopo ben sette minuti.

Chiaramente, il sospetto è che qualcuno ne abbia fatto incetta per rivenderli ad un prezzo esorbitante: infatti, il costo di un biglietto attualmente si aggira sui 200-300 euro, fino ad arrivare, in alcuni casi, al migliaio di euro. Una cifra talmente esagerata da provocare l’ironia dei fan che progettano di ascoltare il concerto dal parcheggio.

coldplay

Ovviamente, non ci penso nemmeno a cercare di acquistare un biglietto per il concerto, per cui mi accontento di guardare i loro video su Youtube.

Difficile scegliere un brano da inserire in questa mia rubrica, me ne vengono in mente tanti: Viva la Vida, The Scientist, A Sky Full of Stars.

Alla fine ho scelto Fix You, il secondo estratto dal terzo album in studio X&Y e pubblicato il 5 settembre 2005. Il brano, scritto da Chris Martin, è il tentativo di un uomo di aiutare una persona sofferente, che ha perso qualcuno che amava e che ha la sensazione che tutto vada a rotoli. Non da la certezza di riuscire a guarire le ferite, ma proverà a consolare e a star vicino a quella persona.

Qualcuno ha ipotizzato che la canzone sia stata scritta per l’ex moglie Gwyneth Paltrow dopo la scomparsa del padre di lei. Gwyneth, infatti, scoppiò a piangere durante un concerto dopo aver ascoltato proprio questa canzone.

Music box – Il concerto dei Coldplayultima modifica: 2016-10-11T00:24:35+00:00da LorenzAdd1979

10 comments:

  1. Ho sempre apprezzato molto la loro musica, compresa “viva la vida”. Mi piacerebbe andare a un loro concerto; ma non ne faccio un dramma se il loro biglietto è troppo costoso. Contribuire a ingrossare il loro conto in banca, non rientra tra i miei obiettivi. Buongiorno Lorenz.

    1. Buongiorno Laura! Infatti, fare un mutuo per andare ad un loro concerto non è il caso, anche perché il rischio è di ingrossare non solo il loro conto in banca, ma anche quello dei vari intermediari truffaldini che rivendono i biglietti.

  2. La mia musica preferita, si è fermata agli anni ottanta e direi che partendo dagli anni 40/50 con l’acme degli anni sessanta, sono molto (si può dire molto?) preparato. Dopo, per quella a venire fino al primo decennio del 2000, sono solo preparato (un filino) ma solo per il mio lavoro terminato alla fine del decennio scorso. Detto questo, io sono contrario ai concerti, spesso quelli dei giorni nostri: ormai con la rete, di diritti quasi non si parla più, di vendite men che mai vista e considerata la “pirateria” ufficiale dei navigatori, resterebbero gli acquisti dei patiti e dei collezionisti…francamente non è molto. Restano i concerti la grande e grossa fonte delle entrate per chi fa musica “leggera”. Pertanto, i prezzi sono lievitati perché la domanda è stata sollecitata con opportune tecniche di squisito marketing. Ecco perché non appassionandosi molto, si evita di foraggiare la spettacolarizzazione delle manifestazioni. Costano e costa anche chi canta e suona. Esempio: se Ligabue non avesse nessuno ai suoi concerti, poche anime a vederlo e sentirlo cantare, cosa dovrebbe fare il buon Liga? Secondo me, se ci tenesse a divulgare la sua bella musica, andrebbe per cortili a cantare gratis o per oboli raccolti! Sarebbe così per i grandi attori, i grandi calciatori e tutti color per i quali si comprano i biglietti a 300/400/500 euro ecc.ecc. La domanda e l’offerta fanno il mercato, è tutto qui: io posso amare un grande calciatore, un grande attore, ma mi limito ad essere moderato e a dare il minimo per loro: no perché non meritino, ma per calmierare il mercato. E’ il mio punto di vista sia ben chiaro, ma non è stata mai mia abitudine fare il fan sfegatato di nessuno. Mi piacciono tutti ma più di tanto, non mi spreco. Punti di vista caro amico.
    Buon giorno Lorenzo.

    1. Io amo tantissimo la musica di vari periodi, anche se non mi considero un esperto. e quando posso compro cd “veri”, anche se la rete offre molto.
      Per il resto, un concerto a quei prezzi mai e poi mai. Buona giornata Carlo

  3. Se ho capito bene da un pendolare che me ne parlava ieri dovrebbero andare anche a Monaco e lì il costo del biglietto è più basso. Potresti vedere e nel caso andare col pullmann Flixbus 🙂

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.

2016 Name of Company