Quando è troppo è troppo La spaventosa idea dell’orrore L’addio in lacrime del capitano e un po’ di retorica Per rabbia e per amor di polemica La lotta contro l’omofobia tra pregiudizi e leggi dimenticate Se la diffamazione corre sul web Finalmente giustizia per Sara Ospitalità e intolleranze quotidiane Presunti flop e numeri a caso per le unioni civili Dio salvi la democrazia Freddure post pasquali Aforismi – Pasqua, festa di luce Le torture in Cecenia e la Storia che si ripete Un mondo sotto scacco La corrida: tradizioni secolari e fanatismi Divenire consapevoli tutto l’anno Lavoro, follie e calcetto Trasmissioni inopportune e messaggi fuori luogo Una ricorrenza per fare il punto della situazione La vergogna dei silenzi mancati Alla disperata ricerca di un eroe Le inutili catene di Sanremo Salvini: “Prima gli italiani” … ma quali? Music box – La canzone del bambino nel vento (Auschwitz) Le verità relative di Beppe Aforismi – Oroscopo e segni sbagliati L’anno nuovo e i vecchi propositi Aforismi – Buon Natale Lavoro, giovani in fuga e frasi fuori luogo Aforismi – I sogni di Walter Curiosità sulla Netiquette Anche il Vaticano dice basta Music box – Una città per cantare Aforismi – Generosità disinteressata Il Paese delle bufale e del cattivo gusto La terra trema di nuovo Music box – Notturno Quando i fan diventano fanatici Aforismi – L’allegria è una cosa seria Il panino della discordia Ordinarie disavventure ferroviarie Un autunno senza castagne? Music box – Il concerto dei Coldplay Aforismi – L’invasione dei social media Le abitudini che ci portano all’infelicità La triste parabola dell’eroe decaduto Music box – Sospesa Profezie millenarie di sventura Aforismi – Cuore di cane Referendum, che passione! Music box – Qualcosa che non c’è Aforismi – Vivere in eterno In “ricordo” del Presidente Ciampi Music box- Il pescatore di asterischi Vita di metropolitana La vergogna di chi dice “se l’è cercata” Aforismi – Ricchezza e salute Il discorso del Re Music box – Il negozio di antiquariato Il diritto a riappropriarsi della propria vita I dolori della giovane Virginia La vignetta di Charlie Hebdo: è giusto indignarsi? Introduzione

Quando i fan diventano fanatici

Proprio ieri abbiamo parlato in Community dell’allegria e del bisogno di intrattenersi anche con film, libri, programmi divertenti e spensierati. Ammetto, quindi, senza problemi, che spesso guardo il programma condotto da Carlo Conti in cui i protagonisti si dilettano nell’imitazione di cantanti famosi. Si tratta di un format ben sperimentato nel corso degli anni, anche se in diverse versioni (mi vengono in mente alcuni show condotti da Mike Bongiorno e Gigi Sabani) e il mio interesse per questi programmi nasce soprattutto dalla mia grande passione per la musica.

Tra i protagonisti di quest’anno, vi sono alcune vecchie volpi dello spettacolo e dell’intrattenimento, come Manlio Dovì e Tullio Solenghi, oltre a bravi cantanti e attori, impegnati anche nel musical.

E, infine, il giullare, colui che viene scelto per destare simpatia pur se non molto capace, ovvero Enrico Papi.

Ieri, il simpatico Papi ha avuto l’onere di imitare nientemeno che Justin Bieber, il ragazzetto canterino idolo delle giovanissime, che sciorina in continuazione motivetti leggeri e orecchiabili e si muove sul palco mandando baci a chiunque e ammiccando di continuo, quasi avesse un tic incontrollabile. Da questa mia descrizione si dovrebbe già iniziare a capire che non ho una grande simpatia per questo cantante, ma, ovviamente, non è finita qui.

Justin

L’imitazione di Papi, anche se un po’ scadente, è stata comunque simpatica, anche perché mettersi nei panni di un ragazzino non può che destare ilarità. Purtroppo, però, le fan di Justin, dotate evidentemente di scarso senso dell’umorismo, hanno iniziato ad insultare Enrico sui social definendolo vergognoso e indecente. Un attacco congiunto verso un’innocua e scanzonata imitazione.

Mi stupisco sempre di come le Belieber abbiano la memoria corta sul loro idolo. Mentre loro si dannano per difenderlo a spada tratta e combattere qualsiasi cosa possa turbare il suo bel sorrisino, lui spende in stravizi e trasgressioni i soldi che periodicamente loro gli elargiscono tra dischi e concerti. Certo, non è l’unico cantante trasgressivo e viziato sulla scena musicale, è in bella compagnia, ma in più lui non ha alcun rispetto dei fan. Butta via i loro regali definendoli schifosi, evita in qualsiasi modo il contatto, non vuole nemmeno che le ragazze urlino un po’ ai suoi concerti.

E di certo, senza fan, altro che party lussuosi e donne ai suoi piedi, come minimo andrebbe a pulire i gabinetti o a servire ai tavoli (lavori assolutamente dignitosi, intendiamoci) e non avrebbe alcuno spazio nella musica.

Quello che più mi intristisce è il rapporto morboso che si crea attorno a questi personaggi. Volti carini e motivi intriganti, uniti ad un’attenta gestione del look, permettono di conquistare orde di ragazzine urlanti, che, talmente coinvolte, giurano amore e dedizione ad ogni nuova star, purché abbia i requisiti di cui sopra. La nuova star si sente, quindi, in dovere di condurre un’esistenza sopra le righe perché così ha ancora più fascino (il retaggio del bello e dannato) e le fan continuano a cascarci. E ovviamente guai se qualcuno offende il loro idolo.

Comunque, dopo pochi anni, si ricomincia con un nuovo arrivato. Magari, quello che arriverà dopo sarà un pelino più simpatico, me lo auguro per le povere fan!

Enrico-Papi-Justin-Bieber-Tale-e-Quale-Show

Quando i fan diventano fanaticiultima modifica: 2016-10-22T22:00:12+00:00da LorenzAdd1979

33 comments:

  1. Mi piace tantissimo lo show Tale e Quale, non ne perdo una trasmissione e, come giudice, sono peggio di Loretta Goggi (che mi urta un po’ con il suo voler sempre fare la prima donna) Mi sono graditi tutti, più o meno, senza alcun dubbio…unico Cirilli che mi manda fuori testa e devo uscire dalla stanza. Mi è piaciuto Papi, ieri sera ha fatto meglio del solito, esagerando un po’ alla fine ma lui è sempre un po’ “pagliaccio”, detto in modo benevolo naturalmente… a dire il vero preferisco lui che quell’insulso biondino di Bieber. Hai visto Lorenzo, come sono truccati alla perfezione gli interpreti? Gran lavoro dietro le quinte, questo show mi entusiasma…è’ musica, si ascolta volentieri perchè vengono presentati artisti famosi e canzoni di ogni tempo, anche pensando all’impegno non semplice di ogni artista per il meglio riuscire nell’imitazione del personaggio a lui preposto. Bellissimo programma…ciao Lorenzo…per me è ora di ascoltare un po’ di musica, a letto naturalmente…mi culla e mi addormenta. Un abbraccio e buona notte, carissimo…licia

    1. Ciao Licia, assolutamente, truccatori, sartoria, maestri di canto, ballerini, fanno tutti un lavoro colossale per un bel programma che fortunatamente è incentrato tutto sulla musica. Papi ieri ha fatto un po’ di pasticci, ma è stato simpatico e si impegna molto. Le fan di Bieber con il loro idolo invece fanno bene a tacere!! Buona notte cara Licia

  2. Devo confessarti che Justin Bieber mi è simpatico e un paio di volte nei miei post ho pubblicato brani da lui interpretati.
    Certo se fa’ il capriccioso non sarebbe una novità nel campo musicale,non dimentichiamo i guantini per i batteri di Michael Jackson.
    Agli idoli tutto è concesso a prescindere le nostre opinioni.
    Se alle sue fans piace così, ben venga, a noi che ce ne importa?
    Di certo non mi farò il sangue marcio se il ragazzino fa’ lo schizzinoso:)))
    Buonanotte caro Lorenzo.

    1. Ciao Diana, ovviamente ognuno ha i suoi gusti. Certo anche Michael Jackson era un po’ particolare, molto ossessionato dalle malattie, ma il suo talento era tale da superare queste stranezze. Justin musicalmente non è proprio a quel livello, ammettiamolo. Comunque, non discuto tanto i gusti musicali delle fan (anche a me capita di ascoltare quei brani), ma il fatto che siano pronte a difenderlo addirittura insultando il povero Papi, nonostante lui le tratti davvero male. Insomma, è questo rapporto morboso, ossessivo e fanatico che va oltre l’ammirazione per un bravo cantante che mi infastidisce. Poi, ovvio ognuno fa quel che vuole
      Notte Diana!!!

  3. Di tanto seguo la trasmissione, almeno finché Reggio. Di solito mi addormentò prima della fine. In quanto ai fan, non hanno mai senso critico: idolatrano e basta. Buonanotte,

  4. TALE E QUALE SHOW non lo guardo.Justine Bieber fa male a comportarsi così con i suoi Fans,dimostra di essere solamente un ragazzino che si è montato la testa perchè è famoso.Buona Domenica,un abbraccio. 🙂 Dolce

  5. Ciao Lorenzo, di solito non guardo questo programma, ma se mentro giro per qualche film ci passo e mi fermo il necessario, anche perchè ho notato che ci sono bravissime voci. Quello che mi da fastidio è che si sentono chissà chi, non sanno quanta strada dovranno farne ancora. Una splendida Domenica Lorenzo, quì piove..pazienza.

  6. Accendi lo spot su un argomento di cui spesso scrivo e che mette in evidenza la squallida pletora di fans che raccolgono i personaggi di oggi: abbiamo avuto tutti i nostri idoli, i nostri preferiti ma non abbiamo mai esondato e tracimato con sciocchi atti di fanatismo. Non andavamo da nessuna parte, il massimo che abbiamo concesso alla nostra simpatia per Pinco Panco e altri è scimmiottare il loro modo di vestirsi, di pettinarsi e di muoversi, ma più di tanto, non abbiamo mai fatto. Il protagonista oggi prima si costruisce, lo si prepara in laboratorio con opportune operazioni di marketing e poi attorno a lui deve necessariamente crearsi il gruppo dei fans. Ovvero, se il protagonista su cui puntano marketing e manager fa fiasco dopo due/tre apparizioni, lo cestinano!!!! Questo è il vero, grande business: immagina se nessuno sostenesse con il delirio e le sperticate scene d’isterismo, la star che fine farebbe? Ecco perché questi malati non possono accettare il dileggio del loro preferito e anche se il loro beniamino li tratta come bestie da macello, per essi è sempre un dono, una unzione celestiale. Tardiamo a crescere in questo paese anche per le disfunzioni di questi giovanissimi che potrebbero e dovrebbero essere classe dirigente in un prossimo futuro. Figurati come siamo messi se le condizioni sono queste.
    Buona e bella domenica Lorenzo.

    1. Ciao Carlo, giustissimo il tuo discorso ma con delle distinzioni; certamente la maggior parte dei cantanti si costruisce con le operazioni di marketing, molti puntano solo al fascino del bel visino, ma c’è anche chi si basa sul talento, pochi in realtà. Per i primi si costruiscono gruppi di fanatici urlanti, tra i giovanissimi, che dopo qualche anno spariscono, per i secondi si consolida una carriera e un rapporto maturo coi fan che appartengono a varie età. Penso alla Pausini che da venti anni e più esporta la sua musica nel mondo, fa concerti spettacolari in cui i fan cantano e partecipano senza isterismi, in una festa della musica. Vi aggiungerei diversi altri (una minoranza), il resto è fuffa. Buona domenica anche a te

      1. La Pausini e altri che nel tempo hanno dimostrato le loro capacità, le loro doti, Ligabue tanto per citarne un altro, non hanno nulla a che vedere con quelli a cui facevo cenno: siamo al pittoresco mondo di personaggi strafottenti, linguacciuti, eccessivi nelle loro performance. Anzi, più v’è degrado e più costoro (i fans) eccedono con le loro smanie e le loro sciocchezze. Poi nonostante una accertata fedeltà. vengono pure mandati affan’cucolo!!!!
        Bye caro.

  7. Altro che ai miei tempi! Che si strappavanio i capelli per i Cugini di Campagna (che poi li recuperavano per farsi le extension sui loro capelli) !!! ^__*
    Scherzi a parte…io più invecchio e più penso che gli anni migliori della musica siano stati gli anni 70-80 con i cantautori, i grandi gruppi stranieri e la discomusic….
    E nota come le imitazioni migliori siano quelle fatte su artisti di qualche anno fa….

  8. Mi permetto di lasciare un mio pensiero, sperando di non disturbare. Mi chiedo come possano le ragazze oggi così emancipate mentalmente, o almeno di definiscono tali, andare dietro come larve a simili personaggi che le trattano come spazzatura. Intendiamoci io vengo da una generazione lontana, però avevo i miei cantanti preferiti, di sicuro però non mi piacevano quelli come questo tipo, li evitavo immediatamente e sicuramente maleducati come lui non ce ne erano. Donne oggetto si possono definire queste sciocche ragazze? Di sicuro c’è da preoccuparsi per loro e molto anche.. Buona serata.

    1. Cara Rosa, non disturbi affatto. Condivido il tuo commento parola per parola in sintonia con il mio pensiero. La passione per la musica non c’entra con questi fanatismi per tali personaggi. Buona serata anche a te

  9. Per la prima volta scrivo qui trovandomi quasi catapultato. ci sono una mia akica nina monamour e qualche conoscente.
    il post è interessante:il programam è simptico anche se..lungo..le canzoni belle e ben imitate, i l resto..d’accordo con l’autrice del psot. ciaoo. gino

  10. La solita storia di fan sfegatate che si sentono offese nel midollo. Io ho visto Papi e non mi è sembrato mancasse di rispetto. Ma io non sono una ragazzina e di Bieber ammiccante poco mi importa. Le sue canzoni non mi dispiacciono, sono orecchiabili

    1. Ciao Ale, anche a me non dispiacciono le canzoncine di Bieber, perché sono pur sempre motivetti orecchiabili, per lo meno le ultime che ho sentito, anche se non mi trasmettono grandi emozioni. Di certo, non mi strapperei i capelli per un suo concerto 🙂 Di sicuro Papi è più simpatico. Buona giornata 😉

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.

2016 Name of Company