Quando è troppo è troppo La spaventosa idea dell’orrore L’addio in lacrime del capitano e un po’ di retorica Per rabbia e per amor di polemica La lotta contro l’omofobia tra pregiudizi e leggi dimenticate Se la diffamazione corre sul web Finalmente giustizia per Sara Ospitalità e intolleranze quotidiane Presunti flop e numeri a caso per le unioni civili Dio salvi la democrazia Freddure post pasquali Aforismi – Pasqua, festa di luce Le torture in Cecenia e la Storia che si ripete Un mondo sotto scacco La corrida: tradizioni secolari e fanatismi Divenire consapevoli tutto l’anno Lavoro, follie e calcetto Trasmissioni inopportune e messaggi fuori luogo Una ricorrenza per fare il punto della situazione La vergogna dei silenzi mancati Alla disperata ricerca di un eroe Le inutili catene di Sanremo Salvini: “Prima gli italiani” … ma quali? Music box – La canzone del bambino nel vento (Auschwitz) Le verità relative di Beppe Aforismi – Oroscopo e segni sbagliati L’anno nuovo e i vecchi propositi Aforismi – Buon Natale Lavoro, giovani in fuga e frasi fuori luogo Aforismi – I sogni di Walter Curiosità sulla Netiquette Anche il Vaticano dice basta Music box – Una città per cantare Aforismi – Generosità disinteressata Il Paese delle bufale e del cattivo gusto La terra trema di nuovo Music box – Notturno Quando i fan diventano fanatici Aforismi – L’allegria è una cosa seria Il panino della discordia Ordinarie disavventure ferroviarie Un autunno senza castagne? Music box – Il concerto dei Coldplay Aforismi – L’invasione dei social media Le abitudini che ci portano all’infelicità La triste parabola dell’eroe decaduto Music box – Sospesa Profezie millenarie di sventura Aforismi – Cuore di cane Referendum, che passione! Music box – Qualcosa che non c’è Aforismi – Vivere in eterno In “ricordo” del Presidente Ciampi Music box- Il pescatore di asterischi Vita di metropolitana La vergogna di chi dice “se l’è cercata” Aforismi – Ricchezza e salute Il discorso del Re Music box – Il negozio di antiquariato Il diritto a riappropriarsi della propria vita I dolori della giovane Virginia La vignetta di Charlie Hebdo: è giusto indignarsi? Introduzione

Per rabbia e per amor di polemica

Capita di provare rabbia sul posto di lavoro, di essere particolarmente stressati, di prendersela con i colleghi, specialmente se non collaborativi, di essere scontenti e nervosi nei confronti dei capi, di ricevere seccature dall’esterno. D’altronde, lo stress lavorativo non è un’invenzione recente.

Magari vi è il rischio di trascendere, di andare oltre il livello di guardia. Certo, non capiterà a tutti, poiché ognuno avrà un diverso modo di reagire, ma accade. Sicuramente, non è un bene per la nostra salute, non è bello nei confronti degli altri, con i quali vorremmo mostrarci sempre sereni, sorridenti, pacati. Ma, purtroppo, la nostra condizione di esseri umani può portarci anche a questo. E, di certo, la gogna mediatica non è la punizione migliore.

Fatte queste premesse, non ho davvero intenzione di avventurarmi nella polemica sulle frasi pronunciate da Flavio Insinna, che avrà certamente sbagliato, ma rimane per me un professionista di buon livello. Una polemica che, comunque, continua a imperversare, considerato che diversi utenti social amano introdursi con ardore e insistenza in qualunque discussione, per ambire alla laurea in Tuttologia.

stress_da_attesa

Invece, vorrei innescare una piccola polemica su programmi come Striscia la notizia o le Iene che, a volte, pur di ottenere scoop clamorosi, non esitano a svergognare chiunque, magari prendendosi rivincite personali e utilizzando mezzi poco ortodossi (chi ha spedito il fuori onda a un’azienda concorrente, come ha giustamente sottolineato Selvaggia Lucarelli?). In alcuni casi, sono state svelate alcune truffe, ma in altre situazioni, certi servizi esaltanti non solo hanno creato inutili polemiche, ma hanno procurato anche danni: mi viene in mente il servizio delle Iene sul caso Unar, un chiaro esempio di informazione distorta. Come sempre, c’è chi, pur di ottenere clamore mediatico, calpesta la dignità delle persone.

Per rabbia e per amor di polemicaultima modifica: 2017-05-25T08:40:32+00:00da LorenzAdd1979

20 comments:

  1. Buongiorno Lorenzo.
    Come te ritengo che Flavio Insinna sia un ottimo professionista ma si vuole trovare sempre il marciume dappertutto.
    Molti ci marciano sopra.
    Un caro abbraccio da Diana.

    1. Insinna ha sbagliato, soprattutto a insultare la concorrente, non lo voglio giustificare, ma nemmeno condannare senza appello, anche perché non ne avrei diritto. Troppe volte ci ergiamo a giudici. Ciao Diana

  2. ahi ahi ahi ..erigersi a giudice lasciandosi trasportare da principi troppo oggettivi lascia sempre il tempo che trova … mai relazionare da super io e da tuttologo.. è come essere l’unico gallo sull’immondizia umana

  3. Buon pomeriggio Lorenzo, come ho già scritto altrove, nessuno vuole dipingere Insinna come un mostro o un diavolo a tre teste, siamo seri, chi di noi non ha una volta sparlato alle spalle di un cliente o un collega in un momento di rabbia? L’unica incongruenza che vedo è che se per la Perego sono state fatte delle scuse pubbliche alle ragazze dell’est, per quale motivo per quella povera sciagurata della concorrente “nana” della Valle d’Aosta neanche un messaggio di solidarietà? Qua le vittime sono due, Insinna, colpito alle spalle da un suo collaboratore che ha registrato lo sfogo inviandolo ad Antonio Ricci e la signora che ha partecipato ad Affari Tuoi, offesa in diretta TV. Ricci ha giocato sporco questa volta, Flavio mi piace, bravo conduttore, bravo attore, molto serio, simpatico, sicuramente avrà avuto anche Lui i suoi momenti di rabbia, e poi sotto sotto non sappiamo cosa succede dietro le quinte, nella vita ci vuole pazienza, tanta pazienza!

    1. Concordo sul fatto che Ricci abbia giocato sporco. Credo che Insinna in qualche modo debba scusarsi con quella signora, certe parole, pur se dette in un momento di rabbia, richiedono un minimo di penitenza. Ciao Nina

  4. confesso di aver provato più fastidio nel servizio di Striscia che nelle volgarità di Insinna. Credo che ognuno di noi è in grado di prendere le distanze da belle/brutte frasi che uno dice. Non è che perchè uno si è lascianto andare ad un momento di rabbia ciò lo renda disumano, mentre non è detto che sia da santificare chi si mette in bocca belle parole.

  5. Mi scuserai, caro Lorenzo, per la lontananza dal tuo blog….nessun avviso m’era stato dato dalle mie news. Sono venuta per vedere che succede e….ci sono rimasta male davvero. Scusami. Riguardo alle polemiche, sono sempre di dubbio gusto. Certo vi “partecipiamo” assecondando o meno, ma mai sapremo come vanno le cose nella realtà. Comunque sia, la polemica, e tutti ci cadiamo a volte, non aiuta a semplificare o ad aggiustare le situazioni, specie laddove il guaio è ormai di dominio pubblico.Buon senso, rispetto, gentilezza tanta. Buon inizio di settimana, carissimo, un abbraccio….licia

  6. Su Striscia la notizia ho visto dell’altro su Insinna.Sono rimasta esterefatta,insultava tutti e bestemmiava,altro che momento di rabbia.Che vada a farsi curare da un bravo psichiatra questo Insinna.Buona giornata. 🙂 Dolce

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.

2016 Name of Company