UNA LIBRERIA PER I RIFUGIATI

Il quarantaduenne Samer al-Kadri ha creato, ad Istanbul, una libreria per i rifugiati siriani. La libreria si chiama Pages Bookstore and Cafe ed è un luogo in cui i bambini possono leggere tutti i libri gratuitamente o prenderli in prestito per un minimo di 20 lire al mese. Gli adulti possono bere caffè mentre studiano e leggono e, la sera, partecipare a spettacoli musicali, serate di cinema, workshop e mostre.

31da4f0e21717dbab93f7627dabd9204

Books on display on the first floor of Pages bookshop and cafe in Fatih, Istanbul, Turkey.

Kadri è stato a sua volta un rifugiato: a otto anni, nel 1982, è fuggito dalla natale Hama, in Siria e nel 2012, quando si è spostato a Damasco dove si è diplomato all’Accademia di Belle Arti e ha fondato la casa editrice Bright Fingers a Istanbul. Kadri ha capito quanto siano importanti le lingue nel processo di integrazione e per questo, nella sua libreria, si possono trovare testi in arabo, in turco, in inglese e anche in francese.

Kadri spera di aprire una filiale del suo bookstore a Berlino per soddisfare anche lì la comunità di rifugiati e sta creando una nuova casa editrice che sarà dedicata ai romanzi d’esordio di giovani scrittori siriani e arabi.

(fonte: www.libreriamo.it)

Un saluto, Mary

UNA LIBRERIA PER I RIFUGIATIultima modifica: 2018-02-09T10:00:37+01:00da tottina989

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.