Ariana Grande, hackerato il suo profilo Instagram: pubblicate frasi razziste

2015-04-09-arianaLa prima ad accorgersi del fatto è stata Nicki Minaj. Su Twitter corre la solidarietà alla popstar, il cui staff ha poi rimosso le offese
Dopo quanto accaduto al canale Hbo con gli episodi di “Game of Thrones” e a Vasco Rossi con le sue canzoni inedite, gli hacker colpiscono anche Ariana Grande. Il profilo Instagram della popstar è stato violato nella mattinata del 4 agosto: gli intrusi hanno cominciato a pubblicare frasi razziste e contenuti offensivi, poi rimossi dallo staff della cantante. La prima a denunciare il fatto è stata la collega e amica Nicki Minaj.
Come è solito accadere nei casi di violazione di account di un certo interesse, gli autori del gesto hanno utilizzato il profilo social di Ariana Grande per pubblicizzare altre pagine. Nicki Minaj, resasi conto dell’hackeraggio, ha commentato uno dei post incriminati con l’emoticon dalla faccia confusa. La minacciosa risposta degli intrusi – che nel frattempo avevano anche postato la foto di un ragazzo di colore con epiteti razzisti – non si è fatta aspettare: “Fott…, di te parlerò dopo”.
La solidarietà social dei fan – Gli ammiratori di Ariana Grande, una volta compreso quanto successo, hanno subito incoraggiato la cantante americana a dimenticare lo spiacevole episodio. L’hashtag #RespectAriana è in breve tempo entrati nei “Trending Topics” mondiali di Twitter. Tra i molti commenti a sostegno, ne emergono alcuni dello stesso tenore. “Con tutto quello che le è successo, pure toglierle la privacy è troppo” – sostiene un utente, riferendosi in particolar modo a quanto accaduto il 22 maggio scorso, quando un kamikaze si fece esplodere durante il concerto di Manchester della popstar.

Ariana Grande, hackerato il suo profilo Instagram: pubblicate frasi razzisteultima modifica: 2017-08-06T15:15:18+00:00da cristina_a2016

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Mr.Loto scrive:

    Abbiamo aumentato il livello della tecnologia ma allo stesso tempo sono aumentati anche i rischi.

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.