Come pagare meno tasse legalmente in Italia

Non bisogna preoccuparsi dell’imposizione fiscale in Italia. La qualità della vita in Italia è eccellente. Le tasse non sono così diverse da quelle di altri paesi europei. Il costo della vita poi è significativamente più basso rispetto a quello di molti altri Paesi e molti servizi a pagamento altrove sono forniti gratuitamente dallo Stato.

Per pagare meno tasse legalmente è sufficiente conoscere gli strumenti che offre l’Italia, come la tassa forfettaria per gli stranieri, la registrazione dei brevetti, le detrazioni fiscali per lo sfruttamento della proprietà intellettuale, il regime forfettario per la nuova IVA e l’avviamento di impianti.

Patent box

Il Patent Box, sconosciuto a molti, è una reale opportunità per le aziende tecnologiche e che detengono o sono proprietarie di beni immateriali, come il valore di un sito web, un’ applicazione, un brevetto, ecc.

Si tratta di un pacchetto di agevolazioni fiscali che consente di ridurre notevolmente il livello di tassazione della propria società fino a 1/3 di quello attuale.

Patent box significa letteralmente “cassetta dei brevetti”.

In pratica, la cassetta dei brevetti costituisce un’ importante agevolazione fiscale per le imprese che detengono proprietà intellettuale e beni immateriali in generale.

Si chiama Patent box, perché è una misura inizialmente concepita solo per i brevetti. In seguito, tuttavia, è stato esteso ai marchi e alle opere tutelati dal diritto d’ autore, come un’ app, un software, un sito web ecc.

E’ stupido non approfittare di questo tipo di vantaggio.

Il problema è un altro: il limite maggiore per iniziare a beneficiare dei vantaggi offerti dal brevetto è la formazione tecnico-professionale di contabili e consulenti commerciali, che non hanno mai applicato le relative regole, e spesso non sono preparati.

L’ impiego del patent box richiede l’ interpretazione e la corretta applicazione di vari regolamenti e circolari dell’ Agenzia delle Entrate e non è facile trovare un ragioniere che sappia come applicarli.

Poi è necessario avere documentato le spese di ricerca e sviluppo, ma questo non è un problema: sono spese che quasi tutte le startup regolarmente sostengono.

L’esenzione fiscale concessa dallo Stato italiano è pari a:.

30% nel primo anno di applicazione;
40% nel secondo anno; 40% nel secondo anno
50% netto terzo anno.
Tuttavia, va ammesso che molte società di consulenza fiscale non applicano questa esenzione perché non sono specializzate e/o tecnicamente preparate, non essendo in grado di assegnare il valore corretto ad un brevetto o ad un bene tecnologico.

Per pagare meno tasse è importante imparare a calcolare l’ esenzione del patent box e sottoporlo ai vostri consulenti fiscali.

In primo luogo, è necessario sapere che lo sgravio non mira l’ intero reddito ricevuto dalla start-up, ma solo una fetta di reddito, che è definito “reddito agevolato” (reddito agevolabile).

Per il calcolo della tassazione agevolata con il patent box è l’Agenzia delle Entrate a fornirci le necessarie istruzioni.

Naturalmente, per usufruire dell’esenzione e iniziare a pagare meno imposte la nostra azienda deve avere o essere titolare di beni tecnologici, che possono essere legalmente protetti o brevettati.

Tassa forfettaria

E’ un regime fiscale favorevole che si applica a persone che, contemporaneamente:

1. sono persone fisiche (è un regime di sgravi non esteso alle società) con redditi esteri;
2. risiedono all’ estero da almeno nove anni d’ imposta negli ultimi 10 anni;
3. hanno un reddito molto elevato.

Questo sistema consente di pagare meno imposte sul reddito personale. E infatti è possibile ottenere un significativo risparmio fiscale pagando una somma forfettaria di € 100.000 imposta sul reddito di provenienza estera.

Quando dovrebbe essere applicata l’ imposta forfettaria?

Va da sé che l’ applicazione del regime di agevolazione fiscale denominato flat tax dovrebbe avvenire quando l’ imposta sul reddito generato all’ estero e pagabile in Italia sia superiore alla soglia di € 100.000.

Senza tenere conto delle deduzioni e delle detrazioni, se esaminiamo le aliquote fiscali esistenti che si applicano ai vari redditi, l’imposta forfettaria è conveniente quando il reddito imponibile annuo è superiore a 250.000 euro.

L’applicazione dell’ opzione flat tax è valida per 15 anni.

In pratica, con l’ introduzione della flat tax l’Italia è diventata una sorta di paradiso fiscale offshore per le persone fisiche che detengono beni significativi e redditi esteri, trasferendo la residenza fiscale nel “Bel Paese”.

Regime forfettario

Il regime forfettario è un meccanismo che consente di pagare meno imposte dell’ ammontare delle imposte che sarebbero dovute aprendo un’ IVA, in regime ordinario.

Per rientrare nel regime forfettario e iniziare a pagare un livello fiscale inferiore, l’ imprenditore deve rientrare in determinate fasce di reddito; se supera determinate soglie, può optare per il regime IVA normale.

L’ Iva forfetaria 2017: Esistono due tipi di sgravi fiscali:

1. per una nuova partita IVA, l’ avvio del sistema forfettario, che prevede un’ aliquota ridotta del 5% per i primi cinque anni d’ imposta e del 15% a partire dal sesto anno. I contributi previdenziali (contributi INPS) riguardano invece il 27% del reddito d’ impresa.
2. per una partita IVA già avviata, il regime forfettario ordinario con un’ aliquota del 15%.

Coloro che possono optare per il regime forfettario hanno anche pochissimi requisiti contabili, potendo beneficiare di semplificazioni significative.
Per coloro che aspirano a diventare imprenditori, che beneficiano del sistema forfettario, è consigliabile iscriversi all’ IVA solo se hanno un fatturato da almeno uguale (o maggiore) a 5.000 euro.

In altri casi, senza poter beneficiare di sgravi fiscali, l’ apertura o il mantenimento dell’ IVA è consigliabile solo se il reddito annuo è superiore a 8.000 € (questo è un accertamento da effettuarsi caso per caso, con l’ assistenza di un consulente).

Startup

Per pagare meno tasse in Italia è importante conoscere il sistema di agevolazioni fiscali riservate alle startup innovative in Italia.

Per diventare startup innovative, l’ azienda deve soddisfare determinati requisiti stabiliti dalla legge.

Il riconoscimento dello startup innovativa si ottiene con l’ iscrizione nel registro di commercio, sezione speciale, istituito presso la Camera di Commercio.

I principali vantaggi ottenuti con l’ iscrizione sono i seguenti

benefici fiscali
Benefici per l’ assunzione del personale.
I vantaggi fiscali sono di due tipi diversi:

vantaggi fiscali per il proprietario di un’ innovazione in fase di avviamento;
Benefici fiscali per coloro che investono in una start-up innovativa (da non trascurare perché è un incentivo a stimolare l’ investimento di capitale esterno).
I vantaggi fiscali per l’ imprenditore start-up sono i seguenti

Esenzione dei diritti delle camere di commercio;
Esenzione dall’ imposta per l’ iscrizione nel registro delle imprese;
Essa non applica le norme che disciplinano le società di comodo;
Cosa significa questo?
Le società di comodo sono strutture aziendali create per gestire barche, auto, case e altri beni principalmente di lusso. Si chiamano “di comodo” perché si crea con il solo scopo di pagare meno imposte, non avendo il fine di realizzare un profitto.

Tornando alle agevolazioni previste per il regime di startup, i vantaggi fiscali per gli investitori sono i seguenti
Detrazione fiscale del 19% o 25% per le persone fisiche;
Detrazione fiscale del 20% o 27% per le società;
I vantaggi in termini di assunzioni e prestazioni lavorative:.
Assunzione: le start-up innovative possono stipulare contratti a tempo determinato da 6 a 36 mesi, fino a 4 anni dalla costituzione;
La startup innovativa può remunerare dipendenti e professionisti con la formula work for equity, cioè offrendo quote o azioni della società.

Deduzioni sui redditi da proprietà intellettuale

Diritti d’autore e proprietà intellettuale sono due termini che dovrebbe considerare chi ha appena costituito un’azienda o se ne gestisce già una in Italia.

Molti imprenditori che operano nell’ economia digitale ignorano l’ opportunità di sfruttare strategicamente la loro proprietà intellettuale (marchi, siti web, software, applicazioni, ecc.).

I benefici fiscali derivanti dallo sfruttamento della proprietà intellettuale sono notevoli e possono essere ottenuti attraverso l’ utilizzo di un accordo di licenza.

Infatti, se si registra ad una persona fisica un diritto di proprietà intellettuale (e-book, app, software, marchi, brevetti, ecc.) e si stipula un accordo di licenza con la proprio startup, per dare lo stesso diritto di rivendere il proprio lavoro, la legge italiana prevede a favore della persona fisica il diritto ad avere una significativa agevolazione fiscale sui diritti ricevuti.

A meno che non sappiate quali sono i diritti d’autore, chiariamo subito: sono le tasse che si pagano per sfruttare la proprietà intellettuale altrui.

Bene, la legge riconosce una detrazione standardizzata, vale a dire una riduzione della base imponibile, pari a:

40% se i diritti sono percepiti da una persona fisica di età inferiore ai 35 anni;
25% se i diritti sono percepiti da una persona fisica di età pari o superiore a 35 anni.
L’abbattimento fiscale è relativo all’ IRPEF (imposta sul reddito).
Inoltre, non è tutto!

Sul reddito percepito dalla persona fisica, non si applica l’ imposta.

La maggior parte dei consulenti tributari non lo sa, quindi sarebbe utile ricordarglielo se ha dei dubbi: i ricavi derivanti da accordi di licenza ricevuti da una persona fisica in Italia non dovrebbero essere soggetti all’ imposta sul valore aggiunto.

Non contare sui trattati sulla doppia imposizione per proteggersi

Un trattato sulla doppia imposizione è semplicemente una dichiarazione che afferma che non si può essere fiscalmente residenti di due paesi allo stesso tempo. Quindi bisogna essere residenti in almeno un paese all’anno. Si presume la residenza fiscale italiana se ci sono tracce evidenti di regolare/permanente insediamento.

Non pensare di potersi nascondere

Chi è residente fiscale italiano (cioè trascorre più di 183 giorni all’anno in Italia), può essere scovato dalla Guardia di Finanza. Si lascia sempre una traccia: bollette, registrazioni di telefoni cellulari, biglietti aerei, carte di credito ed estratti conto bancari, così come testimonianze visive provenienti da vicini, giardinieri, pulizie, ecc. E’ molto meglio essere in regola e sapere che è altamente improbabile che qualcuno bussi alla porta.

Non è necessario servirsi di una società offshore situata in un paradiso fiscale o in un paese a bassa tassazione (aprire una società in Bulgaria in questo caso sarebbe la soluzione più vantaggiosa) per pagare meno tasse. Né è consigliabile trasferire il proprio reddito o patrimonio attraverso una società di comodo e/o una società offshore, rischiando così il pericolo di illegittimità ed avere notevoli ostacoli burocratici per ridurre l’onere fiscale: da un lato, le norme antiriciclaggio richiedono limiti di transazione diversi per le strutture societarie (società di controllo) come l’ identificazione del titolare economico (consulta la guida antiriciclaggio); dall’ altro, nei paesi OCSE è stata intensificata la questione dell’antielusione fiscale.

Non è necessario fuggire dall’ Italia per pagare meno tasse, ma è comunque consigliabile conoscere gli strumenti giuridici offerti dal sistema fiscale italiano.

Come pagare meno tasse legalmente in Italiaultima modifica: 2017-09-30T15:53:54+00:00da ubaldo.leone

Lascia un commento