La stella di Natale che guidò i Re Magi? Ecco la spiegazione scientifica

La famosa stella di Natale, che avrebbe guidato i Re Magi dall’Oriente a rendere omaggio a Gesù appena nato, in realtà fu un eccezionale allineamento di pianeti, che si verificò il 6 a.C.. Il primo a teorizzarlo fu Keplero, e dopo di lui diversi astronomi hanno lavorato su questa tesi. L’ultimo è Grant Matthews, astrofisico dell’università di Notre Dame, che ha presentato le sue conclusioni in una conferenza nello stesso ateneo.

sfondi-di-natale-stella-cometa

Studiando i dati storici, astronomici e biblici, Matthews è arrivato alla conclusione che l’evento che guidò i Magi, sacerdoti zoroastriani dell’antica Persia, fu una congiunzione di pianeti estremamente rara, avvenuta nel 6 a.C. e da allora mai più osservata in cielo. C’erano il Sole, Giove, la Luna e Saturno nella costellazione dell’Ariete, Venere nella vicina costellazione dei Pesci, e Marte e Mercurio dalla parte opposta del cielo nel Toro. In quell’epoca, l’equinozio di primavera era in Ariete. Un evento simbolico per chi era un esperto di astronomia, come i Magi.
La presenza di Giove e la Luna infatti indicava la nascita di un grande personaggio mentre Saturno era un simbolo di vita, così come la presenza dell’Ariete nell’equinozio di primavera, che stava a indicare l’inizio della primavera. «I Magi devono aver visto questa congiunzione a est, riconoscendo il simbolo di una nascita regale di Giudea», rileva Matthews. I dati indicano inoltre che «la nascita di Gesù non avvenne a dicembre – aggiunge Vito Polcaro, ricercatore dell’Istituto nazionale di astrofisica – ma prima, entro l’autunno, quando i pastori dormivano ancora all’aperto».

La stella di Natale che guidò i Re Magi? Ecco la spiegazione scientificaultima modifica: 2016-12-14T22:58:07+01:00da giorgio662015
Share on Tumblr

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.