Diventa papà e viene colpito dalla depressione: “Ho odiato mia figlia a lungo”

La depressione post-parto, si sa, può colpire molte donne ed è più comune di quello che sembra. Più raro, ma comunque possibile, che a soffrire di depressione in seguito al lieto evento siano anche i papà: la storia di Ross Hunt ne è la dimostrazione.
L’uomo, che vive in Galles, ha raccontato a Wales Online il male vissuto in seguito alla nascita della sua primogenita, Isabelle: «Mi svegliava nel cuore della notte, dovevo badare a lei e non provavo alcun sentimento nei suoi confronti.

padre-figlia-depressione-odiata_censored_19115220

Anzi, nelle prime settimane di vita, devo ammetterlo, l’ho odiata. Non è una cosa facile da dire e che potrebbe rendermi oggetto di pesanti critiche, ma questa è la verità».
«Era difficile ammetterlo anche con mia moglie, ma lei mi ha aiutato a uscirne. Mi ha fatto molto bene anche tornare al lavoro dopo la nascita di Isabelle» – spiega Ross, che ripercorre il periodo da incubo vissuto dopo essere diventato papà per la prima volta – «Avrei dovuto essere felice, volevamo un figlio da tanto tempo. Invece prima provavo indifferenza, poi odio nei confronti di quella bimba a cui dovevo prestare attenzione costantemente. Poi qualcosa è cambiato, ma c’è voluto tempo e non è stato per niente facile».
La svolta, per Ross, è arrivata quando, pochi mesi dopo la nascita di Isabelle, la famiglia era partita per un viaggio: «In un’occasione mia figlia mi ha sorriso, lì qualcosa è scattato dentro di me. Ho capito di essere fortunato e di amare Isabelle, sono riuscito a superare quel momento grazie a mia moglie e alla mia forza che mi aveva permesso di vincere la depressione già qualche anno fa». Dopo questa vicenda, Ross ha deciso anche di aprire un blog in cui racconta tutte le difficoltà del diventare genitori per la prima volta e iniziare una nuova vita, fatta di sforzi e sacrifici. La vicenda è stata raccontata anche dal Mirror.

Diventa papà e viene colpito dalla depressione: “Ho odiato mia figlia a lungo”ultima modifica: 2017-10-19T17:04:32+00:00da giorgio662015
Share on Tumblr

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.