Harry rompe il protocollo dell’esercito, il principe sfila in uniforme con la barba

Il principe Harry è accusato di aver violato le regole del protocollo militare durante le celebrazioni del Remembrance day al Cenotafio di Londra. Il secondogenito di Carlo e Diana si è presentato con la barba mentre vestiva l’uniforme militare britannica, quando invece le regole delle forze armate di sua maestà impongono la rasatura.

3362611_harry

Harry, 33 anni, è il quinto nella linea di successione al trono, attualmente occupato dalla nonna Elisabetta, e ha lasciato l’esercito nel 2015, per dedicarsi alla beneficenza e ad altri compiti reali. Ma sarebbe comunque tenuto a rispettare le ferree regole del suo reggimento. Questo perlomeno è quanto sostiene un membro del reggimento che, come riporta il Daily Mail, ha detto che Harry ha deluso molti ufficiali: «Non c’è posto per le barbe nella cavalleria della Regina».
Il caso è montato, un portavoce del ministero della difesa ha giustificato il comportamento di Harry, affermando che «non è più in servizio. Come membro della famiglia reale, a volte deve vestire un uniforme, e lo fa con la barba», a differenza del fratello William che si è presentato perfettamente rasato.
L’esercito britannico non permette ai suoi militari di portare la barba, tranne in alcune rare occasioni: malattie della pelle, o ragioni religiose, come per i Sikh. Anche alle forze speciali sotto copertura è permesso non radersi, ma a loro la barba è vietata durante le parate o celebrazioni ufficiali. Questo perlomeno per il reggimento di cui fa parte Harry, il Blues and Royals, che affonda le sue radici ai tempi di Oliver Cromwell, nel diciassettesimo secolo. Altri corpi delle forze armate britanniche invece permettono di portare la barba, come la Royal Navy, la marina di cui ha fatto parte il principe Carlo.

Harry rompe il protocollo dell’esercito, il principe sfila in uniforme con la barbaultima modifica: 2017-11-12T23:51:40+00:00da giorgio662015
Share on Tumblr

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.