Community
 
xavier1962
   
 
Creato da xavier1962 il 26/02/2006
Il mio mondo

Ultime visite al Blog

italtypearido1lareginanera_neraParsifal_62eliomatteoxavier1962JakelynMarquisDeLaPhoenixCoralie.frpsicologiaforensechiarasanyBARITIMEenrico505themantruelacky.procino
 

Contatta l'autore

Nickname: xavier1962
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 9
Prov: TV
 

ShinyStat

Free web counters
 

Area personale

 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 29
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Sidereus 27.04.2012 - Is...Il Prof. Franco Berrino ... »

Animalisti liberano dei cuccioli destinati alla vivisezione

Post n°2827 pubblicato il 28 Aprile 2012 da xavier1962
 

(ANSA) - MILANO, 28 APR - Sono partiti intorno alle 15 dal Palageorge di Montichiari i manifestanti di Occupy Green Hill, l'organizzazione che chiede la chiusura dell'allevamento di beagle per la vivisezione e la sperimentazione in laboratorio.

Un gruppo di manifestanti e' poi riuscito a entrare nell'allevamento dopo aver aggirato i cordoni di sicurezza.

Alcuni hanno preso a calci le transenne fuori dall'allevamento, qualcuno ha tirato sassi. Dopo aver scandito piu' volte lo slogan 'assassini', alcune persone sono riuscite ad aprire alcune gabbie liberando dei cuccioli di beagle. (ANSA).

AGGIORNAMENTO

Sabato 28 Aprile 2012 - 21:35
MONTICHIARI (BRESCIA) - Nella giornata mondiale per gli animali nei laboratori ce l'hanno fatta a realizzare il sogno di ogni manifestante che, fino ad oggi, ha partecipato ai diversi cortei che hanno sfilato contro l'allevamento Green Hill di Montichiari, nel bresciano. Per la prima volta l'irruzione all'interno della struttura è riuscita e alcuni cani sono stati sottratti al loro futuro di cavie da laboratorio. Dopo aver aggirato il cordone di sicurezza passando per stradine di campagna insieme ad un gruppo di circa quattrocento persone, intorno alle 16 alcuni manifestanti hanno scavalcato la recinzione dal lato degli uffici della Marshall, la multinazionale proprietaria di Green Hill, fiondandosi di corsa verso i capannoni dove ci sono le gabbie dei beagle. Pochi minuti più tardi l'offensiva si è spostata dal lato dei capannoni, una zona che è stata risistemata e recintata solo di recente. E qui è stato il parapiglia: tanti, forse decine di manifestanti sono riusciti ad entrare nell'allevamento, nonostante il cordone di sicurezza formato da polizia e carabinieri. Per ogni persona che riusciva a scavalcare la recinzione era un applauso. Una gioia per i manifestanti, un senso di liberazione che è diventato commozione con tanto di lacrime versate da qualche attivista quando da uno dei capannoni ragazzi e ragazze hanno cominciato a portare fuori i cani. Cuccioli di pochi mesi ma anche femmine in dolce attesa. I circa venticinque animali sottratti all'allevamento sono stati fatti sparire nel giro di pochi minuti, portati sui pullman e sulle auto dei manifestanti. Polizia, carabinieri e polizia locale di Montichiari sono al lavoro per recuperarne il più possibile. Non sono mancati momenti di tensione a suon di grida e spintoni tra manifestanti e forze dell'ordine, che hanno tentato di tenere le persone lontano da rete di recinzione e filo spinato. Nessuno si aspettava che finisse così la manifestazione cui hanno partecipato circa mille persone, organizzata da Occupy Green Hill e che ha visto l'adesione e la partecipazione informali del Coordinamento fermare Green Hill e del Comitato Motichiari contro Green Hill. Perchè informale? Per divergenze sulla «scelta strategica di questo corteo in relazione agli eventi in corso e sulle modalità di organizzazione» stando ad una nota del Coordinamento. «Per me non c'è nessuno screzio - ha però voluto precisare Piercarlo Paderno, portavoce di Occupy Green Hill - anzi, se non ci fossero loro non saremmo qui oggi». Ma all'origine delle divergenze potrebbe esserci le diverse modalità di protesta. «Nessuno dei nostri è entrato nell'allevamento - ha infatti voluto precisare Roberta Ghezzi di Occupy Green Hill - non ne sapevamo nulla. Certo però hanno fatto bene, non è importante che sia un reato. È ora che la gente capisca la gravità della situazione». Per il blitz a Green Hill sono tredici i fermati, e i reati che si profilano non sono di poco conto. La questura parla di furto, invasione di terreni, danneggiamento, violenza sulle persone. Sul futuro di Green Hill la Regione Lombardia ha ribadito che serve una legge nazionale. E dall'ex ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, a nome della Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, l'appello ai senatori per approvare la norma che vieta di allevare in Italia cani, gatti e primati destinati alla sperimentazione. 

Fonte: http://www.leggo.it/ 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: