Creato da Zero.elevato.a.Zero il 21/07/2008

Da zer0 a me

Pensieri calcoli poesia e musica

 

 

« 100.000 penne nereIrene Fargo »

Solstizio d'Estate 2022

Post n°606 pubblicato il 21 Giugno 2022 da Zero.elevato.a.Zero
 

Luigi Pasquini Molo di Rimini

Vois sur ces canaux
Dormir ces vaisseaux
Dont l'humeur est vagabonde;
C'est pour assouvir
Ton moindre désir
Qu'ils viennent du bout du monde.
Les soleils couchants
Revêtent les champs,
Les canaux, la ville entière,
D'hyacinthe et d'or;
Le monde s'endort
Dans une chaude lumière.
Là, tout n'est qu'ordre et beauté,
Luxe, calme et volupté.
(Charles Baudelaire, I fiori del male)

Inizia una nuova Estate, inizia già caldissima e con grave siccità nei grandi fiumi deputati a togliere la sete e permettere all’agricoltura di prosperare.
Io da sempre soffro il caldo, accolgo questi giorni roventi sognando, spero imminenti, il refrigerio della brezza sul mare e quel sapore di avventura che vivo quando la prua supera il molo per lasciare i confini di casa e andare più lontano, poco o molto non importa.
Nei giorni scorsi grazie alla complicità del mio amico e Kohai abbiamo all’improvviso deciso di staccare la spina e alzare le vele in direzione di Venezia: tre giorni per arrivarci a tappe ed uno per tornare a casa dritti come l’ago della bussola.
Le ore di navigazione si prestano idealmente per intessere discorsi profondi, abbiamo così sviscerato il senso del viaggio, del motivo che spinge le persone per crudele necessità o, al contrario, per migliorare pacificamente le proprie visioni, a cambiare orizzonte, a vedere cose diverse cercando di cogliere quel senso ineffabile della vita reso evidente dalle curve dei delfini che nuotano accanto.
C’è nel viaggiatore un senso appagante del nuovo vedere assieme ad un bisogno mai soddisfatto di intraprendere differenti percorsi una volta terminati quelli iniziati.
Quale sarà dunque la prossima meta mi chiedo nel giorno più corto dell’anno, quali gradi leggerò sulla bussola per esprimere il mio bisogno di arrivare verso una nuova destinazione. Desideri nel cassetto ce n’è più d’uno, l’uomo però propone ma è il mare che dispone, con i suoi venti e le sue onde, perfino con le sue maree figlie della luna del sole e della pressione atmosferica.
Raccolgo quindi l’invito di Baudelaire che Battiato ha trasformato in canzone per organizzare un nuovo viaggio, se nel frattempo non sarà possibile che sia quello salato del desiderio, possa essere almeno quello altrettanto introspettivo e avventuroso della scoperta dell’anima:
Buona Estate :)

(Invito al Viaggio, Baudelaire - Battiato)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/0elevato0/trackback.php?msg=16377871

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
moon_I
moon_I il 21/06/22 alle 17:48 via WEB
...il tuo post mi ha fatto ricordare il libro di Carlo Piano "Atlantide, viaggio alla ricerca della bellezza", un viaggio per mare a ritroso, attraverso luoghi, tempo, emozioni...non so perché ma me lo hai fatto ricordare :)...
 
 
Zero.elevato.a.Zero
Zero.elevato.a.Zero il 21/06/22 alle 18:28 via WEB
Un libro che amo moltissimo: la tua citazione è perfetta e del tutto sincrona al mio pensiero. Senza fare torto all’autore, ma per ringraziarti di questi pensieri di viaggio che iniziano parlando di venti verso la ricerca della bellezza di Atlandide, cito le prime righe:
Mare lungo. Così lungo e pigro che appesantisce le idee e rovescia le budella, con nuvole basse da sciogliersi in acqua. Confonde sopra e sotto. Le folate di vento, quel po’ che soffia, sono torride e gonfie di umidità. Dalle nostre parti si dice che tira scirocco, qui non so come si dica. So però che in Croazia lo chiamano Jugo e in Libia Ghibli.
Ancora grazie :)
 
several1
several1 il 25/06/22 alle 19:22 via WEB
Vorrei scrivere qualche riga del mio libro preferito che parla di acqua, di Venezia (Fondamenta degli Incurabili di I. Brodskij) ma scivolo in silenzio tra le parole che galleggiano...
 
 
Zero.elevato.a.Zero
Zero.elevato.a.Zero il 27/06/22 alle 09:24 via WEB
Decisamente un grande poeta, non perché ha vinto il Nobel, ma per come sapeva tessere il canto delle parole. Un esule innamorato di Venezia al punto di tornarci spesso e volerla come destinazione finale del suo peregrinare terreno: è una bella forma di amore.
Raccolgo dalla mia libreria il Saggio che ami tanto e inizio a rileggerlo:
“Una gelida sera di Dicembre. Uscito dal cubo di pietra illuminato di Santa Lucia, nel buio che nasconde la città, colpisce già sui gradini della Stazione, l’odore di Venezia d’Inverno: Era una notte di vento, e prima che la mia retina avesse il tempo di registrare alcunché fui investito in pieno da quella sensazione di suprema beatitudine, le mie narici furono toccate da quello che per me è sempre stato sinonimo di felicità, l’odore di alghe marine sotto zero”.
:)
 
Signorina_Golightly
Signorina_Golightly il 10/08/22 alle 07:29 via WEB
Vengo in questo spazio in punta di piedi e leggo questo invito a intraprendere il viaggio dell'estate. Poi leggo i commenti e ci trovo cose a me sconosciute. Che bello quando parole profonde ne incontrano altre e si generano pensieri nuovi. Ti immagino navigare mentre annoto i titoli dei libri che avete evocato. Buona estate :)
 
 
Zero.elevato.a.Zero
Zero.elevato.a.Zero il 23/08/22 alle 19:12 via WEB
Cara Amica sconosciuta,
le piogge ferragostane hanno raffreddato questa estate rovente, la barca è tornata all’approdo riportando nuovi ricordi da riporre con un sorriso nel cassetto delle memorie, il Palio dell’Assunta si è corso per la gioia dei Lecaioli. Sono tutti segnali che la mia Estate lascia il passo all’Autunno, quel momento del viaggio intorno al sole che amo tanto.
Mi ha fatto molto piacere leggere la traccia che hai lasciato nel mio spazio ti invito solo, almeno qui, a non entrare in punta di piedi. Mi fai tornare la voglia di rileggere lo stralcio di una poesia di Spoon River che alberga in modo permanente nell’anima; sull’epigrafe di Edmund Pollard si legge:
…Tutto è tuo, o viandante;
entra consapevole nella sala del banchetto;
non camminare di fianco come se fossi in dubbio
che tu sei la benvenuta – la festa è tua!
Non accettare il poco, rifiutando il resto
con un timido “Grazie”, quando sei affamata
. È viva la tua anima? Allora fa' che si nutra!


Torna presto a dare luce ai miei pensieri, grazie! :)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

SEI NEL BLOG DI

Zero elevato a Zero

Min: :Sec
 

IL DONO DEL TENGU

 

Tengu
Un regalo imperdibile

 

DARUMA

Bambola Daruma regalo di Aikoyuki

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60EL.DIABL0several1prefazione09Zero.elevato.a.Zeroanimaefuococassetta2francesca0506Dott.FiccagliaSignorina_Golightlyacer.250alf.cosmosvento.di.passione1neimieipassi
 
Citazioni nei Blog Amici: 42
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom