Creato da zago992 il 30/03/2011
Guerra

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Ultime visite al Blog

barisardogalexpix1975farmaciapetroniorarffeanor_94MANUGIA95zago992mauafel
 

Ultimi commenti

ottimo post http://www.onlinecasino.onweb.it
Inviato da: alexpix1975
il 26/07/2014 alle 20:55
 
Non vedo le foto, le hai messe attraverso...
Inviato da: MANUGIA95
il 29/06/2011 alle 00:51
 
Hei "Guerra Mondiale" com'č andata poi?...
Inviato da: MANUGIA95
il 29/06/2011 alle 00:50
 
Comunque bella foto!
Inviato da: MANUGIA95
il 30/04/2011 alle 19:56
 
Ok... e la 2^ guerra mondiale? aspettiamo...
Inviato da: MANUGIA95
il 30/04/2011 alle 12:36
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

2 Guerra Mondiale

Post n°2 pubblicato il 25 Maggio 2011 da zago992
Foto di zago992

 

La seconda guerra mondiale

 

Le origini della guerra

 

La seconda guerra mondiale fu originata dall’azione aggressiva della Germania in Europa e del Giappone in Asia. Mentre in Germania l’ascesa al potere di Hitler aveva segnato la rinascita del nazionalismo, in Giappone si vedeva nella creazione di un grande impero la soluzione dei gravi problemi interni. Incoraggiato dal potere conquistato da Hitler, Mussolini assunse un atteggiamento colonialista e nel 1936 proclamò l’Impero d’Etiopia. In seguito, assieme alla Germania offrì il proprio appoggio alla guerra di Franco contro il fronte popolare spagnolo. A questi primi atti di violenza, gli stati democratici non reagirono, mentre l’Italia e la Germania erano sempre più unite dall’asse Roma – Berlino. 

 

Il 1° settembre 1939 ci fu l’invasione della Polonia da parte della Germania a causa della rivendicazione della città di Danzica. Questo fu l’ultimo anello di una catena di atti aggressivi con i quali Hitler voleva realizzare il III Reich (3° grande impero tedesco), avendo già annesso alla Germania Austria e Cecoslovacchia. Fu a questo punto che Francia e Gran Bretagna dichiararono guerra alla Germania, il 3 settembre ebbe così inizio il 2° conflitto mondiale. In seguito i due stati condussero trattative con l’Unione Sovietica per ottenerne l’appoggio, ma si conclusero velocemente quando, i ministri degli esteri sovietici firmarono il patto di non – aggressione con la Germania. Mussolini nonostante fosse legato ad Hitler e alla Germania dal “ patto d’acciaio “ con il quale si impegnava in caso di conflitto ad intervenire a favore dell’alleato, si vide costretto a causa della grave impreparazione delle forze armate italiane a proclamare, con il consenso del Fuhrer, lo stato di non belligeranza dell’Italia.

 

La guerra lampo di Hitler: l’occupazione della Polonia e l’offensiva ad occidente.

 

In meno di un mese fu occupato tutto il territorio polacco. La Polonia venne divisa fra la Germania e l’Unione sovietica: a questa spettò, sulla base di precedenti accordi il potere sulle repubbliche Baltiche e su una parte della Finlandia. Hitler intanto, stava preparando l’offensiva anche ad occidente, tale attacco ebbe inizio nel maggio del ’40.

Dopo alcuni successi nell’Atlantico, con l’azione di sommergibili, mine magnetiche e di unità corsare, indirizzò il suo attacco verso le coste del mare del nord. Occupò Danimarca e Norvegia (aprile – giugno 1940) e invase Olanda e Belgio nonostante fossero neutrali. Le truppe francesi furono aggirate e travolte dalle corazzate tedesche che poterono così raggiungere Parigi il 14 giugno. Nell’arco di dieci giorni tutto il territorio settentrionale francese era in mano ai tedeschi.

 

Il 10 giugno, nel frattempo Mussolini aveva dichiarato guerra alla Francia e alla Gran Bretagna. Egli ritenne opportuno anticipare l’intervento dell’Italia in previsione della futura, e ormai prossima, resa della Francia e delle concessioni territoriali che ne sarebbero derivate. L’esercito tuttavia non era in grado di sostenere un tale sforzo bellico; prova ne è che le truppe italiane, colte di sorpresa dalla dichiarazione di guerra, furono costrette a ritardare l’attacco alle frontiere francesi, per conseguire al termine delle operazioni, due giorni dopo, risultati di scarso rilievo e Mussolini dovette accontentarsi di modeste assegnazioni territoriali.

 

L’8 agosto del 1940 Hitler ordinò l’offensiva aerea sulla Gran Bretagna che durò fino al 31 ottobre dello stesso anno. Gli inglesi resistettero ai continui bombardamenti che si scatenarono sulle loro città e l’aviazione tedesca, pur superiore per numero di unità, non riuscì a prevalere su quella inglese. A rendere efficace la difesa inglese contribuì in modo particolare l’impiego del Radar. Hitler fu costretto a rinunciare allo sbarco nell’isola. Questa prima sconfitta si dimostrò determinante per l’esito finale del conflitto.

 

L’espandersi del conflitto

 

Durante l’attacco tedesco agli stati occidentali, L’U.R.S.S. procedette alla definitiva incorporazione dei paesi baltici. Per fermare l’avanzata russa, Hitler, si preoccupò d’intervenire nelle regioni orientali dell’Europa e firmò con il Giappone il 27 settembre 1940 un patto che rappresentava un’aperta minaccia all’Unione Sovietica a causa dell’impegno sottoscritto dalle potenze dell’asse di costruire una grande Asia.

Intanto Mussolini, combatteva gli inglesi nel Mediterraneo e in Africa dove nell’Agosto del 1940 l’esercito Italiano occupava la Somalia e nel settembre dello stesso anno avanzò verso l’Egitto. Successivamente il Duce tentò la conquista della Grecia, ma l’armata Italiana non solo non riuscì ad occupare il territorio Greco, anzi fu costretta ad arretrare in Albania di fronte alla controffensiva di truppe ben addestrate. L’apertura da parte dell’Italia di due nuovi fronti non aveva significato per l’Asse alcuna conquista di degno rilievo per il futuro del conflitto e già alla fine del ’40 si registrarono i primi successi inglesi nella controffensiva in Africa orientale.                                                                                                                          

                                                                                                                     Campagna in Grecia (Foto)

Un nuovo attacco alla Grecia fallì miseramente e Hitler fu costretto a fare intervenire le proprie armate sui fronti aperti da Mussolini, per rimediare ai fallimenti delle truppe italiane. Le sconfitte subite nel mediterraneo, ebbero l’effetto d’indicare il punto debole dello schieramento nell’Asse e di riportare in equilibrio la situazione che sembrava a favore della Germania. Nel ’41 la Gran Bretagna, forte degli aiuti ricevuti dagli USA, che le permisero la ripresa, fece si, che alcuni Stati europei tesero ad uscire dall’alleanza con Berlino. Nell’aprile del ’41 la Germania iniziò la campagna dei Balcani con un imponente schieramento e l’appoggio degli eserciti italiano, bulgaro e ungherese. I tedeschi conquistarono la Jugoslavia, la Grecia e Creta. Hitler che fino a questo momento aveva riportato molte vittorie ma nessuna decisiva per l’esito finale del conflitto fu costretto ad affrontare l’U.R.S.S..

 

Le campagne di Russia e d’Africa, l’intervento degli Stati Uniti e i successi giapponesi nel Pacifico (1941 – 1942)

 

Il 22 giugno 1941 ebbe inizio l’attacco a sorpresa della Germania all’U.R.S.S.. Le armate tedesche sfondarono le frontiere russe secondo tre diverse linee di marcia. La prima verso Leningrado, la seconda verso Mosca e la terza verso Kijev e Harkov. I tedeschi raggiunsero in meno di un mese la linea fortificata Stalin, che andava dal golfo di Finlandia al Mar Nero guadagnando ogni giorno chilometri su chilometri. Nell’Ucraina le forze Russe opposero una tenacia resistenza. Ciò non impedì che in agosto la parte occidentale della Regione fosse in mano ai tedeschi, e in ottobre Leningrado restò isolata dal restò dell’U.R.S.S.. Nonostante le rilevanti conquiste, il piano di Hitler poteva dirsi a questo punto fallito. Stalin, infatti, non aveva buttato allo sbaraglio il grosso delle sue forze come il Fuhrer aveva previsto, ma l’aveva mantenuto al di la delle zone conquistate dal nemico, così, al termine dell’offensiva i tedeschi non solo dovevano accusare perdite rilevanti ma dovevano subire anche dopo il loro inutile tentativo di conquistare Mosca, la controffensiva dei sovietici.

 

In Africa gli inglesi poterono riunire le forze e nel novembre del 1941 ebbe inizio la controffensiva che riconsegnò l’intera Cirenaica alle truppe britanniche.

 

Quasi contemporaneamente della ripresa degli inglesi in Africa avvenne l’entrata in guerra degli Stati Uniti. L’episodio che provocò l’intervento statunitense nella seconda guerra mondiale fu l’attacco dei giapponesi alla base aeronavale di Pearl Harbor nelle Hawaii il 7 dicembre 1941. Il Giappone mirava da tempo ad estendere il suo dominio in estremo oriente: aveva occupato la Manciuria, invaso la Cina occupando Pechino, Shanghai e Nanchino, aveva esteso la sua occupazione all’Indocina Francese suscitando la reazione di Roosevelt e Churchill, (rispettivamente il Presidente degli U.S.A. e il primo ministro inglese) che avevano deciso la sospensione di rifornimenti di petrolio essenziale all’economia giapponese. Da qui la decisione di attaccare gli Stati Uniti come premessa per la conquista della supremazia navale nel Pacifico. Il Piano operativo giapponese tendeva alla creazione di una fascia difensiva intorno allo stato con la possibilità di sfruttare entro questo perimetro le notevoli ricchezze offerte dalle terre del Pacifico sud – occidentale. Il congresso americano votò lo stato di guerra contro il Giappone. Germania e Italia su richiesta del governo nipponico che si avvaleva del patto stipulato precedentemente, dichiararono guerra agli Stati Uniti. Il 1° gennaio del 1942 venticinque Stati firmarono l’atto costitutivo delle Nazioni Unite e formarono un blocco compatto contro la coalizione Nazifascista. Gli Americani in questa prima fase della guerra nel Pacifico decisero di tenere una condotta puramente difensiva.

 

Nel frattempo gli Italo – Tedeschi, effettuate con successo alcune operazioni nel Mediterraneo, fecero affluire in Libia un notevole gruppo di forze. Ad El-Alamein si spense la spinta iniziale sia per la difesa opposta dagli inglesi sia per il difetto di rifornimenti: 400 Km di deserto separavano le divisioni Italo – Tedesche dalle basi. Nell’ottobre del ’42 il contrattacco alleato segnò la fine della guerra d’Africa.

 

La controffensiva alleata su ogni fronte (1942 – 1943)

 

Dal maggio ’42 gli Stati Uniti, terminata la fase difensiva nella guerra del Pacifico iniziarono una fase di difesa attiva. La flotta americana, si rivelò più efficiente che quella giapponese e meglio organizzata per la disponibilità di numerose basi, utili per il rifornimento di combustibili e carburanti e per l’imbarco delle truppe. Le parti erano ormai invertite: il Giappone modificò il proprio piano operativo riducendo in modo notevole il progettato “perimetro difensivo”, mentre gli Stati Uniti tendevano alla conquista delle isole del Pacifico. La disparità di forze divenne evidente nel ’43 quando gli americani avanzarono sia nel Pacifico centrale sia in quello sud – occidentale. La presenza americana si faceva sentire anche sui fronti occidentali. Le forze inglesi e statunitensi eseguivano le direttive di un unico comando in ogni luogo. I bombardieri, inviati in Gran Bretagna, iniziarono nell’agosto del’42 i loro voli sull’Europa, arrecando gravi danni all’industria bellica tedesca. Quando le truppe statunitensi sbarcarono in Marocco e Algeria, i tedeschi si trovarono serrati tra le armate anglo – americane. Nell’aprile del ‘43 le truppe americane si congiunsero con quelle inglesi e le ultime forze italo – tedesche furono costrette a firmare la resa.

 

Le coste tunisine costituirono la base per la campagna d’Italia. Gli alleati effettuarono lo sbarco sulle coste meridionali della Sicilia ad Anzio. Gli americani occuparono l’isola in circa quaranta giorni e le previsioni ottimistiche fatte da Mussolini crollarono in breve tempo. Del resto solo una minoranza credeva ancora nella vittoria dell’Asse. Questo si poteva capire perché nel marzo del ’43 le masse popolari scioperarono contro il governo, i partiti politici, disciolti dal regime, ripresero clandestinamente la propria attività e alcuni gruppi avevano posto come priorità l’uscita dell’Italia dalla guerra. Il 25 luglio Vittorio Emanuele III (Re d’Italia) fece arrestare Mussolini e affidò il governo a Badoglio. Questo dapprima continuò il conflitto poi, iniziò le trattative per l’armistizio. L’annuncio avvenne l’8 settembre del 1943 ma, le truppe italiane si ritrovarono indifese contro la reazione tedesca.

 

Gli anglo – americani sbarcati in Calabria entrarono il 1° ottobre a Napoli, ormai in mano alla popolazione insorta contro i nazisti. La loro marcia a nord incontro delle forti linee di resistenza: alla fine del ’43 mentre Mussolini, liberato dai tedeschi, costituiva la repubblica di Salò, le truppe americane erano ferme sulla linea Gustav. E’ da dire che la lentezza delle operazioni rientrava nel piano statunitense, infatti, lo scopo non era quello di raggiungere la Germania attraverso l’Italia ma quello di indebolire la difesa tedesca, tenendo impegnato nella penisola un rilevante numero di divisioni avversarie ed evitandone così l’impiego su altri fronti strategicamente più importanti.

 

La controffensiva Russa cominciata nel ’42 trovò il suo epicentro nella città di Stalingrado, che raggiunta dall’armata tedesca e attaccata da ogni lato non rese le armi. I tedeschi assedianti Stalingrado divennero assediati. Hitler ordinò di non abbandonare il campo ma la sua armata dovette arrendersi nel febbraio del’43. Nella ritirata resa ancora più problematica dall’inverno russo, persero la vita migliaia di soldati di cui la maggior parte italiani.

 

La guerra in Europa: Dallo sbarco in Normandia alla resa tedesca

(1944 – 1945)

 

Sconfitta in Africa, costretta in U.R.S.S. ad abbandonare quasi tutte le posizioni conquistate, martellata dai bombardamenti che ridussero le sue città ad ammassi informi di rovine, la Germania iniziò il 1944 già sull’orlo della sconfitta. La Resistenza che nacque come moto spontaneo di reazione alla politica della Germania, divenne un vero e proprio “secondo fronte” che creò gravi problemi organizzativi e militari ai tedeschi. In Italia e in Francia gli anglo – americani ebbero i primi rapporti con i movimenti clandestini.

 

Solo nel maggio del’44, a causa del sistema appenninico e delle condizioni meteorologiche, gli alleati statunitensi riuscirono a sfondare il fronte della linea Gustav giungendo a Roma nel giugno ’44 e a Firenze nel settembre dello stesso anno. Qui le operazioni alleate dovettero subire al sopraggiungere dell’inverno una nuova sosta sulla linea Gotica. Nella primavera del ’45, con la ripresa dell’avanzata alleata e dell’azione partigiana anche l’Italia del Nord fu liberata: il 25 aprile gli alleati entrarono a Milano e Genova, il 26 a Torino. Il 29 aprile Mussolini fu catturato mentre tentava la fuga in Svizzera e successivamente giustiziato.

 

Nel frattempo il comando anglo – americano sferrò il suo attacco ad Ovest della Francia, precisamente in Normandia. Occupata la Bretagna, le truppe alleate avanzarono nell’interno della Francia verso Parigi. Qui il 19 agosto venne dato l’ordine di insurrezione: i carri armati americani, preceduti da quelli francesi, entrarono nella città e il comando della guarnigione tedesca firmò la resa. Ai primi di settembre quasi tutta la Francia era ormai liberata e De Gaulle poteva costituire il nuovo governo. Intanto gli alleati entravano nel Belgio e nell’Olanda.

 

Sul fronte sovietico, i russi dopo aver sgomberato tutto il proprio territorio dall’esercito invasore, lanciarono successivi attacchi che all’inizio dell’ultimo anno di guerra, portarono il suo esercito al confine germanico.

 

All’inizio del 1945 la situazione in Europa era già ben definita. Ad est la Germania aveva perso tutti i suoi stati satelliti. Nella Iugoslavia il movimento di resistenza Tito aveva già rioccupato gran parte del territorio. In Grecia gli Inglesi avevano liberato Atene con l’ausilio delle forze partigiane. Nelle regioni dell’Italia settentrionale le comunità di resistenza avevano impegnato una parte considerevole delle forze nazifasciste.                

Quando gli alleati avevano da poco iniziato l’ultima offensiva contro la Germania, Stalin, Roosevelt e Churchill si incontrarono a Jalta per concordare il coordinamento del piano d’attacco e la successiva spartizione in zona d’influenza dei territori liberati. Il 13 febbraio, si scateno l’attacco contro le linee fortificate della Germania occidentale, mentre sull’altro confine i russi forzavano le frontiere orientali. L’armata inglese nel frattempo avanzava da settentrione. Il 30 aprile Hitler si suicidò insieme con alcuni suoi fidati collaboratori. L’armata rossa entrò a Berlino il 2 maggio e il 7 la resa della Germania segnò la fine della 2a guerra mondiale in Europa.      Armata rossa a Berlino (foto)

La fine della guerra in Estremo Oriente (1944 – 1945)

 

Al momento della resa tedesca il Giappone resisteva ancora agli americani. Mentre andava restringendosi il cerchio intorno al Giappone, questo tentò di rafforzare le proprie posizioni all’interno della zona di difesa colpendo le basi americane in Cina. Con queste operazioni i giapponesi ottennero qualche risultato, ma non riuscirono a contrastare il rifornimento alleato della Cina. Intanto gli americani proseguivano nella loro avanzata. Gli U.S.A. possedevano intorno al Giappone tutti i punti strategici utili per lo scatenamento dell’offensiva finale ma, il Giappone non accennava ad arrendersi, anzi ricorse all’impiego di nuovi mezzi (i Kamikaze) e risparmiò la propria aviazione per resistere all’ultimo attacco nemico. In ogni modo il Giappone appariva già battuto e il 26 luglio ricevette dal nuovo presidente degli Stati Uniti, Harry Truman, l’intimazione della resa incondizionata. Al rifiuto, gli U.S.A. lanciarono su Hiroshima e Nagasaki (6 e 9 agosto) le bombe atomiche. Il 14 agosto l’Impero Nipponico accettò la resa e la guerra ebbe fine in tutto il mondo. 

 

Effetti della bomba atomica (Foto)

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

io!

Post n°1 pubblicato il 09 Aprile 2011 da zago992
 
Tag: Thomas

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso