Creato da acrilsanremese il 05/08/2010
giornal on-line di sanremo e della liguria ORARIO DI RICEVIMENTO... previo appuntamento telefonico (3402707829--3394523017-0287392826).

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Ultime visite al Blog

chiarasanyamorino11SEMPLICE.E.DOLCEles_mots_de_sableacrilsanremesemauriziocamagnathe_oracle73moon_Imike61itigor_2007se_forse_maicostanzatorrelli46surfinia60lumil_0
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Vivere e Rivivere la Città Vecchia...

Foto di acrilsanremese

Sanremo... DEVE riconquistare la PIGNA... ai SANREMESI.. come Italo Calvino ebbe a dire di un popolo e di una terra.. "Italo Calvino –Liguria magra e ossuta".
“…Diversa da tutte le campagne di pianura e di collina, la campagna ligure sembra, più che una campagna una scala.
Una scala di muri di pietra e di strette terrazze coltivate, una scala che comincia dal mare e sale su per le brulle alture fino alle montagne piemontesi; è la testimonianza di una lotta di secoli tra una natura avara e un popolo laborioso e tenace quanto abbandonato e sfruttato…
Acr il SANREMESE...
”... noi SANREMESI diciamo della Pigna e Sanremo Vecchia.. una parte NOBILE della Città da riconquistare.. da rivivere.. con la CULTURA (Museo Civico..) e la dignità di CITTADINI ..(la via Palma da rendere percorribile)... che pagano le tasse e non hanno quei servizi che la Costituzione gli GARANTISCE... a partire dalla presenza costante dell'ISTITUZIONE e del vivere civile... non basta REPRIMERE occorre A S C O L T A R E.. AIUTARE.. consigliare..."

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ciao Rocco!

Foto di acrilsanremese

Ketti Concetta Bosco Oronzo Minnella Ho assistito con tristezza a quel evento, paragonando la vita ad una foglia al vento, quando di giorno splende il sole, e le notti se anche serene, c'è sempre un vento forte, che ci farà cadere. Dedicata al Poeta Rocco Silvestri. Che la terra ti sia lieve. Ciao Rocco. R. I. P. ,, Grazie!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Acr il Sanremese e ACR-CRV!

Foto di acrilsanremese

Piazza Grande a Milano con Nicola Zingaretti .. oggi al teatro Leonardo, il Presidente della Regione Lazio e candidato alla Segreteria NAZIONALE del PD Nicola Zingaretti, ha ricevuto l'investitura della gente del centro- sinistra a conduzione P.D. per guidare il raggruppamento innovatore e il partito PD ... Il teatro era strapieno di gente, soprattutto di giovani acclamanti di una vera e nuova linea a favore della gente. Il suo motto "prima le persone" ... x Il Milanese e Il Sanremese ketti Bosco e Sergio Merzario www.acraccademia.it
http://www.acraccademia.it/Il%20Sanremese%20pag%201.html

AUGURI da https://reporio.blogspot.com/2019/01/httpappuntamentiacr-onlus.html

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

Acr il sanremese

Ciao a tutti i Lettori ..Volontari e Simpatizzanti!
Ciaooooo dall'Acr e che per errore abbiamo trascurato, ma che con Crv, intendiamo rilanciare!
Attendiamo i vostri suggerimenti, la vostre idee alla mail : info@acraccademia.it
B.Giorno e b.sabato da www.acraccademia.it

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Acr il sanremese-Milanese-Civennese

Foto di acrilsanremese

programma x acr il milanese e Centroricerchevalassinesi Acr-crv
gennaio 2019 Arieti : mercoledi 16 Giovanna Nasta e Ernesto Bortone
30/01/2019 Tulipano Palmino e Ernesto Bortone + Ketti Concetta Bosco
Febbraio 2019 - 19/02/2019 Lombardi e Mary arci olmi Ernesto Bortone + Rio Merzario Marzo 2019 20/03/2019 Premiazione Oscar 30°? Ketti Concetta Bosco + Sergio Merzario Aprile 3/04/2019 ( fino 12) Premiazione Oscar 30°? Ketti Concetta Bosco + Sergio Merzario - Sergio Dario Merzario

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Acr il Milanese-Valassinese

Foto di acrilsanremese

Al via giovedì 6 dicembre le vendite dei biglietti
di
Fughe di Teatro e di Umorismo a Bordighera

A Palazzo del Parco botteghino aperto fino al 26 aprile 2019


Prendono il via giovedì 6 dicembre a Palazzo del Parco le vendite dei biglietti di Fughe di Teatro e di Umorismo a Bordighera, la neonata rassegna teatrale della Città delle palme. La programmazione, realizzata con il contributo del Comune di Bordighera, e organizzata e diretta da Nidodiragno Produzioni/CMC e da Claudia Claudiano, propone sul palcoscenico di Palazzo del Parco quattro spettacoli, dal 3 gennaio al 26 aprile 2019. Quattro appuntamenti mensili con nomi di grande popolarità quali Alessandro Benvenuti, Angela Finocchiaro, Lella Costa, per chiudere con Marina Massironi e Roberto Citran.

La biglietteria all'interno di Palazzo del Parco sarà aperta ogni giovedì dal 6 dicembre 2018 al 25 aprile 2019 dalle ore 16.00 alle 19.00, e, nei giorni di spettacolo, dalle 17.00 alle 19.00 e dalle 20.00 alle 21.00.

Prezzi dei biglietti: intero euro 18,00; ridotto (under 25) euro 10,00.

Prevista anche la possibilità di sottoscrivere l'abbonamento ai 4 spettacoli al costo di euro 50,00.

Per informazioni e prenotazioni telefoniche: tel. 0184.544633 dal lunedì al venerdì ore 09.00/13.00 – 15.00/18.30 (eccetto festivi 24,25,26 dicembre, 1 e 6 gennaio); e-mail fughediteatro@nidodiragno.it

Il calendario della rassegna Fughe di Teatro e di Umorismo a Bordighera:

giovedì 3 gennaio 2019: Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi in "Don Chisci@tte"

lunedì 11 febbraio 2019: Angela Finocchiaro in “Ho perso il filo”

sabato 2 marzo 2019: Lella Costa in “Questioni di cuore”

venerdì 26 aprile 2019: Marina Massironi e Roberto Citran in “Le verità di Bakersfield”

 

 

 

 

.. a cura di www.acraccademia.it 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

Acr e Crv il sanremese

Foto di acrilsanremese

Gent.mi,
di seguito c.s. relativo alle aperture straordinarie del Museo Navale di Imperia in occasione delle festività natalizie.

Ringraziamo per la diffusione e porgiamo cordiale saluto



 Città di Imperia

 



TUTTE LE APERTURE DEL MUSEO NAVALE DI IMPERIA

IN OCCASIONE DELLE FESTE NATALIZIE

 

La rinnovata sede del Museo Navale di Imperia

negli ex Magazzini Generali di Via Scarincio

rimarrà aperta Sabato 8 Dicembre, Mercoledì 26 Dicembre e Martedì 1 Gennaio

 

Il Museo Navale di Imperia si prepara ad accogliere i visitatori in occasione delle festività natalizie con una serie di aperture straordinarie per il mese di dicembre e gennaio.

 

La ricca collezione di cimeli, documentazioni e reperti riguardante la vita in mare e le imprese storiche allestita negli ex Magazzini Generali di via Scarincio, sarà infatti visitabile anche durante le giornate di festa dell’Immacolata, di Santo Stefano e di San Silvestro dalle 15.30 alle 19.30 – oltre che negli ordinari giorni di apertura del Martedì, Giovedì e Sabato, nei consueti orari.

Il Museo Navale di Imperia guida il visitatore in una narrazione del complesso legame tra l'uomo e il mare, attraverso le storie delle imprese eroiche sconosciute, che hanno visto protagonisti imperiesi e non. La visita attraverso i più disparati cimeli della navigazione è arricchita da un allestimento multimediale e da un percorso di postazioni didattiche, che garantiscono un'esperienza in prima persona, con simulazioni di navigazione e quattro percorsi tematici: Il lavoro sul mare, Il viaggio per mare, La guerra sul mare, Il mare come evasione .

 

 

Museo Navale di Imperia

Ex Magazzini Generali

Via Scarincio 9 - 18100 IMPERIA

 

Orari di apertura da Settembre a Giugno:

- <Martedì 9.30 – 11.30 (preferibilmente riservato alle scuole o a gruppi min. 20 persone previa prenotazione)

- >Giovedì e Sabato 15.30 – 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30)

 

Giornate di apertura straordinaria in occasione delle feste:

- >Sabato 8 e Mercoledì 26 Dicembre 15.30 – 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30)

- <Martedì 1 Gennaio 15.30 – 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30)

>Il Museo rimarrà invece chiuso Martedì 25 Dicembre

 

Info & Prenotazioni

museonavale@comune.imperia.it

https://www.facebook.com/Museo-Navale-Imperia

Tel. 0183.651363

 

 

Ph Meraviglie di Imperia e dintorni

a cura di wwwacraccademia.it 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

premiazione del 15 dicembre 2018 a Sanremo!

Foto di acrilsanremese

Sanremo PULITA con un disegno e una poesia?

Partecipa al CONCORSO indetto da acr il Sanremese e da Ketti Concetta BOSCO e Sergio DarioMerzario viaspettano a Acr-onlusdifattodi SANREMO, Milano, Torino, Roma e Asso xla premiazione.. 1°Premio Oscar No al BULLISMO.. quadro offerto da VINGARIBBO! G R A Z IE da Acr-Crv- l'anima e la vita. fiabe e realta' ..èstupendo... il quadro rimane una sospresa.. ci vediamo 15 dicembre2018 in sala degli specchi Comune di Sanremo (o Sala Lina LANTERI -Sanremo )..Premieràil Vice Sindaco Costanza PIRERI... il Tema: un disegno e o UNA POESIA per Sanremo PULITA e NO AL BULLISMO h 16/18.. Vi aspettiamo numerosi.. salutissimi da www.acraccademia.it 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ariston di Sanremo conf. STAMPA!

Il Teatro Ariston ha il piacere di invitare la S.V.
alla Conferenza Stampa
di presentazione di Sanremo Musical,
che riparte da Sanremo per approdare a Milano,
che avrà luogo al Teatro Ariston
il giorno sabato 17 novembre
alle ore 11.00
Distinti saluti___________
______________________________
________________________
Si prega di confermare 0184 507070
video@aristonsanremo.com

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

acr il sanremese

Foto di acrilsanremese

UNIONE EUROPEA spiegata alla casalinga di

VOGHERA


AlSignor Direttore de Il Sanremese-Milanese r Baggese  MerzarioSergio

Comeda accordi presi ecco la mia personale spiegazionedella lite fra l’Europa Matrigna e gliitaliani inconsapevoli. Tuttoinizia con Schengen 1995. Schenghen è un Comunedel Lussemburgo, scelto dai Paesi del nordeuropa perché è un luogo equidistante fra i Paesipartecipanti. L’Italia non era stata invitata alconvegno, perchè. IPaesi partecipanti avevano concordato di stringere leloro economie per far meglio a fronte delle difficoltàcomuni, perché le loro economie erano sovrapponibilial 95%, il restante 5% andava risoltoun po’ alla volta senza strappi per non far spaventarei popoli interessati. L’Italia,gli “statisti” di allora vennero a sapere della riunionee della loro esclusione, non la presero bene. Quandogli “statisti” chiesero la motivazione della esclusionescoprirono che era molto semplice: la economiaitaliana non era compatibile con quelle delnord europa. Questa risposta fu considerata una offesa,i nostri “statisti” si indignarono, fecero di tuttoper dimostrare che l’economia italiana era sana ecompatibile per sfide future, le cancellerie europee diallora fecero presente che il trattato di Schenghen dovevaessere sottoscritto così com’era, con l’impegnodi modificare tutte le Leggi in essere in Italiaper allinearle a quelle del nord europa, che poierano presenti al 90% nel trattato di Schenghen. Lapillola era addolcita dal fatto che anche gli altri Paesiavrebbero dovuto cambiare le loro Leggi per adeguarlea Schenghen, facendo finta che loro partivanoavvantaggiati perché sono Paesi di consolidataunità nel loro interno, mentre l’Italia avrebbe dovuto cambiare la propria unità dopoaverla raggiunta da pochi decenni. Esempi:1, Schenghen prevedeva aiuti agricoli per ilgrano senza specificare grano duro ma con riferimentiimpliciti per il grano tenero che cresce nelnord europa, 2 così in riferimento al burro piuttostoche l’olio d’oliva, 3 le maglie delle reti dei pescatori,4 il diametro (o calibro dei piselli in scatola),quest’ultima cosa fece scatenare l’ironia deigiornalisti ex chierici venduti al potere. Cerchiamodi capire il perché: i burocrati “cattivi” diBruxelles si posero il problema di portare a tuttigli europei la possibilità di alimentarsi con verdurafresca tutto l’anno e si concentrarono sui piselli,tenendo presente che gli europei aumentavanodi numero e la qualità dei piselli dovevaessere massimo, inoltre per abbassare i costisi rivolsero alla tecnologia del tempo, tutti questiparametri produssero la meccanizzazione dallasemina alla vendita nei supermercati passandoper la raccolta e la surgelazione e l’inscatolamento,a questo punto i giornalisti asservitiai peggiori poteri occulti, si focalizzarono suldiametro dei piselli, che doveva essere per forzadi cosa standardizzato. I giornalisti avrebbero dovutospiegare il carattere scientifico che stava dietroal diametro dei piselli, e il perché era ed è giustosovvenzionare, anche a fondo perduto, questomodo innovativo di produrre, poi se le personevogliono i piselli con diametro tradizionale possonocomprarli quando e come vogliono, ma chise ne occupa non possono pretendere sovvenzionicomunitari. Sig.Direttore mi permetta di esprimere il mio sdegnoper i cosiddetti “chierici” che scrivono soloper compiacere chi paga senza alcun riguardoper la verità. Eccoè questa la linea rossa fra L’Italia e il resto delmondo, i giornalisti non dicono la verità verificatama solo opinioni compiacenti. Cerchiamodi chiarire: nel resto del mondo esistonoi delinquenti come in Italia, però unapersona è definita delinquente quando commetteun reato ed è stato condannato in viadefinitiva, e fino qui le cose sono uguali in tuttoil Mondo, la differenza è che nel mondo idelinquenti vengono chiusi in carcere e si butta lachiave, in Italia, invece, i delinquenti vengono postial comando della cosa pubblica. Questaè una vecchia storia, che fu definita con Gramscicome “tradimento dei chierici”, e ancora oggi(2018) continua. Traduzione in italiano  popolare:i chierici erano quelle persone che imparavanoa legger e scrivere e qualche rudimento diescatologia da insegnanti religiosi, imparavano ascrivere per esaltare il potente di turno e in compensoriuscivano a combinare pranzo e cena persé e la propria famiglia, senza spremere un gocciodi sudore. Tutto questo nel resto del mondo  nonesiste dal 1870 circa, specifichiamo dal passaggiodal positivismo al decadentismo. I giornalistiin tutto il mondo seguono i potenti per analizzareil rapporto fra quello che dice e quello chefa. Non è un lavoro facile, ma questo è. Prendiamoin esame due fra i massimi quotidiani italianiil 3 marzo, ultimo scorso, la Lega e il m5s sonopresentati come dei nuovi barbari, il 5 marzo laLega e il m5s sono presentati come il nuovo che avanza.Il tutto nell’indifferenza del popolo che purtropponon sa e che vorrebbe essere messo a conoscenza,almeno, del vero. Egregiodirettore quanto sopra ha corrispondenza nelfatto che i “chierici” sopra nominati quando si parladi Banche si stracciano le vesti per difendere leregole italiane che permettono ai banchieri di privatizzarei guadagni e socializzare le perdite. Esaminiamopunto per punto. NeiPaesi dell’Europa del nord le Banche funzionanopiù o meno così a seconda del Paese chesi esamina, prendiamo a esempio la Germania: leBanche SpA si governano più o meno da sole, quandofalliscono sono affari loro, le Banche regionali,le nostre Casse di Risparmio locali, tipo Montedei Paschi di Siena, in Germania sono state salvatecon soldi locali quando sono entrate in crisi,e qui è iniziata l’opera vergognosa dei chierici”,le Banche regionali tedesche è vero che sonostate salvate dal pubblico, però il pubblico incassai dividendi a fine anno quando ci sono, questidividendi servono, ad esempio, alla manutenzionedelle autostrade, che sono gratis, eccoche il salvataggio pubblico non è a fondo perdutocome vogliono i banchieri italiani, ma diventauna opportunità per tutti i cittadini. Quantosopra scritto i cittadini tedeschi lo apprendonofin da quando sono nel grembo della madre,in Italia cosa succede? Per carità di Patria nonvoglio approfondire. Perfortuna che siamo stati obbligati a salvare sì Montedei Paschi di Siena e le altre banche locali dalfallimento, ma non a fondo perduto. Iosono convinto che questo tipo di salvataggio nonè piaciuto ai “chierici” e ai loro padroni, da qui leturbolenze del dopo voto del 4 marzo. Oraesaminiamo con lo stesso scrupolo le ormai famosebuche cittadine. Neglianni ’70 sono stato nel nord europa e ho conosciutouna famiglia impegnata nei lavori stradaliin genere e delle buche in particolare. Unmattino ho accompagnato il responsabile inComune perché doveva ritirare l’assegno per ilavori stradali effettuati che comprendevano anchela sistemazione di alcune buche dissestate, preventivamenteaveva allegato ai documenti delle fotoche documentavano le buche in questione primae dopo i lavori, ma prima di andare in Comune siamopassati dalla Banca dove è stato ritirato un unafidejussione che garantiva la tenuta dei lavori, eanche delle buche, per 10 anni, naturalmente la fidejussionenon copriva terremoti, guerre, cadute dimeteoriti e altri eventi non prevedibili. Subitoio non ho capito sull’utilità della fidejussione pensavoche era una cosa tipica del nord europa, invecein questi ultimi anni spesse volte mi sono ricordatodi quanto accaduto negli anni ’70. Chiaramentele Banche del nord europa prima di concedereuna fidejussione vogliono delle serie garanziesulla solidità dell’impresa che la chiede, soprattuttosulla serietà dei lavori effettuati, insommasi innesca un circolo virtuoso che garantiscegli attore coinvolti. Comemai i “chierici” italiani non ne parlano mai? Apensar male a volte s’azzecca, Andreotti docet. Lebuche delle strade italiane si sfasciano a ogni breveo lunga pioggia provocando la richiesta dei cittadiniintesa a riparare le buche, naturalmentegliamministratori pubblici contattano le imprese stradaliche riparano le buche alla buona senza darenessuna garanzia con l’aggravio che i costi italianisono superiori a costi standard europei.Comemai? Forsebisognerebbe abolire la segretezza sulle Fondazionilegate ai politici, le quali non sono obbligatea pubblicare i nomi di chi le finanzia, chissàse troveremo le imprese stradali, banchieri corrottie/o corruttori, imprenditori interessati allecommesse pubbliche. EgregioSig. Direttore torniamo sempre al primo detto:perché gli statisti del 1993 non hanno adeguatole leggi italiane come richiesto da Schenghen? Conclusione:i burocrati europei non sono cattivichiedono quello che gli statisti italiani hannopromesso e sottoscritto, gli italiani non sonostati messi al corrente sia allora, 1995, sia oggi2018, e giustamente si sentono richiedere qualcosache non capiscono. Prendiamo per esempiola famosa dieta mediterranea, pasta di granoduro, olio extravergine d’oliva, frutta a Km0 non standardizzata, tutto questo però non vengonovalorizzate dai burocrati europei, giustamentesecondo i burocrati, ingiustamente secondogli italiani.

Aiposteri l’ardua “ soluzione.  


https://plus.google.com/+sergiomerzario?prsrc=5

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

acr il sanremese

Post n°467 pubblicato il 01 Ottobre 2018 da acrilsanremese
 


Si ricorda domani

martedì 2 ottobre
  • ore 12, Sala Giunta di Palazzo Bellevue: “4° Gran Premio Handbike Casinò di Sanremo e “6° Trofeo Città di Sanremo”, gara di ciclismo paralimpico finale del Circuito Europeo Handbike (associazione Polisportiva Dilettantistica IntegrAbili). Interverrà l’Assessore con delega allo sport Eugenio Nocita.

(Mara Pardini .. che ringraziamo a cura di www.acraccademia.it )

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Acr il sanremese

..riceviamo e pubblichiamo... a cura di www.acraccademia.it
da

acr — la tragedia di Genova ha suscitato rabbia e indignazione nel Paese. Maurizio chiede che lo Stato ritorni a svolgere un ruolo di primo piano nella gestione delle autostrade e che inauguri un nuovo corso su imitazione del modello svizzero: pedaggi più bassi, un abbonamento fisso annuale per usare la rete autostradale e introiti reinvestiti in sicurezza e ammodernamento.

Petizione diretta a Danilo Toninelli
Autostrade per l'Italia SpA: subentro statale e nuovo progetto di gestione e sicurezza @DaniloToninelli

Petizione di  Bertoldi 
Italia

 42.884 
Sostenitori


Ogni giorno paghiamo cifre esorbitanti per pedaggi ricevendo un servizio pessimo.

Pensiamo in primis agli ingorghi che riguardano sempre gli stessi snodi e per cui non si fa nulla; a chi gestisce le autostrade non importa quale sia il nostro tempo di percorrenza ma, semplicemente, che se ne fruisca.

Ora si muore perchè, nonostante incassi miliardari, ponti e viadotti crollano. ... aggiungiamo che per le imprese la nostra rete autostradale è una pietra tombale : in Svizzera si pagano 50€ all'anno, da noi un'impresa spende migliaia di euro per ogni mezzo all'anno.

• tempi di percorrenza lunghi significano più spese e meno possibilità di vendere i propri beni Vogliamo una gestione trasparente della rete autostradal..Vogliamo un cambio del quadro societario di Autostrade per l'Italia S.p.A., attraverso gli strumenti in primis dell'annullamento governativo della concessione ancor prima della revoca.. Vogliamo la vignetta come in Svizzera, per cui si premia il cittadino italiano, con un abbonamento annuale fisso per la fruizione della rete autostradale. Vogliamo la vignetta come in Svizzera perchè questagarantisce un introito fisso, molto meno eludibile, da cui si può decidere cosa spendere e come, mettendo come prioritari: ammodernamento e ristrutturazione dei tratti pericolosi, miglioramento dei tratti che puntualmente sono sedi di ingorgo..Vogliamo la vignetta perchè questa significherebbe :NO CASELLI, risparmiando automaticamente code e costi; NO SPESE INUTILI derivanti ...


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

x acr il sanremese

Carissimi LETTORI di ACR il SANREMESE-MILANESE e a tutti gli AMICI di WWW.ACRACCADEMIA.IT ,

con piacere (su richiesta.. magari se riusciamo la pubblicheremo su il sanremese.. in line..) allegheremo la locandina ed il programma della mostra, organizzata dalla città di Imperia, LIGUSTRO...QUESTO SCONOSCIUTO, esposizione personale del Maestro Giovanni Berio in arte LIGUSTRO, che (..si terrà) è in CORSO ad Imperia, dal 13 al 27 gennaio 2018, presso la Biblioteca Civica Leonardo Lagorio.

L'evento si inserisce nell’ambito del progetto Premio Ligustro, con il patrocinio della Città di Imperia, della Fondazione Italia Giappone, del Centro Internazionale Antinoo per l’Arte Centro documentazione Marguerite Yourcenar e della Fondazione Mario Novaro.

 Ringraziando per l'attenzione, l'occasione mi è gradita per augurare buon anno a voi e famiglie

 Francesco Berio

(a nome degli eredi di Giovanni Berio in arte Ligustro)



MESSAGGIO INERENTE AD ATTIVITA’ CULTURALI: I Vs dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del d. lgs. 196/03. Il titolare dei dati potrà richiederne, in qualsiasi momento, la conferma dell’esistenza, la modifica o la cancellazione. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta, ma può succedere che il messaggio,inerente ad attività culturali, pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail, precisando l’indirizzo email, che sarà immediatamente rimosso, ex art. 130 d. lgs 196/03.

Abbiamo cura di evitare fastidiosi multipli invii, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d’ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

Grazie. 

...PREGO.. avremmo voluto essere coinvolti, ma forse è chiedere troppo.. per collegare l'iniziativa all'Oscar "NO AL BULLISMO" ... ma... senza polemiche, pubblichiamo questa notizia e se possibile ci diamo appuntamento al 27 pv. www.acraccademia.it  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

x Teo da pubblicare sulla prima pag de il Triangolo Lariano di Novembre 2017

Post n°462 pubblicato il 02 Novembre 2017 da acrilsanremese
 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo! Buongiorno a tutti i lettori di Aics-Crv-Acr, ben ritrovati.

La conferenza programmatica del Pd, ben organizzata da Maurizio Martina, ha lanciato molti spunti di riflessione. I giornali hanno come sempre dato molta attenzione alle discussioni interne, dopo la vicenda Banca d'Italia (qui la diretta Facebook dal treno con il premier Gentiloni, qui quella con i ministri Delrio e Minniti). Ma anche ciò che non è stato molto valorizzato dai media è stato importante. Forse persino di più. Segnalo tra gli altri due straordinari discorsi che vi invito a seguire se avete qualche minuto: quello del fondatore della Comunità di Sant'Egidio, Andrea Riccardi sui rapporti tra Africa e Europa; quello di Padre Antonio Loffredo che i lettori delle enews conoscono bene come il punto di riferimento della rinascita del quartiere Sanità a Napoli 

Molte le proposte nel merito su cui mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.
Abbiamo rilanciato l'idea di estendere il provvedimento degli 80€ mensili anche alle famiglie con figli, per ogni figlio sotto i 18 anni.
Abbiamo accolto molte sollecitazioni, specie della sinistra interna, sulla introduzione del salario minimo.  Abbiamo evidenziato come la Card Cultura per i neomaggiorenni (app18) abbia portato oggi ad acquistare oltre sette milioni di libri. In un tempo in cui i ragazzi leggono meno, a me sembra una notizia straordinaria. Allo stesso tempo, tuttavia, abbiamo rilanciato l'idea del servizio civile universale di almeno un mese per i maggiorenni. Per questo Paese e per i suoi giovani forse è utile parlare di una nuova "stagione dei doveri", non solo dei diritti Mi farebbe davvero piacere sapere che ne pensate, o attraverso l'e-mail: matteo@matteorenzi.it o partecipando ai sondaggi della App Matteo Renzi, che potete scaricare da qui2. Si è fatto un gran parlare di autonomia regionale dopo il referendum in Lombardia e Veneto (l'ho fatto anche io, qui). Il treno del Pd ripartirà la settimana prossima proprio dal nord est, non a caso. Ma devo confessarvi che continuo a pensare che la vera forma di valorizzazione territoriale che preferisco passa molto più dalle città che dalle regioni. L'Italia è il Paese delle cento città, dei tessuti urbani più vivaci e dinamici. Pensavo a questo mentre leggevo stamani la classifica del Sole 24 ore e di Legambiente, sull'ecosistema urbano che ha incoronato al primo posto Mantova e il suo bravo sindaco, Mattia Palazzi. Nella prossima legislatura dovremo riprendere e espandere il virtuoso modello utilizzato per i bandi sulle periferie e sull'edilizia scolastica aprendolo di più ai temi della trasformazione delle città Smart. Perché il futuro dello sviluppo sostenibile passa innanzitutto dai Sindaci e dalle amministrazioni comunali. Bandi per progetti comunali, immediatamente finanziabili. E poche chiacchiere. 3. Esattamente un anno fa il terremoto colpiva per la seconda volta il cuore dell'Italia centrale. Chi ha vissuto quelle giornate non potrà mai dimenticare il dolore ma anche la tenacia dei nostri connazionali di quei territori. E anche se nella scossa di ottobre 2016 non abbiamo pianto vite umane tuttavia quel terremoto è stato il più duro da quello del 1980 in Irpinia.
La scorsa settimana siamo tornati, ancora una volta, nei luoghi in cui avevamo promesso di non lasciare soli i nostri concittadini, in particolare modo ad Arquata del Tronto. E poi abbiamo incontrato i sindaci Pd dell'area del cratere. Il Governo ha liberato moltissime risorse, anche se adesso è fondamentale accelerare le procedure e combattere i rallentamenti burocratici. Faremo di tutto, insieme al commissario straordinario Paola De Micheli, perché le zone del terremoto abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno e lo abbiano in modo rapido e trasparente. Non è facile gestire le ricostruzioni in Italia ma è possibile e tutti insieme dovremo dimostrarlo.
Pensierino della sera. Alla conferenza programmatica ho chiesto ai senatori di votare subito la legge Richetti sui vitalizi. E di votarla come è uscita dalla Camera per permetterne l'approvazione immediata. Sono stato accusato, anche da alcuni amici, di cedere così al populismo grillino. 
Per essere chiari: la proposta sui vitalizi noi l'abbiamo fatto nel 2011 alla Leopolda e Richetti è stato il primo politico a proporre il superamento dei vitalizi quando era ancora in consiglio regionale. 
Qualcosa è cambiato da allora, ma si può fare ancora uno sforzo.
Dal 2013 è in parlamento una legge che porta il suo nome e su cui alla Camera persino i grillini hanno votato a favore. Manca la seconda lettura ed è fatta. Non siamo noi a rincorrere Beppe Grillo, ma è Grillo che rincorre Richetti. E sia detto da uno che non solo non ha il vitalizio, ma nemmeno indennità e immunità. Avvicinare le pensioni dei politici a quelli degli altri cittadini non è populismo: per me è buona politica. O no? 
Scrivetemi che vi leggo volentieri: matteo@matteorenzi.it 
Un sorriso, Matteo

 Grazie delle notizie Matteo a presto!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

x Teo da pubblicare su ilSanremese di nov. 2017.. a pag 1!

Post n°461 pubblicato il 02 Novembre 2017 da acrilsanremese
 

Riforma bancaria: accordo raggiunto sulle prime misure chiave

 Ultimissime di ottobre e novembre .. il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione hanno raggiunto un accordo sugli elementi del riesame della direttiva sul risanamento e la risoluzione delle banche (BRRD) e del regolamento e della direttiva sui requisiti patrimoniali (CCR e CRD) proposti a novembre 2016, un passo importante dell'attività continua della Commissione per ridurre i rischi nel settore bancario e in linea con gli sforzi per completare l’Unione bancaria, come indicato nella comunicazione della Commissione dell’11 ottobre 2017L'accordo sulla BRRD crea una nuova categoria di strumenti di debito non garantito nella classifica di insolvenza dei creditori bancari e stabilisce un approccio armonizzato a livello di UE sul livello di priorità dei detentori di obbligazioni nell’ambito delle procedure di insolvenza e di risoluzione. L’accordo su CRR e CRD attua i nuovi principi internazionali d'informativa finanziaria (IFRS 9) e contribuirà a mitigarne l’impatto sul capitale delle banche dell’UE e sulla capacità di erogazione di prestiti. Eviterà inoltre potenziali perturbazioni sui mercati dei titoli di Stato derivanti dalle norme che limitano le grandi esposizioni nei confronti di un’unica controparte. Valdis Dombrovskis, Vicepresidente responsabile per la Stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l’Unione dei mercati dei capitali, ha dichiarato: "Gli accordi di oggi sono i primi risultati del pacchetto di misure di riduzione dei rischi bancari. Norme armonizzate per i detentori di obbligazioni bancarie in una situazione d’insolvenza offrono chiarezza alle banche per creare riserve per assorbire le perdite e tutelare i contribuenti. Si tratta di una tappa fondamentale verso la conformità agli standard mondiali sulla capacità totale di assorbimento delle perdite (TLAC). Questa misura migliorerà anche l’efficacia delle procedure di risoluzione nel settore bancario. Il secondo accordo concede alle banche più tempo per adeguarsi all’introduzione dei nuovi principi contabili IFRS 9 e alla scadenza di alcune deroghe ai limiti delle grandi esposizioni, evitando in tal modo perturbazioni all’erogazione di prestiti e sui mercati dei titoli di Stato." Agli accordi politici di mercoledì seguiranno ulteriori colloqui tecnici per mettere a punto il testo. Il comunicato stampa integrale è disponibile online(Per ulteriori informazioni: Annika Breidthardt – Tel.: +32 229 56153; Letizia Lupini – Tel.: +32 229 51958).. a cura di www.acraccademia.it 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

x Ketti da pibblicare su il sanremese di settembre 2017

Comunicato stampa

Incontro d’arte nella luce -colori di Bordighera

Prosegue il progetto ideato dall’AssociazioneCulturale Aniante-Lentini, in collaborazione con Unicef e  e col patrocinio del Comune di Bordighera .

Il progetto pensato ecoordinato dall’Associazione Culturale  Aniante-Lentini in collaborazione con il Comitato Unicef di Imperia , halo scopo di raccogliere fondi per il progetto Unicef “ Vogliamo zero “ cheintende abbattere la mortalità infantile nel mondo che ancora oggi vede 17.000bimbi che perdono la vita ogni giorno per malattie prevenibili e di sostenereil Comitato Unicef di Imperia nel sostegno delle spese per poter mantenereaperta la sede nella città di Bordighera . Alcuni pittori italianiqualificati hanno esposto negli anni passati,per un mese, alcune opere presso la saletta del Comitato Unicef che siaffaccia sul prestigioso Corso Italia ; in cambio hanno contribuito  con la donazione di un ‘opera e con ilversamento di una somma finalizzata al sostegno della sede .Gli artisti , coordinati dal Maestro Elio Lentini ,aiutano Unicef anche  nella lotta allamortalità infantile , per la raccolta fondi da destinare alle vaccinazioni , alla fornitura di tende medicate , allapotabilizzazione dell’acqua , alla fornitura di cibo ad alto valore energetico.

 Il progetto prevede anche un’azione culturale importante, cioèavvicina la popolazione all’arte e al bello enfatizzando quello che la città diBordighera ha di caratteristico (oltre a tutte le altre bellezze),la sua luce ei suoi colori da  cui ha preso il  nome il progetto.

Quest’anno la saletta Unicefha visto esporre alcuni pittori conosciuti a livello nazionale edinternazionale e in particolare gli artisti che hanno raffigurato le bellezzedella Riviera di Ponente. Il giorno 2 settembre, alleore 18,00 verrà presentato l’artista RENZO ORVIETO di Sanremo con alcunesculture in bronzo e dipinti di pregevole fattura. ORVIETO è un artista che haesposto alla Rota di Genova, alla Ghelfi di Verona,e in molte altre gallerie .Il Comune si sanremo gli commissiona un monumento alla resistenza tuttoravisibile nei giardini della città matuziana. Di lui hanno scrittoimportanti critici d’arte fra i quali Dino Buzzati, Luigi Carluccio, MarioLepore, Marziano Bernardi, mettendo in evidenza le pregevoli qualità artistiche. La mostra resterà apertapresso la Saletta Unicef dal 2 al 24 settembre, dal lunedì al venerdì dalle ore15,30 alle ore 18,00.  Associazione Aniante Lentini Unicef Imperia

Maestro Elio Lentini           Colomba Tirari

----------------------------

NOTA ALLA STAMPA
 
Sgombero con l’idrante a piazza Indipendenza a Roma
Un’altra accoglienza dev’essere possibile

Il 20 agosto 2017 è stato sgombero in via Curtatone a Roma un palazzo in cui vivevano quasi 800 rifugiati, in prevalenza eritrei ed etiopi. Lo sgombero è avvenuto senza preavviso dopo quattro anni di occupazione. Nelle ore successive molte di queste persone, tra le quali famiglie con bambini, si sono quindi accampate in piazza Indipendenza senza sapere dove andare. La mattina del 24 agosto la polizia, dopo il tentativo di ieri, è tornata a farle sgomberare, stavolta usando l’idrante.

«L’intervento – fa sapere la Questura – si è reso urgente e necessario dopo il rifiuto di ieri di accettare una sistemazione alloggiativa offerta dal Comune di Roma, ma soprattutto per le informazioni di alto rischio pervenute, inerenti il possesso da parte degli occupanti di bombole di gas e bottiglie incendiarie».

È inaccettabile l'intervento della polizia che ha usato la forza per sgomberare le persone anche dalla piazza, come denuncia in queste ore abba Mussie Zerai, presidente dell'associazione Habeshia. A poco è servito sottolineare che queste persone non avessero dove andare e che meritassero di essere trattate come esseri umani.

L’offerta alloggiativa, poi, consisterebbe in sessanta posti letto in un centro di accoglienza in zona Torre Maura e Boccea, per tre o quattro mesi. Una proposta che non può costituire una reale soluzione alternativa per individui che hanno bisogno di una sistemazione duratura, soprattutto in quanto si tratta di rifugiati politici di cui le autorità sono obbligate a prendersi cura.

Queste persone sono vittime ancora una volta: prima in patria dalla quale sono state costrette a fuggire per sperare in una parvenza di vita migliore e degna di questo nome; e ora nuovamente qui, in Italia, dove pur in situazione regolare quanto al permesso di soggiorno, non hanno alcun tipo di garanzia quanto ad un tetto sopra la testa da chiamare casa.

Come Missionari scalabriniani ribadiamo, unendoci alle tante associazioni e realtà a servizio di migranti e rifugiati, che è urgente mettere in atto le risposte concrete previste per gli individui titolari di protezione internazionale e che, di fronte all’assenza dello stato, si vedono costrette a soluzioni precarie rischiando, come testimoniano i fatti di queste ore, la violazione dei loro diritti fondamentali.

La presenza tra loro di numerosi minori, poi, acuisce tale situazione che, se non affrontata immediatamente, è destinata a lasciare segni indelebili sul futuro di questi piccoli.



Roma, 24 agosto 2017


 
Ufficio stampa Missionari Scalabriniani
tel. 065809764, 3280948221, fax 065814651
beltramigabriele@scalabrini.net
Twitter: @scalabriniani

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »