Blog
Un blog creato da ASIA1929 il 14/10/2008

RICOMINCIO DA QUI

Nella vita si può gioire o soffrire, piangere o ridere, vincere o perdere, ricordare o dimenticare ma soprattutto si può ricominciare

 
 

Mi trovate anche qui:

Asia 1958a

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

malaguti250maggio710acer.250cassetta2marinovincenzo1958ASIA1929MAGNETHIKAILARY.85nodopurpureofalco1941comelunadinonsolopolAnonimo.Locosorboledglscricciolo68lbrcomunesenso11
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao! :)
Inviato da: Dovere_di_vivere
il 23/09/2021 alle 18:52
 
Non c'è vocabolo di cui non si sia oggi fatto così...
Inviato da: cassetta2
il 26/05/2020 alle 18:26
 
Condivido con Roberto Gervaso che "il plagio è un...
Inviato da: coluci
il 17/10/2019 alle 11:52
 
Apprezzatemi anche per quello che scrivo, non solo per la...
Inviato da: cassetta2
il 02/08/2019 alle 09:33
 
Grazie Luciano, sei sempre gentile e mirato nelle...
Inviato da: ASIA1929
il 24/03/2019 alle 02:45
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« "L'amicizia e l'amore...Morire a 72anni nell'in... »

Ognuno è padrone della propria morte

Post n°8 pubblicato il 06 Gennaio 2016 da ASIA1929
 

 

In questi giorni , un'appiccicosa inquietudine mi cola dal cervello per raccogliersi nel mio petto, e finisco col trascorrere intere giornate oscillandomi tra un sentimento e l’altro.

Lei, la madre di mio marito ha deciso di lasciarsi andare, di morire e l’ho capito  ancor prima che il medico  aggiungesse le solite frasi di routine sul quadro clinico  che dicono in certe circostanze e a tal proposito mi viene in mente una frase di Gabriel Marquez, tratta da “L’amore ai tempi del colera”:Ognuno è padrone della propria morte e l’unica cosa che noi possiamo fare, arrivato il momento, è aiutarlo a morire senza paura, né dolore”.

La guardo nel letto e non posso non pensare ai mesi trascorsi, alle  alternanze di umore tra negazione, rabbia e rassegnazione, fino ad ora, fino a dire basta.

Dirce, questo è il suo nome, fa parte della generazione che è sopravvissuta alla guerra, delle bombe che cadevano sui rifugi, della fame  e della paura per suo marito, staffetta partigiana del commando  di Modena, che operavano sull’Appennino Emiliano.

Sto cercando di prepararmi alla sua partenza  e di aiutarla come posso ad andarsene, ma sempre più spesso In questi giorni mi chiedo quanto coraggio, ma soprattutto quanta   fede serve per riuscire a sopportare da parte sua tanto dolore e da parte nostra  accettare che una persona se ne vada via per sempre mentre il suo corpo si spegne come un lumicino nella   notte. 

Purtroppo, non sono ancora così pronta nel riuscire ad accettare “serenamente” questa "sofferenza  ed assenza”  Non lo sono stata con i miei genitori e sento di non esserlo nemmeno questa volta.

Io mi scuso con Dio, ma spesso continuo a chiederGli : PERCHE?  
E poi penso che sarebbe bene fare “silenzio” come fu il silenzio di Maria che sotto la Croce  il dolore, lo abbracciò in silenzio. Quel dolore che riuscì a trasformare in Amore, ed è questo (secondo me) il fulcro di tutto.
Spesso si preferisce scappare dal dolore e non abbracciarlo, già…. il passaggiopiù logico è in apparenza più facile….
Sono scappata anch’ io dal dolore, senza rendermi conto che  il dolore  negli anni  si è amplificato e si è radicato nel cuore e nell’anima  per sempre!

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ASIA1958/trackback.php?msg=13336705

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
coluci
coluci il 06/01/16 alle 09:14 via WEB
La natura dice che tutto è normale, anche la morte, la nostra mente e il nostro cuore invece lo negano, non accettano la fine, soprattutto delle persone care ma anche di noi stessi. Un "perché" che non avrà mai una risposta... ma non è l'unico! Per chi ha fede, un barlume di risposta potrebbe delinearsi, anche se incerta e sofferta. Ti auguro tanto coraggio e disponibilità di cuore. Un abbraccio. Luciano
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 08/01/16 alle 01:01 via WEB
Grazie Luciano, farò tesoro delle tue parole. Un abbraccio.
 
anekose1
anekose1 il 06/01/16 alle 17:54 via WEB
.La morte la chiede chi è già nella via della sua morte. Sente il passaggio e lo comunica. Solo le Anime sensibili percepiscono questo stato di silenzio -urlato. Gli indiani si "riaccorpavano" nella Natura, nella grande Madre, lasciando libera l'Anima di andare. Questo pensiero è dedicato al mio Babbo. Lui lo ha fatto e nelle notti accanto a Lui, Gli sussurravo che avremmo fatto ciò che chiedeva. Non assisterlo l'ultimo giorno, dedicato purtroppo a chi non meritava ed ora è oltre l'oltre, è la pena, dolce, che Lui mi ha lasciato.
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 08/01/16 alle 01:39 via WEB
Mia madre non ci volle accanto a se l'ultimo giorno della sua vita e di questo le sono stata grata, ma in me è sempre rimasto il rimpianto di non aver disobbidito e questa, è la pena dolce, che anche mia madre mi ha lasciato. Grazie per queste tue parole. Ti abbraccio. Asia
 
orso3458
orso3458 il 06/01/16 alle 23:24 via WEB
Il titolo del post è di quanto più appropriato possa essere. Io capisco lo stato d'animo dei congiunti, ma capisco anche lo stato d'animo del "diretto interessato". Ho vissuto un calvario umano e ho visto la morte in faccia ... e credo che ognuno batte dentro di se una battaglia feroce sia colui che sta per perder una persona cara sia colui che sta per lasciare questo mondo. Ti auguro la forza necessaria di combattere questa battaglia ... ti abbraccio.
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 08/01/16 alle 01:45 via WEB
Grazie mille orso, spero di farcela. Ricambio l'abbraccio. Asia
 
   
orso3458
orso3458 il 08/01/16 alle 17:37 via WEB
Certo che ce la farai!!!! Ti lascio un sorriso ... :-)
 
dominjusehellah
dominjusehellah il 07/01/16 alle 10:16 via WEB
Nella consapevolezza si temono tre cose...il dolore, l'esser soli quando accadra' e la paura dell'ignoto. Al dolore fisico c'e' rimedio...sola non lo e', ha te, ha i suoi cari, ha amore...il resto delle paure verranno cancellate dal semplice contatto, stringerle una mano, il volto si addolcira' al calore donato, il respiro diverra' un dolce soffio...li capirai che non potevi far di piu'....lei, come ogni persona cara, mai ci abbandonera' davvero. Una carezza. hellah
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 08/01/16 alle 01:52 via WEB
Si, concordo con ciò che hai scritto e cerchiamo noi tutti di non farle mancare la nostra presenza, ma ad ogni suo sussulto la paura e l'angoscia fa da padrona nei nostri cuori. Grazie mille dominjusehellah.
 
   
dominjusehellah
dominjusehellah il 08/01/16 alle 06:53 via WEB
Buongiorno Asia, un pensiero per non lasciarti sola. Non saro' in quell'istante accanto a te, mentre accompagni lei...ma saro' accanto ad altri cuori, sostenendoli nella loro angoscia. Non sarai sola. Una carezza. hellah
 
     
ASIA1929
ASIA1929 il 09/01/16 alle 00:59 via WEB
Grazie mille, ciao dominjusehellah
 
mpt2003
mpt2003 il 08/01/16 alle 18:04 via WEB
a volte non resta che accompagnare chi deve fare il passaggio e allora esserci è anche restare lì in silenzio perchè è quello che ci chiedono. Quando tutto quello che poteva essere fatto è stato fatto non resta che lasciare la mano perchè vada....in fondo la morte è un momento della vita e sebbene sia difficile accettarla e anche accompagnare chi la sta per affrontare è una sorte che dobbiamo affrontare perchè è di tutti e tutti abbiamo bisogno di accettarla non di negarla. Ma è difficilissimo. ciaoasia
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 09/01/16 alle 01:06 via WEB
Si, è come tu dici, essendo un processo ineludibile non posso far altro che accompagnarla essendole accanto con tenerezza ed humana pietas. Grazie MariaPaola di queste tue parole. Un abbraccio. Asia
 
dominjusehellah
dominjusehellah il 09/01/16 alle 10:41 via WEB
Buongiorno Asia, come stai oggi? Un abbraccio. hellah
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 13/01/16 alle 16:25 via WEB
Sto come una foglia al vento, grazie per il tuo interessamento, ciao, dominjusehellah
 
PICCOLAVIOLETTA6
PICCOLAVIOLETTA6 il 10/01/16 alle 19:31 via WEB
Per te una buona serata e l'augurio sincero per una settimana serena, una Lode al Signore. Dietro a ogni linea d'arrivo c'è una linea di partenza. Insisti anche se tutti aspettano che tu desista. Non lasciare che si arrugginisca il ferro che è in te. Fa in modo che, invece di compassione, ti portino rispetto. Quando non puoi più correre, cammina veloce. Quando non puoi più camminare veloce, cammina. Quando non puoi più camminare, usa il bastone. Però non mollare mai ! Madre Teresa di Calcutta.
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 13/01/16 alle 16:41 via WEB
Trovo le parole di questa religiosa molto vere, mi fanno pensare che non siamo mai arrivati, che in ogni fine c'è l’inizio di una nuova partita della vita. Grazie mille @piccolavioletta per avermi fatto riflettere su queste belle parole di Madre Teresa. Ciao e buona serata a te.
 
PICCOLAVIOLETTA6
PICCOLAVIOLETTA6 il 20/01/16 alle 17:09 via WEB
Ciao, splendido e sereno pomeriggio da godere con gioia e serenità malgrado i tanti problemi che ci circondano. Un saluto Violetta una lode al Signore.
 
PICCOLAVIOLETTA6
PICCOLAVIOLETTA6 il 20/01/16 alle 17:11 via WEB
Ciao, splendido e sereno pomeriggio da godere con gioia e serenità malgrado i tanti problemi che ci circondano. Un saluto Violetta una lode al Signore.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.