Blog
Un blog creato da ASIA1929 il 14/10/2008

RICOMINCIO DA QUI

Nella vita si può gioire o soffrire, piangere o ridere, vincere o perdere, ricordare o dimenticare ma soprattutto si può ricominciare

 
 

Mi trovate anche qui:

Asia 1958a

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

malaguti250maggio710acer.250cassetta2marinovincenzo1958ASIA1929MAGNETHIKAILARY.85nodopurpureofalco1941comelunadinonsolopolAnonimo.Locosorboledglscricciolo68lbrcomunesenso11
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao! :)
Inviato da: Dovere_di_vivere
il 23/09/2021 alle 18:52
 
Non c'è vocabolo di cui non si sia oggi fatto così...
Inviato da: cassetta2
il 26/05/2020 alle 18:26
 
Condivido con Roberto Gervaso che "il plagio è un...
Inviato da: coluci
il 17/10/2019 alle 11:52
 
Apprezzatemi anche per quello che scrivo, non solo per la...
Inviato da: cassetta2
il 02/08/2019 alle 09:33
 
Grazie Luciano, sei sempre gentile e mirato nelle...
Inviato da: ASIA1929
il 24/03/2019 alle 02:45
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Ognuno è padrone della p...Specchio »

Morire a 72anni nell'indifferenza dello stato

Post n°9 pubblicato il 13 Gennaio 2016 da ASIA1929
 

Il parcheggio di un supermercato, una Fiat Brava blu e, al suo interno, un corpo senza vita … Il principio di un giallo? Il prodotto della penna di uno scrittore emergente che intende “trattenere” il lettore? Purtroppo non lo è … Giovanni aveva 72 anni e da tempo, ostaggio di 400 euro di pensione, non potendo più permettersi un alloggio dignitoso, aveva trasformato una stanca utilitaria (per la quale, nonostante le ristrettezze e il non spostarla più, pagava regolarmente l’assicurazione) nella sua nuova casa. I disagi, e non ha senso elencarli, non gli hanno vietato di stringere in pugno la dignità per rendersi sempre presentabile o fiaccato la dolcezza che chiunque riusciva a cogliere, eppure, senza pietà, hanno intaccato la corazza che lo teneva saldo alla vita. Dove collocare tanto orrore? In un Paese non raggiunto dal progresso? Refrattario alla legalità o moralità? Sfigurato dalla guerra? Nel cimitero dell’altruismo? No, assolutamente No, proprio a “Casa Nostra”! La grande famiglia italiana, quella composta da tanti, troppi poveri disgraziati che, pur scivolando nelle sabbie mobili delle privazioni, fanno piccola beneficenza (la sola che sono in grado di fare) inviando un sms o dividono una tiepida miseria, impiattata con un sorriso, nulla ha potuto per impedire che il gelo dell’inverno rallentasse i battiti del suo cuore, fino a spegnerlo. La sensibilità, la comprensione, l’esigenza reale di far cessare un raccapriccio senza pari, non hanno potere … Quanti “Giovanni” hanno lavorato tanto per arrivare a godere del niente, pagato cordate di tasse, spesso nemmeno comprese, vissuto nel rispetto di regole, talvolta, nemmeno uguali per tutti? Nessuno, ne sono certa, può dire di non conoscere almeno uno! Scovati, spremuti … dimenticati! È mai possibile, in uno Stato che ha preteso una condotta ineccepibile, diventare trasparenti? “Genitori” assenti o presenti in maniera inadatta, che spendono e spandono, noncuranti delle esigenze della carne della propria carne, dispensatori di sorprendenti miracoli solo quando si tratta di recuperare risorse per dei perfetti sconosciuti. Impedire che Giovanni morisse per strada NOOOO … Vitto e alloggio, gratuiti, per chiunque approda con un gommone SIIII! Un grande e magnifico Paese, il Nostro! È semplice, per essere notati basta arrivare via mare … Chi mi segue? Si sbarca in Puglia!!!!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ASIA1958/trackback.php?msg=13340374

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
>> Turismo musicale su BLOGGO NOTES
Ricevuto in data 18/01/16 @ 13:46
Ieri sera sono andato alla festa del buon rientro ad ascoltare i King of Pop, un tributo a Michae...

 
Commenti al Post:
orso3458
orso3458 il 13/01/16 alle 18:54 via WEB
Un post così vero e struggente che non lascia spazio ad alcuna replica. Il quadro fedele di una situazione assolutamente indegna di un paese che si definisce civile, eppure ...
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 16/01/16 alle 00:52 via WEB
Eppure accade, molti si suicidano per la vergogna, altri soffron in silenzio...La depravazione socioculturale di chi lucra in modo schifoso sui clandestini, dimenticando chi muore in silenzio dopo aver mantenuto tutti, ebbese si, viviamo alla derive morale e civile. Grazie mille Orso, a presto, ciao!
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 13/01/16 alle 19:56 via WEB
sono sempre molto colpita da queste storie di ordinaria miseria nella nostra Italia che sembra tanto benestante, ma anche, lasciamelo dire, tanto attaccata ai valori della famiglia. Dov'era la famiglia di quest'uomo? possibile che non avesse nessuno nessuno? Non dico familiari più stretti, ma anche lontani o amici di un tempo, che si potessero consorziare per garantirgli un po' di dignità?
Al tempo stesso, però, mi dissocio da questo ricorrente, ormai, atteggiamento di individuare in persone altrettanto povere e disperate i nemici. Non sono nemici, né concorrenti né rivali nella carità e nei diritti. Sono la nuova realtà di una povertà che non è ormai soltanto la nostra, ma quella di tutto il mondo. Che sempre di più busseranno alle nostre porte e nei confronti di questa realtà emarginata, di persone che nei loro paesi possono solo morire, sarebbe ingiusto che fossimo sordi o ciechi.
Altrettanto ingiusto come quando siamo sordi o ciechi nei confronti dei vari "Giovanni". Non di più o di me. Solo altrettanto.
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 16/01/16 alle 01:12 via WEB
.Sinceramente non conosco il vissuto di questo uomo, ma considero veramente insopportabile che uno Stato sedicente civile permetta tutto questo. Naturalmente ognuno ha la sua storia e non si può generalizzare, penso però che, in certe situazioni, lo Stato e “Chi è al Governo” non possa non considerarsi alla stessa stregua di chi ammazza. Ti ringrazio Odio via col vento di questo tuo commento. Ub abbraccio, ASia
 
diogene51
diogene51 il 13/01/16 alle 23:09 via WEB
E' veramente triste vivere in questo paese...
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 19/01/16 alle 23:30 via WEB
SI, hai pienamente ragione caro amico. Un abbraccio.Ciao, Diogene 51
 
PICCOLAVIOLETTA6
PICCOLAVIOLETTA6 il 17/01/16 alle 12:15 via WEB
Salve buona giornata , che il sole Divino splenda sempre nei nostri cuori. Con affetto e amicizia Violetta. Il Signore Gesù Cristo non è per noi ( una divinità lontana) ma è (GESU’ IL DIO CON NOI) Lui non è estraneo ai nostri problemi, ha condiviso in tutto i problemi della nostra umanità a iniziare dal censimento appena nato, l’emarginazione costretto a rifugiarsi in una stalla e subito l’esilio per sfuggire alla furia omicida di Erode, il Suo ritorno in patria per adempiere alle sacre scritture, la sua prima visita al Tempio appena dodicenne come prescriveva la legge (ANCHE SE LUI ERA IL SIGNORE DELLA LEGGE E DEL TEMPIO) per trent’anni vive sottomesso a i suoi genitori fino al giorni in cui Maria Sua Madre, quasi lo costringe a Dare inizio alla Sua Vita Pubblica operando un miracolo in favore di due giovani sposi alla cui festa erano invitati e su questo brano oggi voglio fermare la nostra attenzione Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni (Gv 2,1-11) Ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea e c’era la Madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Nel frattempo, venuto a mancare il vino, la Madre di Gesù gli disse: «Non hanno più vino». E Gesù rispose: «Che ho da fare con Te, o Donna? Non è ancora giunta la mia ora». La Madre dice ai servi: «Fate quello che vi dirà». Vi erano là sei giare di pietra per la purificazione dei Giudei, contenenti ciascuna due o tre barili. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le giare»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora attingete e portatene al maestro di tavola». Ed essi gliene portarono. E come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, il maestro di tavola, che non sapeva di dove venisse (ma lo sapevano i servi che avevano attinto l’acqua), chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti servono da principio il vino buono e, quando sono un po’ brilli, quello meno buono; tu invece hai conservato fino ad ora il vino buono». Così Gesù diede inizio ai suoi miracoli in Cana di Galilea, manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in Lui. Parola del Signore. http://www.donbosco-torino.it/image/06/06-1/03-Cana_di_Galilea-2.jpg
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 19/01/16 alle 23:35 via WEB
Si hai ragione, il Cristo essendosi fatto uomo è colui che soffrì più di ogni altro uomo allo scopo di migliorare la condizione umana, purtroppo sembra non esservi ancora riuscito se la miseria e la povertà materiale e spirituale è ancora così diffusa. Un abbraccio.
 
R.Altman
R.Altman il 20/01/16 alle 11:08 via WEB
Anche se può sembrare anacronistico, io trovo molto bello e coinvolgente il tuo racconto, una cronaca precisa di un fatto molto triste che non fa onore al nostro paese, e quel che è peggio è che nella realtà, anche se veniamo a sapere di loro e se parla quando ormai è troppo tardi per intervenire, di signori come Giovanni c'è ne sono tanti, sempre di più anche se non li vediamo, non interessano stampa e TV finchè non si verifica un fatto tragico che fa audience, mentre lo Stato assiste indifferente, se non addirittura si gira dall'altra parte. Che fare, se non sperare in meglio? Buona giornata - Tommaso
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 21/01/16 alle 01:48 via WEB
Ciao Tommaso, la morte del signor Giovanni, con situazioni di difficoltà economica interroga ognuno di noi, dai familiari al cittadino comune, ma soprattutto dovrebbero interrogarsi e trovare le risposte le istituzioni…ma si sa, hanno altro a cui pensare. Purtroppo Tommaso, io non sono così ottimista, spero che il meglio arrivi, ma la vedo dura, molto dura. Grazie del tuo gradito commento. Asia
 
PICCOLAVIOLETTA6
PICCOLAVIOLETTA6 il 20/01/16 alle 16:59 via WEB
Ciao, splendido e sereno pomeriggio da godere con gioia e serenità malgrado i tanti problemi che ci circondano. Un saluto Violetta una lode al Signore.
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 21/01/16 alle 01:49 via WEB
Grazie mille piccola violetta, sei molto gentile. Ciao...Asia
 
anekose1
anekose1 il 28/01/16 alle 19:45 via WEB
Certamente in Puglia troverai gente di cuore ma lo Stato è lo stesso ....la realtà è una ferita che si apre per tutti coloro che lavorano e vivono dignitosamente ...Ma non è l'indifferenza verso i poveri che uccide . E' l'indifferenza di chi vive nel benessere sfrenato e nei palazzi di governo ad uccidere Dovremmo voler cambiare e guardare i soli che ad oggi hanno restituito ..Buona serata.
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 02/02/16 alle 00:36 via WEB
Secondo me a guardar bene in fine è l'ingiustizia che uccide. Grazie mille Anakose1
 
RavvedutiIn2
RavvedutiIn2 il 31/01/16 alle 18:51 via WEB
Molti definiscono ciò che accade mediante frasi come " guerra fra poveri " o altro . In parte condivido queste frasi , in parte no . Fino ad un certo tempo addietro , mi ritenevo ancora a sinistra , naturalmente una sinistra che non esiste più , a cominciare dai tempi della mutazione del Pci in Pds , roba ridicola e cosa irrisoria , naturalmente . Io credo che se non ci fossero sbarchi continui , così credo da un po' di tempo , non sussisterebbero neppure le condizioni che fanno si che questa parvenza di Stato , già maramaldino e deficitario dal 1946 in poi , non si occupi a pieno titolo degli " autoctoni " , chiamiamoli così per questa volta . Le pensioni minime sono veramente minime , molti anziani semplicemente ... non vivono . Non che io me la passi meglio : sono senza un lavoro fisso da tre anni e attualmente svolgo uno stage ( ho 53 anni , mi vien da ridere a pensarci ! ) di , " si chiama così " , reinserimento lavorativo , o almeno così dicono . Ho svolto attività di quadrista elettrico ed elettronico per più di venti anni , ora ho trovato solo un qualcosa di simile al meccanico , cosa che tra l'altro odio fare . Ma non volevo parlare di me , il mio è solo un esempio . Cosa dire se non che , a costo di apparire populista e demagogico , basterebbe che quei ladri che ci " comandano come marionette " si diminuissero lo stipendio ( e anche il loro numero ) , cosa dire se non che fra sprechi e " guerre di pace " , fra privilegi che si ha paura solo a nominarli , resta chiaro a tutti che le cose non possono che andare come vanno ? E ancora vanno benino , vedremo quando saremo veramente tutti , o almeno in moltissimi , alla frutta , se la gente avrà il coraggio di ribellarsi apertamente . Nota a margine : non sono un grillino anche se qualcosa di buono i grillini lo dicono pure , non credo più in nulla , è come avessero ucciso anche me , almeno da un po' di tempo . Giovanni si è spento in auto , mi dispiace moltissimo per lui , cosa dire degli esodati ( termine comico per indicare i senza lavoro da un giorno all'altro ) , cosa dire del fatto che le forze dell'ordine manganellano chi alza il capo all'interno di manifestazioni e cortei ormai completamente " acquietati " ? Non so , so solo che mi mancano pochi anni , forse neanche pochi per arrivare almeno a 38 anni di contributi , poi , se ci saranno ancora le pensioni bene , altrimenti diverrò un Giovanni pure io . Anche se mi chiamo Roberto , sono laureato in Economia e Commercio ... ma tranne un paio di anni all'interno di uno studio notarile , schifato dall'andazzo composto da bustarelle e mazzette varie ... ho sempre fatto l'operaio , specializzato fin che si vuole ma sempre operaio era . E con orgoglio . Ma ritengo , e ad un po' di tempo lo affermo nonostante le rimostranze dei vecchi ( e fasulli ) amici nonché " compagni " , che i troppi stranieri rappresentano un chiaro problema che solo coloro animati da falsa solidarietà e da slogan oggi vuoti ... non vedono . Perdona lo sfogo ma questo post mi ha molto colpito , non che non ne abbia letti altri al riguardo , non che non abbia toccato con mano anche la povertà altrui , quella estrema : svolgevo volontariato all'interno di una Onlus , allontanato anche da lì ... completamente schifato da tutto . Troppo semplice lucrare sui profughi , che poi tutti vittime non sono , come dimostra lo stesso pericolo rappresentato da falsi profughi collusi con l'Isis . Diversità di cultura troppo stridente . E senza parlare dei romeni ubriachi che vedo qui a Verona , ma esistono dappertutto , senza parlare dei fatti di Colonia , ecc ecc . Ripeto , scusa ( scusate ) lo sfogo , ma non sono né fascista né nient'altro ... sono semplicemente stufo e disilluso . Ciao a te . Roberto
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 02/02/16 alle 00:51 via WEB
Purtroppo la civiltà Occidentale, ma sopratutto la nostra realtà Nazionale hanno perso di vista i valori fondanti di uno stato sociale che invece di puntare al benessere comune si è spacializzato in un perverso gioco finanziario che ha favorito solo pochi, naturalmente questo ha creato quegli squilibri inaspettati che ora stiamo vivendo; e ancora più grave della morte di un povero derelitto che muore da solo in un parcheggio è l'aver indotto nella stragrande maggioranza della popolazione quel senso di incertezza e insoddisfazione che può sempre degenerare in qualcosa di più grave. In bocca al lupo e grazie del commento. Ciao...Asia
 
ranocchia56
ranocchia56 il 03/02/16 alle 15:16 via WEB
Già, di questi Giovanni c'è pieno e nessuno se ne accorge o meglio fa finta di non accorgersene. Sono persone sole che non hanno più nessun familiare o se ce l'hanno non fa niente per aiutarli. Di solito il commento a queste tristi storie è: "Se lo è cercato.." E' mostruoso! Tutti a giudicare senza sapere, tutti a pensare che se un a persona finisce così è colpa sua, ma che ne sanno di quanti problemi ha e quanto può soffrire una persona? E' inaccettabile un atteggiamento così ed è sempre peggio, ormai la vita di una persona non vale più niente, anzi per lo Stato più persone scompaiono e meno soldi deve pagare, è la dura spietata realtà, troppo dura.. Buona giornata.
 
 
ASIA1929
ASIA1929 il 04/02/16 alle 00:42 via WEB
Purtroppo, questa società che ha saputo fare grosse conquiste tecnologiche, proiettate sempre più nel futuro, ha perso il contatto con la realtà delle cose; Questo tecnicismo nella sua tensione a facilitare la vita, molto spesso ci ha dato il superfluo, allontanandoci dai veri valori e rendendoci ciechi ed insensibili alle sofferenze dell'altro. D'altra parte quando una società nel suo continuo mercimonio assegna un valore meramente venale ad ogni cosa e ad ogni essere vivente, non può fare altro che abbandonare coloro che non rappresentano più alcun valore economico. Che tristezza! Ciao ranocchia56, un abbraccio. Asia
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.