Creato da gianor1 il 07/01/2005
Da qualche parte una farfalla batte le ali e mette in moto un meccanismo irreversibile dalle conseguenze imprevedibili.
 

 

« Se questa è civiltà...Lettura e fantasia »

Idioma approssimato e superficiale

Post n°938 pubblicato il 06 Luglio 2020 da gianor1
 

Di tanto in tanto vengono elaborate delle confusioni lessicali così assurde che possono nascere solo dalla contezza di abbarbagliare. Per esempio quando si parla di estrazione dalle cave viene utilizzato il verbo coltivare, come se il mio granito sardo fosse un oggetto che se lo innaffi ricresce, e le distese di torri eoliche che ronzano sulle dolci colline della mia Terra le chiamiano parchi, come le zone che manteniamo integre e selvagge per rispetto verso la natura. Invece biblioteche, archivi e musei vengono definiti giacimenti culturali.
Questo approccio texano, quest'idea minerale di un sapere che non va curato né accresciuto ma estratto e consumato finché ce n'è. I vari responsabili che si sono succeduti negli anni al dicastero dei Beni e delle Attività culturali verosilmimente hanno contribuito a questa sciagura. Disastro che in questi giorni viene evidenziato in isolate testate giornalistiche. Archivi pubblici al collasso, personale in estinzione, la direttrice  avverte i responsabili politici della Cultura:" Siamo allo stremo, non sappiamo fino a che punto potremo reggere".
Magari sarebbe diverso se li avessimo chiamati giardini o orti, cioè posti che meritano cura e fatica e in cambio danno nutrimento e bellezza. Orti e giardini culturali. Oppure potremmo usare nomi antichi e potenti:  “biblioteche”, “archivi”, “musei”,  e imparare a rispettarli. Perché ci sopravviveranno, e diranno ai nostri figli e nipoti che gente sciocca eravamo.

Affiancano i lemmi di questo intervento le note delicate insieme all'effluvio lirico che il pentagramma racchiude. Il percorso melodico ha il fascino di un gioco seducente nel quale l'autore raggiunge un equilibrio ideale; la sua struttura musicale ben definita è infatti più grande di quanto possa apparire a prima vista. La levigatezza semplice e delicata della notazione, la controllata concisione del discorso rammentano la chiarità e la nitidezza delle più pure espressioni romantiche del Settecento francese, mentre la rifinitezza dell'insieme, la linearità della forma e l'intonazione del contenuto rendono il brano pianistico un meraviglioso, piccolo gioiello.

                                        
Appendice Linguistica

Dall'ostentazione superba di ricchezza e di magnificenza del Re Sole in poi il galletto francese ha indossato la livrea del pavone. Ha gonfiato le piume e, rivendicando glorie che il suo passato non contempla, si è messo a cantare sul balcone della Storia. I miei cugini d' oltralpe ostentano una “grandeur” che loro stessi si attribuiscono e pretendono che gli altri gliela riconoscano. Questo comportamento, che spesso diventa arroganza, personalmente non l'ho mai gradito, ma non mi ha mai irritato. L' ho sempre valutato con sufficienza, talvolta compatendolo come si fa con un bambino che si atteggia a adulto, consapevole, come scrisse Giuseppe Giusti, che noi "eravamo già  grandi e là non eran ancor nati". Due atteggiamenti, il nostro e il loro, contrapposti: loro proteggono l'identità nazionale, noi soffochiamo la nostra, quasi vergognandocene. L'esempio più eclatante è la difesa della lingua. Loro la tutelano in maniera maniacale, come facevamo noi in epoca fascista (sigh), adattando con forza le parole straniere al francese; noi importiamo vocaboli e locuzioni come se l'italiano non avesse autonome capacità espressive. Conte e i suoi ministri hanno sostituito “isolamento” con “lockdown”, Macron ha parlato sempre e soltanto di “déconfinement”. Forse ha ragione il filosofo Michel Onfray: "Quando si impoverisce la lingua si vogliono manipolare le menti".


Commenti al Post:
mariagrazia_5
mariagrazia_5 il 06/07/20 alle 07:19 via WEB
Buongiorno Collegone, hai ragione e il punto cruciale e che la conoscenza dei nostri Bene culturali e della loro conservazione dipende dalla loro classificazione che può essere scritta o visuale. Grazia
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:02 via WEB
L'idea che la rivoluzione digitale abbia reso inutili le biblioteche, i musei...e che non possiamo più permetterceli e che non ci sia più la necesità di visitarle, a me appare nella migliore delle ipotesi basata sull'ignoranza e su rifiuto informato della realtà. Gian
 
filoderbaromantico
filoderbaromantico il 06/07/20 alle 07:28 via WEB
Forse siamo abituati a vivere in mezzo ala bellezza che non ci facciamo più caso. E' di certo un fatto sociale negativo che parte dalleducazione familiare ma anche scolastica. Antonella
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:03 via WEB
La bellezza non stanca mai. Essa va sempre rivalutata e attualizzata nel periodo in cui si vive. Ciao. Gian
 
lunetta_08
lunetta_08 il 06/07/20 alle 08:27 via WEB
Le parole creano la realtà...possono esaltare o svilire la bellezza che ci circonda. Imparare ad utilizzarle con cura sarebbe auspicabile. Sono passata per augurarti una splendida estate, caro Gian. Inizio la pausa vacanze, ma tornerò presto a trovarvi. Un abbraccio a te e alle persone che ami.
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:05 via WEB
Le parole incarnano l'idea stessa di apprendimento, di cultura e di altri valori secoloari come la filosofia e la letteratura. To auguro una splendida estate. Il giorno del mio veleggiare è assai vicini...Ciao. Gian
 
elyrav
elyrav il 06/07/20 alle 08:43 via WEB
Imparare a rispettarli, un pò tutto. Dai musei, dalle biblioteche per finire alla natura. Cosa che non stiamo facendo affatto. Il rispetto non esiste più. Serena giornata
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:07 via WEB
Sono luoghi fisici, centri culturali della comunità dove si dispigano e prendono forma relazioni umane di dialogo, di approffondimento. Buon pomeriggio. Gian
 
   
elyrav
elyrav il 07/07/20 alle 08:15 via WEB
Eh sì a me piange il cuore quando sento magari di castelli qui da noi di proprietà di tedeschi. Non perchè cel'ho coi tedeschi ma perchè è un nostro patrimonio, vorrei fossero visitabili, non privati. Serena giornata
 
     
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 13:11 via WEB
Purtroppo e a volte necessità vitali propendono la scelta dei privati a svendere i propri patrimoni artistici. Pensa che al governo anni fa volevano vendere il Colosseo! La mancanza delle scelte politiche si fa sentire in questo campo, ahimè! Ciao. Gian
 
     
elyrav
elyrav il 08/07/20 alle 07:58 via WEB
Addirittura??? Mi auguro di no. E' un patrimonio troppo importante per svenderlo così. Serena giornata
 
     
gianor1
gianor1 il 08/07/20 alle 14:52 via WEB
Per fortuna la ratio ha preso il soppravento e l'idea è decaduta. Ciao. Gian
 
     
elyrav
elyrav il 09/07/20 alle 09:32 via WEB
Puoi dirlo forte ... per fortuna non è stato venduto. Serena giornata :)
 
     
gianor1
gianor1 il 09/07/20 alle 13:43 via WEB
Mi auguro che oggi sia più serena e abbia messo da parte i penseri negativi Un abbraccio forte. Gian
 
     
elyrav
elyrav il 10/07/20 alle 09:11 via WEB
Sì certo :) va tutto bene :) spero anche a te, sereno fine settimana
 
     
gianor1
gianor1 il 10/07/20 alle 12:25 via WEB
Gentilissima Amica, il passato è pieno di problemi che hanno trovato una soluzione. Dobbiano rammentarci di questo e non preoccuparci più di tanto. Trascorri una fine di settimana serena. Gian ^_^
 
veramore
veramore il 06/07/20 alle 09:34 via WEB
Oggi purtroppo si tende a ritenere che la cultura e l'arte abbiano una valenza inferiore rispetto ai temi posti al centro della discussione dalla politica. Ma pensare che siano argomenti di nicchia, che riguardano solo pochi, è un errore assoluto.Ben fai a ricordarlo. Buongiorno Veronica
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:09 via WEB
Ma se diamo un occhio a come sta andando oggi l'arte contemporanea italiana nel mondo, scopriamo che siamo di fronte a un mezzo disastro. Per rendersene conto basta verificare la presenza di artisti italiani nelle biennali e grandi mostre internazionali negli ultimi quattro o cinque anni: gli artisti italiani sono pressoché assenti. Buon pomeriggio. Gian
 
lafavoladiunsogno.m
lafavoladiunsogno.m il 06/07/20 alle 09:54 via WEB
Pura e demente inciviltà, caro Prof. Buongiorno,Silvio
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:09 via WEB
Come darti torto! Ciao. Gian
 
golem520
golem520 il 06/07/20 alle 10:29 via WEB
Buon inizio di settimana con la speranza che i musei, le biblioteche ritornino ad essere erno della nostra cultura ma anche una rchezza inestimabile. Viviana
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:11 via WEB
Ritorneranno ad essere come luoghi d'intrecci culturali e di dialogo permanente tra le persone, i popoli, le civiltà. Ciao. Gian
 
aforismadamore
aforismadamore il 06/07/20 alle 10:59 via WEB
L’arte ci consente di trovare noi stessi e di perdere noi stessi nello stesso momento. Buone vacanze,Giulia
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:12 via WEB
L’arte è l’unica cosa seria al mondo. E l’artista è l’unica persona che non è mai seria.(Oscar Wilde).Serene giornate anche a te. Gian
 
coloroilcielo
coloroilcielo il 06/07/20 alle 12:22 via WEB
E' come se ci togliessero i sogni defraudandoci con la privazione dell'arte e quinde della bellezza. Buongiono da Anna
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:13 via WEB
Bellissimo commento. Mi piace "è come se ci togliessero i sogni". Ed è assoltumante vero. Ciao. Gian
 
cometiamo
cometiamo il 06/07/20 alle 13:06 via WEB
Buon inizio di settimana Prof., Anna
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:13 via WEB
Grazie, gentile Amica e tante ore liete anche a te. Gian
 
gabbiano642014
gabbiano642014 il 06/07/20 alle 13:15 via WEB
A molti sfugge che l'incontro con "l'arte" può determinare l'esistenza.E' proprio una non osservanza della conservazione che allontana la visione della verità.
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:17 via WEB
Pur riconoscendo alla tecnologia e ai formati digitali la possibilità di ampliare le conoscenza, rimane il valore del luogo dove soffermarsi per costruire pensieri e incontri. Dici bene in fondo l'arte è la nostra stessa esistenza, anzi è la bellezza che ci circonda.
 
gabbiano642014
gabbiano642014 il 06/07/20 alle 13:16 via WEB
Ottima scelta Ravel..:)Buon pomeriggio caro Gian.
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 14:18 via WEB
Ravel è il mio ascolto estivo, come un buon libro di poesie. Ore liete, gentile Amica, Gian*_*
 
   
gabbiano642014
gabbiano642014 il 07/07/20 alle 11:26 via WEB
Buona giornata Gian:)
 
     
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 13:07 via WEB
E' un volo dolce il tuo in questa mattinata di forte vento. Ciao. Gian
 
satirosolitario
satirosolitario il 06/07/20 alle 14:28 via WEB
L'arte come l'aria è necessaria per esitere ma soprattutto per guardare in fondo alla nostra anima. Edoardo
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 22:04 via WEB
La nostra esistenza, talvolta, avvilisce e deprime l’anima e per fortuna esiste la bellezza dell’arte ci rammenta che ne abbiamo una. Gian
 
oltrelasera0
oltrelasera0 il 06/07/20 alle 16:07 via WEB
Sull’argomento sono stati scritti libri, trattati, enciclopedie. Ma a volte i pensieri si possono esprimere in una pagina, in una frase, in una parola per determinare l'importanza dell'arte per la vita di una persona. Bella musica Gian, Caterina
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 22:05 via WEB
A volte la semplicità e la sinteticità chiarisce ed espone l'arte nonostante i suoi spigoli. Ciao. Gian
 
several1
several1 il 06/07/20 alle 16:28 via WEB
Forse l'estrazione di bitcoin ha contaminato 'l'idea minerale del sapere' (mi piace tanto questa definizione che hai usato) ...
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 22:10 via WEB
In tutti i casi bisogna saper amministrare bene, anche in momenti di crisi economica. In Italia non mancano né le capacità progettuali, né le competenze, né i beni culturali. Basterebbe solo consentire di metterli a frutto.
 
phutura2
phutura2 il 06/07/20 alle 17:09 via WEB
Il disordine culturale della nostra società si ripercuote nell’estetica riflettendosi in quello che viene considerato arte. Nel nostro paese si fatica a valorizzare l’immenso patrimonio dei beni culturali proprio in un’epoca in cui l’arte e i suoi criteri di valutazione sembrano essere spariti. Elisabetta
 
 
gianor1
gianor1 il 06/07/20 alle 22:12 via WEB
C’è una difficoltà culturale da parte degli imprenditoria uscire dalla dimensione familiare, ad aprirsi ai capitali esterni e ai manager, che offrono le risorse e le competenze per fare il salto di qualità, perché prevale la paura di perdere il controllo e la gestione dell’impresa. Gian
 
bluaquilegia
bluaquilegia il 06/07/20 alle 22:22 via WEB
mettiamola così Amico: oggi leggo qui, scritta da te, la riflessione più bella del giornata. il fatto che sia riuscito a spiegare l’indignazione che senti potentemente, in modo educato e corretto, senza trascendere e scadere nei modi, dice che biblioteche, archivi, musei, ma anche teatri e, più semplicemente, relazioni di condivisione significative, hanno agito, agiscono e, malgrado incuria e collasso, continueranno a nutrirci. cura Gian, buona serata.
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 07:19 via WEB
Sei assai gentile e comprensiva. Grazie. Credo fermamente che sia necessario ed urgente sostenere un "nuovo patto", "un nuovo corso"(Per non utilizzare "new deal" troppo abusato soprattutto da politici inconcludenti e impreparati),già sperimentato storicamente. In questo momento, però, ho la sensazione che una parte del producimento artistico sia stato obliterato, l'arte visiva ad esempio. E l'Art bonus difficilmente viene erogato...A si biri cun saludi. Gian
 
   
bluaquilegia
bluaquilegia il 08/07/20 alle 10:46 via WEB
https://youtu.be/VRBUA5rgaLs (ho indovinato il musicista? in caso contrario mi forniresti le coordinate, gentilmente... merci).
 
     
bluaquilegia
bluaquilegia il 08/07/20 alle 15:49 via WEB
scoprire che é “divertissement” cercare di individuare il brano che scegli è ancor più divertissement e, davvero, credo che, in questo tempo, ve ne sia profondo bisogno. complimenti a Gabbiano, a te e a monsieur. cura, ep
 
     
gianor1
gianor1 il 08/07/20 alle 21:45 via WEB
A volte mi piace correre il rischio di ghermire l'esistenza meno seriamente del dovuto per imparare a prenderla come un gioco ma sempre rispettando le regole e predispormi nel modo più sano e aperto possibile nei confronti degli interlocutori, così nella professione come nel tempo libero. In fondo c'è sempre da imparare. Bonne nuit, Madame. Gian
 
     
bluaquilegia
bluaquilegia il 10/07/20 alle 20:53 via WEB
bonsoir Egregio,
sull’appendice cisalpina: li perdono poiché hanno prodotto e producono tanta arte e cultura, in tutte le forme, quindi soprassiedo alla erre moscia, all’assenza di bidè malgrado la paternità d’invenzione, ai formaggi molli erborinati e non (sono intollerante a tutti compresi quelli italici), a certa protervia e tracotanza. cura Gian e buona serata, p
https://youtu.be/4r454dad7tc
 
     
gianor1
gianor1 il 11/07/20 alle 07:03 via WEB
Bonjour, esimia, personalmente ho assolto con indulgenza fin da quando con i requisiti rihiesti mi è stato permesso di far parte del progetto Erasmus alla Sorbonne IV de Paris. Di certo i nostri cugini sul rispetto e valorizzazione della propria lingua hanno molto da insegnarci.Bonora. Gian
 
woodenship
woodenship il 07/07/20 alle 02:54 via WEB
Viviamo in un paese in cui è assodata una certezza: la cultura non si può mangiare e non dà da mangiare.Ricordo che è stato un superministro dell'economia a fare passare un concetto del genere.Tanto che si arrivò a disquisire sulla possibilità di vendersi, tra le altre cose, anche il Colosseo.Viviamo in un paese in cui di arte ce n'è troppa.Ma che ci sono troppo poche persone in grado di apprezzarla nella consapevolezza della sua importanza.E dunque di prestarle la necessaria attenzione......Una notte di sogni ad arte........W......
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 07:10 via WEB
L'emergenza sanitaria di questo periodo ha evidenziato ancor di più le difficoltà che gli artisti si trovano ad affrontare da troppo tempo, e i provvedimenti disposti dal governo non si sono dimostrati sufficienti. L’emergenza ha rivelato in modo molto chiaro problemi che l’Italia si sta portando avanti da decenni. E' necessario evitare che gli artisti italiani scompaiano, e con loro migliaia di lavoratrici e lavoratori delle arti , o siano costretti a emigrare in paesi dove la ricerca artistica è valutata e sostenuta, bisogna cambiare le condizioni base, che non prevedono neppure un riconoscimento della figura dell’artista. Splendido giorno. Gian
 
plasmatica0
plasmatica0 il 07/07/20 alle 08:23 via WEB
Rammento i pomeriggi trascorsi in biblioteca del mio comune per sviluppare ricerche di storia o di filosofia. Luoghi magnifici che visito ancor oggi per prendere in prestito un libro. Buongiorno Gian!
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 13:12 via WEB
E' capitato anche a me di dovermi intrattenere per ore nelle varie biblioteche della mia città. Ora il tempo è diventato tiranno e le visite a quei luoghi si è diradato. Ciao. Gian
 
giselemar0
giselemar0 il 07/07/20 alle 09:49 via WEB
Da me la giornata è splendida. Nonostante ciò Firenze è poco frequentata dai turisti e i musei, le sue opere d'arte sono poco ammirate. Buongiorno
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 13:13 via WEB
Non solo la tua bellisssima città, ma hanno lo stesso problema altre città d'arte come Roma, Venezia...Ciao. Gian
 
amazingsara
amazingsara il 07/07/20 alle 11:23 via WEB
Esiste un abbassamento culturale di tutta la classe dirigente non solo quella politica che minimizza la crisi dei nostri Beni culturali. Ciao
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 13:06 via WEB
Parole sante, amica mia. Ciao. Gian
 
mariateresa.savino
mariateresa.savino il 07/07/20 alle 12:22 via WEB
In giro c'è molta superficialità che fa del male alla cultura seria, alla cultura vera. La nostra lingua bellissima e ricca , poi, oggi più che mai, è bistrattata, confusa, svenduta come roba vecchia da sostituire. Per fare bella figura (?) s'inventano frasi balorde e neologismi assolutamente incompatibili e, spesso, ridicoli. Specie in politica, le menti degli addetti ai lavori sono fervide e molto creative...Ma chi osa difenderci da tanto scempio?La vita pratica richiede continui aggiornamenti, eloquio snello e da manager dell'economia. E, allora, dai, svecchiamo tutto e bruciamo anche la nostra impareggiabile lingua sull'altare dorato del dio denaro!Buona giornata serena,Gian.
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 13:06 via WEB
Le nostre bellezze architettoniche, paesagistiche e museali concorrono a foggiare l'identità di un popolo e la lesione del patrimonio archeologico, storico e artistico del nostro Bel Paese infligge a quest'ultima una ferita permanente. Non soltanto dal punto di vista economico, ma soprattutto per la sottrazione che ne deriva alle popolazioni, essendo i beni culturali indispensabili per comprendere il filone storico, culturale e sociale da cui proveniamo. Inadeguatezza della politica, impreparazione di tutta la classe dirigente hanno fatto sì che la cultura e la scuola siano diventati tasselli secondari nella nostra vita.Ahimè! Ore liete gentile Amica. Gian
 
volami_nel_cuore33
volami_nel_cuore33 il 07/07/20 alle 13:02 via WEB
Un dolce sorriso e un abbraccio di luce augurandoti un buon pranzo e felice martedi pomeriggio....Agnese.... ,clikka..buon ascolto.....
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 13:08 via WEB
Ottima scelta musicale. Grazie di cuore. Un abbraccio per augurarti tante ore liete. Gian
 
Bluecobalto2
Bluecobalto2 il 07/07/20 alle 15:15 via WEB
Anche se l'incompetenza viaggia nei meandri della politica e del denaro, non riusciranno mai a distruggere le nostre radici fatte di bellezza artistica e di storia. Ciao, Federica
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 22:40 via WEB
Lo spero anch'io ma dell'incompetenza culturale della nostra classe dirigente non si può fare affidamento. Ciao. Gian
 
Sallypeanuts
Sallypeanuts il 07/07/20 alle 16:47 via WEB
Una bella definizione descrivere le nostre bellezze artistiche come giardinie orti da coltivare per la nostra anima. Ciao
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 22:41 via WEB
Grazie per averlo rilevato: piace molto anche ame. Buonanotte. Gian
 
suiteitaliana
suiteitaliana il 07/07/20 alle 18:18 via WEB
L'arte è il simbolo dell'evoluzione umana e rivela la bellezza del creato. Guai a distruggerla. Buona serata, Anna
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 22:42 via WEB
E' nel nostro Dna che si è evoluto nel tempo con sacrifici, invenzioni e originalità. Ciao. Gian
 
PeterPan260
PeterPan260 il 07/07/20 alle 20:35 via WEB
E' raro ma meritevole che qualcuno s'interessi alla stato dell'arte della nostra Italia. Notte...notte
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 22:43 via WEB
Non è raro, amico mio, è solo che queste voci spesso rimangono inascoltate. Ciao Gian
 
shooting.star
shooting.star il 07/07/20 alle 21:41 via WEB
Passaggio veloce per augurarti una buna notte.
 
 
gianor1
gianor1 il 07/07/20 alle 22:43 via WEB
Trascorri anche tu la notte con serenità e tanti sogni colorati. Gian
 
cuoresereno
cuoresereno il 08/07/20 alle 07:54 via WEB
Splendida giornata nel tuo mare meraviglioso, Francesca
 
 
gianor1
gianor1 il 08/07/20 alle 15:04 via WEB
Cielo e mare blu...vento leggero che spinge al largo. Niente di meglio che una buona nuotata. Grazie. Ciao. Gian
 
starseablu
starseablu il 08/07/20 alle 09:58 via WEB
Un importante momento nel contesto valoriale dell'arte rimane la svalutazione degi studi classici, la mercificazione delle opere artistiche...Buogiorno Prof, Valentina
 
 
gianor1
gianor1 il 08/07/20 alle 14:53 via WEB
Anche le tua affermazioni fanno parte di questo disastro. Ma la spiegazione è assai più cpmplessa. Ne riparleremo. Ciao. Gian
 
pokerinadepressa
pokerinadepressa il 08/07/20 alle 10:18 via WEB
Non cerco mai di migliorarmi o di imparare qualcosa, rimango esattamente come sono. Non sono una che impara, sono una che evita. Non ho voglia di imparare, mi sento perfettamente normale nel mio mondo pazzo; non voglio diventare come gli altri.
Ciao Gian,Floriana
 
 
gianor1
gianor1 il 08/07/20 alle 14:55 via WEB
Mi appare giusto quel che scrivi. Mai permettere alle persone che ci circondano o le cisrcostanze esterne condizionino il nostro umore e la nostra personalità. Un abbraccio forte. Gian
 
acquasalata111
acquasalata111 il 08/07/20 alle 11:28 via WEB
Molto interessante il tuo post!! L'arte va protetta e non va venduta e svenduta come accade oggigiorno. Ma anche per apprezzare l'arte ci vogliono anime speciali gentili sensibili empatiche e oggi come oggi ce ne sono cosi poche di queste anime, purtroppo. Non saprei dire da cosa dipende perche' le anime non cambiano solo nascondono i sani sentimenti e nel nasconderli fanno emergere altri sentimenti negativi che non essendo bilanciati escono con il loro aspetto peggiore. Un caro saluto affettuoso.
 
 
gianor1
gianor1 il 08/07/20 alle 15:03 via WEB
Nel panorama dei fruitori d'arte si staglia una linea continua (o forse discontinua) fatta solo di offerte che reclamano una domanda, a cui supplisce, ahimè, il marketing e si declina il mondo artistico e culturale come una merce. E purtroppo la domanda si riduce nell'ottica solipsistica del consumatore non dell'ammiratore o del cercatore della bellezza. Siamo ad un passo dal Grande Fratello per sempre...Ciao. Gian
 
guardianangel0
guardianangel0 il 08/07/20 alle 16:10 via WEB
Quando si parla di Italia che vorrei, non posso dimenticare dell'Italia che fisicamente vorrei, di quei monumenti tangibili e reali che il nostro Bel Paese possiede e che dovremmo proteggere, e di come vorremmo che fossero trattati. I beni culturali fanno parte di una memoria storica che non dobbiamo essere disposti a perdere, costituiscono risorse uniche e non rimpiazzabili che solo un determinato Paese possiede; e se c'è qualcosa di cui gli italiani possono vantarsi, questo è sicuramente il patrimonio culturale che hanno avuto la fortuna di ereditare in secoli di storia. Buona sera
 
 
gianor1
gianor1 il 08/07/20 alle 21:47 via WEB
La valorizzazione dei beni culturali presuppone prima di tutto la loro tutela, che sta nel loro riconoscimento, nella conservazione, la protezione e il restauro. Preservare fisicamente i beni culturali è certamente il primo passo, ma non deve mancare di certo la possibilità della fruizione di questi beni artistici. Promuovere la cultura vuol dire anche diffondere la conoscenza del nostro stesso patrimonio culturale, in linea con ciò che recita l'articolo 9 della nostra Costituzione. "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione". Ciao. Gian
 
   
guardianangel0
guardianangel0 il 09/07/20 alle 11:00 via WEB
Sono ancora molti, infatti, i siti di grande valore storico e culturale che sono abbandonati a loro stessi da molti anni, che richiedono un degno restauro e una giusta valorizzazione. Ville, abbazie, giardini abbandonati e altri luoghi che hanno un grande potenziale purtroppo sembrano essere stati dimenticati. Lo stato italiano è tra i paesi europei che stanzia meno fondi destinati alla cultura, e il risultato è che numerosi edifici storici che potrebbero essere restaurati e riportati a nuova vita restano inagibili e dismessi. Una giornata splendida
 
     
gianor1
gianor1 il 09/07/20 alle 13:47 via WEB
“Proteggere il bene nello stato attuale in cui ci è giunto, per trasmetterlo alle generazioni future. Conservazione significa questo, nel senso che chi verrà dopo potrà fruirne. Tutte le opere hanno una vita, il tempo stesso le degrada. Noi abbiamo oggi strumenti per proteggere anche opere delicatissime, dove non si possono permettere visite, perché la presenza delle persone altera il microclima. Anche nella stessa Cappella degli Scrovegni è fatto un grande lavoro per filtrare l'aria il più possibile e frenare il naturale degrado. Chiaramente anche questa è una spesa che dovrebbe rientrare nell'art.9. Gian
 
foreverandever0
foreverandever0 il 08/07/20 alle 18:16 via WEB
Riguardo il post in bacheca: Il mare, una volta lanciato il suo incantesimo, ti terrà per sempre nella sua aura di meraviglia. Buonissima serata, Donatella
 
 
gianor1
gianor1 il 08/07/20 alle 21:49 via WEB
Il mare mi appartiene come ingenuo sognatore. La vasta distesa di acqua dona valore ai miei pensieri più intimi, riesce a donarmi il senso di infinito. Ciao. Gian
 
volami_nel_cuore33
volami_nel_cuore33 il 08/07/20 alle 21:18 via WEB
E se ne va anche questo giorno, e un po' mi dispiace, perché nonostante sia stato pesante, mi ha ugualmente regalato sorrisi. Buonanotte. Rita Lombardi Un dolce sorriso per una buona serata e un abbraccio di luce per un domani migliore....Agnese... ,clikka....
 
 
gianor1
gianor1 il 08/07/20 alle 21:52 via WEB
Un giorno che se ne va, porta con se la speranza di una luce nuova dopo la notte.Con amicizia e gratitudine. Gian
 
georgiasensi
georgiasensi il 09/07/20 alle 07:20 via WEB
Buon risveglio Prof e radiosa giornata, Georgia
 
 
gianor1
gianor1 il 09/07/20 alle 13:41 via WEB
Ma grazieee! Buon pomeriggio. Gian
 
pissibaubau0
pissibaubau0 il 09/07/20 alle 07:55 via WEB
Sono perfettamente in sintonia con te Prof. I nostri magnifici beni culturali in questo periodo vengono salvaguardati da un manipolo di volontari, spesso mal visti dai politici. Qualche madre e padre della Patria si rivolterebbe dalla tomba vedere questo sfascio. Buongiorno. Franco
 
 
gianor1
gianor1 il 09/07/20 alle 13:42 via WEB
E spesso sono giovani con in tasca una laurea in belle arti...Ore serene e a si biri cun saludi. Gian
 
cielochiuso1
cielochiuso1 il 09/07/20 alle 14:03 via WEB
Mi soffermo sull'appendice poichè ritengo la nostra lingua facente parte dei beni culturali da difendere preservare. Ciao,Giuliana
 
 
gianor1
gianor1 il 10/07/20 alle 12:14 via WEB
E' alla base della buona conservazione degli edifici, della pittura, dell'archeologia, dei musei...Ciao.Gian
 
pokerinadepressa
pokerinadepressa il 10/07/20 alle 05:26 via WEB
Con la giusta dose di ottimismo e con determinazione si affronta un nuovo giorno caro Gian...... Ad maiora!
 
 
gianor1
gianor1 il 10/07/20 alle 12:16 via WEB
Infatti personalmente credo fermamente che per raggiungere un obiettivo è bene guardare sempre più in alto. Un caro saluto. Gian
 
 
gianor1
gianor1 il 10/07/20 alle 12:19 via WEB
La valorizzazione è un punto molto delicato”, spiega Zaggia, “è uno dei temi sui quali ci si scontra continuamente, perché si tratta di distinguere tra la valorizzazione da un punto di vista più economico, che vuol dire mettere un certo bene a reddito, oppure rendere disponibile per la cittadinanza quel bene più in un senso culturale. Valorizzazione potrebbe anche significare che le opere che abbiamo in Italia vengono prestate e mandate all'estero. A volte si parla di una valorizzazione intesa semplicemente come far soldi, utilizzare ciò che in passato è stato detto il petrolio d'Italia, facendo rendere questi beni con un business plan ben studiato. Ore liete. Gian
 
Spiky03
Spiky03 il 10/07/20 alle 13:10 via WEB
Mi piace un sacco l'idea degli orti e giardini con il rispetto della cura è come entrare in un oasi della cultura.
 
 
gianor1
gianor1 il 10/07/20 alle 13:22 via WEB
Perfetta interpretazione del mio modesto pensiero. Te ne sono grato. Un caro e amicale saluto. Gian
 
limiteaperto1
limiteaperto1 il 10/07/20 alle 14:52 via WEB
Il problema forse però è nella gestione di questa immensa “ricchezza”. I circa 3.000 musei gestiti dalla pubblica amministrazione, alcuni dei quali chiusi al pubblico ma con il personale pagato e lì parcheggiato, quando non sono in perdita, a fatica raggiungono il pareggio di bilancio. In particolare, solo lo stipendio di più di 15.000 dipendenti del Ministero per i Beni culturali (MiBAC) si aggira intorno ai 400 milioni di euro e in certi casi il disavanzo è di qualche milione di euro a museo. Mary
 
 
gianor1
gianor1 il 11/07/20 alle 06:44 via WEB
Il settore dei beni culturali potrebbe dare lavoro a molti. Se, come si è visto, il controllo dello Stato non crea profitto, la soluzione è adottare un diverso sistema come quello che vige negli USA, perché no, privato, sanamente competitivo, dinamico ed elastico, evitando le bolle speculative e i clientelismi che, negli ultimi anni, hanno guastato anche il mercato dei paesi anglosassoni. Una volta avviata la strategia, quindi, bisogna saper amministrare bene, anche in momenti di crescita economica. In Italia non mancano né le capacità economiche, né le competenze, né i beni culturali. Basterebbe solo consentire di metterli a frutto. Buondì. Gian
 
volami_nel_cuore33
volami_nel_cuore33 il 10/07/20 alle 16:15 via WEB
Un sorriso per un sereno venerdi pomeriggio eeeeee... ,clikka....Agnese smuackkkkkkk
 
 
gianor1
gianor1 il 11/07/20 alle 06:49 via WEB
Per augurarti una serena fine di settimana...Con amicizia. Gian ^_^
 
Lita890dgl0
Lita890dgl0 il 10/07/20 alle 23:30 via WEB
Io tuo clicca nel Mio blog non è andato a buon fine Gian. Ma grazie per il pensiero e l'amicizia! Buon weekend. Un saluto
 
 
gianor1
gianor1 il 11/07/20 alle 06:49 via WEB
Ho cercato di rimediare. Ti chiedo scusa. Tante ore liete. Gian
 
Aschaky_1
Aschaky_1 il 11/07/20 alle 11:48 via WEB
Buongiorno,buon fine settimana...ci leggiamo il 16/8/ 2020.. grazie di cuore della tua presenza nel mio blog.. Che sia un'estate divertentissima: Buone vacanze! CLICCA.
 
 
gianor1
gianor1 il 13/07/20 alle 05:48 via WEB
Seppur in ritardo ti auguro uno splendido giorno e tanto riposo per le tue vacanze. Con simpatia ed amicizia. Gian
 
soltanto_unsogno
soltanto_unsogno il 12/07/20 alle 23:17 via WEB
Lascio la mia buonanotte *___*
 
 
gianor1
gianor1 il 13/07/20 alle 05:49 via WEB
La prendo volentieri e ti auguro uno splendido mattino. Gian
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Area personale

 







Sono per la salvaguardia del grafema Ch

 

Ultime visite al Blog

gianor1la.cozzabluaquilegialunetta_08plasmatica0je_est_un_autreelyravneopensionatamariateresa.savinoe_d_e_l_w_e_i_s_sendchurchBluecobalto2giselemar0limiteaperto1
 

Come eravamo



 
Citazioni nei Blog Amici: 246
 

 

 

Spigolature

AFORISMA
L'educazione è una cosa ammirevole,ma è bene ricordare,
di tanto in tanto,che nulla che valga la pena di conoscere
si può insegnare.
Oscar Wilde



PROVERBIO SARDO
Nen bella senza peccu,nen fea senza tractu.
Non c'è una bella senza difetto,nè una brutta senza grazia.


"Il lavoro del maestro è come quello della massaia, bisogna ogni mattina ricominciare da capo: la materia, il concreto sfuggono da tutte le parti, sono un continuo miraggio che dà illusioni di perfezione. Lascio la sera i ragazzi in piena fase di ordine e volontà di sapere - partecipi, infervorati - e li trovo il giorno dopo ricaduti nella freddezza e nell'indifferenza. Per fare studiare i ragazzi volentieri, entusiasmarli, occorre ben altro che adottare un metodo più moderno e intelligente. Si tratta di sfumature, di sfumature rischiose ed emozionanti.Bisogna tener conto in concreto delle contraddizioni, dell'irrazionale e del puro vivente che è in noi. Può educare solo chi sa cosa significa amare".

 

Armonia delle forme

 



 

 

Solidarietà


 
,

,

,



 

 
 



 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30