Un respiro di vita

L'essenza della vita è nella magia di un incontro.

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: adrianomori
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 55
Prov: RM
 

ULTIME VISITE AL BLOG

eleanor1968sagittarion70orintiaadrianomoriantinea.isidevalnik1margherita.22ecatebiancavolinelanimauna_donna_lealemonnalisa2008.memid69togriliprimulina16essemicia
 
 

AREA PERSONALE

 

 

Sentimenti

Post n°13 pubblicato il 13 Luglio 2008 da adrianomori
Foto di adrianomori

C'era una volta un'isola, dove vivevano tutti i sentimenti e i valori degli uomini:

 il Buon Umore, la Tristezza, il Sapere... così come tutti gli altri, incluso l'Amore.
Un giorno venne annunciato ai sentimenti che l'isola stava per sprofondare, allora prepararono tutte le loro navi e partirono, solo l'Amore volle aspettare fino all'ultimo momento.
Quando l'isola fu sul punto di sprofondare, l'Amore decise di chiedere aiuto.
Ricchezza passò vicino all'Amore su una barca lussuosissima e l'Amore le disse:

"Ricchezza, mi puoi portare con te?" "Non posso c'é molto oro e argento sulla mia barca e non ho posto per te."
L'Amore allora decise di chiedere all'Orgoglio che stava passando su un magnifico vascello,

"Orgoglio ti prego, mi puoi portare con te?", "Non ti posso aiutare, Amore..." rispose l'Orgoglio, "qui é tutto perfetto, potresti rovinare la mia barca".

Allora l'Amore chiese alla Tristezza che gli passava accanto "Tristezza ti prego, lasciami venire con te", "Oh Amore" rispose la Tristezza, "Sono così triste che ho bisogno di stare da sola".
Anche la Gioia passò di fianco all'Amore, ma era così contento che non sentì che lo stava chiamando.
All'improvviso una voce disse:

 "Vieni Amore, ti prendo con me“

 Era un vecchio che aveva parlato. L'Amore si sentì così riconoscente e pieno di gioia che dimenticò di chiedere il nome al vecchio. Quando arrivarono sulla terra ferma, il vecchio se ne andò.

 L'Amore si rese conto di quanto gli dovesse e chiese al Sapere: "Sapere, puoi dirmi chi mi ha aiutato?"

"É stato il Tempo" rispose il Sapere
"Il Tempo?" si interrogò l'Amore, "Perché mai il Tempo mi ha aiutato?"

Il Sapere pieno di saggezza rispose:
"Perché solo il Tempo è capace di comprendere quanto l'Amore sia importante nella vita"

 

 
 
 

La via verso la felicità

Post n°12 pubblicato il 26 Giugno 2008 da adrianomori
Foto di adrianomori

Come il fabbro raddrizza   una freccia,così il saggio governa i suoi pensieri,per loro natura instabili, irrequieti e difficili da controllare. Non lasciare che la ricerca del piacere ti distragga dalla meditazionee dal tuo stesso bene. Anzichè badare agli errori altrui osserva i tuoi, esamina ciò che hai commesso e ciò che hai omesso di fare. Controlla la rabbia come un buon auriga governa il suo carro impazzito. Pratica ciò che predichi. Prima di cercare di correggere gli altri fa una cosa più difficile:correggi te stesso. Nobile è colui che non fa del male ad alcuna creatura vivente.Tu sei il tuo solo maestro. Chi altro può guidarti? Diventa padrone di te stesso e scopri il tuo maestro interno. La padronanza della propria mente ribelle, capricciosa, e vagabonda.... è la via verso la felicità. 

 

 
 
 

     La realtà

Post n°10 pubblicato il 21 Giugno 2008 da adrianomori
Foto di adrianomori

La realtà dell'altro, non è in ciò che egli ti rivela, ma in ciò che non riesce a rivelarti.

Perciò, se vuoi capire l'altro, non dare ascolto a ciò che egli ti dice, ma piuttosto a ciò che egli non dice.

                   K. Gibran

 
 
 

            Ascolta il tuo cuore

Post n°8 pubblicato il 07 Giugno 2008 da adrianomori
Foto di adrianomori

... il ragazzo nell'immensità del deserto si chinò e raccolse una conchiglia

"un tempo questo luogo era un mare" disse l'Alchimista, ora avvicina la conchiglia all'orecchio. Il ragazzo che da bambino lo aveva fatto già tante volte, ascoltò il rumore del mare.

"il mare è ancora dentro questa conchiglia, perchè questa è la sua leggenda personale, e non l'abbandonerà fino a quando il deserto non si coprirà di nuovo di acqua."

Il cuore allora parlò al ragazzo delle grandi doti avute ogni giorno nel vivere la propria leggenda personale...

"ascolta il tuo cuore esso conosce tutte le cose"

Paulo Choelo

 
 
 

La luna di Baudelaire 

Post n°4 pubblicato il 13 Maggio 2008 da adrianomori
Foto di adrianomori

Nei suoi sogni la luna è più pigra, stasera:
come una bella donna su guanciali profondi,
che carezzi con mano disattenta e leggera
prima d'addormentarsi i suoi seni rotondi,

lei su un serico dorso di molli aeree nevi
moribonda s'estenua in perduti languori,
con gli occhi seguitando la apparizioni lievi
che sbocciano nel cielo come candidi fiori.

Quando a volte dai torpidi suoi ozi una segreta
lacrima sfugge e cade sulla terra, un poeta
nottambulo raccatta con mistico fervore

nel cavo della mano quella pallida lacrima
iridescente come scheggia d'opale.
e, per sottrarla al sole, se la nasconde in cuore

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: adrianomori
Data di creazione: 11/05/2008
 

ADRIANO

"La lettura dei poeti produsse in me effetti conturbanti:
 non sono del tutto certo che conoscere l’amore sia più inebriante che scoprire la poesia."
Memorie di Adriano - M.Yourcenar