Creato da suomifinland1 il 13/11/2013
Obbiettivo 360°
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
 

 

L'Italia è in rovina.

Post n°78 pubblicato il 19 Febbraio 2018 da suomifinland1

Facciamo il punto della situazione: L'Italia è un cumulo di macerie.

Non ha più una classe dirigente degna di questo nome; non c'è più nessuno capace di governare in quanto la sinistra ha distrutto i vecchi partiti politici. Oggi esiste solo un esercito di semianalfabeti, preoccupati di conquistare il maggior potere possibile. E all'estero ci prendono per i fondelli.

Ha dei sindacati che hanno cancellato la voglia di fare imprendotoria, consegnando le grandi industrie, e non solo, nelle mani degli stranieri, cinesi in testa.

La proprietà privata non è più garantita e, ciò che è peggio, nemmeno l'istinto di sopravvivenza.

Ha una legislazione che garantisce i delinquenti, specialmente se stranieri, praticamente un invito a tutto il mondo a venire in casa nostra a fare ciò che si vuole.

La sua linga madre è sempre più stravolta dagli inglesismi e, come se non bastasse, ci si mette anche il femminismo a cambiare le regole lessicali. Una volta, a scuola, scrivere o dire "la sindaca" significava un 4 sicuro, oggi viene fatta passare come una cosa del tutto normale.

La sanità mantiene, con i nostri soliti contributi, qualcosa come 5 milioni di stranieri che non pagano nulla per qualsiasi prestazione medica.

I genitori picchiano gli insegnanti. 

La televisione manda in onda violenza e subcultura a tutto spiano, poi ci si chiede come mai accadono tanti fatti di cronoca nera, ed interroghiamo psicologi e sociologi per avere delle risposte, possibilmente tranquillizzanti.

Lo stato si preoccupa degli stranieri e abbandona a se stessi i propri connazionali, gli stessi che però non dimentica mai quando deve battere cassa.

Si organizzano manifestazioni anitfasciste, promosse da agente che usa gli stessi metodi di coloro che vorrebbe mettere in galera.

Si avvicinano le elzioni e rispuntano dinosauri che ancora parlano di marxismo-leninismo, di ideologie nate e morte nel XIX sec.

Dopo tutto questo, che Paese pensate che sia il nostro? Un cumulo di macerie, questa è la risposta. Una realtà che non si risconra in nessun'altra parte del globo. E vogliono farci credere che è una nazione civile, perché tuteliamo cani, gatti e stranieri. Quale speranza per il futuro?

 
 
 

Pensiero del giorno.

Post n°77 pubblicato il 16 Novembre 2017 da suomifinland1

Vi siete mai chiesti perché i mussulmani di Marocco, Tunisia, Algeria ecc. vengono nel nostro Paese, diciamo per cercare lavoro, e non vanno nei paesi arabi, tipo Arabia Saudita, Oman, Kuwait, Bahrein, che sono pieni di soldi, quindi potrebbero dare lavoro a tutti o mantenerli senza far niente e, inoltre, sono islamici?

Meditate gente, meditate.

 
 
 

Pensieri del giorno

Post n°76 pubblicato il 12 Settembre 2017 da suomifinland1

Esistono due tipi di fascisti: i fascisti propriamente detti e gli antifascisti.

 
 
 

Pensierino del giorno.

Post n°75 pubblicato il 08 Settembre 2017 da suomifinland1

In Italia essere bianchi e onesti è diventata una colpa.

Ma che Paese è?

 
 
 

Pensierino del giorno.

Post n°74 pubblicato il 01 Settembre 2017 da suomifinland1

L'Italia è una finta democrazia; finché questa nazione sarà in mano alle toghe rosse non c'è speranza per gli italiani. Meditate gente, meditate.

 
 
 

Ricordando De Nicola

Post n°73 pubblicato il 08 Febbraio 2017 da suomifinland1

Il 15 luglio 1946 così parlava l'allora capo provvisorio dello Stato, nel suo discorso di insediamento: "Ogni umiliazione inflitta al suo onore, alla sua indipendenza, alla sua unità, provocherebbe non il crollo di una nazione, ma il tramonto di una civiltà: se ne ricordino coloro che sono oggi gli arbitri dei suoi destini".

Ebbene, l'Italia da più di settant'anni sta regredendo inesorabilmente e i responsabili sono prorio coloro che avevano il dovere di salvaguardare la cultura, le tradizioni, la lingua del nostro popolo. 

La giustizia tutela i delinquenti e condanna gli onesti, non riconoscendo più il DIRITTO alla difesa della proprietà privata e, cosa ancor più grave, della propria vita, negando di fatto l'esistenza di un istinto vecchio di milioni di anni: quello di sorpavvivenza. I principi cristiani, che erano il fondamento della nostra civiltà, sono stati cancellati da una cultura sinistrorsa, che ha creato vuoti valoriali e, nello stesso tempo, ha aperto le porte all'invasione di fondamentalismi religiosi quali l'islam. La lingua, prinicipale e fondamentale veicolo di comunicazione e propagazione delle idee, è stata imbastardita dagli inglesismi, introdotti da chi si illude che il loro utilzzo sia sinonimo di alto intellettualismo. La storia di Roma ridotta ai minimi termini negli insegnamenti scolastici, in quanto considerata inutile nozionismo. La politica ha approvato leggi che regalano soldi dei contribuenti italiani agli stranieri, ignorando totalmente le difficoltà di chi li elegge e li mantiene col sudore del prorpio lavoro, creando in questo modo un altro esercito di parassiti sociali. E la lista potrebbe continuare.

In definitiva la civiltà italiana sta scomparendo non solo perché non facciamo più figli, ma anche, e soprattutto, perché chi doveva vigilare e garantire la sua continuità, ha scelto irresponsabilmente la via più facile da seguire: quella delle facili promesse elettorali, mai mantenute, e quella della fondazione di un sistema basato sull'ignoranza, sul poco lavoro e il facile guadagno. Il tutto porta al male di fondo: la società basata sui Diritti e non sui Doveri.

 
 
 

Solite assurdità

Post n°72 pubblicato il 12 Luglio 2016 da suomifinland1

Ieri su rete 4, parlando del caldo di questi giorni, hanno citato un'estate rovente, come se fosse da più di un mese che stiamo soffrendo. E' vero esattamente il contrario. Giugno non ha fatto caldo per nulla, e per due giorni di afa non si può certo parlare di stagione rovente. Ma la televisione è fatta così: informazione seria zero, boiate tante, anzi, tutte. La generalizzazione è una delle parole d'ordine ed è una caratteristica che rende le notizie imprecise e inaffidabili. Conclusione: non crediamo alla televisione, ma impariamo ad approfondire le cose per conto nostro; le fonti per avere una maggiore chiarezza sul mondo che ci circonda esistono, basta applicarsi nella ricerca. Inoltre, è bene guardarla poco, ci guadagna la nostra mente e, di conseguenza, il nostro benessere psico-fisico.

 
 
 

Il fatto del giorno... in breve

Post n°71 pubblicato il 31 Marzo 2016 da suomifinland1

Ad Amsterdam vietano le minigonne per non offendere i mussulmani.

E' l'ennesimo esempio dell'Europa che cala le braghe davanti all'Islam per paura.

Ma le femministe che tanto hanno rotto le balle in passato alla Chiesa per stupidate, dove sono?

 
 
 

Pazzesco!

Post n°70 pubblicato il 29 Febbraio 2016 da suomifinland1

Non c'è limite alla demenza italiana.

Dopo aver tolto l'insegnamento obbligatorio della religione cattolica nelle scuole, adesso, succede in un ateneo di Agordo in provincia di Belluno, si permette ad un imam di insegnare religione islamica. Cosa passi per la testa di certe persone è un gran mistero, e sono le stesse che pensano, con queste decisioni, di creare una società civile, mentre stanno solo contribuendo al suicidio della nostra cultura, e quando se ne accorgeranno, se mai dovesse succedere, sarà troppo tardi. 


 
 
 

Italia sempre più in basso

Post n°69 pubblicato il 12 Febbraio 2016 da suomifinland1

Sembra non esserci nessun freno alla caduta libera del nostro Paese.

Ogni giorno i telegiornali danno notizie drammatiche sulla nostra società: politici che si perdono su questioni di poca rilevanza, non affrontando problematiche ben più urgenti come la sicurezza di noi italiani; una violenza dilagante contro la quale nessuno di noi è al riparo e può difendersi; guidici (comunisti) che condannano gli onesti, impedendo loro di difendersi dai delinquenti, negando di fatto la legittima difesa della proprietà privata e della propria vita, quindi, andando  contro ciò che è sandito dalla Cosituzione (la tutela della proprietà privata appunto), e ciò che è sancito da Madre Natura, l'istinto di sopravvivenza (posso difendermi solo dopo che mi hanno ammazzato). L'invasione di stranieri che poi dobbiamo mantenere, quindi un aumento dei parassiti sociali e della insicurezza nelle nostre città. L'impossibilità di usare termini della nostra lingua, perché improvvisamente diventati simbolo di razzismo (oggi non si può più nemmeno dire zingaro), se però uno straniero dice "italiano di merda" questo va bene. La calata delle braghe davanti all'arroganza, alla violenza e alla falsità di una religione insulto per ogni società civile: quella islamica. Si fanno processi alla Chiesa cattolica, ma ci si guarda bene dal farli ai mussulmani. Nelle scuole si aboliscono presepi e canti tradizionali natalizi. C'è chi finisce in galera per aver pisciato dietro un cespuglio e nello stesso tempo si permette a un delinquente di fare denuncia al proprietario di un cane, per essere stato morso mentre entrava in giardino  per andare a rubare. E si potrebbe continuare all'infinito. E mentre accade tutto questo i parlamentari si perdono in discussioni sull'affitto dell'utero! Ma stiamo scherzando?! Abbiamo una giustizia fatta per difendere e premiare i criminali e condannare gli onesti. Questa è follia pura! E vogliono farci credere che l'Italia è una nazione civile. Ma per favore!

Altro che democrazia. L'Italia è una dittatura comunista in tutto e per tutto e non bastano certo i bei discorsi per cambiare le cose. Stiamo perdendo la nostra identità culturale nella più totale indifferenza di tutti, i cui maggiori responsabili, però, sono e restano i nostri politicanti, che continuano a perdere tempo in vergognose discussioni su puttanate, mentre l'Italia sprofonda.

Dum Romae consulitur Saguntum expugnatur.



 
 
 
Successivi »
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

I.am.Laylavita.perezsurfinia60mission_impossible.0Coralie.frlubopofugadallanimaSmeraldo08moschettiere62Dimmi.di.Temoon_ITerzo_Blog.GiusAngela_Fenice84thejumpingsuomifinland1
 

Ultimi commenti

Concordo perfettamente con il tuo pensiero..
Inviato da: Femm.ina
il 03/09/2014 alle 15:00
 
Ciao e grazie per il tuo commento:)
Inviato da: suomifinland1
il 13/03/2014 alle 15:22
 
Lamentarsi del tempo è un'abitudine ormai...
Inviato da: Marion20
il 13/03/2014 alle 15:15
 
La differenza è chi fa. I cinque stelle hanno perso la...
Inviato da: lo_snorki
il 01/02/2014 alle 08:26
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom