Creato da orazrome il 07/08/2007

AGRATIUS

... e allora il pensiero pensò di pensare!

 

 

FOGLIOLINA E PETTIROSSO

Post n°287 pubblicato il 10 Gennaio 2022 da orazrome
Foto di orazrome

la fogliolina saltava giù
dal ramo dell’albero della vita,
non curante di andare incontro alla morte.
Il suo disegno di vita era: 
dal ramo alla Terra... dalle radici al ramo,
un Ciclo continuo che si ripeteva dalla nascita.

Poi, un giorno d’autunno la piuma di un pettirosso,
spinta dal vento veniva giù dal  nido posto tra i rami,
ignara, che avrebbe potuto attirare cosi tanta attenzione 
a quella giovane foglia: 
che alla vista di quell' incantevole danza veniva rapita.

Il giorno seguente, al sorgere del sole quei due occhietti
socchiusi quanto basta per crearne una barriera 
tra le pupille e la luce accecante del sole ,
cercavano il nido, lassù in cima, incastrato bene tra i folti rami.

la piccolina guardava e aspettava paziente che un’altra piuma venisse giù,
poi, con la sua vocina tremante comincio a gridare:
   
 ma, il vento era lontano quel dì e non potè ascoltare la sua preghiera.

I giorni volavano via,
 si susseguivano uno dopo l’altro formando settimane, mesi.
Zitta e sola se ne stava, 
sola con la sua tristezza  nonostante attorno avesse milioni di foglie.

 non avere la testa sempre tra le piume!> 
ridevano... 
non capivano che in lei si era messo in moto
un pensiero un pensiero speciale, evolutivo, 
che le avrebbe cambiato il destino, l’esistenza:
d'essere foglia di un albero di pesco... una delle tante.

Poi, una mattina di una delle sue tante primavere il canto di uccellino la svegliò 

fai cadere una piuma!>
-e che te ne fai?-
disse!
uccellino non rise per rispetto...
ma, essendo uno spirito libero e viaggiatore 
cercò di capire cosa volesse dire, e le chiese: 
cosa intendi per danza?
 < danza: è quel movimento soffice soffice 
che avviene lasciandosi andare nell'aria, 
danzo sempre quando mi stacco dal ramo, 
solo che quando lo faccio , non mi vedo, 
mentre scendo...
la paura del vuoto mi fa tremare tanto da chiudere gli occhi,
sento soltanto... l'arrivo a terra.
Se avessi ali per volare...
di giorno viaggerei...
e  la notte riposerei sui rami di tutti gli alberi del mondo!>

-Giovane amica,
 io ho le ali, ma, il mio mondo è qui in questo giardino.
Sono nato in quel nido lassù... e in quel nido sono nati i miei figli,
ho le ali si, ma non sono un uccello migratore, 
altri lo fanno : si spostano
per trovare zone più calde e abbondanti di cibo dove crescere i loro figli.
Qui ho quanto basta per vivere con la mia famiglia,
lo scopo della mia vita:  il continuo della mia specie,
tenere in vita la vita dei miei antenati...
ed i miei figli faranno altrettanto.
Ho le ali, sono libero, ma non sono un viaggiatore!
Tu non hai ali, ma, hai qualcosa che fa volare ancora più lontano: un sogno!-
 
chiese fogliolina?
 -Nel tuo caso... il sogno è il desiderio di volare... 
volare pur restando aggrappata al ramo.-

Tante prima di lei erano state foglie di altri alberi diversi tra loro, 
nelle giornate di  vento venivano  trascinate via,
lontano dal piede paterno per concimare e divenire foglie di: 
pero, di mandorlo, di susino, di arancia, limone, mandarino, pompelmo, melo, 
ulivo.
Alberi che decoravano quell'eden dove fogliolina viveva  le sue stagioni.
Un giorno l'uccellino  chiese a fogliolina se volesse conoscere il mare.
< il mare?> rispose!
Il mare sono tante gocce d'acqua messe insieme, abbracciate l'un l'altra....
hai presente la pioggia? < si!>  ecco, la  pioggia è il mare, sono figlia e padre...
goccioline d'acqua... 
fin quando sono in cielo dentro le nuvole e vengono giù scendono separate, 
quando arrivano a terra si abbracciano tutte formando
una goccia grandissima: il mare!

La mattina seguente al sorgere del sole uccellino saltò dal nido 
e si diresse sul ramo lì dove era attaccata fogliolina con la sua esile gambetta
La poverina per tutta la notte non aveva chiuso occhio,
gocce solo gocce abbracciate  l'un l'altra nei suoi pensieri....
altre gocce le si riunivano attorno agli occhi...
gocce che davano  vita alle sue prime lacrime.
Lacrime di gioia... lei,  che solo un giorno prima era soltanto: 
una delle tante foglie di pesco,
ma, solo lei aveva avuto il dono della conoscenza, auto/conoscenza dell'io...
contemplando una soffice piuma!_

come pretendi di spostarti e rimanere in vita?>  

Le gridò una sua vicina di un paio di rami più giù.

< noi tutte insieme siamo i polmoni e le narici dell'albero che ci ha dato vita. 

Abbiamo un ruolo importante in natura: 
ogni forma di  vita sulla terra dipende da noi!
Non ci è dato di pensare ne  di andare quando e dove ci pare,
la nostra gambetta è come il cordone ombelicale degli umani,
con una piccola differenza: 
 loro si staccano dalla madre per diventare individui,
noi ci stacchiamo dal ramo quando sarà il momento...  
in autunno! 
I nostri antenati sono andati avanti senza il bisogno di sognare.
Siamo stati cibo, giaciglio, ombra e riparo per la pioggia,
Siamo stati le foglie dell'albero che ha dato origine 
alla disubbidienza, al peccato, alla vergogna.  
Abbiamo vestito... la "Nudità umana!>

 Nonostante fogliolina  ascoltasse con interesse quelle sagge parole... 
ogni tanto si perdeva. 
Il mare: il suo unico pensiero costante!

< uccellino dove sei, come una campana risuonava nei suoi pensieri>

Di primo mattino uccellino cominciò a svolazzare 
e a fischiettare dall'alto verso il basso,
fino ad  appoggiarsi accanto a lei  e con mezzo sorriso sul becco le disse:
< dai bella verdognolaaaa... preparati al decolloooo 
si volaaaaaaaaa!!!!!!!!!>

Con una zampettata staccò fogliolina dal ramo che per gioia e per paura 
svenne tra le zampe di uccellino. 
< l'ho uccisa! >  

Pensò il pettirosso che cominciò a sbattere le ali come per darle aria, respiro.
Non capiva, non sapeva, non credeva ai suoi occhi... 
poi senti la sua vocina:
 
 
 
< sorreggimi amico mio, tutto corre alla mia vista... 
le nuvole i rami gli alberi... tutti scappano!>

Uccellino allungò il becco e strinse dolcemente fogliolina
che a quella presa ebbe sicurezza anche se, ancora tremante,
 e si avviò correndo contro vento sfiorando le nuvole.

Il mare era ancora distante, 
alla loro vista si vedeva solo uno sfondo azzurro in lontananza.
Il cuore di fogliolina batteva forte per l'emozione, 
non era mai stata così in alto... le nuvole le aveva viste sempre dal basso, 
e adesso era lì tra quelle forme strane sparse nell'azzurro cielo.


 

Gridava con quel filino di voce, mentre uccellino puntava verso il basso 
lasciandosi andare con le ali tirate all'indietro per tagliare meglio l'aria e 
aumentare di velocità.
Poi notò all'orizzonte una nave da crociera con tanto di piscina e gli venne 
l'idea di fare uno scherzo a fogliolina.

< Chiudi gli occhi piccola e aprili quando te lo dico io!>
Fece un paio di piroette scelse l'angolo  più soleggiato e vi planò delicatamente 
come lui era solito fare.
< ok! Puoi guardare!!!... allora? ... è come lo immaginavi?>

Fogliolina aprì le palpebre come se volesse sorseggiare quelle gocce... 
voleva farle entrare ad una ad una dentro i suoi occhi,
e lí, riunirli in un unico grande abbraccio!
Il sole era troppo accecante, scagliava raggi sull'acqua 
e non le permetteva di avere una veduta che andasse oltre un paio di metri, 
che già per lei erano tanti... erano il mare.

 É mille volte più grande di come lo immaginavoooo!>

Uccellino saltellava e rideva coprendosi il becco con le ali
 per non farsi notare da quella creaturina 
che aveva creduto che, quel cucchiaino d'acqua fosse il mare. 
Adesso, diventava un problema serio spiegarle, 
che quella era davvero una manciata di  gocce paragonandole
 all'immenso mare.

Uccellino non sapeva che quella mattina le previsioni
Del tempo anticipavano una grande burrasca, 
Ed essendo la strada per il ritorno non poca doveva affrettarsi a ritornare 
perché i suoi figli avrebbero avuto bisogno del suo aiuto.

Fogliolina era intenta a specchiarsi in quello che credeva il mare
Quando cominciò ad alzarsi il vento, 
quanto basta per dare un'immagine di se diversa, da quella che vedeva prima.

Quando l'acqua trema.... mi allungo e mi allargo....
sembra che danzo, mi gira la testa!>

Uccellino non l'ascoltava, sentiva che il tempo stava per cambiare 
e la cosa lo preoccupava parecchio, 
ma non sapeva come dirlo a fogliolina, che era tutta presa da quello specchio 
d'acqua.

mangiare e aspettano che porti qualcosa!>

bellissimo e magico qui!>.

Il forte vento faceva sventolare fogliolina come una bandiera,
a lei non dispiaceva quel potente soffio, anzi lo amava,
Uccellino come un razzo saliva velocemente in diagonale 
tenendo fogliolina sotto le piume del petto per non farle vedere
 il vero mare.
Certo, che non glielo avrebbe mai perdonato 
quello stupido scherzo,
e non voleva perdere tempo per darle spiegazioni.

chiese ancora fogliolina!>

lasciamolo agli umani questo privilegio!
ma posso dirti con tutto il rispetto che ti porto: 
per me l'amicizia é qualcosa di sacro,
un sentimento forte che va oltre alle cose della terra.
Una volta quando ero ancora un giovane pennuto
un anziano uccello mi disse: 
per far sì che un'amicizia fiorisca e duri 
anche dopo la morte devi usare un solo ingrediente!
qual è? gli chiesi
Non chiederlo a me, chiedilo al cuore!
Ogni qualvolta che incontri qualcuno gradito alla mente
presentalo al tuo cuore... la mente calcola, il cuore ama.
Ed é quello che ho imparato a fare, non ho altri scopi nella vita che: amare!>
 
< Perché...Cos'è giurare? >
Sarebbe come mettere tra me e te qualcosa di soprannaturale,
chi vuole far credere tassativamente che la propria opinione corrisponde al 
vero giura, ma tante volte la verità sta a metà strada,
al centro di ogni cosa o addirittura all'opposto!>

Fogliolina ascoltava  attenta pettirosso, 
era affascinata da quel suo modo gentile di fare,
di farle capire le cose della vita, 
le ripeteva pettirosso,
< la risposta ad ogni  domanda è gia scritta  dentro di noi, 
dobbiamo  solo avere pazienza di arrivare...
a sfogliare la pagina giusta.>

 < Chi è che ha scritto queste pagine dentro di noi? > 
Chiese fogliolina

ma posso dirti che: 
Le pagine che sfoglierai dentro di te sono state scritte 
con due tipi  di inchiostro differenti, uno visibile agli occhi 
l'altro visibile solo al cuore... dipenderà da te darne l'origine.
E comunque l'una non esclude l'altra!>

< e tu come li vedi?>

< Io li vedo con gli occhi, ma qualche volta mi è successo
di leggerle anche ad occhi chiusi... Non chiedermi come!>

< Alcuni umani chiamano Dio, Colui che ha scritto le loro pagine,
altri lo chiamano caso, è questo non fa altro che creare confusioni,
dispute, dibattiti, arrivano perfino ad uccidersi tra di loro pur  di far valere
 la loro idea.
Amano così tanto la vita da ucciderla ogni giorno. 
Uccidono i loro figli, uccidono gli animali, uccidono gli alberi, 
uccidono tutto ciò ch'è vivo 
e se potessero...UCCIDEREBBERO ANCHE LA MORTE!

 Man mano che si avvicinavano al giardino, Il tempo migliorava
e il cattivo tempo era rimasto alle loro spalle.
Fogliolina pensando alla crudeltà umana, 
fece tante domande a pettirosso ed ebbe risposte ad ognuna di essa, 
ma quella che più le premeva e non aveva avuto il coraggio di porre era 
sull'amore,

 

Troppi pensieri le invadevano la mente
 e uccellino l'aveva capito, quindi cercava di distrarla. 
Il giardino era quasi sotto di loro,
e tutto era tranquillo da far ritornare il sorriso e 
la voglia di scherzare a pettirosso.

< ci siamo piccolaaaa!!!! 
Preparati a raccontare la tua bella esperienza alle tue sorelline dubbiose>

Pettirosso fermò la sua corsa sul ramo di un susino per poter dare qualche 
minuto di riposo alle ali
e, appoggiando fogliolina sul ramo più bello si rese conto che era diversa, 
che aveva perso un po' di luce.

< dimmi piccolina, che hai? sei pallida!>
< sento di non avere le forze che avevo stamattina, 
non mi era mai successo prima di adesso...
 tu trovi qualcosa da mangiare e mangi, ed é normale, 
ma io come farò? 
io mi nutrivo attaccata al ramo. 
Forse ci siamo fatti prendere dall'euforia senza pensare al dopo, 
dici che sto per morire?>

Uccellino capì che fogliolina aveva ragione, 
che staccandola dal ramo aveva dato il via alla sua decomposizione, 
e si sentiva colpevole "lei non poteva saperlo, 
si sarebbe staccata al momento giusto senza accorgersene in modo naturale, 
come ho fatto a non pensarci?" 

Pettirosso aveva sentito dai pennuti anziani 
qualcosa sulla reincarnazione e cercava di trovare le parole giuste 
per parlarne a  fogliolina che perdeva vitalità ogni momento che passava.

< Si piccola, ci siamo fatti prendere, tu dal desiderio di conoscere e io di 
accontentarti, 
ma la colpa é solo mia, tu non potevi sapere.>  
balbettò fogliolina
 < io sapevo, e te lo avevo pure detto, che ogni volta che mi 
staccavo dall'albero danzavo e chiudevo gli occhi per la paura, 
lo so abbiamo anticipato la fine, però abbiamo anticipato anche l'inizio, 
perché io ritornerò e  voleremo ancora, sfioreremo ancora le nuvole tu ed io... 
e poi giù nel grande mare... me l'hai promesso, o no?> 
in tutte le sue forme,
andremo ancora al mare e in qualsiasi posto tu voglia.
Fogliolina sorrise, l'ultimo sorriso fu per pettirosso e a quella promessa
 che sapeva più di un giuramento... 
uscita accorata da quel becco dolcissimo, saggio e  fraterno.

by Orazio Romeo

 
 
 

Oggi non ti voglio amare

Post n°286 pubblicato il 07 Gennaio 2022 da orazrome
Foto di orazrome

Oggi non ti voglio amare,
ma, prima di farlo voglio chiederlo al mio cuore,
giusto per avere un suo parere,
lui mi é stato amico e complice  nell' amare i miei amori...
e da questa mia decisione
lasciarlo fuori non lo posso fare.
Quando t'ho conosciuta di te,
a lungo abbiam parlato,
ho chiesto il suo parere e lui
con fare, che all' apparenza  
poteva sembrare indelicato, 
fortemente a pulsato e ripulsato 
dandomi scossoni nel costato.
                     Si! 
Oggi non ti voglio amare
metteró in pausa ogni mio pensiero,
in silenzio assopiró i sensi...
senza dire e senza fare e dare,
a cosa serve far parlare il cuore 
e aver risposte fatte di parole,
oggi voglio fermare il mio amore a ieri.
        Oggi non ti voglia amare
e per far ció, metteró un divieto
in ogni via che porta al cuore.
     Oggi non ti voglio amare
non perché in me non vi é amore,
é solo per provare a non amare.
Oggi non ti voglio amare 
voglio solo sulla luna saltellare
aspettar il sole che m'accarezzi 
                   il viso, 
e far si il suo ciao all'alba 
non sia nostro ma, 
sia soltanto mio... perché, 
perché oggi non ti voglio amare!
OaR

 
 
 

Portami via

Post n°285 pubblicato il 02 Gennaio 2022 da orazrome

Portami via... 

ho chiesto a un cuore 

stanco di vivere e di morire,

stanco di quelle finte gioie 

che la mente organizza 

per farlo battere e ribbattere 

fino a renderlo schiavo 

di falsi sentimenti.

Portami via... 

dove il buio da piú luce del sole... 

dove il nulla viene detto e fatto....

dove le parole sono vane 

e l'anima canta per amore.

Portami via...

in quei luoghi dipinti di rosa,

dove si vola senza ali...

dove le nuvole si abbracciano

scambiandosi sorrisi...

dove l'amore non nasce 

dalla mente... 

ma semplicemente

dal profondo del cuore.

OaR

 
 
 

Se ti mancasse

Post n°284 pubblicato il 21 Dicembre 2021 da orazrome

Se ti mancasse anche solo una virgola dei miei pensieri, 

del mio pensare, dei battiti del mio cuore, 
di certo, non me ne starei qui seduto a scrivere di te che, 
chissà dove e a chi e... in quale parte del tuo mondo 
dedichi  il tuo tempo migliore. 
Lo so, non hai scelto di andare e non potrai scegliere di tornare. 
E' triste pensare che non ci sei o che ci sei quanto basta per non esserci. 
Ma, qui seduto penso  scrivo e sogno... si, 
perché voglio sognare che... da li 
abbassando gli occhi, tu possa vedere ogni cosa lasciata... 
che tu possa vedere ogni vita che hai amato...
 i tuoi amori che danno vita e bellezza alla vita. 
Non avrebbe senso la vita se il vivere, 
non fosse un continuo proseguire verso quell' infinito amore... 
dove ognuno di noi é... semplicemente  un gradino... 
un gradino essenziale per far si che la vita continui a salire verso l'eterno amore. 
Non ricordo un solo giorno dei nostri giorni 
che sia stato vissuto nella banalità quotidiana 
anche se alcune sfumature agli occhi degli altri potevano essere ripetitivi... 
magari, lo erano solo perché non coglievano  
quello che i decenni d'insieme avevano creato. 
Se ti mancasse anche solo una virgola dei miei pensieri, 
del mio pensare, dei battiti del mio cuore, 
di certo non me ne starei qui seduto a scrivere di te... e tu,  
lì a sorridere... mentre leggi e abbracci ogni frammento dell'universo... 
ogni singola parte del tutto! 
OaR

 
 
 

SENSO DI VUOTO

Post n°282 pubblicato il 18 Gennaio 2012 da orazrome

Perchè t'intrometti,
stupido senso di vuoto,
sempre diversa la tua presenza
non dà tempo all'abitudine,
intralci, filtri ogni
mio sfogo mentale,
ogni serena azione vitale.

Ne quà, ne là,
quasi in atrofia,
sigillato, in questo
fermo navigare,
massacrato dal ticchettio amico
del mio orologio mentale,
secondi,minuti,ore...volano senza ali.

agratius (Orazio Romeo)

 
 
 

Farfallina

Post n°280 pubblicato il 17 Gennaio 2010 da orazrome

Mai sprofondare totalmente nella lettura...

guardatevi sempre dai monelli come me!!!

 

 

 
 
 

Cenere

Post n°279 pubblicato il 05 Gennaio 2010 da orazrome
 

 
 
 

Buona vita

Post n°278 pubblicato il 01 Gennaio 2010 da orazrome
 

 
 
 

Natale

Post n°277 pubblicato il 23 Dicembre 2009 da orazrome
 

Auguri a te...

 
 
 

Paura

Post n°276 pubblicato il 13 Ottobre 2009 da orazrome
 

 E' così,
uccise le parole...
abbiamo detto basta in silenzio,
solo silenzio...
Silenzio... che parla di noi;
abbracciati al ricordo
di baci scambiati
nel tempo che fù.
Ecco cosa resta di noi tra le pagine:
silenzi... oltre la finestra
che riflette l'immagine
dei nostri sentimenti
uniti da qualcosa di magico
e divisi da orgoglio e paura.


agratius

 
 
 

In quest'angolo di terra

Post n°275 pubblicato il 06 Ottobre 2009 da orazrome

"Ad un angelo d'uomo
che ha strappato alla morte otto vite
in cambio di una... la sua!"


In quest'angolo di terra
lacrime scrostano il fango dagli occhi.
Aggrappati alle mani nobili; vite quasi spente.
Nella disperazione; la speranza...
di sentire ancora il pulsare di un  cuore.

In quest'angolo di terra
una ferita che mai risanerà,
e non potranno mai ori e castelli cancellare
il lutto dei figli dei padri delle madri e dei fratelli!

In quest'angolo di terra
quasi tutto era previsto!!!

Nel tuo angolo di terra
Puoi tu la sera, prima di andare a letto
accarezzare tuo figlio...
con le mani sporche di fango e di sangue?


Alla mia  ( Messina )

Non ti sciglìa iò,
a natura mi ittau n’te to brazza!
supra di tia comi na serpi cuminciai a strisciari,
a caminari, curriri e a sdirrupari.

Non ti sciglìa iò,
puru si vulìa, non avìa l’occhi pi fallu,
u libbecciu ,u’sciroccu, u livanti o u’gricali
ci misiru u zampinu,  ccà mi ficiru attirrari.

Non ti sciglìa iò,
non putia fari megghiu, non putìa fari tantu,
forsi un jornu i me occhi vidunu … i to biddizzi ,
 a manu i cù ti sfigurau …
( alla  facci i cu si fici mettiri i paraocchi a festa!)

Non ti sciglìa iò,
un ciuri non scegli a terra unn’avi a nasciri,
n’acidduzzu potta u semi e tuttu succedi
terra, acqua, suli, semi...vita...vita…vita!

Non ti sciglìa iò,
guvernu assenti e mischini guvernanti,
n’to libbru da virgogna ci siti tutti,
ci siti tutti quanti!

Non  ti sciglìa iò,
n’ta ll’aria puru aceddi… sentu cianciri!
occhi cechi dispirati, giriunu n’ta strada,
ceccunu na bucca pulita… pi parrari!

Non ti sciglìa iò
Com’a natura mi ittau n’te to brazza
C’a testa iauta e raggia…m’alluntanu
lassannu paraocchi e cori… n’te to mani!

agratius

 
 
 

A TE

Post n°272 pubblicato il 24 Settembre 2009 da orazrome

Chiudi gli occhi della mente...

se vuoi guardare e vedere

con gli occhi del cuore!!!

 
 
 

Amore

Post n°271 pubblicato il 22 Settembre 2009 da orazrome

Amore

La mia felice bocca nuovamente incontrare vuole
 
le tue labbra che baciando mi benedicono,

le tue dita care voglio tenere

e giocando congiungerle con le mie dita,

saziare il mio assetato sguardo col tuo,

avvolgere il mio capo nei tuoi folti capelli,

con le mie membra giovanie sempre sveglio voglio

rispondere a ogni movimento delle tue membra

e da sempre nuovi fuochi d'amore
 
rinnovare mille volte la tua bellezza,

finchè entrambi appagati e grati

ci troviamo felicemente sopra ogni dolore,

finchè senza desideri salutiamo il giorno e la notte,

l'oggi e l'ieri come fratelli amati

finchè camminiamo sopra ogni fare e ogni agire

come raggianti in una pace completa.

H.H

 
 
 

Era settembre

Post n°270 pubblicato il 31 Agosto 2009 da orazrome
 

 
 
 

A Battisti

Post n°269 pubblicato il 24 Agosto 2009 da orazrome
 

OMAGGIO AL GRANDE

"BATTISTI"

SEGUENDO "LUCIO" DAI TITOLI DELLE SUE CANZONI...POESIA!

 
 
 

Buon ferragosto

Post n°268 pubblicato il 14 Agosto 2009 da orazrome
 
Tag: Altro

 
 
 

... ricordi di ieri

Post n°267 pubblicato il 11 Agosto 2009 da orazrome

 

 
 
 

Stella cometa

Post n°266 pubblicato il 05 Agosto 2009 da orazrome
 

 
 
 

Passeggiando con la mente

Post n°265 pubblicato il 04 Agosto 2009 da orazrome
 

 
 
 

Rosa

Post n°264 pubblicato il 03 Agosto 2009 da orazrome
 

 
 
 
Successivi »
 

LA VOSTRA RETE

CI O,

gente di  bloggerlandia!

Come potete vedere...

sono caduto nella rete!

Siete contenti?

(visto che ci sono dentro, spero di si!)

Che bravi pescatori che siete!

Sò di non essere un pesce grosso,

ma non mi ritengo nemmeno una sardina.

 ( con tutto il rispetto per le sardine! )

Spero di non ritrovarmi in un bancofrigo

 a congelermi la mente!

Soffro tanto il freddo umano,

quel freddo glaciale che:

non bastano tutti i soli dell'universo

per scioglierlo!

se volete, me ne stò muto,

muto come un pesce!

oppure tempo permettendo,

possiamo commentare i miei pensieri,

riderci sù se volete, l'importante:

essere sinceri!

Io, sono vergine!...come segno zodiacale,

come quasi tutte le vergini

ho un pò paura del primo rapporto,

poi magari ci provero gusto e ci faremo

 tante...di quelle...chiacchierate insieme!

Sicuro! di trascorrere momenti estasianti con voi,

vi auguro una buona nottata!

p.s Non mangiatemi...sono avvelenato!

Agratius

 

BEDDA

Bedda chi di li beddi
si la cchiù bedda,
u culuri i l’occhi toi,
fa divintari russu puru u celu!
E u tò mussuzzu!
-na girasedda matura a puntu giustu-
Mi fa squagghìari u cori si pensu:
chi m’ma vurrìa manciàri.

Chi delicatu modu di parràri!
Chi cosa bedda è u to caminari,
mancu sognannu si po’ arrivari a tantu!
Puru lu sognu s’inchina e to biddizzi…
e si metti i cantu!
(Agratius - gennaio 2005)

 

L'AMORE CHE...

Una delle mie poesie, l'ho scritta per te!

Di mio: carta, penna e... cuore.

Di tuo:

L'amore...che senti!  L'amore...che cerchi!

L'amore...che sogni! L'amore...che vivi!

L'amore...che hai! L'amore...che dai!

L'amore...che vedi! L'amore...che ami!

L'amore...che...sei!

Grazie per avermi permesso... di viverti!

agratius                                                                                       

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

ARMONIA

 

...e allora il pensiero pensò di pensare!

Pensando pensò «MUSICA!»

e musica fu’!

Nacque così il pensiero musicale,

La maestosa “OPERA UNIVERSALE”

che diede vita al:

“PENTAGRAMMA COSMICO”.

AGRATIUS

 

PERCEZIONE

"Ogni individuo,

dovrebbe avere la capacità di:

Vedere ciò che sente e

sentire ciò che vede!"

agratius


 

agratius

Min: :Sec

 
Citazioni nei Blog Amici: 28
 
 

A VOLTE CAPITA CHE...

Sprechiamo l'intera vita,

a sfogliare il vocabolario della nostra mente,

per trovare le parole più belle,

per esprimere, ciò...

...che...

non si potrà mai dire

con le parole!

agratius

 

GUARDAMI NEGLI OCCHI

Cat angel

NON FARE...COME LORO!

 

LE MIE POESIE...SE VUOI SONO TUE!

Chiunque vuole può inserire le mie poesie

nel proprio blog, in cambio desidero essere

informato e chiedo che sia inserito il mio nome

 e l'indirizzo del mio blog. Grazie

agratius

 

 

 

 

 

 

CRESCERE...

BISOGNA SALIRE,

 PER RENDERSI CONTO CHE:

PER SALIRE...

BISOGNA SCENDERE!

AGRATIUS

 

IO COME ICARO

  • Io, come Icaro ho tentato il volo,
  • Io, come Icaro un uccello in cielo,
  • mi ritrovo solo, nel mio vuoto solo.
  • Io, come Icaro volai...sempre più su!
  • Sempre più vicino al sole...sempre più su!
  • Con quell’ amore impossibile.!
  • Ho vissuto il mio tempo in quel gioco accecante,
  • con me lei ha diviso il suo cuore a metà.
  • Mi ritrovo solo...nel mio vuoto solo.
  • Io come Icaro lasciai, le piume al vento,
  • io come Icaro volai, sempre più vicino al sole.
  • Sempre più su! Sempre più su.
  • In quel mare infinito s’e fermato il mio volo,
  • un amore bruciato che ha lasciato un gran vuoto.
  • E mi ritrovo solo...frastornato e solo.
  • Io come Icaro volai, sempre più vicino al sole
  • Io come Icaro volai...la mia prigione è lontana.
  • Con quell' amore impossibile...
  • Ho vissuto il mio tempo... sospeso nel blu!
  • Io come Icaro volai...lontano da lei...
  • Lontano da lei!
  • Agratius
  •  

    FACEBOOK

     
     
     

    ULTIME VISITE AL BLOG

    alf.cosmosorazromecassetta2servus71Jndiahfiorenza.z2004Le_Tre_Rose_Di_Maryevak68netozz43laurab610fortunatissimo73leo_55alessiategolettodemonero_1ale74forever