Creato da: daniela.g0 il 17/11/2013
Tutela dell'ambiente e della salute

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultime visite al Blog

daniela.g0thejumpingacquasalata111power.miindlcacremacassetta2acer.250figaro7b.l.sgianni1964magomerlino3dglsqualo520franko600Passionpuro
 

I miei Blog Amici

 

Messaggi del 23/07/2022

 

I ricercatori sospettano nuove varianti di malattie degenerative del cervello in rapida progressione dai vaccini COVID-19

Post n°99 pubblicato il 23 Luglio 2022 da daniela.g0
 

 

Già prima della diffusione dei vaccini COVID-19 vi erano stati scienziati, come la dott.ssa Loretta Bolgan, che avevano ipotizzato come questi vaccini sperimentali potessero favorire l'insorgenza di malattie neurodegenerative, come l'Alzheimer, il Parkinson e la SLA. Ne avevamo già parlato in tempi non sospetti.  

Altri scienziati nel tempo hanno avallato queste ipotesi con i loro studi. 

L'8 febbraio 2021 è stato pubblicato poi sulla rivista Journal of Medical - Clinical Research & Reviews, Issn: 2639-9458, lo studio dal titolo "Vaccini a base di RNA COVID-19 e rischio di malattie da prioni". 

Tale studio è stato oggetto di una interrogazione parlamentare presentata dall'on. Sara Cunial il 29 luglio 2021. 

Tuttavia, non si era ancora parlato molto diffusamente di casi di malattie neurodegenerative riguardanti persone reali, che inducono a pensare ad una stretta correlazione di casualità con la vaccinazione COVID-19. 

Ma adesso stanno diventando sempre più numerose le testimonianze che denunciano l'insorgenza di malattie neurodegenerative dopo solo poche settimane dalla vaccinazione COVID-19. 

Non solo. Tali casi di malattie neurodegenerative presentano spesso un'evoluzione assai rapida, malattie che normalmente invece richiedono molti anni prima dell'avvertimento dei sintomi da parte della persona colpita. 

La dott.ssa statunitense Stephanie Seneff insieme ai suoi colleghi, in uno studio rigorosamente peer-reviewed, hanno ipotizzato che il vaccino COVID-19 possa causare il ripiegamento errato dei prioni, caratteristica alla base di molte patologie umane, causando danni al cervello nelle forme di CJD, Parkinson, Alzheimer, SLA ecc.  

Sfortunatamente però, diventa molto difficile la diffusione di studi che trattano tale argomento, in quanto vengono rifiutati non appena viene nominata anche solo la parola prione.  

Una decina di giorni fa il quotidiano internazionale The Epoch Times ha dedicato un lungo ma interessantissimo articolo sull'argomento, a partire da una storia vera, che qui di seguito vi propongo nella mia traduzione. 

Si tratta di un uomo di soli 53 anni a cui ormai non resta molto da vivere, ma che desidera insieme alla madre far conoscere la sua storia a quante più persone, nella speranza che possa rivelarsi utile per i possibili pericoli dei vaccini COVID-19.

 

Douglas Howey prima e dopo la sclerosi laterale amiotrofica, Douglas ha perso più di 100 libbre tra le due foto (per gentile concessione di Linda Howey/The Epoch Times)  

 

Le cose non sono più le stesse dal mese di giugno 2021 per il 53enne Douglas Howey del Colorado.  

Circa un anno dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino Moderna COVID-19, l'uomo paraplegico, alto più di un metro e novanta e che una volta pesava 262 libbre, ha perso oltre 100 libbre dopo l'insorgenza improvvisa della sclerosi laterale amiotrofica (SLA), una malattia incurabile e mortale che uccide gradualmente i motoneuroni di una persona. 

Sebbene non abbia mai detto ai suoi medici di aver iniziato a sviluppare sintomi un mese dopo il vaccino Moderna COVID-19, la sua famiglia pensa che la sua improvvisa malattia un mese dopo e la drammatica perdita di peso in poche settimane sembravano essere più di una coincidenza. 

Questo sospetto è stato ulteriormente confermato dopo che Linda Howey, la madre di Douglas, ha ascoltato un podcast di Del Bigtree in cui la dott.ssa Stephanie Seneff, ricercatrice senior del Massachusetts Institute of Technology (MIT) presso il Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory, ha parlato della sua ricerca su possibili collegamenti tra malattie neurodegenerative e vaccini mRNA COVID-19. 

Una volta che ai pazienti viene diagnosticata la SLA, normalmente viene data loro un'aspettativa di vita da due a cinque anni. La malattia viene diagnosticata principalmente negli uomini e spesso tra i 55 ei 75 anni. 

Douglas è più giovane ma la sua malattia è progredita molto più velocemente della maggior parte di altri. E' già entrato nella fase avanzata della malattia e ha difficoltà respiratorie, sebbene sia malato da solo un anno. 

Linda ha ricordato che la febbre di Douglas è iniziata a giugno, circa un mese dopo aver ricevuto la sua seconda dose di vaccino Moderna COVID-19, il 21 maggio 2021. Ha avuto febbre alta ed è stato costretto a letto per un mese. 

Il padre di Douglas è morto nel 2011 dopo una battaglia durata 25 anni contro una malattia degenerativa del cervello chiamata demenza frontotemporale (FTD) che ha una componente genetica. 

Nell'ultima settimana circa di vita, il padre di Douglas iniziò a manifestare i sintomi della SLA. Sebbene Douglas abbia anche il gene FTD, non si aspettava alcuna progressione significativa per i prossimi 20 anni. 

Tuttavia, dopo che Douglas si è ripreso dalla febbre di un mese, ha iniziato a notare un costante affaticamento e debolezza nella sua forza di presa. 

Entro sei settimane dalla malattia, ha perso 40 libbre e il suo peso ha continuato a diminuire solo quando il suo appetito è peggiorato. 

Cinque mesi dopo, Douglas era troppo debole per maneggiare correttamente l'argenteria e aveva bisogno di nutrirsi con entrambe le mani. 

Douglas è paraplegico da quando è stato investito da un camion nel 2012. A seguito di quell'incidente, ha sviluppato forti braccia che usava per sollevarsi dal letto e per spingersi su una sedia a rotelle manuale. 

La sua malattia di SLA si è rapidamente diffusa ai motoneuroni delle sue braccia così che entro gennaio 2022, appena sette mesi dopo essersi ammalato, Douglas ha avuto bisogno di un sollevatore da letto e di una sedia a rotelle automatica che ora ha molte difficoltà a usare. 

Sono finiti i giorni che Douglas dedicava a giardinaggio, viaggi, lavoro a tempo pieno e attività di sostegno delle persone con disabilità. I caregiver [coloro che danno assistenza ad una persona non autosufficiente, n.d.r.] che prima aiutavano in casa solo per poche ore ora sono lì 24 ore su 24 tutti i giorni a prendersi cura di lui. 

Douglas ha anche sviluppato gradualmente la tosse e ha difficoltà a parlare. 

Un test nel febbraio 2022 ha mostrato che aveva perso gran parte della sua capacità polmonare funzionale e stava usando solo il 40 percento del suo diaframma. L'istruttore di fisica un tempo eloquente e loquace si è ridotto a pronunciare le sue parole per consentire la comunicazione di base. 

La distruzione dei suoi motoneuroni gli ha causato dolore e paralizzato il suo sonno, ma non è stato in grado di verbalizzarlo. I caregiver possono incastrare la punta del piede nel sollevatore del letto o ammaccargli la schiena sui macchinari, ma potrebbe solo inviare un messaggio a sua madre Linda che in seguito potrebbe avvisare i caregiver che soffriva. 

"La sua mancanza di capacità di parlare ha causato molto dolore e sofferenza. Quando mi scrive i dettagli in seguito, comunico al caregiver il dolore che stava sopportando quando non poteva parlare nel momento in cui si stava verificando il dolore o la ferita. A quel punto, il danno è avvenuto", ha detto Linda a The Epoch Times tramite un'e-mail. 

Le cose banali che una volta faceva senza pensarci troppo ora richiedevano molti sforzi per istruire gli operatori sanitari a effettuarle, come asciugarsi gli occhi, sistemarsi gli occhiali e spostare il berretto. 

Con molto sforzo, Douglas ha spiegato a sua madre che aveva persino bisogno di dire agli operatori sanitari di ripulirgli il muco dal naso. 

Linda ha detto di aver cercato i numeri di lotto delle sue iniezioni di Moderna su How Bad is My Batch, un sito Web che ha raccolto dati dal Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS). Ciascuna ricerca mostrerà gli eventi avversi segnalati, i decessi e le disabilità associati ai lotti che sono stati segnalati a VAERS. 

I numeri di lotto di Douglas erano 001c21a e 25c21a, rispettivamente associati a 779 e 523 eventi avversi segnalati, otto e cinque decessi e 10 e otto disabilità. Tuttavia, questi numeri erano lontani dal numero di casi segnalati dai lotti più alti dell'elenco. 

Secondo Pfizer, ogni lotto può contenere da 1 a 3 milioni di dosi di vaccino, anche se non è certo se Moderna sia la stessa.   

I sospetti dei ricercatori   

La dott.ssa Stephanie Seneff e molti altri sono stati sospettosi dell'effettiva sicurezza ed efficacia dei vaccini COVID-19 dal momento in cui hanno iniziato a essere somministrati alla popolazione. 

La ricerca su questa nuova tecnologia l'ha resa molto preoccupata che il vaccino potesse causare malattie da prioni incurabili e malattie simili ai prioni all'interno della popolazione in 5-10 anni, o anche più in là. 

"Pensare di ottenere [quasi] il 100% di percentuale di successo con [pochi] mesi di test, mi sembra completamente sconsiderato", ha detto durante la telefonata con The Epoch Times.

 

La dott.ssa Stephanie Seneff, ricercatrice senior presso il Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory del Massachusetts Institute of Technology. (Per gentile concessione di Stephanie Seneff)  

 

Nel 2021, mesi dopo il lancio dei vaccini mRNA Pfizer e Moderna COVID-19, la Seneff ha pubblicato un documento sottoposto a revisione paritaria con il dottor Greg Nigh (pdf). 

Nello studio, lei e Nigh hanno dichiarato che un vaccino che ha prodotto la proteina spike del virus SARS-CoV-2 potrebbe essere un problema per la salute poiché la proteina spike ha una regione prionica in grado di interagire con le proteine delle cellule umane. 

I prioni sono proteine comuni che esistono naturalmente nel cervello umano. Tuttavia, nel caso di malattie da prioni, il prione entrerà in contatto con un prione mal ripiegato (patogeno) e, proprio come una serie di domino, il singolo contatto farà diventare patogeni tutti gli altri prioni normali, uccidendo lentamente l'individuo. 

Per quanto orribile possa sembrare, generalmente è un'uccisione lenta, che spesso impiega decenni dopo la prima esposizione per la comparsa dei sintomi. 

Esempi di malattie da prioni includono la malattia di Creutzfeldt Jakob (MCJ), una malattia incurabile e fatale. 

Studi recenti mostrano anche che malattie neurodegenerative come l'Alzheimer, il Parkinson e la SLA hanno caratteristiche simili ai prioni con un ripiegamento errato delle proteine e aggregazione nel cervello che uccide i neuroni. Alcuni studi suggeriscono anche che queste malattie potrebbero anche essere malattie da prioni, sebbene ciò non sia stato dimostrato. 

La dott.ssa Seneff e i suoi colleghi hanno espresso preoccupazione per il fatto che un vaccino mRNA o DNA (adenovirus AstraZeneca) possa fungere da fattore scatenante per causare malattie da prioni o simili e che potremmo assistere a un picco di tali malattie nei prossimi anni. 

Nel loro studio rigorosamente peer-reviewed (pdf), la dott.ssa Seneff e i suoi colleghi hanno ipotizzato che il vaccino possa causare il ripiegamento errato dei prioni, causando danni al cervello nelle forme di CJD, Parkinson, Alzheimer, SLA e così via. 

I vaccini mRNA e DNA contengono istruzioni per trasformare la proteina spike nelle cellule. Una volta che le cellule ricevono queste istruzioni, iniziano a produrre proteine spike. Le cellule attaccano quindi queste proteine spike sulla loro superficie cellulare e quando le cellule immunitarie riconoscono le proteine come estranee, viene attivata una risposta immunitaria. 

Tuttavia, possono verificarsi errori durante il processo di traduzione dell'RNA o del DNA in proteine. 

La dott.ssa Seneff ha ipotizzato che potrebbero verificarsi errori anche per la proteina spike, causando un ripiegamento errato. Se il ripiegamento errato si verifica anche nella regione dei prioni, potrebbe essere in grado di interagire con i prioni umani e innescare malattie da prioni come la CJD o una malattia simile a un prione. 

Tuttavia, rispetto all'attuale CJD, al Parkinson e alle altre malattie neurodegenerative, Seneff ha affermato che la malattia, se causata dal vaccino, molto probabilmente progredirebbe più velocemente. 

Dal momento che il vaccino dirotta i processi cellulari per produrre più proteine estranee rispetto a un'infezione naturale, ci sarebbero maggiori opportunità di ripiegamento errato.
"Abbiamo suggerito che potresti non vedere nulla per un anno o anche cinque anni o un decennio... ci vorrebbe molto tempo prima che i sintomi comparissero", ha detto la dott.ssa Seneff. 

"Stavamo prevedendo che avremmo assistito a un aumento del tasso di Parkinson [e di altre malattie], e ciò sarebbe accaduto nelle persone più giovani nei prossimi anni. 

Subito dopo che la dott.ssa Seneff è apparsa su Fox News evidenziando le sue preoccupazioni, la sua casella di posta è stata immediatamente inondata di e-mail di individui che credono che loro stessi o i loro cari siano stati colpiti da malattie da prioni o malattie simili ai prioni a causa del vaccino. 

Alcuni hanno visto un peggioramento dei sintomi neurodegenerativi già presenti; alcuni hanno sviluppato una malattia neurodegenerativa poche settimane o mesi dopo la vaccinazione.   

Una nuova variante di prioni e malattie simili ai prioni?   

L'improvviso afflusso di persone che l'hanno contattata ha suggerito alla dott.ssa Seneff che il vaccino potrebbe aver accelerato il processo anche più velocemente di quanto si aspettasse. 

"Probabilmente è una nuova variante [della malattia degenerativa del cervello], perché è sufficientemente diversa da qualsiasi cosa abbiamo visto prima", ha detto. 

Malattie neurodegenerative come CJD, Parkinson, Alzheimer e SLA impiegano tutti molti anni prima che i sintomi si manifestino. 

La comprensione della Seneff dei prioni e delle malattie simili ai prioni è che gli individui devono prima essere esposti a una proteina che inneschi il ripiegamento errato dei prioni del corpo, che poi si accumulano per anni prima di mostrare qualsiasi sintomo. 

"C'è un certo punto in cui inizia solo a mostrare i sintomi, ma ci vuole un intero processo prima", ha detto. 

"Puoi avere prove di amiloide-beta (una proteina coinvolta nel morbo di Parkinson e di Alzheimer) nella milza... e anche nel cervello prima di avere qualsiasi sintomo... è una malattia lenta, ma... è una malattia progressiva". 

Altri studi di ricerca suggeriscono anche un possibile legame tra prioni e malattie simili ai prioni e il vaccino COVID-19. 

L'amico della dott.ssa Seneff e premio Nobel, il compianto prof. Luc Montagnier, è stato coautore di uno studio preliminare su 26 pazienti che hanno sviluppato CJD e sono morti dopo aver ricevuto il vaccino. 

La maggior parte dei casi si è verificata entro 11,38 giorni dalla vaccinazione, con decessi che si sono verificati intorno ai 4,76 mesi. 

Gli autori erano abbastanza fiduciosi che i casi fossero correlati al vaccino. L'autore corrispondente dello studio, il dottor Jean-Claude Perez, ha affermato che il suo amico Montagnier temeva, durante il rilascio iniziale del vaccino, che "la nuova forma di CJD colpisse milioni di adolescenti o bambini vaccinati con COVID-19". 

"Tutto ciò conferma la natura radicalmente diversa di questa nuova forma di CJD, mentre la forma classica richiede diversi decenni", hanno scritto i ricercatori

Sono emersi anche altri studi sul peggioramento del morbo di Parkinson o di malattie simili con alcuni ricercatori che hanno riflettuto sui legami tra i due eventi. 

Il "processo nascosto sta avvenendo più velocemente con le persone che stanno ricevendo il vaccino in modo tale da manifestare il morbo di Parkinson [e altre malattie correlate] prima di quanto lo avrebbero manifestato senza il vaccino", ha detto la Seneff.  


Perché così tossico?   

La dott.ssa Seneff ha detto a The Epoch Times che la tecnologia mRNA nella maggior parte dei vaccini COVID-19 potrebbe essere il motivo per cui stiamo assistendo a maggiori casi di effetti avversi segnalati rispetto a tutti i vaccini precedenti. 

Ha detto che era preoccupata nel momento in cui ha sentito il termine "velocità di curvatura" - l'operazione tra il Dipartimento della Salute e i produttori di vaccini per accelerare il processo di produzione del vaccino - e ha iniziato a studiare la tecnologia dell'mRNA. 

Il suo verdetto immediato è stato "Non l'avrei capito; non avrei mai permesso a nessuno di iniettarmelo nel braccio", ha detto. 

Gli studi hanno dimostrato che la proteina spike sul virus COVID-19 è tossica, quindi è molto probabile che i vaccini mRNA e DNA (AstraZeneca) che costringono le cellule di una persona a produrre proteine più tossiche causino danni, sebbene molte piattaforme multimediali abbiano affermato che le proteine spike prodotte dai vaccini siano innocue.

Lo studio della dott.ssa Seneff si è concentrato principalmente sui vaccini mRNA.
"Il coronavirus è molto bravo ad adattarsi, motivo per cui non sono mai stati in grado di sviluppare un vaccino in passato", ha detto la Seneff, quindi, non riesce a capire come la tecnologia diventi improvvisamente così abile e sia in grado di fare qualcosa che prima non si poteva fare. 

Anche Bill Gates, una delle principali figure pubbliche dietro il movimento per vaccinare il mondo per COVID-19, ha finanziato un rapporto attraverso la Bill and Melinda Gates Foundation affermando che vaccini senza precedenti come i vaccini mRNA avrebbero impiegato dai 10 ai 12 anni per essere completamente testati prima del rilascio. 

Inoltre, di tutti questi vaccini senza precedenti, solo il 2% sarebbe in grado di superare gli studi clinici.

 

Bill Gates parla sul palco del TIME100 Summit 2022 al Jazz at Lincoln Center di New York City, il 7 giugno 2022. (Jemal Countess/Getty Images per TIME)  

 

Il secondo studio della dott.ssa Seneff ha evidenziato che, sebbene i vaccini esistenti conferiscano immunità imitando il naturale processo di infezione, i vaccini COVID-19 mRNA non imitano affatto l'infezione naturale. 

"L'RNA messaggero (mRNA) [nel vaccino] è estremamente... non naturale", ha detto.
Rispetto all'mRNA naturale che si degrada rapidamente nella cellula, è stato dimostrato che l'mRNA dei vaccini COVID-19 impiega più di due mesi per degradarsi, anche se i produttori hanno promesso che la degradazione si sarebbe verificata in pochi giorni. 

"Erano così preoccupati che l'mRNA non durasse abbastanza a lungo da esagerare, credo", ha detto la dott.ssa Seneff. 

L'mRNA inalterato iniettato nel corpo innesca risposte immunitarie immediate, in particolare il rilascio di interferone, che degraderà l'mRNA prima che possa raggiungere le cellule bersaglio per avviare la produzione di proteine spike. Pertanto, al fine di eludere queste difese immunitarie fondamentali, Moderna e Pfizer hanno alterato la molecola di uridina dell'mRNA (un componente di base dell'mRNA) in 1-metilpseudouridina per "ridurre drasticamente l'attivazione immunitaria innata contro l'mRNA esogeno (di provenienza esterna)." 

L'infezione naturale con il virus SARS-CoV-2 innesca risposte immunitarie innate come la produzione di interferone. L'alterazione della struttura dell'mRNA del vaccino consente all'mRNA sintetico di persistere nel corpo poiché bypassa queste risposte immunitarie fondamentali. Si può sostenere che la versione vaccinale della proteina spike non è la stessa di quella nativa. 

Inoltre, per rendere l'mRNA più stabile, Moderna e Pfizer hanno cambiato le basi chimiche che compongono il filamento di RNA. Il filamento di RNA originale nel virus è costituito per il 36% da guanina (G) e citosina (C). 

Gli mRNA a basso contenuto di basi G e C sono meno stabili e degradabili; i vaccini mRNA di Pfizer e Moderna hanno avuto questa percentuale aumentata rispettivamente al 53% e al 61%. 

Precedenti esperimenti hanno mostrato che i geni con un contenuto di G e C più elevato avevano maggiori probabilità di essere letti e le loro informazioni trasformate in proteine. Avere un contenuto G elevato aumenta anche la velocità di lettura del gene, ma una lettura più veloce significa anche una maggiore probabilità di errori e una maggiore probabilità di ripiegamento errato. 

Ciò significa potenzialmente che non solo questa istruzione rimarrà nella cellula più a lungo affinché le sue informazioni vengano trasformate in proteine, ma le cellule esprimeranno anche preferenzialmente le informazioni dall'mRNA del vaccino. 

"L'evidenza crescente [è] che i vaccini fanno poco per controllare la diffusione della malattia e che la loro efficacia diminuisce nel tempo", si legge nello studio della Seneff. "E' indiscutibile che le vaccinazioni con mRNA della proteina spike modificata SARS-CoV-2 hanno un impatto biologico".   

Documenti rifiutati "non appena viene menzionata la parola prione"    

Va notato che molti degli studi della dott.ssa Seneff sono sue stesse speculazioni che non sono state dimostrate sebbene siano state rigorosamente sottoposte a revisione paritaria.

È stato difficile per lei sviluppare un caso solido, poiché pochissimi studi esaminano le implicazioni negative dei vaccini COVID-19. Per la Seneff e i suoi colleghi, che scrivono articoli che raccontano una storia alternativa, è stato difficile trovare un diario per pubblicare il loro lavoro. 

Il dott. Jean-Claude Perez, coautore dello studio del prof. Luc Montagnier su 26 casi di CJD, ha detto a The Epoch Times via e-mail che era molto difficile pubblicare il suo precedente studio con il prof. Montagnier e il dott. Valère Lounnas su rinomate riviste di neurologia. 

Quello studio ha scoperto che Omicron è l'unica variante di COVID-19 che non contiene una regione prionica [per ulteriori approfondimenti sui prioni si può consultare l'articolo di Francesco Centorrino del maggio 2020, sul sito microbiologiaitalia.it, n.d.r.] e, nonostante abbia ricevuto il consenso da tutti i partecipanti allo studio, riviste rispettabili hanno citato i vincoli etici come un importante ostacolo alla pubblicazione. 

Gli autori hanno preso in considerazione la possibilità di pubblicare la loro ricerca su riviste più piccole, ma poi meno persone l'avrebbero letta. 

Gli autori hanno quindi scelto di pubblicare il loro lavoro come preprint [secondo il Vocabolario Treccani: "estratto anticipato di un articolo di una rivista (...)", n.d.r.] che ha meno vincoli e, sebbene i risultati pubblicati in questo modo siano generalmente meno affidabili, è possibile raggiungere una gamma più ampia di persone. 

"Ma anche alcuni tipi di preprints che non menzioneremo rifiutano tali articoli non appena viene pronunciata la parola prione, come è avvenuto per il nostro articolo", ha scritto il dott. Perez. 

La dott.ssa Seneff ha anche sperimentato il rifiuto del suo lavoro sulle proteine spike; sia lei che il prof. Montagnier hanno avuto la loro esperienza in materia, messa in discussione dai media e da altri membri della comunità scientifica.
Linda ha detto che Douglas e lei hanno deciso di rendere pubblica la sua storia perché vogliono aumentare la consapevolezza sui possibili pericoli dei vaccini COVID-19. 

"Douglas, praticamente sa che morirà per questo... ed è una cosa terribile successa a un uomo di 53 anni", ha detto. 

"Se qualcuno potesse ascoltare questa storia, perché... i normali mezzi di informazione non ne parlano affatto". 

La dott.ssa Seneff incoraggia le altre persone colpite a segnalare l'evento avverso a VAERS e indagare e confermare se potrebbe essere collegato ai vaccini COVID-19. 

Alla domanda su una cura, la Seneff afferma di non essere a conoscenza di alcuna cura, ma alcuni dei suoi amici hanno utilizzato farmaci a base di erbe per trattare i lunghi sintomi di COVID-19 osservati nei pazienti feriti da vaccino per vedere se tali trattamenti potrebbero essere efficaci.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso