Asd Primaro

MES QUE UN CLUB - A sen più ad na squadra -

 

 

BUONE FESTE

Post n°274 pubblicato il 19 Dicembre 2015 da asdprimaro

BUONE FESTE

 
 
 

Finalmente!

Post n°273 pubblicato il 02 Novembre 2015 da asdprimaro
Foto di asdprimaro

Abbiamo dovuto attendere ben 7 giornate di campionato, ma alla fine è arrivata la prima vittoria per la Primaro che batte a domicilio il Masi Torello per 2-1 e rilancia, si spera, la sua ambizione. La cura Ferraguti sembra funzionare, i bancoverdi appaiono da subito più tonici e determinati a trovare una vittoria che manca da tanto, troppo tempo. Dopo un paio di belle azioni arriva il vantaggio al 20': punizione dalla destra, Mazzolino mette in mezzo una palla velenosa, il portiere la respinge corta sui piedi di Zappa che deposita comodamente in rete per l'1-0. L'11 di Gaibanella rischia poco o niente, anzi, va anche al gol sempre con Zappa, ma la marcatura viene giustamente annullata per un fallo di mano dell'attaccante biancoverde. Si va quindi al riposo senza ulteriori emozioni sul risutato di 1-0. Ad inizio ripresa gli ospiti si spingono in avanti alla ricerca del pareggio e dopo un incrocio dei pali colpito, riescono ad arrivare al pareggio su rigore, causato da Salicini su una distrazione collettiva della difesa. La Primaro però non ci stà, ritorna ad attaccare, con gli ospiti rimasti in 10 ed al 87' trovano finalmente il gol-vittoria: bellissima azione di Guio sulla sinistra che salta un paio di uomini, scarica per Marco il quale di prima mette in moto Zappa, che dal fondo mette in mezzo per l'accorrente Bersa, il quale da pochi passi deve solo spingerla in rete. Nel finale gli ospiti non ghanno più la forza per reagire e i biancoverdi possono così festeggiare, la prima e questa volta meritata vittoria.

 
 
 

Un pareggio eroico

Post n°272 pubblicato il 02 Novembre 2015 da asdprimaro
Foto di asdprimaro

Settimana che inizia con l'insediamento sulla panchina della Primaro di mister Ferraguti, il quale dopo molti anni alla guida della Real Estense, accetta l'incarico non semplice di risollevare le sorti della compagine biancoverde, in piena crisi d'identità. Si gioca di sabato sera contro lo Junior Finale, formazione neopromossa dalla terza categoria, ma dotata di un buon organico. Nelle prime battute sono i padroni di casa a fare la partita che con ottimi fraseggi mettono in difficoltà la difesa biancoverde che in qualche modo riesce a cavarsela. Man mano che passano i minuti la Primaro mette fuori la testa dal guscio ed al 30' arriva la rete del vantaggio: punizione dal limite dell'area, batte Pierino che con un bolide fa passare la palla sotto la barriera e insacca alle spalle del portiere che può solo guardare il pallone entrare in rete. I padroni di casa tentano di arrivare al pareggio, ma la difesa regge e si va quindi all'intervallo con la Primaro in vantaggio per 0-1. La ripresa inizia nel peggiore dei modi, con Pizzo che dopo pochi secondi stende l'attaccante lanciato a rete, espulsione erigore che però i padroni di casa sprecano mandando il pallone sopra la traversa. Passano una decina di minuti e la Primaro si ritrova addirittura in 9, con Dado che viene espulso per doppia ammonizione. A questo punto, ovviamente, la partita diventa un monologo dei padroni di casa che riescono a trovare il pareggio al 80' con l'attaccante che in scivolata mette in rete una punizione dalla destra calciata forte e tesa in mezzo all'area. l'11 di Gaibanella nonostante tutto resiste fino al fischiio finale e riesce a portare a casa un punto più che mai meritato, se non altro per il carattere messo in mostra nel momento di difficoltà.

 
 
 

Troppo brutti per essere veri

Post n°271 pubblicato il 02 Novembre 2015 da asdprimaro
Foto di asdprimaro

Quarta sconfitta su cinque partite per la Primaro che perde meritatamente a domicilio contro un Acli San Luca che ottiene il massino con il minimo sforzo. Pronti, via e dopo 5' la Primaro e già in svantaggio con l'attaccante che con un tap-in conclude in rete un cross basso dalla sinistra, dopo l'ennesimo, grossolano errore della difesa biancoverde. Passano pochi minuti e l'11 di Gaibanella avrebbe l'opportunità di pareggiare, ma Zappa calcia debole e centrale sulle gambe del portiere un rigore procurato da Balla. La Primaro insiste, occupa costantemente la metacampo avversaria, ma non riesce a produrre alcunchè. Si va all'intervallo quindi sul risultato di 0-1. La ripresa è la fotografia della stagione dei biancoverdi, troppo sulle gambe per produrre qualcosa di utile e che si espongono ai continui contropiedi avversari, i quali a più riprese vanno vicini alla rete del raddoppio. La partita si conclude quindi mestamente con l'ennesima sconfitta per l'11 di Gaibanella. Sconfitta che porta alle dimissioni di miter Salvadego, il quale accortosi della situazione precaria, prende un'importante decisione per il bewne della squadra e cercando di smuovere un po' gli animi dei giocatori.

 
 
 

Sempre più giù

Post n°270 pubblicato il 02 Novembre 2015 da asdprimaro
Foto di asdprimaro

Primaro ancora una volta sconfitta, questa volta dal Ponelagoscuro, che vince sfruttando le proprie occasioni al meglio e lascia i biancoverdi mestamente sul fondo della classifica. I padroni di casa fanno la partita e con lanci lunghi verso le proprei punte riscono sempre a tenere in apprensione la difesa biancoverde, con l'occasine più nitida alla metà del primo tempo, quando l'attaccante di casa coglie in pieno la traversa . Sul finale del primo tempo è però l'11 di Gaibanella ad andare vicino al gol, con Bersa che tutto solo davanti al portiere, spara malamente a lato. Si va quindi al riposo sul risultato di 0-0. Nella ripresa la musica non cambia, ma i padroni di casa rimangono in 10 per l'espulsione dell'attaccante, che prende la seconda ammonizione per una simulazione. Nemmeno il tempo di organizzare le idee per la Primaro che dopo un paio di minuti i padroni di casa passano in vantaggio su una punizione deviata dalla barriere che si insacca sotto l'incrocio dei pali alla destra di Annunziata. I biancoverdi tentano di organizzare un'offensiva, ma sono stanchi e senza idee, così sul finale di partita subiscono addirittura il secondo gol sul più classico dei contropiedi, con la squadra sbilanciata alla ricerca del pareggio. Finale quindi 2-0 e situazione di classifica che si fa sempre più preoccupante.

 
 
 

Muoviamo la classifica...ma che fatica!

Post n°269 pubblicato il 02 Novembre 2015 da asdprimaro
Foto di asdprimaro

Primo punticino per la Primaro che dopo il pessimo avvio di Campinato, riesce a muovere la sua classifica, impattando a domicilio con il Baura. La partita purtroppo ha evidenziato i soliti problemi legati alla condizione fisica precaria di molti giocatori, la quale si è tradotta in una brutta prestazione corale, nella quale l'11 di Gaibanella ha dovuto faticare e non poco contro una squadra battuta agevolmente qualche settimana prima in Coppa Emilia. Nei primi minuti di gioco le squadre si studiano e non succede alcunchè, ma sono i biancoverdi che dopo 20', quasi inaspettatamente passano in vantaggio: lancio lungo verso larea di rigore senza pretese, il difensore e il portiere ospite si ostacolano nel disimpegno e Zappa è bravo ad approfittarne depositando comodamente il pallone nella porta sguarnita. Purtroppo l'11 di Gaibanella non prova a legittimare il vantaggio, anzi, arretrano pericolosamente lasciando l'iniziativa agli avversari che pareggiano pochi minuti prima dell'intervallo razie ad un errore grossolano della difesa sugli sviluppi di un fallo laterale. Si va qundi al riposo sul risultato di 1-1. Nella ripresa gli ospiti sembrano averne di più ed è solo grazie all'imprecisione degli attaccanti che non riescono a trovare il gol del vantaggio. L'ultima occasione a tempo scaduto è però per la Primaro con Zappa che si vede ribattere il tiro a botta sicura sulla linea di porta da un difensore, a portiere battuto. Finale di gara 1-1

 
 
 

Fermi al palo

Post n°268 pubblicato il 02 Novembre 2015 da asdprimaro
Foto di asdprimaro

Seconda partita e seconda sconfitta per la Primaro che rimane ancora a zero punti sul fondo della classifica. I biancoverdi hanno messo in scena una brutta prestazione e sono stati sconfitti meritatamente da una Qauarantolese molto più vivace e propositiva; e dire che a passare in vantaggio erano stati propio i biancoverdi dopo 5' di gioco: punizione dai 25 metri sulla destra e Mazzolino che disegnava con il sinistrto una parabola perfetta, che si andava ad insaccare all'incrocio dei pali sopra la barriera. I padroni di casa sembrano accusare il colpo e l'11 di Gaibanella ne approfitta per mantenere il possesso palla, ma senza riuscire ad impensierire l'estremo difensore. Sul finale di tempo i gialloblu prendono coraggio e trovano il pareggio con un tiro a giro da posizione defilata, che batte incolpevolmente Bersa, improvvisato portiere di giornata. Si va quindi al riposo sul punteggio di 1-1. La ripresa è purtroppo un monologo dei padroni di casa che trovano subito la rete del vantaggio su calcio d'angolo e addirittura la terza rete dopo pochi minuti su azione di contropiede con la difesa biancoverde troppo sbilanciata. A nulla serve il gol di Zappa su rigore nel finale di partita, che si conclude sul 3-2

 
 
 

PEGGIO DI COSì...

Post n°267 pubblicato il 24 Settembre 2015 da asdprimaro
Foto di asdprimaro

Bruttissima prestazione della Primaro che, alla prima di campionato, gioca una partita orribile e viene battuta meritatamente a domicilio per 0-1 dal Frutteti, squadra composta da molti ragazzi giovani, ai quali va dato il merito di aver messo in campo quell'agonismo necessario a portare a casa la partita. Nel primo tempo dopo una prima fase di studio, la prima occasione è per i biancoverdi, con Zappa che incorna una punizione dalla trequarti, ma il portiere ospite dice di no togliendo la palla dall'incrocio dei pali e mandando in angolo. La partita non è bella,l'11 di mister Salvadego si limita semplicemente a mantenere uno sterile possesso palla, senza mai riuscire a trovare l'accelerazione giusta per mettere in difficoltà gli avversari, mentre gli ospiti tentano di agire di rimessa. Sul finale di tempo però la Primaro rischia grosso con l'attaccante ospite che, dopo un fuorigioco sbagliato malamente dalla difesa biancoverde, riceve un cross dalla sinistra, ma incredibilmente manda la palla sulla traversa da pochi passi ed a porta spalancata. Si va quindi al riposo sul risultato di 0-0. Nella seconda frazione la musica non cambia, l'11 di Gaibanella non riesce a trovare le energie ed il gioco che gli permetterebbero di rendersi pericolosi. Così sono gli ospiti che, dopo un'occasione mancata dall'attaccante a tu per tu con Annunziata, trovano la rete del vantaggio a metà secondo tempo grazie all'attaccante che tutto solo in mezzo all'area di rigore, batte comodamente il portiere di casa, dopo l'ennesimo fuorigioco sbagliato dalla difesa. A complicare le cose ci si mette anche l'arbitro, che dopo pochi minuti lascia la Primaro in 10 uomini, per l'espulsione di Salicini, reo di avere protestato in maniera un po' troppo colorita dopo un a punizione assegnata alla squadra ospite. Paradossalmente il finale di gara è tutto di marca biancoverde, i quali a pochi minuti dalla fine hanno la palla del pareggio, ma Dado da pochi passi calcia addosso al portiere ospite. Il triplice fischio sancisce quindi la meritata vittoria degli ospiti, con una Primaro che sicuramente dovrà cambiare completamente approccio alla partita se vorrà iniziare a raccimolare punti.

 
 
 

Via libera per i playoff

Post n°266 pubblicato il 24 Marzo 2015 da asdprimaro

23° giornata: Primaro - Argelatese 2-1

Una prestazione maiuscola, contro una delle più agguerrite pretendenti per il terzo posto, consegna alla Primaro tre punti d'oro nella corsa ai play-off. Il match contro l'Argelatese si presenta come l'ennesima prova del nove per la compagine di Gaibanella che, senza timori, si conferma vera e propria sorpresa del campionato. Davanti il Galeazza non chiude il discorso campionato perdendo in casa contro la Quarantolese e lo scontro diretto tra Pontelagoscuro e Massese Caselle premia i modenesi. Morale della storia: la Primaro, con la meritata vittoria di domenica, balza al terzo posto in solitaria, forte dei suoi 44 punti fin qui conquistati. Match che comincia in sordina con le due formazioni che si studiano e cercano di non scoprirsi. A testimonianza di quanto la posta in palio sia alta c'è il fatto che per i primi venti minuti non si registrano grandi occasioni, ne da una parte ne dall'altra. Prima della mezz'ora la partita decolla: prima Pablo Falchieri compie un autentico miracolo sull'attaccante bolognese, deviando il pallone in angolo. Poi, al 27', la Primaro trova il vantaggio: angolo respinto dalla difesa argelatese, Battaglia rimette il pallone in mezzo e Caselli, sul secondo palo, di destro da un metro non sbaglia. Il gol del centrale difensivo, in splendida forma, galvanizza la formazione di Salvadego che al 36' trova il gol del 2-0. Punizione dalla destra che si incarica di battere Andrea Mazza, palla in mezzo all'area e incornata vincente di Davide Mazza. Doppio vantaggio che però dura poco, perché al 43', dopo una bella azione corale, Stanzani trova il gol che riapre il match. Il secondo tempo è, se possibile, ancor più combattuto del primo, con una predominanza di contrasti a centrocampo. L'Argelatese alza pian piano il proprio baricentro alla ricerca del pareggio mentre i padroni di casa cercano il colpo del ko in contropiede. Ko che, però, non arriva, complici due errori incredibili di Bersanetti e Cecchinato a tu per tu col portiere. La partita, dopo 4 minuti di recupero, finisce e la Primaro può festeggiare. Ultimo ostacolo nella corsa playoff sarà, domenica prossima, il Pontelagoscuro, con il sogno di un posto nella storia che continua a vivere in quel di Fossanova San Marco.

 
 
 

Lacrime e fango

Post n°265 pubblicato il 07 Marzo 2015 da asdprimaro

Recupero 17° giornata: Primaro - Galeazza 1-3

Non riesce alla Primaro il miracolo di cancellare lo 0 dalla casella delle sconfitte stagionali della capolista Galeazza. Troppo forte la compagine arancio-nera che si presenta a Fossanova San Marco forte di tutti i titolari a disposizione. Partita che, dopo il rinvio per maltempo di domenica 8 febbraio, viene disputata mercoledì 4 marzo sotto un diluvio torrenziale. Fortuna vuole che la pioggia inizi a cadere soltanto un'ora prima del fischio d'inizio, così che il campo regga l'urto con l'acquazzone. La pioggia, a tratti molto intensa, rovina in parte lo spettacolo con la capolista che decide, almeno nel primo tempo, di affidarsi alla tattica del lancio lungo. Scelta che non paga fino in fondo. Gli avversari, dopo un gol annullato al 3' del primo tempo, trovano il vantaggio dieci minuti più tardi in mischia; anche in questo caso la situazione è di sospetto fuorigioco. Primaro che, dopo la sberla iniziale, pian piano si rianima ed inizia, per quanto possibile, a macinare gioco. Le occasioni che crea non sono tantissime ma comunque pericolose: prima Ballada di testa impegna severamente il portiere ospite, che toglie il pallone letteralmente dal sette. Successivamente la compagine di Gaibanella trova il meritato pareggio: angolo battuto in maniera tesa da Andrea Mazza e deviazione vincente di Siciliano che, di testa, insacca da meno di un metro. Prima dell'intervallo è ancora Ballada a provarci da lontano, senza fortuna. Ancora Siciliano, nei primi minuti della ripresa, impegna il portiere ospite ad un altro difficilissimo intervento. Un Galeazza troppo vanitoso nella prima frazione diventa più concreto nella ripresa, quando capisce che per non perdere la partita deve giocare palla a terra, nonostante la pioggia continui a cadere in modo abbondante. Detto fatto, a metà secondo tempo arriva il 2-1 ospite: combinazione al limite dell'area e ala sinistra della formazione in maglia nera che si presenta a tu per tu con Pablo Falchieri. Il numero 1 biancoverde para il primo tentativo ma sulla respinta non può nulla. Al 71' il Galeazza trova anche il gol del 3-1 con una bellissima azione corale. La Primaro, a questo punto, non ha le forze di controbattere e l'unica occasione che crea è un tiro di Sicilano al 90' che, però, finisce abbondantemente alto. Appuntamento a domenica prossima con la partita casalinga contro l'Alberonese; chissà se ci sarà ancora bisogno del super Paganini dell'andata per battere la formazione di mister Rodolfi e continuare a credere nel sogno play-off?

 
 
 

Porta chiusa

Post n°264 pubblicato il 07 Marzo 2015 da asdprimaro

20° giornata: Burana - Primaro 1-2

Un miracolo a meno di cinque minuti dalla fine consente alla Primaro di uscire dall'insidiosa trasferta di Burana con tre punti. Un rigore parato a tempo praticamente scaduto da Bersanetti, portiere per un giorno. Il centrocampista biancoverde, indossato il numero 1 per riparare un'emergenza difensiva, si rivela l'uomo del match parando il penalty che i padroni di casa battono al minuto 86' di un match intensissimo. La giornata primaverile consente alle due compagini in campo di poter giocare tranquillamente a calcio, senza preoccuparsi di dover stare attente a situazioni meteorologiche particolari. Partita che la Primaro sembra inizialmente sottovalutare e Burana che, dal canto suo, inizia con il piglio giusto: la verve dei padroni di casa viene premiata al 17' quando Mari entra in area da destra e di esterno destro batte un incolpevole Bersanetti con un preciso diagonale nel sette. Solo a questo punto la Primaro reagisce ed inizia a rendersi pericolosa dalle parti della porta difesa da Tumiati. Alla mezz'ora punizione per i biancoverdi dai 25 metri: sul pallone va Menarbin che lascia partire un bolide che si stampa sulla traversa. La dea bendata sembra non volerne sapere di aiutare l'undici di Salvadego che poco prima dell'intervallo sprecano un'altra ottima occasione per andare al riposo sul pareggio: Tumiati, infatti, ipnotizza Ballada che fallisce un calcio di rigore, eseguito in maniera non eccellente. Prima della fine della prima frazione c'è spazio per l'ennesimo episodio sfortuna per la compagine di Gaibanella: in uno scontro di gioco, Menarbin cade male e si infortuna alla spalla. Secondo tempo che ricomincia con una Primaro più attenta in difesa e più cattiva in avanti: al 51' Andrea Mazza batte una punizione dal settore di destra. Sul pallone si avventa Schincaglia che, invece, di rinviare appoggia il pallone in porta per il più classico degli autogol. Pareggio che, dunque, arriva in maniera confusa e fortunata per la squadra ospite; a questo punto, complice una formazione votata all'attacco la Primaro continua a rendersi pericolosa ed al 70' trova il secondo rigore. Questa volta dagli undici metri va Davide Mazza che spedisce la palla nell'angolo alto a destra, spiazzando il portiere avversario. La stanchezza, però, inizia a farsi sentire ed il Burana inizia a prendere campo. Dopo una traversa colpita dall'ala di casa, la formazione in maglia rosso blu trova il terzo calcio di rigore del match, per un fallo evitabile di Caselli. Come detto in precedenza, Bersanetti è bravissimo a distendersi sulla propria destra e parare il penalty. Dopo una colossale occasione di Siciliano non sfruttata, il match finisce. Con la vittoria contro il Burana, la Primaro sale a quota 37, record storico per la società di Gaibanella in un campionato di seconda categoria.

 
 
 

Ballada siciliana

Post n°263 pubblicato il 23 Febbraio 2015 da asdprimaro

19° giornata: Primaro - Quarantolese 2-0

Due gol chirurgici, uno per tempo, permettono alla Primaro di annientare la Quarantolese nello scontro diretto per il quarto posto e continuare a coltivare il sogno playoff. Due reti segnate nei momenti più delicati del match dai due attaccanti biancoverdi confermano il cambiamento di marcia messo in atto dall'undici di Salvadego in questo inizio di 2015: la Primaro è in fase positiva, infatti, addirittura da oltre tre mesi con l'ultima sconfitta che risale al 16 novembre contro la Massese Caselle. Pioggia che cade copiosa sin dalle prime luci del mattino e che, almeno inizialmente, spaventa entrambe le squadre con l'arbitro che appare intenzionato a non far nemmeno cominciare il match. I capitani, però, si accordano per iniziare lo scontro diretto ed il direttore di gara non può far altro che fischiare il calcio d'inizio. Primaro che appare subito più vogliosa e pimpante dell'avversario e che comincia a prendere possesso del campo: l'assenza, a sorpresa di Bersanetti, non scoraggia i padroni di casa che trovano un Cecchinato ispiratissimo sin dalle prime battute del match. Partita che si sblocca poco dopo, quando, al 17', la stessa ala ex Frutteti va via in velocità a due avversari sulla fascia destra e ne salta un terzo non senza fortuna. Arrivato al limite dell'area, serve Siciliano che si ritrova a tu per tu con il portiere avversario: un paio di finte che mettono a sedere il portiere della Quarantolese e Siciliano lo fredda con un preciso diagonale che si infila nell'angolo basso a sinistra. La partita, a questo punto in discesa per i padroni di casa, inizia a diventare nervosa, specialmente sul fronte modenese: gli ospiti, in maglia rossa, probabilmente increduli davanti alla forza della compagine di Gaibanella, iniziano a protestare con l'arbitro per ogni episodio. Unico brivido per la Primaro è una bella azione ospite che si conclude con il 10 quarantolese che, a due passi da Pablo Falchieri, si fa ipnotizzare dall'estremo difensore biancoverde e sciupa l'occasione del pareggio. Primo tempo che si conclude sull'1-0 con un dominio dell'undici di Salvadego evidente e frutto di un'ottima preparazione fisica e mentale. Il secondo tempo comincia sempre sotto una pioggia battente che, però, non rovina particolarmente il terreno di gioco che, a parte qualche parte, appare in ottime condizioni. Nonostante lo svantaggio, la Quarantolese non produce azioni particolarmente importanti ed è ancora la Primaro a rendersi più pericolosa, nella ricerca del gol che chiuderebbe il match. Rete che arriva all'88' con Ballada: in contropiede il neo entrato Fadiga, resistendo all'attacco di un paio di avversari, penetra centralmente nella difesa ospite. Arrivato al limite dell'area, con l'altro neo entrato Langone a destra e Ballada a sinistra, finta il tiro e serve il numero 9 biancoverde che, partendo sul filo del fuorigioco, si presenta a tu per tu con il portiere avversario. Se Siciliano era stato freddo nel trovare l'1-0, Ballada lo è ancor di più perchè scarta l'estremo difensore con una finta di corpo e deposita in rete il gol del raddoppio. Gioia, comprensibile, da una parte e rabbia, ingiustificata, dall'altra: a farne le spese è il numero 1 modenese che viene espulso per proteste. In 11 contro 10, i minuti di recupero sono una pura formalità per la Primaro che gestisce il doppio vantaggio e porta a casa i tre punti. Complice lo stop per maltempo della partita del Pontelagoscuro, la formazione di Gaibanella ora viaggia al terzo posto in coabitazione proprio con i biancoazzurri. Appuntamento a domenica 1 marzo con la trasferta di Burana per continuare a stupire e inseguire quel secondo posto che, ora, non è così lontano.

 
 
 

Andata rovesciata

Post n°262 pubblicato il 20 Febbraio 2015 da asdprimaro

18° giornata: Gavellese - Primaro 0-3

Tre gol stupendi che ribaltano l'esito del match del girone d'andata e rendono giustizia al valore delle squadre in campo. Una vittoria larga e meritata permette alla Primaro di archiviare definitivamente il discorso salvezza e concentrarsi sulle posizioni di vertice del girone. Il match contro il fanalino di coda Gavellese doveva essere, ed è stato, una passeggiata o poco più. Pioggia e campo, in alcune zone, pesante non hanno impedito alla formazione biancoverde di giocare al calcio contro una squadra di casa apparsa lenta, impacciata e senza grosse qualità individuali. Incontro che comincia bene per l'undici di Salvadego, più volte vicino a quel vantaggio che però non arriva. Sul fronte opposto un paio di disattenzioni a centrocampo permettono alla Gavellese di provare a beffare la retroguardia ospite che, però, lavora bene e non permette di correre troppi rischi al proprio portiere: unico vero pericolo corso dalla Primaro in tutto il match è una discesa centrale del centrocampista di casa che libera al tiro l'esterno. Il numero 7 in maglia granata angola troppo la conclusione ed il pallone si perde sul fondo. Dopo alcune azioni arrembanti ma senza esito, la Primaro passa in vantaggio: angolo di Tortonesi respinto fuori area di testa dalla difesa di casa. Sulla palla arriva per primo Marzolla che, senza pensarci, ributta la sfera dentro l'area: sul pallone si avventa Ballada che con una stupenda rovesciata trova il gol dello 0-1. Prodezza balistica di rara bellezza che regala ulteriore tranquillità alla formazione di Gaibanella, che sfiora il raddoppio con una conclusione da oltre 25 metri di Bersanetti deviata in angolo dall'estremo difensore gavellese. Prima frazione che si chiude, dunque, con la Primaro in vantaggio di una rete e con i padroni di casa sempre più stanchi. Match che ricomincia sotto la pioggia e che vede subito il secondo gol dei biancoverdi: al 55', Ballada è lesto a battere una punizione a centrocampo e servire Bersanetti. Il fantasista di Gaibanella si invola verso la porta ospite, protegge la sferra dal rientro del difensore e fredda il portiere avversario con un preciso diagonale in scivolata. Nonostante il match sia praticamente in cassaforte, la Primaro non accenna a fermarsi: il terzo gol consentirebbe alla formazione biancoverde di riportare la differenza in parità. Terza segnatura che arriva, puntualmente, venti minuti più tardi. Al 75' Pierre Falchieri si incarica di battere una punizione da oltre 30 metri: il terzino non ci pensa due volte e fa partire un vero e proprio bolide che si insacca perfetto nel sette. Una ciliegina sulla torta che consente di giocare i restanti minuti con calma e senza particolari apprensioni. Match che dunque finisce 0-3 e che consegna alla Primaro la convinzione di poter diventare protagonista, nelle prossime settimane, di uno sprint per il secondo posto neanche lontanamente immaginabile ad inizio stagione. Appuntamento a domenica 22 febbraio con il ritorno sul prato amico: avversaria quella Quarantolese che all'andata aveva creato non pochi grattacapi all'undici di Salvadego e che, un girone dopo, si ritrova a pari punti (31) con la formazione di Gaibanella.

 
 
 

Si "Balla" il liscio

Post n°261 pubblicato il 07 Febbraio 2015 da asdprimaro

16° giornata: Frutteti - Primaro 1-2

Un errore clamoroso a pochi minuti dal termine dell'ex Tumaini permette alla Primaro di tornare a casa dalla vicina trasferta di Frutteti con altri tre punti in saccoccia. Partita che, tutto sommato, rispecchia i valori delle due squadre: Primaro padrona del campo per buona parte del match e Fruttetti che, al contrario, subisce senza trovare le idee giuste per saper far male davanti. Match che, tra l'altro, vede il forfait a pochi minuti dal calcio d'inizio di Bertasi: l'infortunio del centrale biancoverde permette a Cecchinato di partire da titolare (per lui prima volta da ex sul campo che lo ha visto protagonista per molti anni). La Primaro parte, come sempre, all'attacco, mettendo seriamente in difficoltà la retroguardia biancoazzurra (oggi in completo rosso): al 10' Bersanetti si inventa un tiro da fuori area che si stampa sulla traversa. Pallone che rimbalza ad un metro dalla linea e che Siciliano, in mezza girata, spedisce in rete per il vantaggio biancoverde. Vantaggio meritato dagli ospiti che continuano a macinare gioco, nonostante il terreno di gioco sia un po' allentato per la pioggia caduta nella notte. A salvare più volte i padroni di casa è l'estremo difensore Soncini che si rivela decisivo almeno in un paio di occasioni: in particolare, va segnalato un tiro di Cecchinato da posizione angolata dopo che la stessa ala biancoverde aveva saltato il suo diretto marcatore con una bella giravolta all'altezza della bandierina del corner. La partita sembra destinata ad avere un solo padrone (anche grazie ad una parata miracolosa di Falchieri sull'esterno del Frutteti) ma, a pochi minuti dall'intervallo, il risultato torna in parità: Arveda lancia bene il compagno Pareschi che entra in area dalla destra e, sfruttando un'incomprensione tra Pablo Falchieri e la difesa ospite, deposita il pallone dell'1-1 nella porta ormai vuota. Come sette giorni prima un errore difensivo assolutamente evitabile condanna la Primaro a ricostruire quanto di buono fatto nei primi 45 minuti. Intervallo che, dunque, serve per ricaricare le batterie ed al mister Salvadego per iniziare a pensare a qualche sostituzione. Col passare dei minuti il match diventa, però, sempre più cattivo con i padroni di casa che iniziano un inspiegabile walzer di simulazioni e con la Primaro che, infastidita da questo atteggiamento, non tira indietro la gamba nei contrasti. Fioccano, così, i cartellini gialli per simulazioni e proteste con i padroni di casa visibilmente agitati. I cambi operati da Salvadego (Ballada, Langone e Casetta) ridanno brio ad un attacco spento e decidono la partita. All'81 lancio lungo di Pablo Falchieri sul quale si avventa Tumaini: l'ex di turno sbaglia lo stop e involontariamente lancia in porta Ballada. L'attaccante di Gaibanella è bravo a rimanere freddo davanti a Soncini ed a freddarlo con un preciso diagonale. Primaro che, dunque, ritorna meritatamente in vantaggio e Frutteti a cui non resta che sperare in un miracolo. L'aiuto divino, però, non arriva, complice anche l'ennesimo gesto scellerato di Arveda che, già ammonito, simula un fallo al limite dell'area: secondo giallo e doccia anticipata, col 10 di casa che prima di uscire dal terreno di gioco trova anche il tempo di tirare un pugno alla propria panchina. Finale, dunque, che premia la Primaro e che la porta a quota 28 punti (quarto posto provvisorio), esattamente il doppio rispetto agli odierni avversari del Frutteti, sempre più invischiati nella lotta per non retrocedere. Le previsioni meteo probabilmente faranno slittare la partita di domenica contro la capolista Galeazza: un peccato, dato l'ottimo stato di forma della compagine di Gaibanella. Appuntamento, dunque, a domenica 15 febbraio per la trasferta di Gavello: obiettivo portare a casa un'altra vittoria contro il fanalino di coda del girone e vendicare l'assurdo pareggio casalingo dell'andata, agguantato tra l'altro solo al 95' con Langone.

 
 
 

Fermi al palo

Post n°260 pubblicato il 26 Gennaio 2015 da asdprimaro

15° giornata: Mirabello - Primaro 1-1

Una Primaro buona, non ottima come nelle scorse settimane, strappa un solo punto al Mirabello in una domenica difficile sotto diversi punti di vista. Squadra ancora una volta con i cerotti, complici le assenze importanti di Caselli, Menarbin e Bersanetti. Non bastassero le assenze, il Mirabello presenta alla Primaro un terreno di gioco a dir poco osceno, formato esclusivamente da sabba e fango in vari punti del campo. Per fortuna la giornata di sole non contribuisce a peggiorare la situazione e la partita, almeno per quanto riguarda il primo tempo, appare a tratti piacevole. La compagine di Gaibanella comincia con il piglio giusto, cercando di giocare palla a terra e trovare la profondità con azioni veloci, mentre i difensori padroni di casa si limitano a randellare chiunque passi dalle loro parti. La prima occasione vera del match capita a Davide Mazza che, dopo uno scambio con il fratello Andrea, entra in area di rigore dalla destra e di mancino calcia di poco alto. I biancoverdi, per nulla intimoriti dal comportamento "maschio" del Mirabello, continuano a giocare la palla a centrocampo e trovano il meritato vantaggio: Ballada scatta sul filo del fuorigioco, si presenta a tu per tu con il portiere e lo scavalca con un perfetto pallonetto: il numero 9 biancoverde ha, poi, anche il tempo di stoppare nuovamente il pallone e depositarlo nella porta ormai vuota. Vantaggio meritato per la Primaro che comprende il momento di difficoltà dei gialloblu e tenta il raddoppio. Angolo calciato forte sul primo palo da Tortonesi dove arriva ancora Ballada che di testa spedisce il pallone sulla traversa. Il primo tempo sembra essere un dominio assoluto dell'undici di Salvadego ma al 40' arriva il pareggio del Mirabello: Cinelli salta Bonazza sulla fascia sinistra, si accentra, e lascia partire un destro ad incrociare che lemme lemme si infila alla sinistra di Pablo Falchieri, non esente da colpe. Uno ad uno, dunque, dopo quarantacinque minuti e tutto da rifare per la Primaro. Secondo tempo inevitabilmente peggiore, con le due squadre che iniziano a sentire la stanchezza e con il sole che, abbassandosi dietro la porta difesa dal Mirabello, impedisce la completa visuale del campo ai ventidue giocatori. Le due formazioni tentano il colpaccio, senza però dimenticarsi di difendere e quello che ne viene fuori è uno spettacolo largamente inferiore rispetto alla prima ripresa. L'occasione più clamorosa capita intorno alla mezz'ora ancora sui piedi di Ballada: l'attaccante biancoverde è abile a girarsi in area di rigore e ad incrociare il tiro sul palo più lontano, colpendolo in pieno. Secondo legno della partita per lui e secondo rimpianto per la Primaro che vede sfumare la possibilità di portarsi a casa tre punti preziosissimi. L'1-1 finale regala un punto che, tutto sommato, è da considerarsi positivo: le assenze, il terreno pesante e la sfortuna non hanno comunque compromesso nulla e la compagine di Gaibanella torna a casa con la consapevolezza che, per le zone alte della classifica, è ancora tutto possibile. Ottimo ritorno in campo di Bertasi dopo l'infortunio della scorsa stagione e buono anche l'atteggiamento della squadra che non è caduta nelle provocazioni iniziali del Mirabello. Appuntamento a domenica prossima con la sfida al Frutteti, senza gli squalificati Tortonesi e Langone: tre punti sul campo dei biancoazzurri consentirebbero alla formazione di Salvadego di considerare praticamente archiviato il discorso salvezza, concentrandosi poi su obiettivi più ambiziosi.

 
 
 

Toh Marrara!

Post n°259 pubblicato il 19 Gennaio 2015 da asdprimaro

14° giornata: Marrarese - Primaro 0-1

Basta un gol alla Primaro per far suo il "derby" con la Marrarese e vendicare la pesante sconfitta interna dell'andata. La giornata quasi primaverile invoglia le due squadre a giocare al calcio anche se ben presto le due compagini si rendono conto che il terreno di gioco risulta più insidioso di quanto non sembri ad una prima occhiata. I padroni di casa, in un'insolita maglia rossa, cominciano il match intimoriti davanti alla grinta degli ospiti che, nel giro di un quarto d'ora, creano tre palle gol nitidissime. Subito Siciliano si ritrova a tu per tu con l'estremo difensore Manservigi, lo mette a sedere con un'abile finta ma poi spara alto da due metri. Dopo pochi minuti l'occasione del riscatto: ancora Siciliano entra in area dalla sinistra e si ritrova di nuovo faccia a faccia con l'estremo difensore di Marrara, ma anche questa volta conclude senza precisione a lato. La terza occasione per gli ospiti capita al minuto numero 13, con Tortonesi: il centrocampista di Gaibanella riceve al limite dell'area avversaria un  passaggio rasoterra e non ci pensa su due volte. Il suo tiro, forte e preciso, si infila nell'angolo basso a destra della porta difesa da Manservigi. L'estremo difensore tenta il miracolo, ma nulla da fare. La Primaro, galvanizzata dal meritato vantaggio, continua a spingere ma, ancora con Siciliano, non riesce a chiudere la partita. Sull'altro fronte Pablo Falchieri non compie parate decisive, anche aiutato dal duo difensivo inedito Caselli-Bersanetti. Primo tempo che si conclude dunque 0-1, con la Primaro padrona del campo e con la Marrarese che crea poco in avanti e soffre molto dietro. Seconda frazione che comincia con un copione leggermente diverso: adesso è la Marrarese che deve spingere alla ricerca del pareggio, con la Primaro che si difende bene e riparte in contropiede. I padroni di casa, però, non riescono a portare veri e propri attacchi alla porta difesa da Pablo Falchieri e non sfruttano nemmeno il calo fisico della compagine di Salvadego negli ultimi venti minuti. Le uniche occasioni in cui i rossi padroni di casa impensieriscono la difesa ospite sono alcuni calci piazzati che, però, non trovano come conclusione il gol del pareggio. Gli innesti di Langone, Fadiga e Bonazza danno, invece, nuova linfa alla Primaro che, a tempo quasi scaduto, va vicina al raddoppio. Punizione da sinistra che si incarica di battere Fadiga: pallone profondo sul secondo palo sul quale si avventa Langone che di testa rimette in mezzo ad un metro dalla linea, dove però ne Ballada ne Siciliano riescono ad intervenire. I tre minuti di recupero della seconda frazione passano senza scossoni ed il match termina con la vittoria ospite per zero ad uno. 2015 che comincia, dunque, nel migliore dei modi per la Primaro che, in un sol colpo, conquista tre punti preziosissimi e vendica la sconfitta interna di settembre, mettendo cinque lunghezze tra sè e la compagine di Marrara. Partita dominata sotto il punto di vista del gioco e del possesso palla, nonostante un campo solo all'apparenza buono e fase difensiva ottima, con un Bersanetti riscopertosi centrale. Settimana, dunque, da affrontare col sorriso sulle labbra pensando già all'insidiosa trasferta di domenica prossima a Mirabello, contro una formazione che si presenterà in campo con il coltello tra i denti, in ricordo degli episodi dell'andata.

 
 
 

Am...Mazza che Primaro!

Post n°258 pubblicato il 19 Dicembre 2014 da asdprimaro

13° giornata: San Luca - Primaro 0-2


I fratelli Mazza regalano alla Primaro un Natale felice e la tranquillità necessaria per affrontare il girone di ritorno nella maniera giusta. Il campo di San Luca si presenta in condizioni a dir poco pietose, con ciuffi d'erba qua e là e profonde buche sia al centro del terreno di gioco sia sulle fasce laterali. Match che inizia in maniera piuttosto tattica con la formazione di casa che prende in mano il pallino del gioco senza, però, riuscire a rendersi pericolosa. La Primaro, dal canto suo, non rimane a guardare anche se la paura di subire il gol dello svantaggio nei primi minuti (come già accaduto più volte nel corso della stagione) frena le sortite offensive. La prima palla gol capita all'attaccante rossoblu che si trova a tu per tu con Pablo Falchieri ma calcia debolmente sulle gambe dell'estremo difensore ospite, vanificando una ghiotta occasione. Al 20' Bersanetti riceve palla al limite dell'area del San Luca, la protegge e subisce fallo: punizione che si incarica di battere Andrea Mazza che, come sette giorni prima, trasforma in gol. Tiro a giro sul primo palo e palla che, dopo aver colpito proprio il legno, termina alle spalle dell'estremo difensore rossoblu. Primaro, dunque, meritatamente in vantaggio con i padroni di casa che accusano l'episodio oltre maniera e, nel giro di poco meno di dieci minuti, subiscono il gol del raddoppio: calcio d'angolo dalla destra di Tortonesi sul quale l'estremo difensore del San Luca non riesce ad intervenire. Sbuca sul secondo palo Davide Mazza che di testa deposita in fondo al sacco. Alla mezz'ora è, dunque, 0-2 con i padroni di casa che appaiono alquanto disorientati. L'unico sussulto dei rossoblu arriva da una punizione di Sabir: la palla scagliata con forza verso la porta difesa da Falchieri si infrange, però, sul palo. La ripresa si apre con un San Luca che pian piano inizia a spingere sul pedale dell'acceleratore, senza però creare pericoli reali alla retroguardia di Gaibanella. A metà ripresa, un presunto fallo di Bersanetti scatena una mezza rissa: l'arbitro estrae per ben due volte il cartellino rosso all'indirizzo di un paio di giocatori della compagine di casa. Primaro che si ritrova a gestire, così, il doppio vantaggio in doppia superiorità numerica. Il San Luca, dal canto suo, è bravo a continuare a crederci ed a creare alcune occasioni importanti. L'undici di mister Salvadego cerca di chiudere il discorso in contropiede ma i neo entrati Ballada e Langone trovano trovano sulla loro strada il portiere avversario. Dopo tre minuti di recupero il match finisce e può iniziare la festa. Girone d'andata chiuso a 21 punti, frutto di 6 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte: prima parte di stagione, dunque, da considerarsi più che positiva, tenendo conto l'alto numero di infortuni e squalifiche. I punti deboli, non del tutto sanati, sono andati via via diminuendo con il passare delle partite e gare che, sulla carta, sembravano impossibili sono state affrontate e vinte con autorevolezza. Ora è tempo di godersi un po' di meritate vacanze, cercando di recuperare le tante energie fisiche e nervose spese soprattutto negli ultimi impegni di dicembre. Appuntamento al 2015: il 18 gennaio si torna in campo a Marrara per cercar di vendicare la pesante sconfitta interna dell'andata e mettere altri punti in cascina per il discorso salvezza.

 
 
 

Per la Primaro è una nuova aurora

Post n°257 pubblicato il 09 Dicembre 2014 da asdprimaro

12° giornata: Primaro - Nuova Aurora 3-2

Splende di nuovo il sole su Fossanova. Tornano i tre punti in casa Primaro dopo un mese e torna a sorridere tutto l'ambiente biancoverde, reduce da una brutta sconfitta e due partite ben giocate ma concluse non oltre il pareggio. L'occasione di tornare al successo si chiama Nuova Aurora e la compagine di Fossanova non fallisce la ghiotta opportunità, portandosi a casa 3 punti fondamentali per l'obiettivo salvezza. Match che inizia, però, ad handicap: dopo soli 3 minuti, infatti, la squadra di Scortichino è già in vantaggio. Pallone in profondità del centrocampista ospite per l'attaccante che non aggancia; alle sue spalle, in sospetto fuorigioco, sbuca Benati che tutto solo batte Falchieri per lo 0-1. La Primaro, colpita a freddo per l'ennesima volta in campionato, non si scoraggia e, tramite il gioco, comincia piano piano a schiacciare la Nuova Aurora nella propria metà campo. Al minuto 24 Andrea Mazza, con una splendida punizione nel sette, coglie il meritato pareggio. La prodezza balistica del numero 10 biancoverde, paragonabile al calcio piazzato con cui Maradona mandò in visibilio il San Paolo nel lontano 1985 contro la Juventus, scuote l'undici di mister Salvadego che nel giro di due minuti compiono il meritato sorpasso: da un'altra punizione di Mazza, Siciliano è il più lesto in area di rigore ad impattare il pallone di testa e ad insaccare il 2-1. Primo tempo che si chiude col vantaggio dei padroni di casa, legittimato da altre occasioni fallite di poco da Siciliano e Fadiga. La ripresa si apre con il forcing aggressivo degli ospiti che imprimono al match un ritmo indiavolato. La formazione di Gaibanella regge per un quarto d'ora, anche grazie agli innesti di Langone e Casetta dalla panchina, ma poi si arrende: Battaglia cintura in area l'attaccante di Scortichino e l'arbitro Principato non esita a fischiare il penalty. Dagli undici metri Falchieri intuisce il tiro di Pirazzi ma non evita il pareggio. Il 2-2 sembra non servire a nessuno e la Nuova Aurora continua a spingere sul piede dell'acceleratore nella ricerca del gol vittoria, scoprendosi però ai contropiedi dei padroni di casa. E quando sembra che tutto debba finire in parità, ecco il colpo di scena: Fadiga lavora bene un pallone sulla fascia destra, entra in area e fa partire un cross teso sul quale Siciliano non riesce ad intervenire. Alle sue spalle, sul secondo palo, arriva in spaccata Langone che insacca la rete del 3-2. All'89', dunque, la Primaro torna avanti, e questa volta in maniera definitiva. A nulla servono, infatti, i tentativi disperati dell'undici di Scortichino nei quattro minuti di recupero che seguono. Prima del triplice fischio c'è, purtroppo, spazio per un brutto episodio: Caselli e l'attaccante avversario vengono alle mani a gioco fermo. Espulsione per entrambi e discussioni accese che continuano negli spogliatoi a fine gara. Buona dunque la penultima domenica dell'anno per i biancoverdi, capaci di rimontare lo svantaggio iniziale e punire a tempo praticamente scaduto una Nuova Aurora coraggiosa ma troppo ingenua. Resta ancora da mettere a posto qualcosa: l'approccio alla gara è spesso blando e nel corso della gara l'irruenza e il nervosismo rischiano di rovinare partite ben giocate con rigori e squalifiche alquanto evitabili. Ultimo appuntamento del 2014, domenica prossima contro il San Luca, con la possibilità di chiudere l'anno a quota 21 punti, gli stessi della fine del girone d'andata della scorsa stagione.

 
 
 

Siciliano riporta Dante sulla terra

Post n°256 pubblicato il 01 Dicembre 2014 da asdprimaro

11° giornata: Primaro - Pontelagoscuro 1-1

Non basta una rete del solito Dante al Pontelagoscuro per portare a casa i 3 punti dal campo di Fossanova San Marco. Partita che comincia sotto una pioggia intensa, con le due formazioni che per il primo quarto d'ora si studiano. Poi al 23' Tortonesi commette un fallo al limite della propria area: calcio di punizione ospite, pallone messo in mezzo ed il capocannoniere biancoazzurro Dante, di testa, insacca il gol del vantaggio. Ancora una volta, il terzino capitano del Ponte realizza un gol importantissimo, dopo quelli delle scorse giornate. La formazione di Gaibanella non risente particolarmente dello svantaggio e ricomincia a macinare gioco. Le occasioni da gol biancoverdi non sono pericolose ma la difesa rende vane anche quelle avversarie. Partita, dunque, un po' bloccata, causa anche il campo che con il passare dei minuti diventa sempre più pesante. Prima della fine del primo tempo, Tortonesi sfiora in pareggio direttamente su calcio di punizione, con la palla che sorvola di pochi centimetri l'incrocio dei pali avversario. Prima frazione che si chiude, dunque, sullo 0-1 con la pioggia che non sembra voler smettere. Dopo i canonici quindici minuti di pausa, la Primaro esce dagli spogliatoi più grintosa e dopo soli quattro minuti trova il meritato pareggio: Fadiga va via bene al suo avversario sulla fascia destra, mette un pallone basso in mezzo all'area dove però Siciliano non riesce ad intervenire. Alle sue spalle giunge Marzolla che, invece di concludere, decide di premiare la sovrapposizione di Davide Mazza sulla sua sinistra; il centrocampista biancoverde fa partire un diagonale mancino sul quale si avventa Siciliano che, a porta vuota, non può sbagliare. Il gol del pareggio mette pressione alla squadra ospite che per una decina di minuti non riesce ad uscire dalla propria metà campo, letteralmente schiacciata dall'undici di Salvadego. Il gol del sorpasso, però, non arriva ed il Pontelagoscuro riprende forza e coraggio per il forcing finale. Il campo, decisamente pesante, rende il gioco maschio e poco fluido, con la compagine ospite che decide di affidarsi ai lanci lunghi per cercare la rete che le consentirebbe di rimanere agganciata al treno promozione. La Primaro, dal canto suo, non resta a guardare e combatte con tutti i mezzi per difendere il prezioso punto. Dopo tre minuti di recupero l'arbitro fischia la fine, per la gioia dei biancoverdi e la delusione ospite. Ottima, dunque, la prova della Primaro che ha saputo trasformarsi in corso d'opera: attendista nel primo tempo, cinica ad inizio ripresa e tosta nel finale, quando non ha risparmiato falli ed entrate decise che hanno fatto capire agli avversari che non avrebbero portato a casa i tre punti. Nonostante le numerose assenze che continuano ad imperversare in quel di Fossanova, i biancoverdi continuano a mostrare sul campo di che pasta sono fatti. Ora, spazio ad un'altra partita casalinga (contro la Nuova Aurora) con la speranza che il meteo conceda una grazia per far si che il match in programma per domenica 7 dicembre non diventi una mischia continua.

 
 
 

Rigore tattico

Post n°255 pubblicato il 24 Novembre 2014 da asdprimaro

10° giornata: Argelatese - Primaro 1-1

Un gol al 92', quando tutto sembrava perduto. Un rigore generoso e sicuramente discutibile salva la Primaro da un'altra (questa volta immeritata) sconfitta. E per la formazione bolognese si può tranquillamente parlare di doccia (ar)gelata! Il campo da gioco si presenta in condizioni disastrose, con più melma che erba e con enormi buche sia sulle corsie esterne che sulla fascia centrale. Lo spettacolo risente, inevitabilmente, del pesante terreno e la partita appare spigolosa e poco piacevole agli occhi: i padroni di casa, secondi in classifica, non rendono onore alla loro posizione e affrontano il match svogliati e con poche idee. La formazione di Gaibanella, invece, si presenta all'appuntamento domenicale in una buona condizione fisica e psicologica, nonostante la pesante sconfitta casalinga di sette giorni prima e le numerose assenze. La partita, dopo qualche azione da gol non sfruttata da parte dei due attacchi, si sblocca al minuto 28: cross dalla destra di Monari, palla in area e stacco di testa di Stagagno. La palla, colpita dall'attaccante dell'Argelatese, batte sulla traversa e poi oltre linea, prima di essere ripresa da Pablo Falchieri; l'arbitro non ha esitazioni e concede, giustamente, il gol. Primaro che non si scompone e si adopera, con il gioco, affinché il pallone pervenga a Siciliano e Andrea Mazza per cercare la via del pareggio. Prima dell'intervallo, però, entrambe le punte biancoverdi calciano a lato due ottime occasioni. Secondo tempo che vede la Primaro partire bene e cercare il gol con maggiore insistenza, mentre la formazione di casa cerca di ripartire in contropiede. Dopo nemmeno dieci minuti dall'inizio della ripresa, ennesima tegola per mister Salvadego: Andrea Mazza si infortuna ed al suo posto entra Paganini. Finale di partita all'attacco, con gli inserimenti dalla panchina di Langone e Casetta per Cecchinato e Bonazza, e con il conseguente adeguamento della difesa a 3. Fine del 4-4-2, che fino a quel momento aveva tenuto in partita la formazione di Gaibanella, e spazio ad un più offensivo 3-4-1-2 con i centrocampisti liberi di proporsi in zona gol. E proprio quando le speranze di portare a casa almeno un punto sembrano sfumare, ecco il colpo di scena: un pallone proveniente da destra viene stoppato dal difensore avversario con il braccio e l'arbitro fischia il penalty. Le vibranti e continue proteste dei padroni di casa non influenzano ne il direttore di gara ne Davide Mazza che dagli undici metri si conferma infallibile: palla nel sette e 1-1. I minuti di recupero sono, come da copione, una sofferenza per la Primaro che fatica ad uscire dalla propria metà campo. I tentativi bolognesi si scontrano, però, sull'arcigna difesa biancoverde ed il match termina in parità. Prestazione molto positiva per la formazione di Gaibanella che ferma una pretendente al titolo con uno scolastico, ma molto efficace, 4-4-2, dimostrando enorme compattezza di squadra in un momento non facile dal punto di vista degli infortuni. Testa, ora, già all'altra durissima partita di domenica prossima contro il Pontelagoscuro, con la consapevolezza di aver forse trovato il modo giusto per affrontare avversari, sulla carta, superiori.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: asdprimaro
Data di creazione: 03/09/2008
 

NEWS

  INIZIO PREPARAZIONE

16 Agosto 2016


 

CLASSIFICA E CALENDARIO

Classifica

Quarantolese 46
Nuova Aurora 46
Pontelagoscuro 42
Junior Finale
37
Quartesana 36
Vigaranese X Martiri 33
Marrarese 32
Acli San Luca 31
Primaro 27
Masi 2013 27
Medolla 26
Audace Baura 23
Frutteti 13
Alberonese
13

 

 

LA NOSTRA TIFOSERIA

Miglior tifoseria

 Diventa nostro tifoso
Invia una foto all'indirizzo:
asdprimaro@libero.it

Visualizza Galleria Immagini

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sofiapalombaalessandrofavaroamandaclark82Mr.Andreemilytorn82diletta.castellifrenz47elvbarubadboys87fselvaggiaconlaquartaagprintudgenerazioneottantaasdprimaropallotta.annalisaigor.11