Creato da LunaRossa550 il 21/04/2012
leggero senza superficialità

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

da ascoltare sino alla fine.....

 

Ultime visite al Blog

monellaccio19ciccionedgl3digimec.sncto_reviveadenoidLunaRossa550alb.55zpaolodesimonis1946ixtlanndondolino61e_d_e_l_w_e_i_s_smenisdutaarno1liviaRonag
 

Ultimi commenti

I miei link preferiti

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Area personale

 
Citazioni nei Blog Amici: 22
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 

Statistiche

 

 

« Viabilità della stradaRaccomandati »

Condiviso da facebook

Post n°412 pubblicato il 26 Luglio 2016 da LunaRossa550
 

 


(foto di Saverio Tommasi)

Saverio Tommasi   da FB del 24 LUGLIO 2016  ·

UNA STORIA CHE MI FA VERGOGNARE DI ESSERE ITALIANO

Un ragazzo della Guinea, rifugiato in Italia, in questi giorni era stato inserito come aiutante volontario in un campo giochi per bambini a Peschiera Borromeo. Bambini dai 6 ai 13 anni, un tipico centro estivo, dove si gioca e si impara a stare insieme, gestito dalla Onlus il Melograno.
Il primo messaggio è partito da una mamma, scritto su facebook: "Mi si informa che al centro estivo comunale verranno inseriti uno o due rifugiati. Ritiro mio figlio".
E così molti altri genitori, incazzati come bisce disturbate nel sonno della loro coscienza.
Alla fine, dopo vari incontri e "ogni tentativo di rassicurazione", una mamma ha ritirato il figlio dal centro estivo e un'altra madre ha deciso di andare ogni giorno a prendere il proprio bambino prima che il ragazzo africano inizi a lavorare. Me la immagino, questa mamma, mentre prende suo figlio per mano e gli dice: "Sai, piccolo padano, anche oggi ti riporto a casa prima perché sta per arrivare il negro".
E un'altra decina di genitori ha preteso che il prossimo anno sia loro comunicata in anticipo l'eventuale partecipazione di rifugiati volontari al campo giochi. Una comunicazione per base etnica, insomma, in modo che loro, bravi genitori attenti ai loro figli di razza pura, possano decidere su base razziale se farli partecipare oppure no. Una roba che forse solo nei campi di cotone di fine Ottocento in America.

Voglio dirlo chiaramente: io penso che genitori che legano la partecipazione del proprio bambino a un campo giochi in base al fatto che insieme agli animatori ci sia oppure no, un rifugiato che "aiuta nel trasporto dei giochi", mi pare una cosa di una gravità assoluta. Enorme. Una gravità senza confini.
Quale insegnamento potranno mai dare questi genitori ai lori figli? Ve lo dico io: niente. Perché se non insegni ai tuoi figli, o al tuo vicino, il rispetto degli altri, il valore della relazione come principio fondamentale della vita umana, allora tu non gli insegni niente. Perché tu non sei niente.

Insegnate invece a quei bambini perché quell'uomo è scappato dalla Guinea. Fatevi raccontare i suoi sogni di ragazzo. Chiedetegli dov'è oggi suo fratello. E poi abbracciatelo, quell'uomo nero della Guinea che è identico a voi. E giocate con lui, bambini, perché i centri estivi, alla fine, dovrebbero servire soprattutto per questo: per giocare insieme.

Saverio Tommasi

Non posso che associarmi allo sdegno di Saverio Tommasi...  Quello che dovrebbero insegnare in questi campi estivi è la tolleranza, la capacità di fare gruppo, di giocare o di fare sport senza pregiudizi di razza, colore e provenienza. Il mondo è sempre più multietnico e credo che anche i leghisti debbano rassegnarsi, , perché non è un fenomeno che puoi  o non puoi accettare, c'è e basta! 
Spero che Aicha, la mia nipotina col 50% di sangue senegalese, non debba mai incontrare persone così ottuse nella sua vita.. per il momento sembra sia ben accettata sia dai compagni di scuola/gioco, sia dai genitori di questi.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
to_revive
to_revive il 26/07/16 alle 00:39 via WEB
Stamattina ho letto questa cosa e ti giuro che mi è venuto da piangere. Non so se è stato più lo sconcerto, o l' immaginare il dolore e la mortificazione di quel ragazzo che chissà quanta gioia aveva nel cuore per quel "lavoretto trovato". Mi chiedo quale integrazione ci possa essere e che vita possono avere bambini con genitori così indegni. Provo solo dolore e rabbia.
(Rispondi)
 
LunaRossa550
LunaRossa550 il 27/07/16 alle 15:52 via WEB
Che poi, dicono spesso che si fanno mantenere, e quando qualcuno di questi lavora, gli danno contro.... Mah... Ciao Greta
(Rispondi)
francy_62
francy_62 il 26/07/16 alle 09:03 via WEB
Non vi sono parole..... Il fatto è che non ce ne rendiamo conto, ma estremisti come quelli dell'Isis lo sono anche molti italiani. Forse non faranno stragi con i kamikaze, ma danni ne fanno ugualmente.
(Rispondi)
 
LunaRossa550
LunaRossa550 il 27/07/16 alle 15:54 via WEB
Abbiamo in casa delle mine vaganti... Oltre a quelle che vendiamo ai popoli in guerra. Ciao Freancy :)
(Rispondi)
monellaccio19
monellaccio19 il 26/07/16 alle 11:12 via WEB
Pretendiamo essere definiti buoni cristiani, gente di mondo, civili ed educati, pronti alla disponibilità e al dialogo. E poi? Ci facciamo prendere dagli avvenimenti, dalle stragi e dagli atti terroristici. Insomma, come si può notare, non solo stanno vincendo i cattivi e i nostri demagoghi inetti e incapaci, ma perdono anche i buoni....... Buon giorno Laura.
(Rispondi)
 
LunaRossa550
LunaRossa550 il 27/07/16 alle 16:02 via WEB
Buongiorno Monellaccio, reagendo in quel modo. stiamo facendo il gioco dei terrorismo e degli estremisti destrosi e legaioli che voglio creare le condizioni per chiudere le frontiere. Felice pomeriggio :)))
(Rispondi)
amoon_rha_gaio
amoon_rha_gaio il 26/07/16 alle 11:58 via WEB
il problema è la cattiva informazione che viene data: è più facile dire che la gente viene ad occupare e a prendersi il lavoro italiano, rispetto a dire che siccome il loro paese è bombardato (anche dagli europei) loro scappano. Penso che i bambini naturalmente non abbiano problemi a rapportarsi con chiunque, però se hanno questi genitori difficilmente potranno diventare, una volta adulti, persone migliori.
(Rispondi)
 
LunaRossa550
LunaRossa550 il 27/07/16 alle 16:07 via WEB
Con questi genitori non possono che imparare ad essere cattivi dentro... Ed il tutto senza chuedersi se c'e un movente che scatena il tutti Ciao Amoon
(Rispondi)
ranocchia56
ranocchia56 il 26/07/16 alle 12:03 via WEB
Senz'altro peggio dei campi di cotone ai tempi della schiavitù dei negri, non si può neppure concepire il solo pensiero di questo! Neppure quando io ero bambina esistevano discriminazioni fra bambini che giocano, anzi erano le mamme stesse a dirci di fare in modo che quei bambini di altre razze di integrassero in mezzo a noi e ci dicevano anche di rispettarli e capire che avevano un modo di pensare diverso. Credevo che i razzisti più spietati fossero solo qui.. Auguro di cuore alla tua nipotina di trovarsi sempre bene con persone che la accettino e la apprezzino per quella che è, una persona come tutte le altre. Ciao Laura:)
(Rispondi)
 
LunaRossa550
LunaRossa550 il 27/07/16 alle 17:04 via WEB
Quando mia figlia era nelle scuole primarie,nella sua classe almeno un terzo erano bambini extracomunitari, tra i bambini non esistevano discriminazioni... Mai sentito una lamentela da nessuno. Volenti o nolenti il destino è quello di consolidarsi sempre più in una società multietnica, tanto vale cercare di armonizzarsi tra tutti. Ciao Rosa :)
(Rispondi)
arw3n63
arw3n63 il 26/07/16 alle 16:06 via WEB
Non so se sia anche un po' colpa dei media e dei social che trasmettono messaggi sbagliati, fra l'altro ormai le scuole sono frequentate anche da bambini di ogni etnia, già c'era qualcuno quando mio figli era piccolo e addirittura frequentava l'oratorio estivo anche se musulmano, accettato dalla maggior parte dei bambini, addirittura è venuto alla festa di compleanno di mio figlio come altri compagni, io credo dipenda molto dai genitori e la paura soprattutto che viene trasmessa da ogni parte. Poi il razzismo c'è sempre stato, una volta erano i meridionali a farne le spese oggi sono gli extracomunitari. La tua nipotina? Può essere che subisca qualche discriminazione, derisione prima o poi da parte di qualche ignorante o razzista che magari non la conosce, come un tempo accadeva per i meridionali, chi può sapere, mi auguro di no per lei, anche perchè è abbastanza normale vedere coppie miste oggi, ne ho conosciuta una domenica portando a passeggio mia suocera, una ragazza che abitava di fronte a mia suocera, italiana sposata ad un (penso) senegalese con una bimba stupenda :-)!
(Rispondi)
 
LunaRossa550
LunaRossa550 il 27/07/16 alle 17:13 via WEB
Sembra si abbia sempre bisogno di scaricare le proprie frustrazioni su qualcuno... Prima i meridionali, oggi gli extracomunitari , meglio se africani. Si questa paura del diverso può essere alimentata da come viene sbattuto il mostro in prima pagina, esempio un fatto di npochi giorni fa... Un caso di femminicidio, già grave di per sè, fatto diventare come affiliato isis... Sarà giornalismo questo? Ciao Lory :)
(Rispondi)
 
 
arw3n63
arw3n63 il 27/07/16 alle 22:42 via WEB
Adesso si deve isis ovunque anche quando si tratta di persone disturbate, frustrate che probabilmente si lasciano irretire dall'ideologia.Ciao Laura
(Rispondi)
 
 
 
LunaRossa550
LunaRossa550 il 29/07/16 alle 23:16 via WEB
questo è (anche) grazie ad un tipo di giornalismo, fa poco notizia parlare di femminicidio, tira di più se lo stesso caso prende una connotazione diversa. Ciao Lory :)
(Rispondi)
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 26/07/16 alle 21:17 via WEB
guarda, Laura, mi sale davvero la rabbia di fronte a questa ignoranza (perchè altro non è ) e per ignoranza intendo l'accezione più negativa del termine.
tristemente mi tocca dirti un fatto simile si è verificato anche nel Veneto perbenista. vergognoso!!! esempio di diseducazione e di razzismo, il più subdolo e bieco.
sono però dell'idea che le nuove generazioni sappiano accettare e interagire. il guio sono certi genitori , magari gli stessi genitori che la domenica mattina vanno a messa e insegnano ai figli il Padre Nostro.
bello questo post. buona serata, ciao :-)
(Rispondi)
LunaRossa550
LunaRossa550 il 27/07/16 alle 17:17 via WEB
Se ai bambini non fai il lavaggio del cervello, nemmeno si accorgono della pelle diversa... È questo che mette tristezza, il fatto che nasci senza paure e poi ti alimentano la diffidenza verso chi ha una cultura diversa. Ciao Elena :)
(Rispondi)
ipazia.0
ipazia.0 il 28/07/16 alle 18:34 via WEB
Recentemente ho visto un film di Francesco Patierno:”Cose dell’altro mondo” girato nel profondo nord del Veneto leghista. Non è un capolavoro ma rende perfettamente l’idea di cosa succederebbe se scomparissero tutti gli extracomunitari che lavorano nel nostro Paese:il caos. Questa notizia aggiunta a quella che ho pubblicato nel post che ho scritto oggi mi fanno capire il livello di inciviltà degli italiani. Guarda questo video https://youtu.be/slJgH6QVblA Ciao Laura :-) Laura
(Rispondi)
 
LunaRossa550
LunaRossa550 il 29/07/16 alle 23:22 via WEB
visto il video... io ho assistito ad una scena di un dipendente atm che, fermato ai tornelli un extracomunitario senza biglietti, l'ha obbligato a comperarsi un carnet da 10 e poi glielo ha timbrato tutto (non solo il biglietto mancante, anche questo con un linguaggio ben forbito ed una aggressività senza pari... uno str..... insomma.
Vengo a leggerti. Ciao Laura :)
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.