Creato da LunaRossa550 il 21/04/2012
leggero senza superficialità

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

da ascoltare sino alla fine.....

 

Ultime visite al Blog

monellaccio19ciccionedgl3digimec.sncto_reviveadenoidLunaRossa550alb.55zpaolodesimonis1946ixtlanndondolino61e_d_e_l_w_e_i_s_smenisdutaarno1liviaRonag
 

Ultimi commenti

I miei link preferiti

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Area personale

 
Citazioni nei Blog Amici: 22
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 

Statistiche

 

 

Indifferenza

Post n°393 pubblicato il 31 Maggio 2016 da LunaRossa550
 

A volte la mia attenzione si sposta su cose, persone o fatti apparentemente marginali, ma che alla fine non lo sono veramente.
Stasera sono proprio arrabbiata, arrabbiatissima, lo sono pensando che la vita di una ragazza di soli 22 anni si sarebbe potuta salvare, se solo non fossimo in un mondo dove l'indifferenza la fa ormai da padrona.
Concedetemi questa cattiveria:
Stasera auguro a quelle persone,   passate accanto al luogo del delitto, che hanno visto i richiami d'aiuto di Sara, ma che han tirano dritto senza fermarsi per vedere di che si trattasse, di sognarsela ogni notte...  sognarsela ogni qualvolta  le palpebre stanche si chiudono in cerca di riposo,   vedere nel sogno  sovrapporsi al volto di Sara, quello della propria moglie, figlia, sorella o nipote... e svegliarsi dall'incubo consapevoli dell'atto di vigliaccheria fatto, consapevoli d'essere complici dell'assassino.

E già che ci sono, metto tutti nel calderone e la stessa cosa auguro a tutti gli indifferenti che continuano a pensare che i barconi dei migranti andrebbero respinti senza accoglierli e salvarli:
Che possiate vivere in sogno,  ogni notte,  lo stesso dramma di chi si risveglia bruscamente dal proprio sogno di libertà sentendosi soffocare dal sale....
Che incubo sia!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

S.O.S. clima

Post n°392 pubblicato il 29 Maggio 2016 da LunaRossa550
 

Entro il 2030 i cambiamenti climatici in corso metteranno in serio pericolo siti turistici tra i più conosciuti e importanti del pianeta.

Lo sostiene il rapporto del World Heritage and Tourism in a Changing Climate, stilato e diffuso nei giorni scorsi dall'Unesco.
A partire dalla Groelandia al Sud Africa, dal Brasile al Giappone per finire in Europa, ci sono sotto esame 31 siti.... In realtà a rischio sono molti di più, 130 dei quali potrebbero sparire a causa dell'innalzamento dei mari (tra cui compare anche Venezia)
Ci sono luoghi regolati da delicati ecosistemi che rischiano di risentirne in modo irreversibile (esempio le barriere coralline, che dopo anni di tentativi di adattamento, stanno capitolando)
I danni dei cambiamenti climatici si sommano  a quelli provocati dal turismo di massa, dall'urbanizzazione, dalle guerre,  dalla povertà e dallo sfruttamento incontrollato delle risorse del suolo.

Da parte dell'Unesco una denuncia: "se le specie a rischio riescono a volte a salvarsi migrando ion territori diversi, così non può essere per monumenti e  tesori archeologici, che una volta persi non saranno più recuperabili."
Umidità e piogge più frequenti, rapidi cambiamenti di temperatura, fenomeni metereologici incontrollabili e l'erosione dell coste... sono le cause dell'allarme lanciato, e ne siamo noi in gran parte responsabili.
A rimetterci non saranno solo la cultura e la civiltà, ma anche le varie economie basate sul turismo....
Chissà che mettendola sui soldi bruciuati, ci sia chi, tra quelli che contano,  pensi di fare qualcosa per cambiare rotta.

Ps: tra i luoghi seriamente a rischio ci sono: Uganda, dove visono gli ultimi gorilla di montagna, le isole Galapagos con una flora e fauna unica  e che furono ispiratrici a Darwin per la teoria dell'evoluzione, il parco di Yellowstone che è il parco più antico al mondo, Mont Saint Michel e senza Stonehenge, i draghi di Komodo.e come già scritto, la nostra Venezia.

http://www.rinnovabili.it/ambiente/patrimonio-mondiale-cambiamento-climatico-333/

http://www.ilsecoloxix.it/p/cultura/2016/05/26/ASO2bFsC-monumenti_impazzito_patrimonio.shtml

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Arte o non arte, questo è il problema

Post n°391 pubblicato il 26 Maggio 2016 da LunaRossa550
 

E siamo al Moma di San Francisco (il museo d'arte moderna).
 Un giovane diciassettenne , osservando opere d'arte moderna, decide di mettere alla prova  i frequentatori della mostra appoggiando gli occhiali (i suoi occhiali)  in un angolo del museo.

E' stata ovviamente una provocazione, che però ha creato un caso curioso... infatti si sono fermati in molti a fotografare e contemplare "L'opera d'arte" creata al momento.
Sarebbe stato interessante ascoltare qualche critico, per vedere quali significati reconditi sarebbero stati capaci di spiegare.

Questa burla me ne ha fatto tornare alla mente un'altra,  fatta nel lontano 1984, dove tre studenti universitari di Livorno, avevano  buttato,  nei fossi di Livorno, una  testa di Modigliani ma..... fatta da loro. Nei fossi ne trovarono tre di teste e anche le altre due risultarono (se non ricordo male) dei falsi.

Il rinvenimento di tre sculture,  avvenne sotto i riflettori delle troupe televisive per cui il fatto venne presentato come vero e proprio avvenimento di risonanza mondiale, soprattutto vista la fama dell'artista.
Il bello è che ci furono tanto di critici d'arte che commentarono il ritrovamento delle tre teste, ed alcuni di loro persero, per questa beffa,  il loro lavoro, come lo persero alcune teste delle sovraintendenze.
Quello che soggiungo io è che forse, nella mia ignoranza, faccio bene, quando guardo un opera, a dire "mi piace... non mi piace" senza farmi influenzare troppo dalle parole e dalle spiegazioni che possono avvolgere un opera (senza voler togliere nulla all'importanza del conoscere la storia e i retroscena delle varie opere)

Insomma... qual è  il confine fra vita e arte?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Bella questa foto

Post n°390 pubblicato il 25 Maggio 2016 da LunaRossa550
 

Bella la foto, significativa la scritta:

Siamo a Idomeni, il campo profughi che stanno smobilitando.
Dietro alla mamma,  che  tiene in braccio la sua bambina, una scritta su un tendone bianco :
''Se non vi piace il fatto che i rifugiati arrivino nei vostri Paesi smettetela di votare per quei politici che amano bombardare''.
Appare chiara la frustrazione dei profughi bloccati tra Macedonia e Grecia che non riescono a passare i confini per via delle restrizioni decise dai diversi paesi balcani e non.

(Scatto del fotografo Tobias Schwarz dell'agenzia Afp)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mostriciattoli maledetti.

Post n°389 pubblicato il 23 Maggio 2016 da LunaRossa550

AIUTO!!!  ... Ho il balcone "posseduto"


Quest'anno sto lottando per la sopravvivenza delle mie piante e contro un mostriciattolo  non ben identificato che mi sta dando filo da torcere.
 Parto da quest'ultimo.
 Sul balcone tengo i bidoncini della spazzatura, secco, plastica e umido. Il bidone dell'umido è quello classico con i fori per l'areazione ed ogni mattina mi ritrovo il sacchetto smangiucchiato, tanto che a volte devo riavvolgerlo  in un nuovo sacchetto,  se non voglio  perdere i residui del cibo quando lo porto nel bidone condominiale.

Che faccio?
Ideona... metto il bidoncino all'interno di un altro secchio della spazzatura, in modo che non riesca ad arrivare al sacchetto, non riuscendo (il mostriciattolo) a  risalire attraverso  pareti lisce.
Fallimento totale.... Sacchetto rosicchiato tanto quanto prima.
Gli ho fatto la posta per ore, alle due di notte credevo d'aver individuato il colpevole, invece no!!!

Tolta la chiocciolina (proprio quella della foto,  che ho poi portato nel giardino sotto casa) il misfatto si è però ripetuto costantemente, ogni notte.

Adesso proverò a mettere il bidoncino appeso, ma se dopo questo, riscontrerò ancora il problema che faccio che non so nemmeno contro chi mi devo difendere?
Altro problema...  la salvia che qualcuno ama rosicchiarmi... già, la mia bellissima pianta non sta più tanto bene e da  qualche  giorno trovo  le foglie bucherellate...  mi sono messa a guardare foglia per foglia per individuarne i  responsabili....

Tro
vato!!!...
sulla pagina inferiore delle foglie rosicchiate trovo un  vermetto verde (Autographa Gamma)   sottilissimo e con la capocchia nera.
Bellino anche a vedersi, non dico di no, ma sfacciato come pochi.
Non avrei nulla in contrario a dividere con lui la mia salvia, ma diamine... non potr
ebbe mangiarsi una foglia alla volta, invece di assaggiarle tutte? Noooo, lui deve lasciare il segno del suo passaggio  ovunque, fa colazione a sud, pranzo a ovest e cena a nord (poi va a dormire) senza dimenticarsi di fare gli spuntini dove gli capita.
Così non si fa... non rispetta le regole di convivenza, allora  provvedo a farlo planar
e dall'ottavo piano.......

Seeeeee.... Peccato che l'amico bruco ha messo su famiglia... continuo a trovare moglie, figli, amanti.... Di tutto di più, maledizione... ed è difficilissimo individuarli, per come si mimetizzano sotto le foglie.

Qualcuno sa cosa posso usare per liberarmene definitivamente? Ovviamente   senza usare prodotti chimici, visto che vorrei continuare ad usare la salvia in cucina... mai mangiata la salvia  fritta in pastella? ... divina!

E per finire, sempre la salvia, è stata aggredita dallo oidio... Sì l' oidio, una malattia della salvia che ricopre le foglie di macchioline biancastre, brutte da vedere.
Ho provato a spruzzare Acqua e aceto, il latte, acqua e bicarbonato ... nulla anche qui!

 Tra gli amici c'è qualcuno col pollice verde  che sa  aiutarmi ?

Ps: Si nota che sono in periodo di ca@@eggio?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Testa rasata, testa liberata :)

Post n°388 pubblicato il 21 Maggio 2016 da LunaRossa550
 

Leggevo,  sul sito di Radio Popolare, la notizia di una giovane donna che, pur non avendolo previsto, si è ritrovata a sfidare la legge iraniana uscendo senza il velo.
E' successo che aveva deciso di rasarsi i capelli  per regalarli  ai bambini ammalati di tumore... quando si è  vista pelata,  è andata per le strade SENZA il foulard,  che le iraniane DEVONO indossare per legge, facendosi un selfie e pubblicandolo sulla pagina facebook "My Stealthy Freedon"  (la mia libertà furtiva).
Il commento che ha messo sotto la foto diceva:  "Ho venduto i miei capelli per aiutare questi adorabili piccoli angeli colpiti dal cancro. Una volta in strada, mi sono detta: niente capelli, niente polizia religiosa! Coloro che mi dicono ogni giorno di velarmi i capelli, non hanno più alcuna buona ragione di dirmi di coprirmi o di arrestarmi, per il momento"
Nei giorni precedenti erano state arrestate 8 donne per aver pubblicato su instagram delle foto a capo scoperto........

La pagina facebook "My Stealthy Freedon"  è stata creata da una giornalista iraniana che vive a Londra (Masih Alinejad) che ha deciso di pubblicare le foto di chi non ha spazio per esprimersi. La cosa bella è che anche molti uomini iraniani appoggiano l'iniziativa pubblicando le loro foto accanto alle loro compagne, madri o sorelle senza velo.
Sono apparse anche foto di ragazze che si sono tagliate i capelli e si sono travestite da uomo per poter girare senza velo per le strade di Teheran

<<<<<<<<<<

(Foto degli anni 70)

Oggi consideriamo l'hijab normale. Ma a lungo le donne, da Teheran ad Algeri, hanno rifiutato di coprirsi. Poi sono arrivati i fondamentalisti

Ragazze iraniane a Teheran negli anni Settanta. Dalla Tunisia di Bourguiba al Marocco della principessa Lalla, il velo è stato a lungo rigettato dalle donne. Tutto cambia nel 1979 con Khomeini


(foto oggi)

Solo le donne potranno cambiare le cose nei paesi islamici... forza e coraggio!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Bonus Bebè: soluzione?

Post n°387 pubblicato il 17 Maggio 2016 da LunaRossa550
 


Ma davvero qualcuno pensa che gli italiani ricominceranno a fare figli perché raddoppiano i bonus bebè?

A parte che per averne diritto devi avere un reddito da fame (reddito Isee inferiore ai 7000 euro annui) cosa pensano di risolvere con 160  euro al mese? Non ti bastano nemmeno per pagarti un nido, se hai problemi e se non hai la fortuna di poter allattare al seno,  te li sei già giocati con l'acquisto del solo latte in polvere secondo una  ricerca di Federconsumatori,  la spesa media per latte e pappe durante il primo anno di vita di un neonato (nel 2014)  oscillava tra i 1,650€ e i 3,459€.... Non credo ora sia molto cambiato, forse peggiorato.:..
Io comunque non credo che il problema sia (solo) quello economico..  aggiungiamo che non ci sono strutture adeguate, mancano gli asili nido e chi non ha la possibilità d'avere l'aiuto dei nonni, diventa un impresa (o un costo esagerato)
Oltre a quello, i giovani non hanno prospettive per il futuro e non credendoci, non vogliono impegnarsi mettendo al mondo un figlio.     
I giovani raggiungono una autonomia tardi, di conseguenza posticipano molte delle decisioni familiari riproduttive.... Terminano gli studi più tardi, entrano nel mercato del lavoro più tardi, lasciano la famiglia più tardi e rimandano la scelta di fare un figlio rischiando d'arrivare fuori tempo limite, perché dai 35 anni in poi l'orologio biologico comincia a girare diversamente rendendo più faticoso, se non impossibile, affrontare una gravidanza.

Il diritto di una donna ad avere figli viene spesso sbandierato, ma poi le scelte politiche lo negano. Chiediamoci per quale motivo in Francia o nei Paesi scandinavi il tasso di natalità è molto più alto; in queste realtà esistono delle politiche di conciliazione che permettono a una madre di allevare i propri figli.

 Una madre vuole poter garantire ai propri figli una vita dignitosa: non solo  metterli al mondo, quindi, ma anche crescerli, curarli e offrire loro delle ciance

Cara Lorenzin, 160 euro saranno meglio di un cazzotto sui denti, ma non è certo la soluzione del problema.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ciao Pinuccio R.i.p.

Post n°386 pubblicato il 13 Maggio 2016 da LunaRossa550
 


Oggi voglio dare un ultimo saluto ad una persona davvero speciale.
E' morto Pinuccio Sciola, un artista sardo che ha dato la voce alle pietre, facendole cantare.Grazie a Pinuccio, San Sperate è stato eletto a paese-museo. Cominciò infatti a dare vita a numerosi murales che diventarono un attrattiva per migliaia di turisti... poi le sue pietre che sapeva suonare facendole vibrare. Pietre di basalti e calcari che suonavano una melodia sempre diversa, a seconda dei tagli che lui stesso apportava su di esse.... Pietre che lo hanno portato in giro per il mondo, da Città del  Messico a Salisburgo, Madrid, Parigi, Hannover, L'Avana...
Pinuccio Sciola ha collaborato con diversi artisti (tra cui Lucio Dalla)...  collaborato con architetti famosi (Renzo Piano sceglie una sua  scultura sonora per la Città della Musica a Roma) ha fatto mostre ovunque ed ha fatto suonare le sue pietre persino alla Scala di Milano.

Però voglio stasera  ricordarlo, più che come un grande artista/scultore, per la sua umanità... potrete leggere ovunque che la sua casa è sempre stata aperta a tutti.... Ed è vera,mente stato sempre stato così...40 anni fa ospitò mio marito ed altre persone, senza nemmeno sapere chi fossero...  lasciò semplicemente  loro le chiavi di casa senza domandarsi chi stesse ospitando.
Nel 2010, in una delle mie vacanze in Sardegna, sono stata con marito, figlia ed un altro amico, a visitare il suo giardino di San Sperate dove sono esposte centinaia delle sue opere... in quell'occasione lo incontrammo che stava spiegando, ad alcuni visitatori,  del ritrovamento di alcune pietre su cui stava lavorando e del rapporto che nasceva tra lui e le stesse.
Mio marito (che non lo aveva più né visto né sentito) gli rammentò che 35 anni prima si erano visti e che era stato da lui ospitato a pranzo ed a dormire... bhè, sapete come ha reagito Pinuccio? Ha guardato l'orologio e visto che era quasi mezzogiorno,  ridendo gli fa "sempre a quest'ora arrivi? ... ed ha insistito per ospitarci tutti e quattro a pranzare con lui.
In quattro e quattro otto ci ha preparato un sugo per degli spaghetti ed una insalata fatta con la belga, cetrioli, melone bianco e pecorino che era una libidine...
Siamo rimasti ore a chiacchierare e lui ci raccontava di sé, delle sue esperienze, dei suoi sogni... generosamente si  apriva  a noi, LUI  che era conosciuto in ogni continente, che aveva avuto modo di frequentare nomi importanti, era lì a conversare  con noi che eravamo nessuno.
Ecco perché oggi sono triste... perché persone così non so se mi ricapiterà  mai più di conoscerne.
Ciao Pinuccio, ti ricorderò sempre  con grande, grande  affetto ed ammirazione.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

A presto :-)

Post n°385 pubblicato il 04 Maggio 2016 da LunaRossa550
 

 

 

Mi assento per una settimana...

ma tornerò eh?!

Ciaooooo!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ora sappiamo che è un delitto il non rubare quando si ha fame

Post n°384 pubblicato il 03 Maggio 2016 da LunaRossa550
 


Ed è già polemica....
La cassazione ha annullato una condanna per furto del valore di 4 euro per una busta di wurstel e due pezzetti di formaggio.

I fatti:
Nel 2015 Roman Ostriakov  era stato  bloccato,  prima di uscire dal supermercato, dopo essere stato notato da un cliente che aveva avvertito il personale vigilante. .. Il clochard alla cassa aveva pagato solo una confezione di grissini, non i wurstel e le due porzioni di formaggio che si era messo in tasca e per questo  era stato condannato

Secondo la Cassazione, chi ruba una piccola quantità di cibo  perché spinto dalla fame, per far fronte alla imprescindibile esigenza di alimentarsi, non è condannabile.
Il ricorso non fu chiesto dall'imputato, ma dal Procuratore Generale della Corte d'appello di Genova che chiedeva lo sconto di pena proprio perché tratta vasi di furto lieve.

"la condizione dell'imputato e le circostanze in cui è avvenuto l'impossessamento della merce dimostrano che egli si impossessò di quel poco cibo per far fronte ad una immediata e imprescindibile esigenza di alimentarsi, agendo quindi in stato di necessità"

La Cassazione ha però annullato senza rinvio il precedente verdetto, perché "Il fatto non costituisce reato"

Confcommercio segnala il 20 per cento in più di furti per fame, le statistiche ci dicono che ogni giorno contiamo 615 nuovi poveri.
Un fenomeno che non può più essere ignorato e nemmeno liquidato superficialmente con battute perbeniste. Il problema esiste e sta prendendo proporzioni inaccettabili e secondo me, la sentenza della Cassazione,  anticipa in qualche modo il reddito di cittadinanza, ricordando a tutti che in un Paese civile, nemmeno la peggior persona deve morire di fame!!!

Sì, lo so, adesso mi direte cosa farei se rubassero a casa mia...

Il problema non è questo, intanto perchè pago le tasse proprio perchè sia lo Stato a venire incontro a chi ha bisogno... poi perchè bisogna distinguere (e non è sempre facile) tra chi ruba per fame (in questo caso, un piatto di pasta  non lo negherei mai, a costo di dividere quello che ho nel piatto) e chi fa parte di gang organizzate...
Poi si tratta di non rimandare ulteriormente possibili soluzioni che diano dignità a chi non ha la fortuna (sancita, ricordiamocelo,  dalla nostra costituzione) d'avere il diritto ad  un posto di lavoro... e se la cosa non è possibile, che si trovino soluzioni diverse (tipo reddito minimo di cittadinanza?)
Ed a proposito di Costituzione, prima di cambiarla, non sarebbe meglio cercare di applicarla?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ridere e sorridere... Tutti i i benefici

Post n°383 pubblicato il 01 Maggio 2016 da LunaRossa550
 

Giusto la scorsa settimana, un docente dell'università della terza età che sto frequentando,  ha fatto una lezione riguardante una tecnica di rilassamento che prevede il  sorridere (mentalmente ma anche no) inizialmente col pensiero per portare  poi i benefici del sorriso in  ogni parte del proprio corpo.... Non so nemmeno io come ho fatto, visto che  è un periodo che non mi riesce facilissimo ridere, però  sono riuscita nell'esercizio  e sono uscita dalla lezione decisamente rilassata (anche se i benefici sono poi sfumati in fretta)
So che esiste anche una tecnica particolare dello Yoga, il cosiddetto yoga della risata, che si concentra appunto sul sorridere e ridere per ottenerne dei benefici a tutto il corpo.
Sorridere porta (o almeno  si prova) ad un rilassamento facciale e la conseguenza immediata  è  l'orientamento degli angoli della bocca verso l'alto.
L'espressione del sorriso stampato sul volto, a volte è tutt'altro che facile da  mantenere, ma sorridere rende più facile  avvicinare successo, fortuna ed approcciare  persone orientate sulla stessa lunghezza d'onda.
Il volto è un elemento di riconoscimento sociale, espressione della forza vitale interiore, tanto che la medicina tradizionale cinese o l'iridologia, sanno diagnosticare lo stato degli organi interni dai segni che compaiono lungo le linee energetiche che attraversano il viso.
Il sorriso attenua le rughe in quanto attiva i muscoli facciali e  psicologicamente accresce l'autostima, migliora il rispetto verso se stessi e facilita i rapporti con gli altri.
Con questo non voglio dire che si debba  avere sempre stampato un sorriso sul volto... ma riuscire il più possibile nell'intento aiuterebbe  a ricercare interiormente la tanto agognata serenità.

Ci sono almeno tre ragioni per provare a sorridere e meglio ancora a ridere.

1) arricchisce chi ci sta vicino

Sorridere diventa contagiante per le aree del cervello che sono connesse con i muscoli facciali nell'altra persona .
Attenua le ansie e se c'è tensione il sorriso aiuta a scioglierla.

2) Sorridere rinforza il sistema immunitario
Perché il sorriso è collegato alla capacità del corpo preposto alla produzione dei globuli bianchi che fagocitano infezioni, batteri e virus... ecco perché si  rinforza il sistema immunitario.

3) Sorridere ha effetti analgesici ed ossigena gli organi
Le endorfine che i sorrisi stimolano producono un effetto simile agli oppiacei per il tipo di analgesia indotta che procurano.
Il rilascio di endorfine conseguente al sorriso, va ad aumentale la capacità di resistenza al dolore e la positiva  reazione di fronte alle diverse sfide, emotive e non.
Sorridere porta nei nostri polmoni il doppio dell'aria normalmente inalata e l'ossigenazione conseguente porta benefici a pelle e organi interni.
E per quanto sembrerà strano, ridere tonifica anche l'area addominale, portando benefici a intestino e fegato....  
Non ci credete? Non vi è mai capitato d'avere male ai muscoli dopo delle grasse risate? Non si ottengono risultati miglioni nemmeno  frequentando una palestra!!!

Quindi cosa c'è di meglio, come filosofia di vita, del dedicarsi  al sorriso?


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Bella ciao

Post n°382 pubblicato il 25 Aprile 2016 da LunaRossa550
 

"Bella ciao" e' diventata la  canzone simbolo,  non solo della lotta del popolo italiano contro la barbarie nazifascista, ma anche della lotta di ogni popolo oppresso da un invasore o da un regime violatore dei diritti umani, e anche - infine e decisivamente - della lotta dell'umanita' intera contro ogni forma di occupazione militare straniera, dittatura, oppressione politica e sociale.

Ad esempio è cantata da molte comunità zapatiste in Chiapas, naturalmente eseguita in lingua spagnola. A Cuba è cantata nei campeggi dei Pionieri, mettendo la parola "guerrillero" al posto della parola "partigiano". È conosciuta e tradotta anche in cinese.
Si è sentita cantare in molte occasioni da persone greche, spagnole, polacche, latinoamericane che si battonevano  contro le dittature che opprimevano le loro patrie; e negli anni Ottanta anche da persone sudafricane che si battevano contro il regime razzista del loro paese.
 

Per molte persone  "Bella ciao" non è piu' solo la canzone dell'Italia migliore che nel 1943-1945 lottava contro l'occupante nazista e il fascista di Salo' suo complice e servo, ma il canto del risorgimento della dignita' umana nella lotta corale contro ogni potere disumano e contro ogni violenza assassina, un canto che non si estinguera' finche' esistera' la civilta' umana.


Buon 25 Aprile a tutti!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Moria di Api

Post n°381 pubblicato il 22 Aprile 2016 da LunaRossa550
 

«Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra,

all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita»

Albert Einstein

In Cina, nella contea di Hanyuan, sono sparite del tutto le api e quando arriva la stagione dell.a fioritura, ci sono uomini e donne che salgono sugli alberi e fanno a mano quello che facevano questi laboriosi insetti.
La "capitale del pero" cerca così di tamponare, seppur con costi enormi e con cali dei rendimenti della frutta,  una situazione venutasi a creare grazie all'uso selvaggio di pesticidi ed Ogm che hanno portato all'estinzione delle api impollinatrici.


E' dal 2006 che in Europa e nel mondo è stato dato l'allarme estinzione delle Api, con conseguenti effetti... infatti le api  svolgono un ruolo fondamentale per  la vita del pianeta.   Gli ecosistemi mondiali e gli approvvigionamenti alimentari del pianeta dipendono infatti dallo stato di salute e dal numero di colonie di questi piccoli e meticolosi insetti che sono incaricati dell'impollinazione di oltre 120 tipi di piante alimentari
Alcune fonti vicine a WikiLeaks trovano in alcune multinazionali del Farmaco i diretti responsabili di quel che sta avvenendo. Dopo tutto la biodiversità è costantemente minacciata da esperimenti sul clima, esperimenti genetici, virus super resistenti, vaccini e sperimentazioni, utilizzo in agricoltura dei cosiddetti OGM-Organismi Geneticamente Modificati.

Anche noi, nel nostro piccolo, possiamo fare qualcosa per salvare questi piccoli, ma utilissimi insetti..... Greenpeace infatti,  invita tutti a piantare fiori, anche solo sui balconi, in modo da ricreare un habitat a loro favorevole... invita pure a costruire  una sorta di arnia per le api selvatiche,  con una cornice esterna in legno, posizionando all'interno dei ceppi di quercia o faggio,  oppure un mattone cavo.

Più in generale , dicono gli scienziati, nel rapporto "Bees in Decline" andrebbero priobiti i sette pesticidi più pericolosi.... Protetta  la salute degli impollinatori preservando il loro habitat ed  infine: ripristinare l'agricoltura biologica, che si sta rivelando la nuova tendenza verso il futuro e si stima che porterà ad una stabilizzazione della produzione di alimenti per l'uomo e alla protezione delle api e del loro habitat.

Piccoli e grandi accorgimenti per salvare la vita delle api e la nostra stessa esistenza.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

vincitori e vinti? tutti perdenti!

Post n°380 pubblicato il 18 Aprile 2016 da LunaRossa550


No, non hanno vinto i no, , non ha  vinto nessuno con questo referendum... in compenso non hanno perso i sì, ma ha perso l'Italia intera.

Non hanno vinto i no perché non è mai una vittoria quando ci si nasconde dietro il fisiologico astensionismo.

Non hanno vinto i no perché in democrazia vince chi ottiene più voti dopo aver spiegato le proprie ragioni confrontandosi con tutte le forze di opposizione... perché QUESTA sarebbe stata  democrazia.

Non hanno vinto i no, perché COMUNQUE,  i sì sono stati 13.334.764 e questo governo, nel suo massimo splendore (le europee del maggio 2014) ha preso 11 milioni di voti... e con  2,3 milioni di voti in meno,  governa il paese con un premier che si permette di dire che votare è un inutile perdita di tempo... che sia per quello che governa pur non essendo stato eletto da nessuno?

 Non ha vinto il no perché laddove manca l'informazione, manca (ancora una volta) la democrazia e sempre per lo stesso motivo non ha perso il sì ma ha perso l'Italia intera.

Ha perso l'Italia intera perché non ha saputo o voluto farsi rispettare;  perché accetta che la morale delle persone sia un optional irrilevante (mentre per me resta fondamentale) e chi ieri sosteneva che bisognava investire nelle rinnovabili e preservare l'ambiente difendendo il mare dalle trivelle, oggi ha votato no sostenendo motivazioni opposte a quelle che sosteneva... senza un minimo di pudore....

 


Ha perso l'Italia intera perché c'è chi, nel 2011, per il referendum per l'acqua pubblica e per il lodo Alfano,  diceva che votare era un dovere morale di ogni cittadino, mentre oggi, con la faccia di culo che lo contraddistingue, ha sostenuto che non votare è manifestare l'inconsistenza del referendum.

Basta, non ne parlerò più sino al prossimo referendum, quello confermativo che dovrebbe  approvare la riforma della costituzione...

Eugenio  Scalfari dice che ci vorrebbe il quorum anche per quello..... io sostengo il contrario..... trovo assurdo, in generale, che ci sia un  quorum da raggiungere.
Il mio pensiero è che il voto ha la sua importanza, i nostri nonni, i nostri genitori, hanno perso la vita per permetterci di votare, ed oggi TUTTI  possono esercitare il diritto al voto.... Se un referendum viene accettato, dopo le dovute verifiche, si dovrebbe esprimere la propria volontà...  e la maggioranza di chi vota decide per tutti...  visto che tutti possono votare e se uno decide di non farlo, vuol dire che non gliene frega una mazza, quindi sottostà a chi invece esprime il proprio voto.
E con questo chiudo davvero.
(si capisce che sono delusa?)

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Tiziano Terzani sull'economia

Post n°379 pubblicato il 17 Aprile 2016 da LunaRossa550
 

Oggi l'economia è fatta per costringere tanta gente a lavorare a ritmi spaventosi per produrre cose, per lo più inutili, che per comprare deve lavorare a ritmi spaventosi.
Perché questo é ciò che dà soldi alle società multinazionali, ma non dà felicità alla gente!

(Tiziano Terzani)

* * * * * * * * * * * * *

Siamo tutti  più o meno  influenzati dal consumismo che  invoglia a spendere anche di più delle proprie  possibilità.... Molti quindi si indebitano sino al collo,  lavorano senza tregua  pagando un sacco di interessi, pur di possedere  l'oggetto status symbol del momento.

Il mercato è pieno di cose futili che appaiono come necessarie e siamo disposti a spendere molto  tempo della nostra vita e del nostro lavoro per le cose materiali che poi ci dimentichiamo in un cassetto...
Siamo schiavi di un sistema costruito da noi e dal quale non riusciamo a sottrarci.
La corsa serve a  rincorrere ciò che alla fine non serve alla felicità della propria anima ma solo ad appagare "sfizi" m
omentanei e passeggeri.
Accogliamo il nuovo, limitiamo i consumi, viviamo in maniera più umana,facendo a meno del superfluo, ognuno può essere più felice!basta volerlo!

Il tempo che togliamo alla nostra vita non ce lo restituisce nessuno!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Vota e fai votare SI

Post n°378 pubblicato il 15 Aprile 2016 da LunaRossa550
 

Io sono il mare.
Sono un tipo irrequieto,
ho una grande forza
ma spesso mi maltrattano...
e non riesco a difendermi.
Almeno tu che sei mio amico,
che ogni estate ti tuffi a bomba,
dammi una mano.
Al Referendum del 17 Aprile vota Sì.
Un abbraccio
Il mare

 

1991 Bettino Craxi invita ad andare al mare invece che votare il referendum sulle preferenze. Il 9 giugno di quell'anno gli italiani affollarono invece le urne, con una partecipazione del 62,5 per cento, e stracciarono i voti plurimi di preferenza, lasciandone in piedi solo uno.....  un anno dopo scoppiò mani pulite.

2011 Silvio Berlusconi boicotta, con l'astensione, i referendum contro la produzione di energia nucleare, la gestione privatizzabile dell'acqua e un "lodo" che lo proteggeva sul piano giudiziario, perdendoli impietosamente tutti. E accelerando una crisi di governo che già lo incalzava dopo la rottura dell'alleanza con Gianfranco Fini

2016 Renzi..................................................................................................



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Gas a Idomena

Post n°377 pubblicato il 11 Aprile 2016 da LunaRossa550
 

L'utilizzo dei gas su donne e bambini a Idomena, dimostra come si stia sprofondando tutti... come
si archivia l'idea d' Europa, si affossa l'idea di civiltà, l'idea di umanità.
I gas sui bambini sono il punto di non ritorno.... Oltre, non si  ha più speranza.                       
Questi bambini scappano da una guerra per ritrovarsi in un'altra ....  Molti di loro la pace non l'hanno mai conosciuta e  cresceranno pensando che l'umanità è una merda.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Dalai Lama

Post n°376 pubblicato il 06 Aprile 2016 da LunaRossa550

Credere o non credere, non fa l'essere umano migliore; lo fanno i valori universali del rispetto e della consapevole responsabilità verso tutto ciò che ci circonda.
Questo credo di aver compreso  dalle parole del Dalai Lama (e che condivido)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

21 euro all'ora

Post n°375 pubblicato il 03 Aprile 2016 da LunaRossa550
 


Bastano 21 euro all'ora per recuperare un amico in affitto.

A Tokio, sì sì, proprio dove ci sono i ciliegi in fiore...  in Giappone, un paese dove il problema della solitudine è una vera patologia di massa,  sono nate una ventina di  società che offrono questa soluzione alle persone che hanno bisogno di compagnia.
In Giappone gli anziani  sono 7 abitanti su 10 mentre in Italia,  tre milioni di cittadini soffrono di solitudine (sono il 40% degli over 70).
Ma non  ci saranno  soluzioni più valide dell'affitto?

Possibile che nel momento della vita,  che più ci vede fragili, ci ritroveremo ad essere fonti di buoni guadagni per qualcuno?
Forse per vincere la solitudine, ci sono soluzioni più felici ed efficaci dell'affitto a ore di un amico. C'è il calore della famiglia o di una relazione, ci sono nuovi interessi, come ad esempio gli orti urbani, che aiutano le persone anziane ad avere compagnia...


Un annetto fa, con marito e figlia,   ci stavamo informando per gli orti urbani, non per scongiurare questa cosa dell'amico in affitto... eravamo andati a curiosare in una zona dove stavano rifacendo bandi per le assegnazioni degli orti. Ci siamo stupiti tantissimo di quanta socialità ci fosse tra gli anziani che avevano in gestione gli orti. Nello specifico eravamo capitati proprio nel mezzo di una festicciola,  ed avevano organizzato tartine di tutti i tipi con le verdurine coltivate da loro ed avevano organizzato spettacolo con tanto di danzatrici del ventre, recita di poesie, musiche varie.
erano belli da vedere, ed in questo caso, i soldi sembrava servissero davvero a poco.

 

(comunque io continuo a buttarla lì... una bella comune geriatrica dove ogniuno ha il proprio spazio vitale ma dove ci sono spazi e attività da condividere no?)

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Quelli che...Enzo Jannacci

Post n°374 pubblicato il 29 Marzo 2016 da LunaRossa550
 

3 Anni che non ci sei più,

ma continui ad essere un grande artista 

Milano ti sarà sempre debitrice.


21 video per noi

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso