Creato da leonardo377 il 23/05/2009
Approfondimenti su Astronomia e Fisica.
 

Tag

 

siti migliori

blog.libero.it/astroleo

 

Per chi desidera finanziare le mie ricerche può effettuare un versamento postepay al seguente numero

Postepay

 

Conosci un luogo che ha a che fare con l'astronomia? Sito megalitico, osservatorio, laboratorio di ricerca, etc ? segnalalo a questo blog con un commento.

Hai una meridiana nella parete della tua casa? Manda una foto che la pubblico in un post.

 

Post su ordinazione: per chi ha domande dubbi o un interesse particolare,

sono disposto a studiare l'argomento per voi e pubblicare un post su richiesta.

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Dimensioni dei corpi celesti

 

Viaggi Spaziali Interstellari

 

FACEBOOK

 
 

Nebulosa Occhio di Gatto

Costellazione del Dragone

Occhio di Gatto

Nebulosa Farfalla

Costellazione Scorpione

Nebulosa Farfalla

Nebulosa di Abell

Costellazione del Cancro

Nebulosa di Abell

Nebulosa NGC6751

Cotellazione dell'Aquila

Nebulosa Planetaria NGC6751

Nebulosa del Granchio

Costellazione del Toro

Nebulosa del Granchio

Nebulosa Manubrio

Costellazione della Volpetta

Nebulosa Manubrio

 

Mailing-List dei GS SAF

http://astrosaf.altervista.org

Nella pagina a destra scorrendo verso il basso si trova il box di iscrizione.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Lo scopo di questo blog è di divulgare e di suscitare interesse verso l'astronomia e la fisica, di individuare altri appassionati e creare occasioni per crescere insieme operando uno scambio di opinioni e di informazioni.

 

Ultimi commenti

 

 

 

 

Ultime visite al Blog

squiccio81orsogaantoniod4ruberto_luisailaria_bevacqua_97ornellotofanisara.solomeclo64clocri73bolognaxjkfurnv8978colorediletgiardinoml3993simo0170atangredi
 

Chi pu scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

http://digilander.libero.it/leonardo377/SAF.jpg

Questo è il logo dell'Associazione di Astrofili di cui faccio parte. Se vi interessa conoscerla di più o parteciare alle innumerevoli attività che vengono svolte nei dintorni di Firenze andare sul seguente blog:

http://astrosaf.altervista.org/wordpress/

 

 

Mailing-List dei GS SAF

http://astrosaf.altervista.org

Nella pagina a destra scorrendo verso il basso si trova il box di iscrizione.

 

Meraviglie dal Cosmo

 

Il Sistema Solare

 

Catastrofi Cosmiche

 

Galassie

Galassia Arp148

Costellazione Orsa maggiore

Galassie ARP 148

Galassia NGC_1232

Costellazione Eridano

Galassia NGC1232

Galassia Sombrero

Costellazione della Vergine

Galassia Sombrero

Galassia Ruota di carro

Costellazione Leone Minore

Galassia Ruota di Carro

Galassia Occhio Nero

Chioma di Berenice

Galassia Occhio Nero

 

Supernovae

Nebulosa del Granchio

Costellazione del Toro

Supernova del 1054

Nebulosa del Granchio

 

 

« Buchi Neri, evoluzione s...Eclisse Totale di Sole d... »

Buchi Neri, evoluzione storica delle Teorie - Parte 7 di 11

Post n°262 pubblicato il 13 Novembre 2012 da leonardo377
 

Buchi Neri

Il 27 novembre 1783, in una lettera a Henry Cavendish, basandosi sulla legge di gravità universale newtoniana, e sulla teoria corpuscolare, prevede matematicamente l’esistenza di “Stelle Buie” che chiamò “Dark Star”. Scrive una formula e trova che stelle di stessa densità ma con diametro 500 volte il Sole riescono a fermare la Luce. John Michell non ama comunicare con il resto della comunità scientifica e sarà l’amico Cavendish che nel 1784 fece pubblicare la teoria sulla rivista «Philosophical Transactions of the Royal Society». Per la prima volta il Buco Nero entra in scena nella storia ed essendo utilizzate teorie classiche lo possiamo definire come “Buco Nero Classico”. Per poter capire il principio di funzionamento viene utilizzato banalmente il concetto di velocità di fuga che è stato introdotto dalla gravità.

Lancio di Proiettili

La velocità di fuga è un parametro caratteristico della massa di un qualsiasi corpo, ed è la velocità necessaria che dobbiamo imprimere a un altro oggetto per poter fuggire dall’influenza del suo campo gravitazionale. Prendendo ad esempio la Terra, se lanciamo un sasso verticalmente inevitabilmente ricade poco dopo a causa della forte attrazione gravitazionale. L’energia necessaria perché il sasso non ricada più sulla Terra e non risenta della sua influenza è fuori portata dalle capacità umane in quanto occorre imprimere una velocità iniziale di 11,2 Km/sec. Ed è per tale motivo, positivo, che siamo ben saldi sulla superficie della Terra e non dobbiamo temere alcun problema di perdersi nello spazio, ma che, come contropartita, ci complica la vita se vogliamo far partire un razzo. Per capire in altro modo il concetto possiamo sfruttare la balistica militare, se spariamo con un cannone con poca polvere da sparo, la palla ricade vicino a noi, ma se progressivamente aumentiamo la polvere e imprimiamo alla palla una velocità sempre più elevata, si ottiene distanze di ricaduta sempre più lontane. Aumentando la polvere da sparo ad un certo punto la palla di cannone avrà sufficiente velocità per girare attorno alla terra, entrando in orbita, superato di poco questo valore, la palla potrà scappare dall’influenza gravitazionale del corpo centrale. Questo limite è la velocità di fuga.

Velocità Di Fuga

Ogni corpo è dotato di questa caratteristica e dipende dalla sua massa e dalla distanza a cui un oggetto si trova dal centro del corpo. Nella meccanica classica, matematicamente, si esprime con la formula Vf = SQR (2GM/R). Per la Luna, essendo di piccola massa, è necessaria una velocità di fuga inferiore a quella della Terra, equivalente a 2,38 Km/s, invece per Giove il problema si fa decisamente più grave in quanto occorre una velocità di 59,5 Km/sec. Inesorabilmente per corpi ancora più grandi questo limite sale, per il Sole abbiamo 617,3 Km/sec e per una stella di neutroni, dato il suo raggio molto piccolo, si possono raggiungere velocità di fuga dell’ordine di 100.000 Km/s. John Mitchell si rende conto che una stella con la stessa densità del Sole, ma con un raggio di 500 volte maggiore, raccoglierebbe un’enorme massa tale da avere una velocità di fuga superiore alla velocità della Luce.

Missile che vince la forza di gravità

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/AstroLeo/trackback.php?msg=11713010

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback