Creato da toughenough il 22/08/2007

Cinema e Amenità

Cinema e Amenità

 

 

« IL PROFETA di Jaques AudiardILLUSIONE DI POTERE di P... »

LIFE ON MARS: UK vs USA.

Post n°171 pubblicato il 17 Aprile 2010 da toughenough
 

Ha senso secondo voi prendere una serie che funziona, che ha vinto numerosi premi internazionali per qualità, concept, development e quant'altro, abbruttirla, banalizzarla, “scimmiottarla”, massacrarla con attori mediocri ed inadatti?
Ecco, questo è quello che è successo a Life on Mars (UK) nella sua trasposizione a stelle e striscie; originalmente narra le gesta di Sam Tyler, solerte agente investigativo della Corona alla caccia di un serial killer, che nell'esercizio delle sue fuinzioni, nel tentativo di salvare la sua ex fidanzata e partner investigativo Maya, viene investito da un auto.

Si risveglia nel 1973.

La storia si dipana da questo punto, e il punto forte della serie, oltre ai costumi, alle auto, al periodo, è certamente la musica, che fa da sfondo eccellente alle vicende del protagonista, di fronte a metodi investigativi arcaici, discriminazione sessuale, metodologie opinabili ai margini della legge, e fiumi di alcol in servizio. Durante tutto questo, Sam Tyler, incredulo, al limite della pazzia, tenta un modo per tornare indietro, percependo messaggi “dal futuro” attraverso la televisione, i sogni, la radio, la cartellonistica, che lasciano intendere che lui è in coma in un letto di ospedale.
Nonostante queste ottime premesse, e la comunanza della lingua inglese, in america si è deciso di fare un remake. L'episodio pilota, mai andato in onda, aveva una scelta di attori opinabili mentre altri sembravano più azzeccati, come Colm Meany nei panni del burbero ispettore capo Gene Hunt. Ovviamente la produzione ha pensato bene di mantenere tra gli altri lo statuario quanto inespressivo Jason O'Mara nei panni di Sam, decisamente il meno capace. La comunque troppo bella Rachelle Lafevre che interpreta Annie (agente donna che supporterà Sam nella serie) è stata sostituita dalla bella pin up improbabile Gretchen Mol e, meraviglia delle meraviglie, hanno sostituito il bravo Meany con il basso, inadeguato, e assolutamente troppo vecchio Harvey Keitel. Questo ovviamente senza intaccare l'indiscutibile professionalità e la carriera di questo grande attore, che però risulta ridicolo per questo ruolo.Gli anni settanta americani risultano più macchiettosi, stereotipati e banali. La musica, che è stata sostituita per ovvi motivi, verte più verso il Rhythm and Blues (influenza Stones), ma ritengo la scelta dei brani poco adatti, o comunque inseriti senza la dovuta abilità nella dinamica della serie. Rispetto al Promo, sono state eliminate le tinte 70's in favore di abiti più ordinari e colorati, e purtroppo anche lo stile registico, nella serializzazione, ha perso i richiami allo stile sperimentale, a riquadri incrociati ecc. di quegli anni in favore di una certa scarsità di mestiere.
Ma la parte peggiore è nello sviluppo delle storie. Per non avere influenze, ho visto i primi quattro episodi UK, poi quelli USA, e viceversa per i successivi. La sceneggiatura degli episodi risulta estremamente banalizzata, alcune parti, sciacallate integralmente dalla serie UK, risultano non sense poiché non opportunamente preparate o spiegate, e soprattutto si perde completamente il senso di mistero, e l'alienazione di Sam Tyler è poco più di una faccia basita di O'Mara.
E pensare che, i produttori della serie, avrebbero un bagaglio enorme dove pescare, da Starsky e Hutch a Miami Vice e chi più ne ha più ne metta, e anche il dinamismo della serie, in fase di montaggio, risulta perso o, al limite, troppo meccanico.
In pratica Life on Mars USA perde su tutta la linea contro il suo socio inglese, risultando tuttalpiù patetico nel migliore dei casi. La produzione Usa ha poi ottenuto il permesso di stravolgere la trama originale, per cui nelle prossime serie potremmo veder di tutto, da alieni a entità superiori, visto il numero estremamente superiore di episodi prodotti.
UK is better!!!!!

                                                                                  T.

 

Le Immagini: La prima è Uk, la seconda è Usa, la terza è quella con gli attori del Promo.

 

Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
io il 24/04/10 alle 08:15 via WEB
Questa è la dimostrazione che qualsiasi idiota può scrivere delle cazzate sui blog. Secondo me non leggi quello che scrivi, probabilmente anche quando parli non ascolti quello che dici.
 
 
toughenough
toughenough il 27/04/10 alle 00:04 via WEB
Evidentemente qualsiasi idiota può pure commentare, con toni a sproposito e direttamente proporzionali alla sua intelligenza, a sproposito su qualsiasi blog.
 
jeanmo
jeanmo il 25/05/10 alle 11:54 via WEB
chissà se il giudizio è stato influenzato da chi ti ha consigliato il telefilm, a naso sembrerebbe di sì:) se vuoi vedere un altro bruttissimo telefilm come life on mars (usa) ti consiglio battlestar galactica! saluti:)
 
 
toughenough
toughenough il 25/05/10 alle 22:23 via WEB
Lo spunto è partito da te. Ancora non so quale delle due tu abbia visto, in realtà. Usa o UK? Se hai visto Usa mi spiace. Come mi spiace che mal giudichi Battlestar Galactica, uno dei migliori prodotti del decennio.
 
   
jeanmo
jeanmo il 27/05/10 alle 13:36 via WEB
bello, sì. infatti era una battuta ironica, ma a me è piaciuto tantissimo anche life on mars usa però!
 
     
toughenough
toughenough il 27/05/10 alle 13:40 via WEB
Nessuno è perfetto...
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
MarkHarris il 04/06/10 alle 21:25 via WEB
Bellissima analisi. Io credo che abbiano rigirato tutto perché gli americani non avrebbero colto i riferimenti alla cultura pop UK, sostituendo moltissime parti con cose più banali.. "Detective Luke Skywalker" e "Detective Bolan".. uno più legato alla musica (a cui la serie deve tantissimo).. Comunque, dato che sto iniziando a confondermi su tutto.. dico solo un'ultima cosa, cioè che la versione UK mi ha tenuto incollato allo schermo, e non mi ha lasciato nemmeno un attimo di respiro da tanto era appassionante. Mi sembrava di vedere gli anni 70 più duri e crudi. Realistici. Quella US invece trasmette troppo un'atmosfera glamour che non si sposa per niente con la trama fatiscente e alienante del DI Tyler.
 
 
toughenough
toughenough il 05/06/10 alle 14:56 via WEB
Amen fratello... :-)====€
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
ironica il 26/08/10 alle 11:21 via WEB
Ho terminato proprio ieri la visione della versione USA di "Life on Mars", che ho amato moltissimo (insieme a "Ashes to ashes") nella versione britannica. Condivido la tua analisi; il finale "conclusivo" e facilone mi ha fatto sorridere... 'sti americani s'incasinano con la mistica in "Lost", ma preferiscono tirare fuori gli astronauti per assicurare un finale lieto e facile da capire. E poi... vogliamo paragonare la forza della natura Philip Glenister-Gene Hunt inglese, con quel simpatico vecchietto del cattivo tenente? Da donna però devo ammettere che 17 puntate (18 col preair) col Sam Tyler americano meritano una qualche attenzione... ;)
 
 
toughenough
toughenough il 01/09/10 alle 19:25 via WEB
Sono contento del tuo commento, anche perchè a me non è bastato il cuore per vedere tutto il Life on Mars USA, e mi sono fermato molto prima. Alieni e quant'altro era una mia presupposizione, e il fatto che tu mi parli di Astronauti mi fa sorridere molto! COncordo che il Parco Uomini UK è malfornito rispetto alla versione UK, ma l'attore americano è un bellone senza anima (tutt'altra cosa il buon vecchio Harvey K. ai suoi tempi....)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
Il primo bicchiere, come sempre, è il migliore.

Hank
 

AREA PERSONALE

 

STO LEGGENDO...

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cassetta2free_evolutioncla.romaamssurprisef.milasimirkolaucasjolenewesternoluceNEMO00libellula44achiara.celsajackiepalPOLENTAeFORMAGGIOmariangelalopuzzoNova107
 

HAGAKURE

Si può imparare qualcosa da un temporale.
Quando un acquazzone ci sorprende, cerchiamo di non bagnarci affrettando il passo, ma anche tentando di ripararci sotto i cornicioni ci inzuppiamo ugualmente.
Se invece, fin dal principio, accettiamo di bagnarci eviteremo ogni incertezza e non per questo ci bagneremo di più. Tale consapevolezza si applica a tutte le cose.

Yamamoto Tsunetomo(1 - 79)
 
 

ULTIMI COMMENTI

Signore & Signori, buon giorno.
Inviato da: cassetta2
il 26/04/2022 alle 15:33
 
bella carrellata di serie tv! insomma da vedere! ciao da...
Inviato da: esternoluce
il 29/12/2015 alle 12:19
 
A VOLTE RITORNANO
Inviato da: puzzle bubble
il 03/05/2012 alle 17:04
 
Quoto, serie assolutamente da vedere, e in lingua...
Inviato da: Banjo
il 07/04/2011 alle 18:35
 
Sono contento del tuo commento, anche perchè a me non è...
Inviato da: toughenough
il 01/09/2010 alle 19:25
 
 

LA MORTE E IL BUSHIDO

Ho scoperto che la via del samurai è la morte.
Quando sopraggiunge una crisi, davanti al dilemma fra vita e morte,è necessario scegliere subito la seconda. Non è difficile: basta armarsi di coraggio e agire. Alcuni dicono che morire senza aver portato a termine la propria missione equivale a una morire invano. Questa è la logica dei mercanti gonfi di orgoglio che tiranneggiano Osaka ed è solo un calcolo fallace, un'imitazione grottesca dell'etica del samurai.
E' quasi impossibile compiere una scelta ponderata in una situazione in cui le possibilità di vita e di morte si equivalgono. Noi tutti amiamo la vita ed è naturale che troviamo sempre delle buone ragioni per continuare a vivere. Colui che sceglie di farlo pur avendo fallito nel suo scopo, incorre nel disprezzo ed al tempo stesso è un vigliacco e un perdente.
Chi muore senza aver portato a termine la propria missione muore da fanatico, in modo vano, ma non disonorevole. Questa è infatti la Via del samurai.
L'essenza del Bushido è prepararsi alla morte, mattina e sera, in ogni momento della giornata.
Quando un samurai è sempre pronto a morire, padroneggia la Via.
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom